Spiegazione del finale di un posto tranquillo

A quanto pare, puoi emettere un suono in Un posto tranquillo - purché sia ​​abbastanza forte da essere troppo per questi demoni ciechi che ci danno la caccia. Questo è il finale del film horror sorprendentemente teso e inesorabilmente estenuante di John Krasinski. Perché per l'intero quadro fino a quel momento, ci è stato detto che anche parlare al di sopra di un sussurro è invitare alla morte. E questo è ancora vero, ma ora è anche il momento della morte del mostro.

Nella scena finale del film, Evelyn di Emily Blunt e i suoi tre figli rimanenti sono intrappolati nel seminterrato della loro fattoria. Nell'angolo, il giovane Marcus (Noah Jupe) è rannicchiato con un neonato tra le braccia, che è a un grido di veglia dall'essere inghiottito tutto da questa bestia che scende le scale. Le cose sembrerebbero davvero impotenti se non fosse per la disabilità di Regan Abbott che si rivela essere la loro più grande risorsa. Regan, interpretata meravigliosamente da Millicent Simmonds, aveva già un vantaggio sui suoi fratelli e persino sui suoi genitori in quanto è sorda come i mostri sono ciechi. Di conseguenza, è meno incline a dover mai emettere un suono, sebbene anche questo abbia i suoi svantaggi.

Tuttavia, una di queste responsabilità, almeno dal punto di vista di Regan, si rivela essere la sua più grande fortuna. Prima della sua morte, suo padre (Krasinski) ha continuato a cercare di aiutarla nonostante la sua disabilità uditiva nonostante la sua comprensibile frustrazione per la condizione. Continuando a giocherellare con gli apparecchi acustici, aveva sperato di dare a sua figlia qualcosa di simile al dono dell'udito, ma quello che invece le ha regalato è stato uno strumento che le ha salvato la vita. Perché quando il segnale degli aiuti si incrociava con altre frequenze forti, creava un'assordante cacofonia di disarmonia. E nessuna frequenza sembra essere più forte in questo mondo post-apocalittico di quella emanata dai mostri che li cacciano... incluso quello nel seminterrato con lei alla fine del film.



Indebolendo la creatura incrociando le sue frequenze biologiche interne con il suo aiuto, è in grado di stordire la bestia abbastanza a lungo da rendersi conto che può trasmettere il suono attraverso la stanza posizionando il suo aiuto proprio accanto al microfono del suo defunto padre. Ora, perché un microfono dovrebbe essere ancora attrezzato per funzionare in un mondo in cui anche il suono di una lampada che cade invita i mostri alla tua porta è un completo mistero. Comunque sia, è in grado di far rimbalzare il suo aiuto sul sistema audio di Lee e, di conseguenza, paralizzare davvero la creatura.

Ciò mantiene anche il mostro congelato abbastanza a lungo da consentire a Evelyn di fargli saltare la testa con un fucile. È un momento soddisfacente, anche se ciò che significa per il futuro di queste persone è un po' più incerto. Hanno scoperto un modo per uccidere un mostro, ma può essere usato efficacemente per sradicare e distruggere tutti gli alieni?

Questo in qualche modo porta a una specie di Giorno dell'Indipendenza il movimento di 'abbattere gli alieni' mi sembra meno probabile. Non solo la comunicazione di massa in questo mondo è scarsa, ma c'è stata anche una grande fortuna nell'uccidere questo alieno, poiché è rimasto intrappolato in uno spazio ristretto con un sistema audio ad alto volume disponibile. Potrebbe rivelarsi più difficile replicare questo effetto all'esterno o all'aperto.

Tuttavia, il bambino che Evelyn ha dato alla luce ha dimostrato di essere pronta a pensare a un futuro oltre alla semplice sopravvivenza in questa fattoria. Il fatto che ora abbia visto nascere quel bambino e uccidere un alieno significa che c'è una speranza per il futuro. Anche l'ultimo momento è in cui lei arma il fucile mostra uno strano rinnovamento della vita. Il futuro è incerto, ma una cosa è chiara, ora non hanno più paura di fare rumore.