Uno sguardo indietro alla follia basata sulla cometa di Lifeforce

Nei tempi antichi, le comete erano viste come presagi di morte e disastro, quindi chissà cosa avrebbero pensato della missione Rosetta: l'ambizioso tentativo di mettere un mezzo da sbarco sulla massa frastagliata di una cometa chiamata Churyumov-Gerasimenko - un delicato procedura che si è conclusa nel 2015. I nostri antenati probabilmente avrebbero pensato che fossimo completamente pazzi. O in combutta con il diavolo per aver creato macchinari così avanzati in primo luogo.

Poi di nuovo, chissà cosa avrebbero pensato Forza vitale , il film del 1985 su una missione esplorativa sulla cometa di Halley, che inavvertitamente induce un trio di vampiri spaziali ad attaccare Londra – e tutto dal regista Tobe Hooper, che ci ha portato Il massacro della sega a catena del Texas. Forza vitale è, in breve, uno dei film di fantascienza più stravaganti mai visti da un importante studio.

Quel grande studio era Cannon Films, forse l'unica società che avrebbe buttato somme di denaro stravaganti (25 milioni di dollari dichiarati) in un film su una donna nuda che succhia l'anima a Patrick Stewart. Essendo stato originariamente offerto a Michael Winner, il progetto è finito nelle mani di Tobe Hooper, che aveva appena concluso un contratto per tre film con Cannon dopo il successo finanziario di Poltergeist – la sua spettrale collaborazione con Steven Spielberg. È giusto dirlo Forza vitale non ha avuto l'impatto mainstream del thriller soprannaturale di Hooper.



Liberamente tratto dal romanzo I vampiri spaziali di Colin Wilson, Forza vitale vede un gruppo di astronauti britannici e americani (a bordo di una navetta spaziale patriotticamente chiamata Churchill) dirigersi verso la coda della cometa di Halley. Lì, nascosta alla vista, trovano una gigantesca nave spaziale che sembra un incrocio tra un vegetale e un ombrello. Avventurandosi all'interno, scoprono creature simili a pipistrelli morte da tempo e, ancora più strano, un trio di corpi umanoidi, perfettamente conservati all'interno di contenitori cristallini.

Gli astronauti riportano imprudentemente questi corpi umanoidi al Churchill, solo per scoprire che gli esseri sono in realtà una razza di vampiri, che si nutrono di energia vitale anziché di sangue. Peggio ancora, i vampiri spaziali – due maschi, una femmina – tornano sulla Terra, dopo aver ucciso la maggior parte degli astronauti durante il viaggio di ritorno. Solo il colonnello Carlsen (Steve Railsback) è sopravvissuto, essendo stato espulso dalla navetta in una capsula di salvataggio mentre tutto il succhiamento di anime era ancora in corso.

I vampiri causano ogni tipo di scompiglio sulla Terra, in particolare quello femminile, interpretato da Mathilda May, che cammina a grandi passi nel suo abito da compleanno e condivide l'energia di tutti quelli che incontra. Le sue buffonate causano presto una sorta di pestilenza a Londra, e il colonnello Carlsen deve collaborare con un agente duro di nome Caine (un altro colonnello, questo interpretato da un macho Peter Firth) per impedire all'intero pianeta di precipitare nel caos.

Per alcuni, Forza vitale sarà per lo più memorabile per Mathilda May, che deve essere stata assolutamente congelata per l'intera ripresa (in un documentario sull'uscita di Arrow Films di Forza vitale , May dice parole del tipo: 'Non so come ho fatto, e non lo rifarei mai più.') Ma c'è molto di più da Forza vitale che semplici inquadrature salaci di un vampiro nudo che cammina a grandi passi come se fosse in un film di Jesus Franco.

Per prima cosa, ci sono gli effetti speciali, che vanno dal non male per il momento all'ottimo. Le riprese dello spazio esterno, in cui Churchill esplora l'astronave abbandonata, sono state ideate da John Dykstra, il cui lavoro precedente includeva Guerre stellari e Incontri ravvicinati del terzo tipo. Questo spiega perché c'è un senso di avventura davvero inquietante quando gli astronauti si avvicinano alla nave, anche se la nave aliena era, secondo Dykstra, ispirata alla forma di un carciofo.

Le sequenze basate sulla Terra sono meno precise, ma ugualmente godibili. I vampiri spaziali lasciano dietro di loro una scia di corpi avvizziti, creati dal supervisore degli effetti Nick Maley e dalla sua squadra. Uno di loro esplode addirittura in una pioggia di polvere e parti del corpo. Sebbene non tutte queste scene siano del tutto convincenti - c'è un momento in cui un cadavere avvizzito inizia a roteare gli occhi e agitare le braccia, e sembra uscito da un viaggio in treno fantasma - hai costantemente la sensazione che gli effetti che le persone si stavano godendo loro stessi. John Schoonraad è stato uno degli artisti che hanno lavorato su quegli effetti protesici, e quando gli abbiamo parlato nel 2012 , ricordava di aver creato i vari corpi avvizziti nella parte posteriore di una vecchia ambulanza convertita.

Il gioioso abbandono si estende alla sceneggiatura, che è stata co-scritta da Dan O'Bannon. Certo, è pieno di dialoghi goffi ('Sarebbe molto meno terrificante se vieni da me' è una bellezza), ma ha un modo di passare senza fiato da uno scenario pazzesco all'altro che è piuttosto affascinante. Questo grazie anche a Tobe Hooper, ovviamente. Ricorda tutte quelle straordinarie scene inondate di luce da Poltergeist ? Ce ne sono ancora di più in Forza vitale , insieme a una tavolozza di colori davvero sorprendente, uscita da un'uscita horror di Bava o Argento, dal verde acido della cometa di Halley al blu freddo di Londra assediata da un'epidemia di vampiri astrali.

Cannon era desideroso di allontanarsi dalla sua immagine di venditore ambulante di film di genere B e ha incoraggiato Hooper a cambiare il titolo del film da I vampiri spaziali per Forza vitale per far sembrare tutto un po' più elegante. Ma Forza vitale è un B-movie nella sua essenza, dalla sua premessa sui vampiri nello spazio alla sua valanga di nudità fino alla sua conclusione, che vede Peter Firth sparare agli alieni con una spada gigantesca. È un film estremamente strano, ma Hooper sembrava saperlo, aumentando l'umorismo distorto che mostrava nei suoi film precedenti ( Motosega Texas era pieno di roba, come lo era Poltergiest ) e godendo di tutti i corpi che esplodono e le luci lampeggianti.

Ciò che fa sbalordire la mente, anche oggi, è quanti soldi Cannon ha buttato per quella cosa. Per le orecchie moderne, $ 25 milioni probabilmente non sembrano molto per un film con molti effetti. Ma considera questo: Star Trek II: L'ira di Khan, uscito due anni prima Forza vitale , era costato poco più di 11,2 milioni di dollari, e questo ha dovuto pagare le battaglie spaziali e l'ego di William Shatner. Forza vitale la foto rivale Bozzolo , diretto da Ron Howard e uscito lo stesso giorno nel giugno 1985, è costato 17,5 milioni di dollari, ed è stato un film per famiglie molto caloroso con più che ragionevoli possibilità di recuperare tutti i suoi soldi con il giusto marketing alle spalle. Per spingere ulteriormente su questo ulteriore punto, $ 25 milioni sono considerevolmente più di quanto Cannon abbia speso Superman IV: Alla ricerca della pace due anni dopo, anche se a quel punto lo studio stava avendo seri problemi di flusso di cassa.

Quei problemi di flusso di cassa erano dovuti in gran parte a strane imprese come Forza vitale . Testa a testa contro Bozzolo negli Stati Uniti si è rivelato un errore tattico e alla fine il film ha recuperato meno della metà del suo investimento al botteghino. Ma Forza vitale come tanti Cannon Films, ha goduto di una vita prolungata su VHS e da allora è diventato una sorta di gemma di culto. E con buona ragione; c'è così tanto da godere in esso. La colonna sonora drammatica di Henry Mancini, un pre- Star Trek Patrick Stewart che pronuncia le parole 'He's been naughty', la confusione di effetti speciali folli (se alcuni scatti di Londra sembrano un villaggio modello, allora è perché lo sono) e sì, la presenza spettrale di Mathilda May. Non c'è davvero nessun altro film simile.

Mentre queste parole vengono digitate, sono arrivate notizie secondo cui il lander Philae è appena atterrato in sicurezza sulla superficie di quella cometa incredibilmente difficile da pronunciare. Solo il tempo dirà se troveranno prove di veri vampiri spaziali. Fino ad allora, avremo sempre Forza vitale , uno dei film di fantascienza più strani degli anni '80.