Bo Burnham: il momento di empatia mozzafiato di Inside

Nel 2000, lo scrittore Dave Eggers ha faticato a trovare il titolo giusto per il suo primo libro di memorie. Quale raccolta di parole potrebbe comunicare l'enormità emotiva di aver perso entrambi i genitori a causa del cancro e poi dover agire come un improvviso surrogato del fratello minore?

Alla fine Eggers si è imbattuto nel moniker appropriatamente melodrammatico. Il nome che ha scelto, Un'opera straziante di sbalorditivo genio, era in parti uguali sarcastico e sincero. Sembrava anche abbastanza grandioso da descrivere la fetta di Eggers dell'esperienza umana confusa e spesso esilarante.

Ora, circa 21 anni dopo, il comico, musicista, scrittore, regista e intrattenitore torturato a tutto tondo, Bo Burnham, si è imbattuto in un'opera straziante del suo sbalorditivo genio. Bo Burnham: Dentro ha un nome molto più umile del classico lavoro di Eggers, ma è altrettanto straziante e sì, sconcertante. Dentro è la cosa migliore che Burnham ha realizzato finora nella sua carriera relativamente giovane ma impressionante. Potrebbe anche finire come un pezzo definitivo di arte popolare occidentale che uscirà dall'era della pandemia.



Dentro si svolge nell'arco di un anno intero di Burnham rinchiuso nella guest house della sua casa di Los Angeles, sperimentando musica, luci e battute per creare il suo lavoro definitivo. Dire che ci è riuscito è per usare un eufemismo. Dentro è un capolavoro. Non solo cattura la noia surreale della vita pandemica, ma possiede anche una qualità senza tempo. Scherzo per scherzo e canzone per canzone, presenta un intrattenitore che picchia a morte il proprio ego fino a quando non rimane altro che un tremolio di capelli lunghi.

A proposito di morte, ce n'è parecchio in Dentro . Non passa un momento senza che Burnham idealizzi il proprio suicidio o la fine invadente del mondo. Il comico trentenne afferma di volersi infilare una pallottola nel cervello, di volersi suicidare all'età di 40 anni e di prendere in giro la mercificazione dei messaggi aziendali 'non farti del male'. In una canzone, identifica addirittura la fine del mondo come tra esattamente sette anni.

Ma un evento di morte nello speciale arriva in un momento particolarmente inaspettato. Ed è il momento che non sono riuscito a scuotere da quando l'ho visto.

Nonostante tutto l'argomento pesante, Dentro è tecnicamente una commedia speciale. È la canzone più apertamente e classicamente Burnham-iana che arriva all'inizio del procedimento. 'White Woman's Instagram' è una melodia satirica su tutte le immagini superficiali e che inseguono il potere che compaiono sugli account Instagram delle donne bianche di base. La canzone copre più o meno quello che ti aspetteresti: una ciotola di farina d'avena con mirtilli disposti in un segno di pace, arte della schiuma di latte, piccole zucche e qualche citazione casuale da Signore degli Anelli attribuito a Martin Luther King.

A metà della canzone, tuttavia, il contenuto prende una brusca svolta a sinistra verso l'incredibile reale e l'empatia straziante. L'obiettivo della fotocamera di Burnham, che era stato sistemato in una cornice stretta per assomigliare a quello di un telefono cellulare, si allarga di nuovo in un formato del mondo reale, poi Burnham canta in tutta sincerità:

“Una foto di sua madre. La didascalia dice 'Non ci posso credere. È passato un decennio da quando te ne sei andato. Mamma mi manchi. Mi manca sedermi con te in giardino. Sto ancora cercando di capire come continuare a vivere senza di te. È migliorato un po', ma è ancora difficile. Mamma, ho un lavoro che amo e un appartamento tutto mio. Mamma, ho un ragazzo e sono pazza di lui. La tua bambina non se l'è cavata tanto male. Mamma, ti amo. Dai un abbraccio e un bacio a papà.'”

Quindi il fotogramma si chiude di nuovo al formato Instagram e la canzone si sposta direttamente al successivo pezzo di sciocchezze della donna bianca (un'insalata di formaggio di capra).

Burnham non sta rompendo la quarta parete qui. Da tutte le indicazioni, entrambi i suoi genitori sono ancora vivi, vegeti e lo supportano. Una canzone precedente nei dettagli speciali del comico che cerca di avere una chiamata Facetime con loro. Burnham è quindi ancora nel personaggio di una donna bianca insulsa nella canzone. Eppure, tra tutti gli atteggiamenti irrilevanti sui social media da prendere in giro è un momento inaspettato di vero crepacuore. Suo Dentro il momento più straordinario di gentilezza ed empatia umana.

Burnham ha una relazione complicata con il suo pubblico e, apparentemente, con il resto dell'umanità in generale. Alto, allampanato e con un personaggio da palcoscenico conflittuale, è sempre stato un bersaglio popolare per i disturbatori. Nello straordinario numero di chiusura del suo speciale 2016 Far felice , dice al pubblico 'una parte di me ti ama, una parte di me ti odia, una parte di me ha bisogno di te, una parte di me ti teme'. Alla fine di questo speciale, Burnham emerge da 'Inside' con l'aspetto di un Howard Hughes trasandato. Un pubblico invisibile acclama estasiato il suo arrivo e lui cerca subito di rientrare dentro come un animale spaventato.

Il fumetto ha anche un rapporto altrettanto teso con la tecnologia e i social media. Il millenario consumato, Burnham ha iniziato la sua carriera di compositore e comico su YouTube e poi ha visto come lo spazio dei social media è diventato qualcosa di molto più aziendale e sinistro. Questo speciale da solo include canzoni in cui Burnham critica Jeff Bezos e adotta il personaggio dell'imbonitore di carnevale di Internet che promette 'un po' di tutto per tutto il tempo'.

'Instagram di White Woman' è quindi un sottoprodotto delle due cose che Burnham teme di più: la tecnologia e le altre persone. Ecco perché quel momento sincero nascosto in esso è così toccante. Come qualcuno che è venuto a esibirsi su Internet, Burnham capisce che la maggior parte dei post di Instagram sono spettacoli stessi. Ma proprio come le sue esibizioni, a volte qualcosa di sincero... qualcosa di reale si insinua.

Mentre Burnham ha un sofisticato vocabolario artistico attraverso cui esprimersi occasionalmente, la stragrande maggioranza dei suoi coetanei ha semplicemente totem personali e parole gentili e oneste. Nel caso di questa donna, tutto ciò che ha è una bella foto di sua madre e la verità cruda e cruda: mi manchi.

Bo Burnham: Dentro è un risultato straordinario. L'abilità artistica naturale di Burnham, il duro lavoro e la notevole qualità della produzione creano la strana sensazione di guardare l'ultimo uomo sulla Terra deteriorarsi in un bunker mentre il mondo lentamente finisce intorno a lui. In qualche modo, tuttavia, il suo coronamento è qualcosa di molto più semplice. Lo speciale riconosce che anche in mezzo a uno squallido inferno tecno-distopico e al decadimento culturale, chiunque è capace di onestà e vulnerabilità... anche se solo per un momento tra trappole della sete.

Bo Burnham: Dentro è disponibile per lo streaming su Netflix adesso.