American Horror Story Stagione 8 Episodio 10 Recensione: Apocalypse Then

Questo storia dell'orrore americana la recensione contiene spoiler.

American Horror Story Stagione 8 Episodio 10

storia dell'orrore americana è uno spettacolo in cui, da qualche parte nel corso della stagione, tutto sembra andare in tilt, sia all'interno della trama che al di fuori dello spettacolo stesso. Certo, tutto ciò che viene detto sulla produzione della televisione o sul funzionamento interno di una stanza degli scrittori da qualcuno lontano dall'esterno è solo speculazione, ma ciò che appare sullo schermo ha sempre un sacco di idee racchiuse in esso e ciò che potrebbe essere caritatevolmente descritto come finali confusi. Raramente tutto viene avvolto in un piccolo fiocco pulito su storia dell'orrore americana , ma non è sempre una cosa negativa.

Il finale di storia dell'orrore americana La stagione più ambiziosa riesce a fondere insieme due serie diverse, sposare mitologie separate e in qualche modo formare una stagione coerente con il cioccolato e il burro di arachidi di Casa del delitto e Raduno . Per la prima metà della stagione, lo spettacolo è sembrato solido e propulsivo, andando avanti a un ritmo costante, anche se rapido. La seconda metà della stagione rientra in alcuni degli standard AHS indulgenze, vagando un po' e concedendosi un sacco di flashback e viaggi secondari, ma nel complesso è stato soddisfacente e divertente, e stabilisce i divertenti frammenti di viaggio nel tempo (e il flash-forward) che consentono di annullare gli eventi dell'apocalisse dalle streghe.



Potrebbe essere uno spoiler, ma è stato anche palesemente creato da l'episodio precedente . È stata un'introduzione goffa di un nuovo potere che nessun'altra strega ha salvato il Supremo dei Supremo, ma nonostante quell'atterraggio con un tonfo, non toglie nulla all'episodio. storia dell'orrore americana non è sottile. storia dell'orrore americana è camp, Grand Guignol, psicopatico al limite, e come tale, se fosse troppo sfumato, non sarebbe altrettanto divertente. Apocalisse si appoggia a tutto ciò di cui ci si può lamentare - violenza, sangue, riportare in vita i personaggi, saltare avanti e indietro nel tempo, melodramma - e li attacca direttamente, come una congrega di streghe che combattono contro l'Anticristo.

Ulteriori letture: confermata la stagione 9 di American Horror Story

Parte di ciò che è sempre stato fatto storia dell'orrore americana il lavoro è un impegno totale. Gli scrittori scelgono una direzione e la seguono, non importa quale potrebbe essere o come potrebbe essere percepita. Se qualcuno può tornare dai morti, allora tutti torneranno dai morti, e non sarebbe un wouldn Raduno serie senza brevi ricomparse di Delphine e il ritorno a sorpresa di Marie Laveau, la regina del vudù, che si riprende il trono dall'usurpatrice Dinah Stephens con una battuta azzeccata e un ancor più tempestivo colpo di machete. (Lo spruzzo di sangue risultante da un'arteria aperta è assolutamente bellissimo, come una scena di un film di samurai degli anni '70.) La congrega riassemblata fa del suo meglio per fermare l'assalto spietato di Michael, ma come conferma Cordelia, è troppo potente. Schiocca il collo con uno schiocco delle dita. Strappa un cuore. Combatte attraverso barriere magiche ed evita di essere colpito una dozzina o più di volte.

L'unica cosa che può fermare Michael è, tra tutte le cose, la capacità di Mallory di viaggiare nel tempo. scrittori Ryan Murphy e Brad Falchuk non stanno reinventando la ruota, ma il viaggio nel tempo offre ai due l'opportunità di riportare nuovamente Jessica Lange nei panni di Constance. I suoi scambi con Michael sono tra i migliori dello show, con Lange che scava davvero nel materiale per trovare un nucleo più emotivo e Cody Fern che fa un solido lavoro per abbinarla come la versione più giovane e più patetica di Michael.

Cordelia, prima del salto temporale, lo chiama come un ragazzino spaventato, e Fern fa un buon lavoro nel farlo. Rende la sua voce più alta e il suo linguaggio del corpo più timido, intimidito dalla rabbia feroce di Constance nonostante il suo grande potere. Anche quando la afferra per la gola, lei è ancora al comando e lui è ancora molto spaventato (specialmente dopo che Mallory interrompe la sua ascesa al potere prima che inizi). Anche se l'episodio tende alla voce fuori campo verso la fine, poiché Mallory spiega il suo status di Billy Pilgrim del storia dell'orrore americana universo, è ancora un finale molto soddisfacente.

Ulteriori letture: confermata la decima stagione di American Horror Story

Le prestazioni di qualità sono interpretate dal regista Bradley Buecker. Spara a Michael in modo diverso a seconda che sia o meno pienamente in suo potere o se sia un bambino spaventato; Antichrist Michael sembra essere girato da un angolo verso l'alto, rendendolo più imponente. Il suo assalto alle streghe invasori è molto divertente. I combattimenti, così come sono, sono divertenti e gli effetti speciali, per la maggior parte, sembrano buoni. (L'unico pezzo sospetto è la sua gamba rotta, ma è perdonabile poiché è un breve colpo.) Gli spari sembrano buoni e il sangue è adeguatamente schizzato. È soddisfacente, anche se dura solo un minuto.

Buecker conserva il suo miglior lavoro visivo per il sacrificio di Cordelia. L'immagine di lei morta in una pozza di sangue in fondo alle scale è rispecchiata dall'ultima inquadratura di Michael, disteso nel sangue, mutilato da un SUV.

Che le streghe abbiano per lo più un lieto fine è bello. Nan continua a servire Papa Legba e Myrtle rimane morta, ma tutti gli altri sembrano finire in un buon posto. Non si può dire come questa mossa abbia cambiato le cose per il mondo, ma come stabilisce la scena finale, alcune cose sono predeterminate e il male non riposa mai.

Timothy (Kyle Allen) ed Emily (Ash Santos) si incontrano durante una protesta e, dopo aver avuto un figlio insieme, tornano da una bella serata fuori e trovano il loro adorabile figlio seduto su una sedia a dondolo, coperto del sangue di una baby sitter morta. Più le cose cambiano, più le cose rimangono le stesse. Questa volta, tuttavia, Anton LaVey (Carlo Rota), Miriam Mead (Kathy Bates) e Samantha Crowe (Naomi Grossman) sono pronti ad aiutare i genitori assediati dell'Anticristo.