I film sulla distopia per giovani adulti sono in declino?

Questo articolo contiene spoiler per La serie Divergent: Insurgent , Hunger Games: Mockingjay Parte 2 e Maze Runner: Le prove di Scorch .

Ogni volta che un nuovo film di fumetti, c'è un corrispondente aumento del numero di pezzi di riflessione su quando la bolla del film di supereroi sta per scoppiare. Ci sono stati una media di quattro film di supereroi all'anno negli ultimi cinque anni, ma con una vasta gamma di personaggi e persino generi in gioco, la cosiddetta fatica non sta avendo alcun evidente effetto negativo sulla popolarità o sulla diversità della Marvel. e i film della DC.

Nel frattempo, sembra che ci siano altrettanti film distopici basati su fiction per giovani adulti ogni anno, e sembrano diventare sempre più uguali a ogni puntata successiva del franchise. Inoltre, la massa di tropi e cliché che si sono già accumulati, all'interno di un genere post-apocalittico che è stato aggiornato per il grande schermo solo di recente nel 2012 I giochi della fame , minacciano di trasformarlo nel genere di cose contro cui di solito finisce per tifare: uno sconcertante sistema di uniformità in cui l'unicità è soppressa o altrimenti inesistente.



Il non-starter di gennaio La quinta ondata era un film che incarnava la formula YA in modo tale da poter essere facilmente adattato liberamente dai trailer di Il corridore del labirinto o Divergente , piuttosto che il romanzo più venduto di Rick Yancey. Ha interpretato giovani emergenti e attori caratteristi adulti, che combattono un conflitto intergenerazionale all'interno dei limiti di una trama artificiosa. È meno stereotipato di quello automatico.

Grazie a un paio di successi negli ultimi anni, gennaio non è più la discarica cinematografica di una volta. Ma La quinta ondata è un film di gennaio che è caduto proprio nell'abisso tra dreck like Sporco nonno e la tariffa degli Oscar che è stata trattenuta per il Regno Unito come Il vendicatore e Il grande corto , guadagnando scarse segnalazioni da parte della critica e quasi nessun botteghino - ha aperto al nono posto al botteghino qui e non è andato molto meglio negli Stati Uniti.

I sequel più recenti di Divergente , Il corridore del labirinto e I giochi della fame tutti realizzati meno al botteghino rispetto alle puntate precedenti, il che sembrerebbe indicare un calo di popolarità. Come l'apertura più bassa della sua franchigia, La ghiandaia imitatrice parte 2 ha comunque guadagnato oltre $ 100 milioni nel suo weekend di apertura, quindi nessuno perderà il tetto sopra la testa, ma potremmo iniziare a vedere questi film cadere un po'.

Dato come questi film sono adattati dai libri, non trascureremo come questo fenomeno super-generico sia iniziato prima sulla pagina, ma c'è una preoccupante somiglianza che pervade anche gli adattamenti. Guardando questi franchising e La quinta ondata , esaminiamo le critiche comuni alla formula e scopriamo dove le cose hanno iniziato a peggiorare.

Trame inventate

Rispetto ai cerchi in cui saltano altri film, La quinta ondata è un film di invasione aliena abbastanza semplice nel suo primo atto, con Chloë Grace Moretz nei panni dell'eroina Cassie Sullivan, che racconta la storia recente. Le prime quattro ondate dell'assalto extraterrestre riciclano scenari apocalittici da film recenti come La fine del mondo , 2012 , Contagio ed ehm, La fine del mondo ancora una volta, prima che il colonnello Vosch di Liev Schreiber si mobiliti Il gioco di Ender stile task-force di giovani per combattere l'imminente quinta ondata di attacchi.

C'è una svolta abbastanza prevedibile qui, dato che il film prende in prestito un po' troppo pesantemente da uno di quei film sopra menzionati in seguito, ma a parte il fatto di indossare più ovviamente le sue influenze sulla manica, ha molto in comune con tutte le altre trame inventate , nella misura in cui si preoccupa troppo di spiegare come ci sono arrivati ​​prima che la storia iniziasse.

Anche se la maggior parte di questi film è ambientata in un futuro lontano o addirittura in un universo parallelo, di solito c'è qualche adesione verbale alla storia di fantasia che si intromette nella storia, e alcune di queste trame mettono davvero il 'perché?' Sì. Proprio come Cassie racconta questo in La quinta ondata , grandi andane di Divergente Tris Prior di Shailene Woodley ha spiegato il bizzarro sistema delle caste a beneficio del pubblico, perché è più difficile da mostrare che da raccontare.

Per chi ancora non lo sapesse, Divergente La Chicago post-apocalittica esiste sotto una sorta di stentato anti- Alla rovescia sistema in cui le persone possono essere solo coraggiose o intelligenti o felici o oneste o gentili: avere una personalità che si adatta a più di uno di questi criteri ti rende divergente. Come di ribelle , Tris sembra essere tutti e cinque, rendendola così un supereroe piuttosto che un essere umano a tutto tondo. Anche il secondo film fa crollare questa elaborata dittatura quando viene scoperto un mondo fuori Chicago e i successivi due film, basati sul terzo e ultimo libro, fedele, devoto , assumerà nuovi adulti.

L'immunità è un fattore comune di particolarità in questi protagonisti adolescenti - Le prove di Scorch rende questo letterale per gli eroi di Il corridore del labirinto , facendo in modo che l'organizzazione paramilitare immorale WCKD (pronunciato esattamente come penseresti) cerchi di raccogliere un antidoto al virus Flare che devasta il mondo dagli adolescenti immuni. Non c'è ancora stata una spiegazione soddisfacente nei film sul perché hanno deciso di metterli alla prova con un labirinto, ma scommettiamo che ha qualcosa a che fare con la malvagità.

I giochi della fame è relativamente propulsivo: sappiamo che ci sono stati 73 deathmatch televisivi all'inizio della storia e il nome della nazione di Panem implica l'approccio 'pane e circo' dell'antica Roma. I film gestiscono abbastanza bene qualsiasi altra esposizione, ma come un film YA che prende una semplice trama distopica - bambini che combattono fino alla morte - e non si ingarbuglia troppo in quello che è successo prima che arrivassimo lì, è un valore anomalo. In genere, Lionsgate sta ancora pensando fare un prequel per rettificare questo.

Mancanza di estro visivo

Un altro caso in cui I giochi della fame sfugge alle solite critiche sarebbe nel suo stile visivo. L'aspetto della moda era uno degli aspetti derisi in alcuni ambienti perché era 'per ragazze', ma nel tradurre la storia per lo schermo, il franchise sfrutta al meglio la guerra mediatica che sta alla base delle battaglie più dirette con il Campidoglio.

La parte più sovversiva di La ghiandaia imitatrice Parte 1 ha coinvolto una propaganda per la campagna del Distretto 13 contro il Campidoglio che si è conclusa con lo stesso carattere e lo stesso motivo fischiato di ogni singolo trailer del franchise. Questo è l'inizio di un arco in cui l'organizzazione dei buoni sembra aver raccolto anche alcuni dei tiri sporchi dei cattivi, che commenta direttamente il marketing all'ingrosso della rivoluzione e l'illusione di potere in esso.

Pochi altri film in questa categoria hanno l'iconografia con cui lavorare su quella scala: diamine, i personaggi di film diversi si vestono allo stesso modo. Il critico cinematografico Mark Kermode lo ha inchiodato nella sua recensione dell'anno scorso Corridore del labirinto Continuazione, Le prove di Scorch , dicendo che ti aspetti di incontrare il cast di Divergente 'provenire dall'altra parte oltre il ciglio della collina distopica YA', a la La notte dei morti viventi l'incontro con la troupe di Jessica Stevenson. Batman e Iron Man potrebbero avere alcune cose in comune, ma almeno si vestono in modo diverso.

ribelle ha segnato qualcosa di un rinnovamento per il Divergente serie – è stato rilasciato in 3D e ha fatto cose visivamente più interessanti con gli esami che classificano le personalità delle persone, inclusa una sequenza da incubo molto seguita che coinvolge un inseguimento in una casa galleggiante e fiammeggiante. Questo sembra destinato a continuare con il prossimo mese fedele, devoto , in cui gli studi hanno apparentemente seguito l'esempio di Tris e si sono discostati dal materiale originale per inserire un po' più di azione e intrighi VFX, con grande dispiacere dei commentatori online che hanno letto i libri.

Nel frattempo, Il corridore del labirinto e La quinta ondata sono come studi contrastanti su come utilizzare un budget medio di 30 milioni di dollari per realizzare un film di fantascienza. Costumi a parte, Il corridore del labirinto è molto stilizzato per il suo budget, con l'enorme labirinto e le creature al suo interno che offrono ampie opportunità per alcune scenografie nodose e intense sequenze d'azione. Nel frattempo, La quinta ondata L'accessibilità economica dipende dalla capacità degli alieni di assumere una forma umana, una misura consacrata dal tempo e convenientemente di riduzione dei costi che presumibilmente sarebbe stata ulteriormente sviluppata se Sony avesse dato il via libera a un sequel o due.

Ancora, La quinta ondata i distributori di 's hanno avuto il coraggio di accettare la certificazione BBFC di 15 nel Regno Unito, che è un aspetto in cui era unico. Quando anche l'azione resta come Prese e Il duro accetterà consigli e taglierà i sequel piuttosto che perdere il pubblico di 12A, questo suggerisce più intraprendenza rispetto al film stesso. Ci sono più dettagli sugli infortuni che in I giochi della fame , per esempio, ma non è così quando guardi le sequenze di combattimento che si svolgono.

La performance di Jennifer Lawrence è stata la parte più acclamata di I giochi della fame , ma gli altri franchise sembrano concentrarsi più sull'identificazione con la protagonista che sull'iconografia: c'è quello con Shailene Woodley, quello con Chloë Grace Moretz e quello con il ragazzo di Teen Wolf . Ma soprattutto, nessuno chiama I giochi della fame 'quello con Jennifer Lawrence' e la mancanza di identità visiva nei suoi successori fa sembrare il loro status di blockbuster un po 'fiasco.

Triangoli amorosi

D'altra parte, il triangolo amoroso tra Katniss, Peeta e Gale era di gran lunga la parte meno arrotondata di I giochi della fame sullo schermo, e i film saggiamente non si sono concentrati troppo su di esso fino a quando non ha dovuto raggiungere una qualche forma di risoluzione in La ghiandaia imitatrice parte 2 . Nei film, non c'è mai il pericolo che lei scelga Gale di Liam Hemsworth, perché non c'è scintilla tra loro in nessuna scena, ma è comunque solo marginalmente inferiore a quello che Lawrence e Josh Hutcherson hanno nei panni di Katniss e Peeta. Inoltre, Peeniss è semplicemente irresistibile come nome di nave.

Ma in linea con l'atmosfera da kitsch di La quinta ondata , c'è anche un triangolo amoroso lì, che sembra più un simbolico ritorno al passato crepuscolo di qualcosa che collega ognuno di questi film. Queste complicazioni romantiche di solito sorgono nei sequel, una volta che conosciamo già i personaggi, ma La quinta ondata colpisce il terreno presentando a Cassie una scelta vuota tra un ragazzo che conosce da tutta la vita, ma che non ha visto da quando gli alieni hanno attaccato, o un ragazzo che ha appena incontrato, ma taglia la legna senza il top.

Anche per gli standard del Team Edward e del Team Jacob, è facile e poco convincente - anche un'attrice del calibro di Moretz non può elevare la banalità da rosicchiare le labbra. Da quando Katniss è entrata in scena, questi film sono stati in gran parte rivolti a un pubblico femminile giovane e si suppone che ci sia una qualità ambiziosa per l'aspetto romantico. In questo caso non funziona, in parte perché l'enfasi sulle preoccupazioni adolescenziali è stata focalizzata altrove da quando tutte le storie d'amore sui vampiri si sono esaurite.

Conflitto intergenerazionale

Se dobbiamo credere all'adagio che ogni generazione vuole essere l'ultima, allora tutto questo si riduce davvero alla distopia dei giovani adulti che è un palcoscenico per il conflitto intergenerazionale tra quei giovani e i loro oppressori adulti.

Stiamo attenti a non schernire questi film a causa del loro pubblico di destinazione: gli adolescenti non sono certo un mercato sottoservizio, ma non è un male che ci siano film che drammatizzano le loro ansie in modo divertente. Il problema ha più a che fare con il cosiddetto appello di massa dei quattro quadranti che cercano di attribuire a quelle ansie, facendo storie abbastanza vaghe da poter essere applicate a tutti. Qualunque sia la razza, il genere o la sessualità, gli eroi rientrano in una certa fascia d'età e la galleria di attori coraggiosi del personaggio non lo è. Sei tu contro Donald Sutherland e, francamente, non sa di cosa parla.

È un modo straordinariamente autodistruttivo di procedere, perché nessuno di noi sta diventando più giovane. Di nuovo, è solo I giochi della fame , che premia i suoi personaggi sopravvissuti con PTSD o ulteriore lutto, che sembra cogliere l'inutilità di tutto ciò. Alla fine, sembra uno sfogo per i conflitti sociali che viene deviato in modo sicuro dalla disuguaglianza della vita reale. Non c'è da stupirsi che agli studi piaccia così tanto fare queste cose: sono così lontane dalla realtà, sono poco più che desiderano realizzare fantasie di potere per il pubblico di destinazione.

Ancora una volta, non c'è niente di sbagliato nell'appagamento di un piccolo desiderio, ma il recente declino suggerisce che il pubblico è più saggio di quanto i produttori si aspettano. Alla luce dei protagonisti in bianco, l'onnipotenza emotiva di Tris sembra improvvisamente un toccasana per qualsiasi lettore/spettatore che sia più di una di quelle cinque qualità. Ci sono altrettante stranezze altrove e questo è uno dei motivi principali per cui questi film potrebbero iniziare a fondersi l'uno nell'altro.

Continuazione?

Molti di questi film sono basati su serie di più di un libro e quindi il potenziale del sequel è sempre sul tavolo. Come un fastidioso sottoprodotto di Harry Potter e i Doni della Morte dividendo l'ingombrante finale in un road movie d'autore e una battaglia climatica ricca di azione, c'è ancora più franchising da avere quando il libro è diviso in due film.

Per tutti i suoi difetti, crepuscolo rimane l'unico che ha fatto questo bene - Breaking Dawn Parte 1 è completamente autonomo e non finisce con un cliffhanger per Parte 2 , ed era basato su un quartetto di libri. C'era una volta, le trilogie andavano bene, ma I giochi della fame e Divergente entrambi si sono sbagliati dividendo in due i rispettivi terzi volumi.

Dopo La ghiandaia imitatrice parte 2 , è significativo che i due programmati Divergente i film lasceranno cadere i tag 'Parte 1' e 'Parte 2' e adotteranno i titoli fedele, devoto (dopo il libro) e Ascendente invece, perché il pubblico è stufo delle divisioni che lasciano anche i film incompiuti. All'immenso merito del regista Wes Ball, Il corridore del labirinto non sta avendo nulla di tutto ciò e concluderà la sua buona trilogia vecchio stile con l'ultima puntata del prossimo anno La cura della morte .

Ma come quei fastidiosi adattamenti del terzo libro, il problema del sequel è duplice. In primo luogo, c'è la tendenza a porre molte domande a cui non viene data risposta prima del lancio dei titoli di coda. Lo scenario migliore è che stai aspettando un anno o più prima che il film abbia un senso quando uscirà il sequel, ma più comunemente ottieni film che hanno prestazioni inferiori, come La quinta ondata , e quelle domande rimangono in sospeso per sempre. D'altro canto, le storie di rivoluzione nelle principali serie cinematografiche sono spesso compromesse dagli ulteriori interessi dei registi.

Anche se la storia è intesa come un anticlimax e la versione cinematografica vanta più azione rispetto al suo predecessore sovversivo, è chiaro perché La ghiandaia imitatrice parte 2 finito per essere il film più deludente del Giochi della fame serie. È un po' come i sequel di La matrice continuando una storia in cui menti libere infuriavano contro le macchine all'insegna di un 'anno di Matrix', in cui il pubblico di massa veniva riempito con galloni di Powerade oltre a film, spin-off animati e videogiochi.

Per prendere in prestito una frase, forse era 'inevitabile' che quei film spostassero l'attenzione dall'obiettivo originariamente dichiarato di distruggere il sistema e liberare l'individuo, al fermare un singolo elemento canaglia, l'agente Smith. La trilogia si è conclusa con il sistema intatto e il cattivo sconfitto - il titolo prometteva Revolutions, ma l'unità che abbiamo ottenuto è arrivata principalmente nel consenso popolare (e solo in parte ingiusto) che il Matrice i sequel erano un mucchio di stronzate.

Così va, con i film orientati ai giovani adulti, che non puoi tenere una drammatizzazione della rivoluzione a qualsiasi standard quando deve anche vendere panini Subway e cancellare due volte e mezzo l'importo che le principali società hanno investito per realizzarlo. Ma davvero, potrebbe essere d'aiuto se lo facessero in tre film ogni tanto.

Conclusione

Fatta eccezione per il punto sulle trilogie, gli ingredienti di cui sopra sono tutti tropi abbastanza sempreverdi che possono e sono stati fatti bene. Si sentono esausti solo perché sono diventati parte integrante di un gran numero di film in un brevissimo lasso di tempo. Il Giochi della fame i film sono oggettivamente i migliori proprio perché usano i tropi come commento alla guerra dei media e della propaganda che va di pari passo con la rivoluzione più violenta.

In un mondo ideale, film come questi potrebbero avviare discussioni o commentare la reale disuguaglianza politica oltre ad essere divertenti, ma non è troppo chiedere che siano almeno l'uno o l'altro. I film sulla distopia per giovani adulti sembrano essere in procinto di diventare ruote intellettuali per criceti, modellando mondi senza senso a immagine di come gli adulti pensano che gli adolescenti vedano il mondo, piuttosto che riflettere qualcosa di più stimolante.

Il materiale di partenza è solitamente anche commercialmente amichevole, ma tende a diventare in modo schiacciante sullo schermo. Il mercato sembra essersi spostato a favore di adattamenti YA come La colpa delle nostre stelle e Città di carta invece, e per quanto melodrammatici possano essere, entrambi si riferiscono agli adolescenti a un livello più concreto.

Il corridore del labirinto e Divergente entrambi sbagliano verso l'azione piuttosto che verso l'allegoria e il calo dei ritorni al botteghino per questi film sembrerebbe dimostrare che non stanno nemmeno stimolando il pubblico di destinazione. Entrambi i film hanno dei sequel in arrivo, ma ora che I giochi della fame è finita, è ironico che il futuro sembri più incerto che mai in una tendenza con una visione così debole delle cose a venire.

Segui il nostro Feed di Twitter per notizie più veloci e brutti scherzi proprio qui . e sii nostro amico di Facebook qui .