Bucky Larson: Recensione Born To Be A Star

Bucky Larson (Nick Swardson) si ritrova nei guai dopo una disastrosa giornata di lavoro. Viene licenziato dal suo lavoro da garzone e torna a casa con le comodità della cucina casalinga e Yahtzee con i suoi genitori, che vivono in una casa modesta con mezzi modesti. I suoi amici lo invitano per tirarlo su di morale. Il loro piano? Mostra film sporchi a Bucky e lascia che gli anni '70 lo facciano sentire meglio. C'è solo un problema: il film ha come protagonisti i genitori di Bucky.

Giusto. Jeremiah e Debbie Larson (Edward Herrmann e Miriam Flynn) sono una coppia di leggende del porno degli anni '70, di nome Jim Spraysium e Rosie Bush, il che significa che Bucky Larson è nato per essere una star.

Salta sull'autobus, si dirige in California e fa subito amicizia con una simpatica e carina cameriera di nome Kathy McGee (Christina Ricci) e inizia a farsi strada nel mondo degli adulti. Sfortunatamente per Bucky, non è... ehm, abbastanza attrezzato per essere una pornostar, e apparentemente è a malapena equipaggiato a giudicare dalla reazione ridente che ottiene alla festa di Dick Shadow (Stephen Dorff).



Bucky viene umiliato, gettato in piscina e allontanato dai locali, ma la sua storia cattura l'attenzione di un ex tossicodipendente e perdente divorziato da nove volte di nome Miles Deep (Don Johnson), che riesce a trasformare Bucky Larson in un improbabile stella. La fama andrà alla sua testa tagliata da principe Valiant? Il suo nuovo nemico, Dick Shadow, gli rovinerà la vita?

Ancora più importante, a qualcuno interesserà questo terribile film?

Non c'è niente di peggio di una commedia che non sia divertente, e usando quel criterio, Bucky Larson potrebbe essere il peggior film che ho visto in tutto l'anno. Al mio spettacolo pomeridiano poco frequentato, il numero di volte in cui le persone hanno riso si può contare su una mano, e anche il numero di persone che hanno riso può essere contato su una mano. Sono tutt'altro che uno snob comico, e posso ammettere che le cose grossolane possono essere divertenti, ma questo era disgustoso e non divertente. A giudicare dalle reazioni impassibili degli altri a teatro, non sono solo.

Non è che i registi non cerchino di provocare reazioni comiche, ma questo fa parte del problema. Preparano scenette e forniscono lo scheletro di dove vanno le battute, ma in realtà non succede nulla di divertente. Ripeti questo per 96 minuti completamente troppo lunghi, spreca alcuni grandi attori secondari in ruoli terribili, fammi sentire male per Don Johnson e Christina Ricci, e poi per favore fammi tornare a casa.

Immagino che non puoi aspettarti molto. Il regista di questo particolare horror, Tom Brady, è il ragazzo dietro I ritorni e il pulcino caldo , quindi forse ha fatto Bucky Larson nel tentativo di far sembrare esilaranti gli altri suoi film. Non riesco a immaginare niente di peggio di questo. Non è fatto in modo terribile, tecnicamente, e il ritmo è buono come ci si può aspettare in un film che sembra ore e ore di tortura, ma la sceneggiatura è solo ... ugh.

La sceneggiatura, di Nick Swardson, Adam Sandler e Allen Covert, è solo un orribile miscuglio di battute stantie, cliché e odio.

Bucky ha un accento da prateria, quindi prendiamolo in giro! Bucky ha i denti da coniglio, quindi prendiamolo in giro! Bucky ha un taglio di capelli terribile, quindi prendiamolo in giro! Bucky è ben intenzionato e stupido, prendiamolo in giro! Bucky ha un pene minuscolo, quindi prendiamolo in giro!

I trailer raccontano l'intera storia e i trailer sono probabilmente la cosa più odiosa che abbia mai visto in televisione. Non aiuta il fatto che l'intero film sia incredibilmente meschino e pieno di odio. Anche le persone relativamente brave, come Miles Deep di Don Johnson, fanno e dicono cose terribili a/su Bucky.

Volgare può essere divertente. Stupido può essere divertente. Anche l'odio può essere divertente a piccole dosi. Bucky Larson: nato per essere una star non è divertente usare una metrica comica. Semmai, questo film funziona come un'anti-commedia, progettata per rimuovere le risate dal mondo.

Il corrispondente statunitense Ron Hogan si odia per aver visto Bucky Larson. Questo film dovrebbe essere scomparso nel 1984. Trova più di Ron tutti i giorni alle Shaktronics e PopFi .