Commando è ancora un film d'azione iconico degli anni '80

Immagina di essere Arnold Schwarzenegger circa 1985. Hai vinto la competizione di bodybuilding Mr. Universe cinque volte e Mr. Olympia sette volte. Trasferitosi negli Stati Uniti nel 1968 con il sogno di diventare una star del cinema, hai fatto la tua prima apparizione cinematografica in due anni (il più dimenticato Ercole a New York ) ed è riuscito a ottenere un Golden Globe per il tuo turno in Bob Rafelson's Sii affamato (1976).

A metà degli anni '80, hai ottenuto due enormi successi al botteghino: Conan il Barbaro nel 1982 e Il Terminator nel 1984. Ok, quindi hai avuto alcuni passi falsi lungo la strada ( Sonja rossa non ha esattamente dato fuoco al mondo, e tanto meno se ne parla Conan il Distruttore , meglio è), ma ammettiamolo: hai ancora solo 38 anni, sei costruito come una statua greca e sei una star. Il mondo è ai tuoi piedi.

Regia di Mark Lester ( Classe 1984 , Avviatore di fuoco ), del 1985 Commando è intriso della spavalderia di Schwarzenegger nella sua pompa. Arnie interpreta il soldato d'élite in pensione, il colonnello John Matrix, che non vuole niente dalla vita che vivere in una capanna tranquilla con sua figlia Jenny (Alyssa Milano) e occasionalmente portare dei tronchi d'albero nel suo cortile. Ma poi un gruppo di malvagi mercenari rapisce l'amata figlia di Matrix - il loro pensiero è che questa mossa aggressiva spingerà Matrix a far fuori il leader del paese sudamericano di Val Verde, permettendo così al cattivo principale Arius (Dan Hedaya) di prendere il potere.



Grosso errore.

Invece di fare come gli è stato detto, Matrix fa un balzo in avanti da un jumbo jet a metà del decollo e inizia a farsi strada verso il covo dei cattivi, una villa pesantemente difesa su un'isola remota. Lungo il viaggio c'è l'assistente di volo Cindy (Rae Dawn Chong) che fa volare Matrix in un aereo e dice cosa sta pensando il pubblico ('Non posso credere a queste stronzate da macho!').

leggi di più: I film sottovalutati del 1985

Chi non apprezza il cinema d'azione degli anni '80 potrebbe scrivere Commando come un altro esempio di sciovinismo della tarda Guerra Fredda, ed è giusto dire che probabilmente non sarebbe esistito senza artisti del calibro di Primo sangue per spianargli la strada. Ma Commando è ben consapevole di quanto sia folle; la prima scena in cui Matrix e sua figlia danno da mangiare a un cervo è oltre la parodia proprio perché è servita con un tale svolazzo consapevole. Commando non è pensato per riflettere la realtà; parla di un enorme bruto di un ex soldato che può strappare una cabina telefonica e tenerla in alto con un cattivo che ancora si aggira al suo interno.

Stranamente, Commando non è stato scritto come un veicolo Schwarzenegger più grande della vita, ma come un film su un soldato stanco costretto a combattere dopo il rapimento di sua figlia. La sceneggiatura originale è stata co-scritta da Jeph Loeb, che è meglio conosciuto in questi giorni per la sua scrittura di fumetti - Batman: Il lungo Halloween e Silenzio – ed essendo il capo di meraviglia TV.

Insieme a una bozza di Teen Wolf , Commando è stata tra le prime cose che Loeb abbia mai scritto – all'epoca aveva ancora vent'anni e stava cercando di entrare nel mondo del cinema. Loeb e il suo compagno di scrittura Matthew Weisman originariamente immaginavano Matrix come un personaggio più anziano e fuori condizione – Nick Nolte e l'ex rockstar dei Kiss Gene Simmons sono stati considerati – ma quando Commando è stato scelto come un film di Schwarzenegger dal produttore Joel Silver, il tono ha cominciato a cambiare. Lo sceneggiatore Steven E. De Souza (che poi scriverà, tra l'altro, il classico Il duro ) ha spostato il tono per adattarsi all'immagine eroicamente buff di Schwarzenegger, con alcune battute frizzanti da abbinare - non ultima la superba battuta, 'Ricordi, Sully, quando ho promesso di ucciderti per ultimo? Ho mentito.'

Il marketing per Commando è stata una delle grandi prese in giro della metà degli anni '80. Ricordo ancora il poster e la copertina del video, che non offrivano altro che un'immagine di Schwarzenegger, vestito con tute da combattimento e armato fino ai denti, mentre fissava l'obiettivo con fredda determinazione.

leggi di più: Le migliori uccisioni di Arnold Schwarzenegger

Tutto ciò implicava fortemente che Arnold avrebbe trascorso praticamente l'intero film correndo vestito da soldato, probabilmente uccidendo i cattivi in ​​una foresta da qualche parte. In realtà, la maggior parte del film vede Matrix in generale in una versione fantastica di Los Angeles, dove i poliziotti dei centri commerciali possono essere buttati giù dalle scale mobili e i colpi sparati in una zona commerciale senza che venga chiamata una squadra di risposta armata, e dove i negozi di armi locali hanno lanciamissili e mitragliatrici colossali di livello militare messi al sicuro sul retro.

Ci vuole assolutamente un'eternità perché Matrix finalmente indossi la tuta e si metta al lavoro, e posso ancora ricordare la frustrazione di me stesso e dei miei amici mentre eravamo sdraiati davanti alla televisione, i pugni serrati sotto il mento, a guardare Commando su VHS nei primi anni '90. 'Questo è buono e tutto', abbiamo detto, 'ma quando prenderà una mitragliatrice e granate e cose simili?'

Sono circa 60 minuti prima che Matrix finalmente metta i colori di guerra, e il ragazzo è l'attesa che vale la pena. Mark Lester non è quello che chiameresti un regista con una visione singolare o anche molto finezza. Ma in Commando la goffaggine sta nel suo fascino; c'è qualcosa di carino nei bordi frastagliati della produzione, dove puoi vedere manichini fermi nel mezzo di un'esplosione, o gli arieti progettati per lanciare extra in aria quando esplode una granata.

C'è anche la sensazione che l'attore Vernon Wells, che è venuto in America per fare fortuna dopo aver fatto a pezzi lo schermo in Mad Max 2: Il guerriero della strada , sa in cosa si è cacciato qui. Ridacchia e sogghigna nel ruolo di Bennett, un mercenario con un'ascia da macinare con John Matrix.

leggi di più – Cobra: il film d'azione Vanity di Stallonellone

Come sottolinea Rae Dawn Chong in uno dei Commando caratteristiche extra del disco, sembra stranamente che Matrix e Bennett siano ex amanti che stanno attraversando una rottura disordinata, la loro furia sessuale repressa che si manifesta come una serie di fumanti combattimenti omoerotici al coltello. Il cattivo nominale Arius riesce a malapena a dare un'occhiata, probabilmente perché Lester si è reso conto che lo schiaffo Matrix-Bennett è dove sta l'oro. La loro lotta culminante, direi, è il cinema d'azione degli anni '80 più vicino alla scena del wrestling intorno al fuoco da Donne innamorate . Puoi percepire la tensione sessuale nell'aria quando Bennett strilla la linea d'oro, 'Non ho intenzione di spararti in mezzo agli occhi, John! Ti sparo tra le palle!”

Lo stesso Lester in seguito disse che considerava Commando come un pezzo volutamente esagerato della pop-art warholiana. Non sono sicuro se sia vero o se stia riscrivendo la storia per se stesso; quando ha sparato Commando 30 anni fa, lui o chiunque altro avrebbe potuto immaginare che la gente ne avrebbe effettivamente parlato nel 21° secolo, per non parlare del rilascio di versioni casalinghe incontaminate in cui è possibile vedere le giunture negli effetti speciali? Poi di nuovo, Lester potrebbe avere ragione; a suo modo, Schwarzenegger ritaglia una figura archetipica in Commando è quasi lassù con le molteplici stampe di Warhol di Elvis vestito da cowboy.

Sylvester Stallone potrebbe aver pensato di aver conquistato il mercato dei pali dei super soldati con Rambo, ma Schwarzenegger si taglia il proprio solco come Matrix. Stallone è sempre stato il soldato bastonato segnato dalle sue esperienze come macchina per uccidere; Schwarzenegger, d'altra parte, è più simile a un dio che è arrivato sulla Terra e si diverte abbastanza a sparare a tutti questi piccoli sicari che continuano a intralciare la sua enorme mitragliatrice.

Il livello di violenza in Commando ha portato a diverse scene tagliate sulla sua uscita nel Regno Unito. Le modifiche più significative sono state apportate alla scena in cui Schwarzenegger utilizza una casetta da giardino piena di strumenti - rastrelli, asce, lame di seghe circolari - per uccidere un gruppo di soldati ignari. Quelle scene sono ora tornate alla loro gloria cruenta in Commando: Director's Cut , che aggiunge anche circa due minuti di dialogo e riprese alternative che erano assenti dal montaggio teatrale originale.

Commando non ha fatto tanti soldi come Primo Sangue Parte II , pubblicato all'inizio del 1985, ma l'immagine di Schwarzenegger che si preparava prima del suo assalto alla casa di Arius aveva il suo impatto culturale. Quella sequenza è stata rimossa all'ingrosso e ricreata con grafica pixel per il classico gioco sparatutto arcade operazione Lupo , pubblicato nel 1986. Anche il soldato con cui giochi in quel gioco sembra essere modellato su Matrix e condivide persino la pericolosa abitudine di appendere le granate dalle sue tute per i loro spilli.

Guardando di nuovo quelle granate penzolanti addosso Commando ' copertina, e mi colpisce che sia il perfetto riassunto del fascino del film. Nonostante tutta la sua violenza sanguinaria, c'è un'innocenza nel film. Schwarzenegger riesce a fare tutti i tipi di cose orribili perché interpreta lo stesso ruolo che abbiamo noi come spettatore: sta recitando la fantasia di un soldato e si gode ogni minuto di essa. Certo, sbaglia cose, come appendere le granate per i loro spilli, il che significa che inciampare potrebbe farne esplodere uno, ma va bene - probabilmente faremmo lo stesso errore in quella situazione.

Prima che esistesse lo sparatutto in prima persona, Commando era quanto di più vicino potessimo arrivare ad essere un super soldato di ghisa. Per quei 100 gloriosi minuti, abbiamo un'idea di come deve essere stato essere Schwarzenegger nei suoi anni '80. E ragazzo si sente bene.