Recensione atipica: la nuova serie drammatica di Netflix

Questo articolo è apparso originariamente su Den of Geek UK . Contiene riferimenti narrativi all'inizio della serie ma nessuno spoiler sulla trama.

La nuova serie di Netflix atipico è un'adorabile commedia drammatica con personaggi a tutto tondo e una meravigliosa interpretazione centrale di Keir Gilchrist nei panni di Sam, l'ultimo protagonista autistico arrivato sul piccolo schermo.

Sul grande schermo, la rappresentazione di personaggi con autismo (spesso usati in modo intercambiabile con la Sindrome di Asperger nella fiction) si appoggia pesantemente all'idea del genio matematico. Nel film del 2015 che scalda il cuore X + Y , Il personaggio di Asa Butterfield, Nathan, è un adolescente di talento accademico che partecipa a un concorso internazionale di matematica. Nel 1989 Rain Man , o del 2016 il ragioniere , i personaggi centrali con autismo mostrano un'incredibile abilità con i numeri. Sono in grado di gestire cifre e dati con maggiore competenza rispetto alla maggior parte dei 'neurotipici', come i personaggi in atipico fare riferimento ad esso.



Tali rappresentazioni non sono imprecise - forse conosci una persona con autismo la cui capacità matematica o memoria supera di gran lunga la media - ma sono lontane dall'intera storia. L'autismo non è un insieme di sintomi, né tutte le persone a cui è stato diagnosticato mostrano esattamente le stesse caratteristiche. Come dice il proverbio, 'Se hai incontrato una persona con autismo, hai incontrato una persona con autismo'.

Chiedi a qualcuno che non ha esperienza personale della condizione che cos'è l'autismo ed è probabile che il cinema e la televisione gli forniscano la loro risposta. È quindi importante presentare un'ampia varietà di caratteri autistici, funzionanti a diversi livelli e con le proprie personalità individuali, in modo da poter assemblare un'immagine più accurata. Non sto dicendo che la televisione e il cinema non riescano a farlo; piuttosto lodando atipico per la sua nuova prospettiva.

atipico Sam Gardiner è descritto da sua madre Elsa (Jennifer Jason Leigh) come 'la persona più letterale che conosca'. È schietto e onesto senza riserve, qualcosa che la serie usa con grande effetto comico. L'affetto dello show nei confronti di Sam è chiaro, e in pochi istanti lo sarà anche il tuo, con la sceneggiatura di Robia Rashid che trae umorismo oscuro dalle attività quotidiane di Sam senza mai fare battute su di lui. Come molte altre persone con autismo, Sam ha 'intense preoccupazioni' come la descrive la sua terapeuta Julia (Amy Okuda). La preoccupazione di Sam, anzi la sua passione, è l'Antartide e i pinguini che vivono nel suo clima spietato.

Lo spettacolo fa un lavoro fantastico nel trascinare lentamente il suo pubblico nel mondo di Sam, fornendo la voce fuori campo di Sam che spiega perché fa certe cose durante il pendolarismo scolastico e identifica tutte le interazioni sociali umane con le interazioni delle specie antartiche. Comincia ad avere perfettamente senso. Se Sam è più felice di ricercare i comportamenti dei pinguini, allora perché non applicare ciò che ha imparato dal regno animale ai comportamenti degli umani? Fa dei paralleli molto poetici, mentre deve anche apprendere con un po' di sgomento che non tutte le interazioni possono essere decodificate attraverso abitudini animali e fenomeni naturali. È una storia di formazione in cui il carattere autistico non è inaccessibile; siamo nella sua mente e impariamo a capire le sue azioni. Sta spiegando tutto ed è tutto così piacevolmente logico.

Quindi, come puoi vedere, Sam non è un mago dei numeri. Non è nemmeno un gran tecnico o un giocatore; passatempi spesso associati a persone introverse e introverse. Mentre lavora in Techtropolis, un negozio di elettronica che vende televisori, stampanti e simili, la sua voce fuori campo chiarisce che non è stata la sua propensione a riparare la tecnologia che gli ha assicurato il lavoro, piuttosto la sua capacità di ricercare qualsiasi cosa con accuratezza e attenzione ai dettagli . Si ha l'impressione che avrebbe dedicato lo stesso tempo e le stesse energie a prepararsi per un lavoro in una gioielleria.

In questo modo, Sam è forse più simile ad alcuni dei personaggi autistici presentati in televisione. Comunità Mi è subito venuto in mente 's Abed (Danny Pudi), un personaggio meno focalizzato su fatti e statistiche ma sui film e la loro applicazione a scenari di vita reale. Abed può faticare a leggere le espressioni di chi gli sta intorno ('la tua bocca non è curva verso l'alto, ho fatto qualcosa di sbagliato?') proprio come Sam, che spiega nella sua voce fuori campo che prova empatia come chiunque altro, è solo che lui spesso ha difficoltà a notare quando qualcuno è arrabbiato. Sheldon Cooper, il personaggio di Jim Parsons in La teoria del Big Bang anche occasionalmente mi è venuto in mente, poiché mentre Sam non è in alcun modo così appariscente e iperbolico come questo personaggio, spesso sembra fisicamente simile con il suo abbigliamento pulito, i capelli accuratamente pettinati e il modo di sedersi eretto.

atipico impiega alcuni effetti sorprendenti per invitare gli spettatori nel mondo di Sam. In una scena toccante e straziante in cui Sam si avvicina a un gruppo di suoi compagni di classe per chiedere loro consigli sugli appuntamenti, qualcosa che Sam è desideroso di imparare per trovarsi una ragazza, le risate dei suoi coetanei echeggiano minacciose mentre gli occhi di Sam guizzano da lato a lato, una luce blu che scansionava le sue pupille. È un coniglio catturato dai fari; completamente sconcertato e completamente ignaro di ciò che ha fatto di sbagliato. Come spiega in modo sconvolgente la sua voce fuori campo, sa quando viene preso di mira, ma non sempre capisce perché. La cinematografia deforma e distorce la scena, sottolineando la confusione di Sam a quelli di noi che, purtroppo, capiscono esattamente perché stanno ridendo di lui.

Lo spettacolo offre al suo pubblico una serie di lezioni gentili e pazienti. Spiega cosa significa essere autistici in un modo sia commovente che divertente e descrive la navigazione tumultuosa di Sam attraverso le numerose sfide che la crescita presenta. Sapevi, ad esempio, che le persone con autismo possono lottare con la folla, i rumori forti e l'illuminazione eccessivamente stimolante? Sono sicuro che molte persone lo sanno, ma è una lezione inestimabile da imparare per coloro che non lo sanno, ambientato nel bel mezzo di una storia davvero avvincente.

atipico Tuttavia, non si concentra solo sull'esperienza di Sam. Lontano da esso. Se sei come me potresti aver voluto vedere ancora di più da Sam, il suo terapista e il suo esilarante e viscido amico Zahid (Nik Dodani) che si crede un uomo da donna ma, con il senno di poi, è fondamentale che ci venga offerto un sguardo uguale nella vita di tutti nella famiglia di Sam.

La serie non è solo divertente e istruttiva, ma è inesorabilmente compassionevole verso tutti i suoi personaggi. Non è facile avere un bambino con autismo e lo spettacolo non trascura questo fatto. 'Va bene preoccuparsi', sembra dire, 'va bene se non sai come gestirlo e va bene essere egoista a volte'.

La serie affronta anche il difficile argomento della vergogna; se non parli alle persone delle tue circostanze, ti vergogni di loro? atipico gestisce tutti questi problemi ed emozioni con delicatezza, umorismo e cuore e serve a rassicurare qualsiasi genitore o fratello nella stessa posizione. Michael Rapaport è brillante come il padre di Sam, Doug, un uomo che desidera un legame padre-figlio con Sam, che è raramente espressivo fisicamente, e Brigette Lundy-Paine è molto divertente come la sorella di Sam, Casey, che gode di una relazione tipicamente antagonista con suo fratello pur essendo ferocemente protettivo.

Guarda questo spettacolo se non capisci l'autismo. Guarda questo spettacolo se lo fai. Guarda questo spettacolo se vuoi un grande dramma, una commedia che scaldi il cuore e/o per vedere una delle migliori serie di Netflix quest'anno. Basta guardare questo spettacolo.

atipico è ora disponibile su Netflix.