Fear the Walking Dead Stagione 6 Episodio 11 Recensione: The Holding

Fear the Walking Dead Stagione 6 Episodio 11

Dopo mesi di attento accumulo iniziati nella quinta stagione, Temete i morti che camminano finalmente mette a fuoco il misterioso culto apocalittico di THE END IS THE BEGINNING. Scritto da Channing Powell (che ha più Il morto che cammina scrivendo crediti a suo nome), 'The Holding' risponde a molte domande su questo misterioso gruppo. Alla fine, Alicia incontrerà persino l'enigmatico leader del culto, Teddy. Ma prima di quel fatidico incontro, il paradiso sotterraneo di Teddy andrà in fiamme, come richiesto da una miriade di Morto che cammina tropi e regolamenti dell'universo.

Devo dire che, per quanto riguarda i culti del giorno del giudizio post-apocalittico, la Holding sembra davvero un bel posto per cavalcare la fine del mondo. Situato in un garage sotterraneo convertito, il gruppo ha tutto ciò di cui ha bisogno, dall'elettricità all'acqua, all'abbondanza di selvaggina e prodotti freschi. Seriamente, questo è il tipo di utopia autosufficiente a cui Morgan aspira con il suo insediamento alle prime armi. Neanche agli estranei è permesso portare armi all'interno della Holding, qualcosa che i nuovi visitatori Alicia, Wes, Al e Luciana imparano dal collega di culto Riley (Nick Stahl). Tranne che la nostra banda di intrusi non sono visitatori. No, agli occhi della setta, sono reclute fresche. In effetti, il loro scetticismo stanco è davvero il benvenuto! Perché una volta che i cinici accettano il messaggio di Teddy, significa che sono veri convertiti ai suoi insegnamenti del 'cerchio della vita'.

La cosa interessante dell'introduzione di un'altra fazione zelante non è il suo prevedibile ventre marcio. Piuttosto, ciò che affascina è che per gli indottrinati, loro il gruppo ha sempre ragione. Pensaci: che seguano Teddy, o Virginia, o Jeremiah Otto, o Celia Flores, alla fine è lo stesso. Dopotutto, ognuno è un eroe nella propria storia, come dice il proverbio. Luciana è già stata qui, ovviamente. Tranne Alejandro ha sfruttato un aspirante miracolo per costruire la sua La Colonia murata.



Nonostante il loro cinismo collettivo, Riley è ancora in grado di superare le loro difese per aprire vecchie ferite. Alicia, Luciana, Al e Wes hanno perso qualcuno di importante per loro. (Fino a questo episodio, non mi è mai venuto in mente che ognuno di loro avesse perso un fratello.) Nel caso di Wes, è questa perdita che modella il primo incontro di Alicia con lui nell'eccellente stagione 5 'Sei ancora qui.' Come ho detto all'epoca, Wes di Colby Hollman è stata una gradita boccata d'aria fresca e un antidoto all'incessante altruismo di quella stagione. Non aveva bisogno di guarigione e non voleva essere salvato. Piuttosto che essere ispirato dai video di reclutamento del Team Morgan, si è ritirato ulteriormente nel proprio scetticismo. E perché non avrebbe dovuto perdere suo fratello Derek all'inizio dell'apocalisse?

In una stagione piena di colpi di scena interessanti, rivelare che Derek è stato davvero vivo per tutto il tempo è un bel colpo di vento. Come incarnato da Chinaza Uche (che potresti conoscere da Apple TV+'s Dickinson ), Derek è tutto calore e amore fraterno. Ma mentre la sua sopravvivenza porta a una riunione inaspettata (e in lacrime) con suo fratello, solleva anche molte domande per Wes. E più lui, Al e gli altri continuano a cercare risposte, più domande vengono sollevate nel processo. Wes vuole credere al meglio di suo fratello, anche se i suoi dubbi continuano a crescere, e specialmente anche quando diventa chiaro che Derek è responsabile del sabotaggio di Tank Town.

Se ricordi, in questa stagione season 'Seppellirla accanto alla gamba di Jasper', Wes era nei campi petroliferi quel giorno, ed è stato quasi ucciso da una scheggia. Sebbene non sia il mio episodio preferito della stagione, 'Jasper' si rivela un pezzo importante del puzzle più grande che comprende il culto del giorno del giudizio di Teddy. Sebbene il gruppo possa essere sottoterra, hanno occhi e orecchie ovunque. Quindi per Wes è logico che Derek dovere sapeva che suo fratello era a Tank Town quel giorno. La risposta di Derek, 'Le persone sono persone', è un'agghiacciante non risposta, a meno che non ricordi che lo stesso Wes ha detto questo ad Alicia in 'Sei ancora qui' come un modo per spiegare il lato più oscuro e prevedibile della natura umana.

Che Derek offrisse a suo fratello una tale banalità e vacuità, preoccupa molto Wes. Questo è qualcuno che ha idolatrato in vita e idolatrato in morte. Come ho detto, la stessa assenza di suo fratello ha informato così tanto della visione del mondo di Wes, e non in senso positivo. Wes ha fatto tanta strada da quando ha incontrato Alicia ed è entrato a far parte dell'equipaggio di Morgan. Capisce che le persone sono capaci di cambiare, lui compreso. Questa lezione non è sdolcinata, non è forzata, fa parte del risveglio morale di Wes. Se lui può cambiare, può farlo anche Derek.

Cioè, se Wes riesce a convincere suo fratello a smettere di trangugiare il Kool-Aid. Derek, però, è così saldamente radicato negli insegnamenti di Teddy, così totalmente coinvolto nella distruzione del mondo esterno, che ucciderebbe suo fratello. Sfortunatamente, come abbiamo visto nel mondo reale, le teorie del complotto possono avvelenare le menti e distruggere le famiglie.

Lo ammetto, mentre Derek e Wes si sono aggrappati alla pistola, ho davvero pensato che avremmo salutato Colby Hollman questa settimana. Il che sarebbe stato un peccato, visto che Wes mi piace molto, almeno quando ha qualcosa da fare.

Questo è anche il punto della storia in cui la bruttezza della Holding viene finalmente portata alla luce. Non solo sono scettici non benvenuti, sono segretamente imbalsamati e incatenati in una stanza nascosta. E non lo sapresti, il liquido per l'imbalsamazione sembra essere infiammabile. Alicia sceglie di rimanere indietro mentre i suoi amici scappano in modo da poter dare fuoco personalmente (e da sola) al posto.

È solo quando incontriamo Teddy in carne e ossa che 'The Holding' passa da un buon episodio a uno fantastico. Ascoltare le dichiarazioni registrate di Teddy trasmesse all'infinito attraverso gli altoparlanti è una cosa, ma John Glover comanda lo schermo nel momento in cui appare, assomigliando in ogni modo al carismatico leader di un culto del giorno del giudizio. Glover fa miracoli con i pochi minuti in cui è sullo schermo, brandendo parole come armi, tagliando profondamente Alicia con intuizioni astute sui suoi amici e anche su Madison. Potrebbe non volerlo ammettere, ma Alicia ha trovato la sua corrispondenza. Teddy è davvero il cattivo che Paura merita. E va detto che la sesta stagione si preannuncia costantemente come una delle migliori dello show.