Celebrando South Park: la colonna sonora di Bigger, Longer & Uncut

Questo articolo contiene spoiler e un linguaggio fruttato.

Nell'interesse di una completa divulgazione, concederò felicemente che questa non sarà una valutazione imparziale. In effetti, probabilmente dovrei confessare che considero i primi 30 minuti circa di South Park: più grande, più lungo e non tagliato per essere la cosa più divertente che abbia mai visto in un cinema, e molto probabilmente i trenta minuti più divertenti mai dedicati alla celluloide. Il fatto che non avessi avuto un attacco di cuore quando Cartman mi chiede se il signor Garrison vorrebbe succhiargli le palle è quasi un miracolo.

Lo shock di quella prima visione è qualcosa che non dimenticherò mai: la sua natura immediata e travolgente non era la norma per qualcuno che è più abituato a offrire risatine educate che grandi risate di pancia che rubano il respiro e lacrimano.



È facile capire perché potrebbe avere quell'effetto istantaneo, c'è un sacco di shock superficiale e molto del grottesco su di esso - una burlesca di linguaggio e riferimenti osé (specialmente quando provengono dalla bocca delle ragazze), gli insulti nocivi di Eric Cartman, il ribaltamento e la satira di idee cinematografiche comuni: sono tutte cose che mi attirerebbero all'istante...

E poi ci sono le canzoni. Oh mio, le canzoni.

'Perché i film ci insegnano cose che i nostri genitori non hanno il tempo di dire...'

In breve: città di montagna è un classico apri di teatro musicale; dal suo primo fiorire, accompagnato da uccelli azzurri sventolanti, South Park: più grande, più lungo e non tagliato usa la sua musica sia come stenografia molto astuta, sia come arma affilata. La musica consente anche ai riferimenti, ai cenni e agli scavi di accumularsi a un ritmo allarmante (alcuni articoli che ho letto citano qualcosa come 40 riferimenti ad altri media o eventi negli 80 minuti di durata del film), il che significa che hai devo avere una discreta padronanza della cultura americana per ottenere un sacco di battute.

Vale a dire: città di montagna dipinge immediatamente l'immagine di un mondo cinematografico perfetto Disney scimmiottando La bella e la bestia 's Belle, introducendo anche la 'realtà' meno che perfetta di Parco Sud . Ci permette di incontrare i nostri eroi, i loro genitori e l'antagonista principale del film (la madre di Kyle, Sheila Broflovski) come parte di una serie di divagazioni che stabiliscono il personaggio, e ci dà il nostro primo assaggio delle tematiche quando, nella culminante marcia di stringendo al Alla fine, i ragazzi cantano trionfalmente: “Via al cinema, dove impariamo tutto quello che sappiamo…”

Conosci il resto, vero?

città di montagna non è l'unica volta che le leggende Disney Howard Ashman e Alan Menken (vedi il nostro intervista con lui ) sono adottati come punto di riferimento musicale del film. Dato che erano la squadra che ha fornito gran parte della colonna sonora del 'rinascimento Disney' della fine degli anni ottanta/inizio anni novanta, francamente non sorprende.

Parodiare il loro lavoro ha due scopi: fonda la commedia su quelli che erano tropi musicali molto immediati dell'epoca. Evita anche di puntare ovvie frecciate all'altro grande duo di cantautori della Disney, i fratelli Sherman, e alla stima nostalgica in cui sono tenuti.

Se hai intenzione di fare una commedia musicale animata, a un certo punto dovrai scherzare su Disney, e lo stile Menken/Ashman era di gran lunga l'obiettivo più contemporaneo, rilevante, più ricco e più facile senza sembrare burbero o toccando i classici 'intoccabili' dell'età d'oro della Disney. Inoltre, lo stile Ashman/Menken è molto più simile a quello del teatro musicale moderno, rispetto alle canzoncine di derivazione pop 'The Boys' condite con i film di Walt (tra l'altro, I ragazzi: la storia dei fratelli Sherman è un orologio meraviglioso e agrodolce se hai la possibilità di vederlo), quindi sono più stilisticamente adatti al modo in cui Trey Parker lavorava con Marc Shaiman, coorte di lunga data di Bette Midler, alla musica.

In tutta onestà, però, mentre posso tenere il catalogo del revival Disney di quel tempo con un po' di affetto ora (soprattutto La bella e la bestia ), in quanto persona che ha compiuto 18 anni nel 1993, posso dire con sicurezza che l'interpretazione di Broadway di Menken/Ashman, spesso fluida e dai colori gospel, era l'antitesi di ciò che stavo cercando nella musica in quel momento, e vederla così smontato e rimontato in modo completo a immagine di Parker e Stone è stata un'esplosione iconoclasta.

È ancora uno spasso adesso, solo per motivi diversi.

'Non mangi, non dormi, non togli il prato, ti scopi solo tuo zio tutto il giorno...'

Se sia effettivamente così o meno, non posso dirlo, ma ho sempre visto i personaggi di Terrance e Phillip come l'impressione di Parker e Stone di altre persone che fanno un'impressione di loro. Mi piace pensare a loro come alla parodia dei peggiori sé possibili del duo... tutte battute sulle scoregge, insulti e voci fastidiose; tutto lo stile, niente sostanza, se vuoi.

Questo mi ha permesso di provare grande gioia nel leggere l'impareggiabile, giurante, Dipingi il tuo carro / Oklahoma brillantezza del riff di zio figlio di puttana come un enorme meta dito medio per tutti coloro che si sono lamentati Parco Sud l'influenza corruttrice di questo film, e chi sarebbe sicuramente arrivato al film quando sarebbe arrivato.

Anche se mi vengono in mente altri momenti nei film musicali che sono stati intenzionalmente offensivi – in realtà, solo Primavera per Hitler mi viene in mente proprio ora - nessun altro momento è così volutamente odioso e trash al riguardo. zio figlio di puttana è tutto ciò che è 'sbagliato' con Parco Sud confezionato in un piccolo amalgama di 'giusto'. È bello nella sua bruttezza grossolana. L'atteggiamento di Parker e Stone nei confronti dei loro nemici si è distillato.

Fin dall'inizio, Parco Sud scambiato per shock e offesa, ha racchiuso le sue storie in una patina di parolacce e scene rozze (non dimentichiamo mai che il primissimo episodio inizia con la routine 'calcia il bambino' e si conclude con Cartman che fa emergere una nave aliena dal suo didietro) e ha cercato di inimicarsi i crociati morali. Eppure la quantità di studi accademici seri che si sono concentrati sulla serie, seconda solo a I Simpson nei tempi moderni, scommetto, smentisce il lavoro che è stato impiegato per dargli sostanza.

Per capire un po' come Parco Sud posizionato come il bete noir della TV alla fine degli anni '90, aiuta davvero a gestire l'idea del 'V-chip'. Nel film, è un dispositivo che viene impiantato in Cartman nel tentativo di ostacolare il suo giuramento, un'abilità che ha affinato in modo significativo attraverso la visione multipla di T&P. culi di fuoco .

Tuttavia, il V-chip non è solo l'invenzione di Parker e Stone; esiste un vero e proprio V-chip, ed è obbligatorio installarne uno in tutti i televisori venduti negli Stati Uniti dal 2000 per consentire ai genitori di limitare l'accesso agli spettacoli in base alle valutazioni che ricevono. Infatti, uno di Parco Sud le prime pubblicità di Comedy Central, nel 1996, lo dichiaravano 'Il motivo per cui hanno inventato il V-Chip' - l'ironia di questo è, ovviamente, che una parte significativa di adolescenti che non dovrebbero guardare Parco Sud se i censori avessero la loro strada, cercherebbero immediatamente lo spettacolo. che in South Park: più grande, più lungo e non tagliato Cartman sovverte il suo V-Chip per vincere la giornata con un'esibizione virtuosa di parolacce è solo la ciliegina.

Dopo aver corrotto un senzatetto per portarli al cinema, una volta seduti i famosi cinque Parker e Stone si scatenano zio figlio di puttana in vero Cantando sotto la pioggia stile film nel film. È un'esca per la maggioranza morale piena di noia, piena di uno squisito assolo di scoreggia e un 'succhiami le palle' di chiusura. Un punto fermo che può anche essere rivolto direttamente a chi si offende.

Naturalmente, questa festa dell'offesa apparentemente nichilista è anche il motore della narrazione; tutto ciò che accade in South Park: più grande, più lungo e non tagliato è una reazione eccessiva al vedere un film che i bambini non avrebbero mai visto se i loro genitori avessero prestato più attenzione a quello che stavano facendo, e che probabilmente sarebbe scomparso se non ci fosse stato un tale furore mediatico intorno. Il che, un po', suona un po' familiare.

Nel frattempo per il resto del film, culi di fuoco le stelle incredule di 's vagano attraverso gli eventi perplesse e facendo battute più maleducate... Leggi dentro quello che vuoi.

'Non devi passare la tua vita dipendente da schiaffi, senzatetto per strada a fare seghe per il crack...'

Se un tema centrale di South Park: più grande, più lungo e non tagliato è l'abdicazione della responsabilità genitoriale per dare la colpa agli altri – ed è – il momento di Mr. Mackey sotto il sole è un'occasione per parodiare la cultura dell'auto-aiuto e dei piani a più fasi pedalati dalla psicologia popolare, dall'educazione sanitaria e dall'anti- propaganda sulla droga.

Aggiungete a ciò la natura perversa di far cantare ai bambini tutte le parole che non dovrebbero dire e altro ancora come parte di una crescente frenetica routine di vaudeville, prima di dichiararli tutti 'guariti', e vediamo che i realizzatori non lo fanno sembrano avere molto peso con approcci così permalosi. Questo è rafforzato quando tutti decidono immediatamente di trascorrere il loro tempo di 'riflessione' a guardare culi di fuoco ancora. Perché, ragazzi...

'Dobbiamo biasimarli e causare un polverone, prima che qualcuno pensi di incolpare noi!'

Incolpare il Canada è South Park: più grande, più lungo e non tagliato manifesto dell'antagonista, una marcia stridente che imposta il conflitto centrale del film. Si trova nel posto giusto all'interno del film per conformarsi alla tradizione musicale per tale esposizione (si pensi a Il Re Leone 'S Essere preparato , o ultimamente aggrovigliato 'S La mamma sa di più ).

A differenza di quelli, però, Incolpare il Canada non è un tentativo di far capire allo spettatore le motivazioni di un cattivo, ma piuttosto un esercizio per rivelare la loro ipocrisia in un testo che non lascia intatto nessuno dei genitori - che si tratti del fervido desiderio di Sheila di tornare indietro nel tempo, dell'incapacità di Sharon e Liane di attribuire qualsiasi colpa alla loro stessa prole, o all'idea da cerbiatto della signora McCormack di un futuro radioso per il figlio a cui ha recentemente detto che sarebbe andato all'inferno, tutti sono complici. Stanno anche cercando qualcun altro da incolpare, ovviamente. È il punto centrale di Parco Sud è satira, resa chiara, semplice e molto, molto divertente.

Incolpare il Canada ha ottenuto la nomination all'Oscar per la migliore canzone nel 2000, ovviamente, portando alla vista meravigliosamente surreale del compianto Robin Williams che fa esplodere (la maggior parte) dei suoi testi con un coro pieno per sostenerlo. Dietro quella performance, però, c'era la triste verità che la voce di Sheila Broflovski, Mary Kay Bergman, si era suicidata alla fine del 1999, pochi mesi dopo l'uscita del film. Lavorando sotto il nome di Shannen Cassidy, Bergman ha gestito la maggior parte dei ruoli femminili nelle prime stagioni dello spettacolo e del film, insieme a una serie di altri lavori di doppiaggio (da cui lo pseudonimo) per Disney e altri progetti di animazione, tra cui Den Of Geek preferito Il gigante di ferro , Scooby Doo , e molti altri. È una triste coda alla storia della canzone.

A quanto pare Williams non è stata la prima scelta per sostituire gli attori originali agli Oscar, però. La leggenda narra che ' quella cagna Anne Murray ” è stato chiesto anche di eseguire la canzone, ma impegni precedenti lo hanno impedito.

Che abbia ottenuto o meno il consenso dell'Academy perché era l'unica canzone della colonna sonora ad essere anche solo marginalmente adatta per la trasmissione in prima serata negli Stati Uniti (una sola scopata doveva essere rimossa) è discutibile. In un magistrale pezzo di ironia, l'opera di Satana Lassù non ha giuramento di sorta, ma possiamo immaginare che una canzone che ci implora di simpatizzare con la difficile situazione del desiderio di Satana di alzarsi dalla sua fossa infuocata di dannazione potrebbe non aver suonato troppo bene con alcuni importanti dati demografici.

Incolpare il Canada non ha vinto l'Oscar, ma dopo che Phil Collins ha ottenuto il Parco Sud trattamento circa un anno dopo (serie quattro Timmy 2000 ), non siamo troppo sicuri che fosse così felice di batterlo alla statuetta per il suo lavoro su Tarzan .

'Parla con i bambini di tutto il mondo, e potrebbe andare un po' qualcosa del genere...'

La prima delle canzoni riciclate nel film, La mamma di Kyle è una stronza è risorto come vetrina per Eric Cartman, una delle grandi creazioni a fumetti degli anni '90 e un esempio di parole e azioni egocentriche, ignoranti e politicamente scorrette. Permette anche alla banda di riff sull'apertura della canzone, con l'esteso 'weeeeeeeellll' e le minacce di Kyle che aumentano l'aspettativa per coloro che sanno cosa sta per succedere, e aumentano il pay-off quando la canzone finalmente esplode da Eric's grande bocca.

KMAB è apparso per la prima volta in Mr Hankey la cacca di Natale fin dal nono episodio della prima stagione, ma qui c'è un grande workover di Hollywood. Viene consegnato in una maniera spettacolare di bravura che mette in evidenza Cartman come il bullo culturalmente stonato che a quel punto avremmo imparato ad amare, aggiungendo anche una sezione giramondo con battute in cinese, francese, olandese e swahili (apparentemente) che gli permette vari cambi di costume – tra cui il trucco tipicamente verboten 'Charlie Chan' e 'Blackface' – solo per aumentare la quota shock e ulteriormente vittimizzare il suo 'amico' Kyle.

Parker e Stone stanno davvero giocando con noi, sfidandoci a immaginare di cosa sia capace Cartman. Già nel Occhio rosa (stagione uno episodio sette) lo abbiamo visto in un costume di Hitler, e la sua versione della logica non ricostruita, egoista e bigotta è centrale in molte delle trame della serie. È Cartman. Possiamo ridere dell'inadeguatezza di tutto questo, e i bambini sono crudeli, yo.

Quando se la porta a casa con una big band / showtopper blues di un finale che a Dean Martin sarebbe piaciuto, sei quasi scioccato dalla sottomissione. Solo che la posta viene alzata di nuovo dall'apparizione di Sheila per assistere in prima persona al crescendo.

La sua reazione, ovviamente, è una commedia d'oro profana.

'Voglio questo V-Chip fuori da me, ha bloccato il mio vocabolario...'

Non è la canzone più forte su South Park: più grande, più lungo e non tagliato la lista di, Cosa farebbe Brian Boitano? torna al Oklahoma vena musicale esplorata per la prima volta da zio figlio di puttana , con più svolazzi di archi in stile occidentale, permettendoci un piccolo riassunto sui punti principali della trama.

Molto più interessante, però, è Parco Sud 's relazione con l'omonimo pattinatore stesso.

La medaglia d'oro olimpica del pattinaggio artistico del 1988 viene menzionata per la prima volta da Parker e Stone nel secondo dei loro ormai leggendari Lo spirito del Natale corti, apparsi molto prima Parco Sud , nel 1992 e nel 1995.

Quel secondo film ( quindi NSFW ), un remake del primo sforzo collaborativo del duo, è stato sottotitolato Gesù contro Babbo Natale e realizzato con una commissione di $ 2.000 data loro dal dirigente della Fox Brian Graden, che voleva usarlo al posto di un biglietto di auguri in quella stagione festiva. Poiché stabilisce il modello per gran parte della caratterizzazione e dell'umorismo della prima serie, è generalmente accreditato come l'inizio del Parco Sud colosso che conosciamo oggi. Contiene anche il primo uso della frase 'Cosa farebbe Brian Boitano?', quando lo skater si presenta per offrire parole di saggezza agli eroi del film.

Boitano appare poi di nuovo nella prima stagione della serie vera e propria, accanto ad un altro South Park: più grande, più lungo e non tagliato personaggio di ritorno, Big Gay Al. Viene mostrato mentre pattina come parte di un grande numero musicale Va bene essere gay ...

Ironia della sorte, Boitano non si sarebbe dichiarato pubblicamente gay più di quindici anni dopo quella apparizione nello show, ma non sembrava sentirsi offeso dalle allusioni dello show. In effetti, sembra apprezzare l'esposizione che i riferimenti di Parker e Stone a lui hanno acquistato; è apparso in documentari sulla serie, ha scritto la prefazione al libro Guida alla vita di South Park e ha preso in prestito il gioco di parole della coppia 'Cosa farebbe Gesù?' per uno spettacolo di cucina chiamato Cosa farebbe Brian Boitano? (no davvero…).

Allora perché lui?

Ebbene, a quanto pare Parker e Stone hanno scritto lettere a Boitano per professare la loro ammirazione per lui e per i suoi successi sulla scia di South Park: più grande, più lungo e non tagliato – oltre a contribuire con opere d'arte originali alle magliette 'Cosa farebbe Brian Boitano?' che ha venduto per beneficenza. Fa tutto parte della meravigliosa casualità di Parco Sud è il pick'n'mix della cultura pop... Quello, e Brian Boitano scansiona molto meglio di John Elway se stai cercando di scrivere testi, immagino.

“Senza il male non può esserci il bene, quindi deve essere bene essere cattivi a volte…”

https://www.youtube.com/watch?v=3X2r1KcxdG0

Una versione diretta di Menken/Ashman's Parte del tuo mondo dal La Sirenetta , Lassù non è solo una bella parodia, ma un fantastico pezzo di progressione del personaggio che – come abbiamo detto prima – ci chiede di simpatizzare con Satana stesso e la sua vita negli inferi. Ovviamente, il gemellaggio con la melodia più sdolcinata di tutte è un commento diretto su come la musica viene utilizzata per manipolare le emozioni del pubblico, una satira intensificata dall'istrionismo vocale del climax in falsetto della canzone e dalle trappole gospel.

Viene fornito anche con alcune delle migliori gag visive del film, da Satan in attrezzatura da trekking, attraverso i cantanti di supporto, alla USS Manhandler.

“Ma è così che va, in guerra, sei cagato addosso! Anche se muori, La Resistance continua a vivere!”

Un punto fermo del teatro musicale è il finale del primo atto, e qui South Park: più grande, più lungo e non tagliato va dritto a uno dei classici, I Miserabili ' Un giorno in piu , per il suo punto di riferimento. Abbiamo già fatto preparare il terreno a The Mole con il suo atteggiamento cinico e gallico nei confronti della vita e di Dio, quindi il passaggio dalle melodie di Broadway è ben prefigurato.

Tuttavia, il Gavroche di questo film non ha un momento musicale sotto i riflettori, e spetta a Gregory consegnare la chiamata alle armi. Mentre la sua melodia iniziale ricorda più Il set ' Senti le persone cantare , mentre il resto del cast sovrappone il medley diventa chiaro che questo riassunto musicale di tutto ciò che è successo prima è la fine dell'inizio per i nostri eroi - sfortunatamente, è l'inizio della fine per la musica in South Park: più grande, più lungo e non tagliato , come niente nel secondo atto, anche la ripresa sottovalutata di città di montagna che chiude il film, arriva quasi a superarlo.

La mancanza di an 'Numero ore 11' è, forse, il grande difetto del film. Preferisco lanciarlo, tuttavia, come indicazione di quanto sia buona la musica nel primo atto. Sicuramente ci manca quando non c'è più, questo è certo – e non importa quanto sia divertente la gag di Windows/Bill Gates, né l'epico hadouken di Cartman, nessuno dei due può colmare il vuoto.

'Mi piace uccidere, mi piace mutilare, sì, sono pazzo, ma va bene perché posso cambiare.'

Ehi, se Satana può avere una canzone, perché non Saddam Hussein? Che diavolo, vero? Facciamogli fare una versione di quella di Ursula Povere anime sfortunate a partire dal La Sirenetta , giusto? a differenza di Lassù , tuttavia, il turno di Saddam non fa molto per aggiungere alla nostra comprensione del personaggio, a parte evidenziare il suo stile sulla sostanza e la doppiezza e sottolineare che è davvero il piccolo culo sabbioso che supponiamo sia (probabilmente il punto, scontato).

È un peccato, però, perché il film ha appena fatto di tutto per farci simpatizzare con Satana, il Signore Oscuro in persona... Eppure Saddam è così superficiale che non capiamo mai davvero come possa essere preso in giro da un tale stronzo. Lo so, sto parlando di Parco Sud qui, ma ora sono investito, e lo farò.

Io posso cambiare è divertente, e presenta dei bei giochi di parole, ma è forse il più leggero di tutti gli intermezzi musicali qui presenti (anzi si riduce a un balletto che, dato Parco Sud lo stile di animazione di , è tutt'altro che impressionante). Probabilmente adatto, però, dato che deriva dal più superficiale dei personaggi.

Il fatto che la scena si concluda con un effetto sonoro sghignazzante è un giusto risultato, in quanto è un'inquadratura un po' scadente, come questa canzone.

'Il mondo intero è andato all'inferno, ma tu come stai?'

Un ultimo tentativo di uno showtopper da mordere le nocche, Big Gay Al - un personaggio ricorrente irregolare in tutta la serie - ottiene la sua parodia dello spettacolo USO Sono Super per chiudere una notte di intrattenimento selvaggiamente inappropriata per le truppe.

Ancora una volta, però, è un'altra indicazione di come il film scade, musicalmente parlando. Queste canzoni sono intermezzi che si frappongono tra noi e le progressioni della trama, non portano più avanti il ​​film. Anche se, a quanto pare, potrei aver passato più di uno strano pomeriggio passeggiando per casa cantando l'inno di Al per me stesso, non potrei mai sostenere che si tratti di un capolavoro – e nemmeno della sua inclusione nel film. È una parentesi e poco più. È un vero peccato, perché - a soli 81 minuti - South Park: più grande, più lungo e non tagliato è comunque un cortometraggio, quindi pensare che fosse imbottito è un po' deludente.

'Certo, la vita è un po' gay, ma non sembra così, attraverso gli occhi di un bambino'.

Dopo il finale del film si affida alla rivisitazione città di montagna , questa è l'ultima pugnalata di Parker e Shaiman alla Disney degli anni '90. La ballata del titolo finale (cantata dal veterano cantante di ballate Michael McDonald) sembra un'inquadratura dritta del sentimentalismo Disney sdolcinato... Ed è - probabilmente Puoi sentire l'amore stanotte , nello specifico. In verità, però, è un triste sostituto di un numero di chiusura davvero eccezionale.

Quindi, qui sta il genio

Leggendo quello che ho detto su queste ultime tre canzoni, potresti dubitare del mio impegno nei confronti della premessa di questo articolo. Eppure, mentre South Park: più grande, più lungo e non tagliato sicuramente bandiere nel secondo atto, che non toglie nulla al lavoro eccellente svolto nel primo atto quando consideriamo esclusivamente la musica. Il genio qui sta prendendo una formula 'seduta' accettata e distorcendola per formare qualcosa di nuovo e scioccante - anche se quello shock è il burlesque di zio figlio di puttana .

Il teatro musicale è la nave per gran parte di South Park: più grande, più lungo e non tagliato è la commedia, ma non è il suo punto focale. Al contrario, i temi generali del film – la censura, l'abdicazione della responsabilità personale a favore della colpa della “società”, l'uso dell'oltraggio morale per il capitale politico e l'idea dei bambini/infanzia come qualcosa (nelle parole di Ted Gournelos , nel suo eccellente libro Studi culturali e il Tao di South Park ) “simultaneamente pericoloso e in via di estinzione” – sono infilzati usando il genere al suo pieno effetto. Più grande, più lungo e non tagliato Il primo atto è così buono perché ha esteso ciò che sapevamo sull'efficacia dei musical oltre ciò che eravamo abituati a vederli fare.

Il fatto che non sia stato in grado di sostenere lo standard molto elevato che ha fissato per l'intera corsa probabilmente non è sorprendente, solo un po' deludente. Le lunghe tirature teatrali sono state fissate su meno melodie e libretti meno interessanti rispetto ai primi 40 minuti di questo film, questo è certo.

Come satira, dice efficacemente: guarda cosa puoi fare con questi strumenti musicali e questo genere quando smetti di occuparti di cliché e pigrizia ispirata al jukebox. In un'epoca in cui i musical americani erano l'ombra dei loro cugini transatlantici, era quasi un grande musical americano.

È un manifesto, sia nella forma che nella funzione, senza mai diventare una conferenza. Né la storia si spezza mai sotto il peso delle sue stesse allusioni culturali e riferimenti incrociati, soprattutto perché racchiude una così grande quantità del suo commento nelle sue digressioni musicali perfette (letteralmente e metaforicamente) piuttosto che nei dialoghi.

In termini di reinventare ciò che un musical è, o è per, ci sono voluti più di 15 anni per Hamilton arrivare e lanciare un razzo nel genere nel modo in cui direi Parco Sud fatto. Nel loro lavoro con Robert Lopez su Il Libro di Mormon Parker , Stone potrebbe aver perfezionato il modello di commedia musicale che hanno creato qui insieme a Marc Shaiman, ma non sono riusciti a ripetere lo shock al sistema South Park: più grande, più lungo e non tagliato era. Quando Stephen Sondheim ti sceglie per elogiare e chiama il tuo musical 'fantastico' e 'meraviglioso', sai che stai facendo interessante con il formato, giusto?

Il trucco è che, quando vengono cooptati i tropi del teatro musicale South Park: più grande, più lungo e non tagliato non sono mai oggetto delle sbavature lanciate; è il loro uso nei media più ampi (soprattutto Disney), per manipolare la narrativa e le emozioni, che ci viene impedito di vedere. Formano un bozzolo all'interno del quale gli scrittori possono giocare con un umorismo selvaggiamente inappropriato, sia linguisticamente che in termini di accompagnamento visivo. Questo è stato a lungo il caso... allo stesso modo in cui siamo felici di vedere Gene Kelly e Donald O'Connor terrorizzare il loro insegnante di dizione e distruggere una stanza in Cantando sotto la pioggia . Parco Sud diventa solo più grezzo e più meta con esso. Nessuna sorpresa lì.

Anche se possiamo ridere dell'argomento delle canzoni, del linguaggio in esse contenuto e dell'effetto che hanno sui personaggi del film, in nessun momento durante Più grande, più lungo e non tagliato siamo invitati a ridere dell'atto di cantare e ballare. È la gioia che il film trae nell'opera che lo rende così piacevole e rafforza il messaggio delle canzoni con un effetto così grande.

In un film che aveva molto da dire sulla cultura popolare a cavallo di un millennio, non ci hanno mai fatto sentire come se dovessimo sentirci in colpa per aver apprezzato così tanto le sue svolte musicali.

Segui il nostro Feed di Twitter per notizie più veloci e brutti scherzi proprio qui . e sii nostro amico di Facebook qui .