Card Captor Sakura in arrivo su Netflix a giugno

È tempo di catturare alcune carte Clow in un'avventura mistica! Netflix ha appena annunciato una delle serie di ragazze magiche più amate di tutti i tempi sta arrivando negli Stati Uniti e in Canada. Card Captor Sakura , l'adorabile storia di una studentessa delle elementari che libera accidentalmente le magiche carte Clow sul mondo e deve riconquistarle con i suoi abiti magici e favolosi. Basato sul manga con lo stesso nome, l'anime originale è andato in onda per 70 episodi tra il 1998 e il 2000.

Quell'anime è stato diviso in due archi, che Netflix ora chiama gli archi 'Clow Card' e 'Sakura Card'. Entrambi faranno parte del calo di Netflix negli Stati Uniti e in Canada il 1° giugno. Anche dal promo, che potete guardare qui sotto, sappiamo che sarà incluso il doppiaggio inglese della serie.

Questo sarà il nuovo doppiaggio inglese che è stato fatto a Hong Kong dalla compagnia Animax Asia e non quello andato in onda su Kids WB nei primi anni 2000. Il doppiaggio di Animax è abbastanza fedele allo spettacolo (anche se la recitazione lascia molto a desiderare) e non include la pesante censura che era presente nella versione Kids WB dello spettacolo. Quella versione, che già utilizzava un doppiaggio alterato da Nelvana, è stata estremamente modificata con interi episodi tagliati e altri completamente rielaborati. Per fortuna Netflix non sta riportando quella versione per il suo pubblico di massa, per quanto nostalgico possa essere per alcuni che sono stati esposti per la prima volta al franchise attraverso di essa.

L'acquisizione dell'originale Card Captor Sakura l'anime non sembra includere il più recente Card Captor Sakura: Clear Card anime andato in onda nel 2018. Quello spettacolo è ancora disponibile per la visione tramite Crunchyroll.

Se stai cercando una serie super carina da guardare che abbia anche una sorprendente quantità di stranezza per uno spettacolo realizzato negli anni '90, Card Captor Sakura dovrebbe essere giusto per te. Lo spettacolo presenta molteplici cotte queer, in particolare tra il fratello maggiore di Sakura, Toya, e il suo migliore amico Yukito. Non lo rovinerò per chi non ha visto la serie, ma per la fine degli anni '90 questo era dannatamente strano.

E per quanto pesantemente censurata fosse la serie degli anni '90, possiamo ancora essere tutti d'accordo sul fatto che il tema di apertura sia un grande successo. Certo, non corrisponde affatto al tono della serie originale, ma ti fa comunque pompare!