Fear the Walking Dead Stagione 6 Episodio 8 Spiegazione della morte

Pochi Temete i morti che camminano i fan avranno dimenticato la morte scioccante di Nick Clark nella quarta stagione, ma anche quella svolta potrebbe impallidire in confronto al momento più tragico della premiere di metà stagione della sesta stagione. Infatti, 'La porta' potrebbe essere l'episodio più oscuro dello show fino ad oggi.

John Dorie è alla fine della sua corda all'inizio dell'episodio. Incapace di fermare l'esecuzione di Janis, che è stato incastrato per l'omicidio di Cameron da Virginia all'inizio della stagione e poi dato in pasto a un gruppo di vagabondi affamati, e poi costretto a lasciare Lawton senza la sua amata June, John sente di non avere più nulla per cui vivere . In 'The Door', apprendiamo che John è tornato nella sua cabina e ha intenzione di suicidarsi. Ma come Il morto che cammina i fan lo sanno ormai, niente è mai così facile.

Prima che possa togliersi la vita, John viene interrotto prima dai vaganti, e poi si imbatte in Morgan e Dakota, che cercano di convincerlo a tornare con loro nel nuovo insediamento segreto che Morgan sta costruendo per il suo gruppo. Tuttavia, tutto questo cade nel vuoto, poiché John è convinto di non essere più utile a nessuno e di non essere abbastanza forte da impedire ai cattivi di superare i buoni.



Cioè, fino a quando John Dorie scopre che Dakota era la persona che ha ucciso Cameron. Questo cambia qualcosa in John. Improvvisamente si anima con un nuovo scopo: come ha fatto per altri personaggi nelle stagioni precedenti, John ora sente di poter aiutare Dakota a tornare alla luce dopo aver smarrito un sentiero oscuro. Rispecchia davvero il modo in cui Nick voleva salvare Charlie dopo aver tradito la sua famiglia nella stagione 4. Sfortunatamente, come Nick, John è troppo tardi.

Ma Dakota non ha bisogno di un salvatore, ha bisogno di mantenere segreta la verità sull'omicidio di Cameron, quindi spara a John e lo spinge giù da un ponte, presumibilmente in una tomba d'acqua sottostante. Come se questo tradimento non fosse abbastanza crudele, per un momento, 'The Door' ci dà la speranza che John possa in qualche modo sfuggire a questo destino mentre lo guardiamo in qualche modo recuperare la forza per tornare in superficie. Ma come l'inquadratura e l'esecuzione di Janis, l'ultima resistenza di John è solo una direzione sbagliata.

John si lava a terra ma è già andato. Quando June lo trova, è morto ed è tornato come un vagante che striscia verso di lei per un ultimo boccone. June è costretta a metterlo giù per sempre.

Questo destino finale per John è tragico da tutti i punti di vista. Non solo la sua morte rispecchia quella di Nick, ma l'ultima scena di John come vagante richiama la prima volta che ha incontrato June, che ha trovato privo di sensi fuori dalla sua cabina nella stagione 4. Ora è il turno di June di tirarlo fuori dall'acqua, ma anche lei è molto tardi. Un oscuro fermalibri per il loro matrimonio e la storia di John.

Garret Dillahunt, che ha interpretato John Dorie per due stagioni e mezzo, offre senza dubbio la sua migliore performance in Temete i morti che camminano , mostrandoci gli strati più profondi del dolore del suo personaggio, e poi la breve scintilla di speranza che Dakota spegne quasi immediatamente. Essendo uno dei personaggi più amati delle ultime stagioni, la morte di John arriverà troppo presto per molti fan.

Ma come l'attore ha rivelato a EW , è stata una sua scelta quella di essere cancellato dallo show. Dillahunt aveva inizialmente contattato gli showrunner Andrew Chambliss e Ian Goldberg per l'uscita di John nella quinta stagione, e da allora gli sceneggiatori avevano pianificato la partenza del personaggio.

'Ho adorato il mio tempo in questo show e lo amerò sempre', ha detto Dillahunt a EW, dicendo che sentiva che era tempo per lui di passare a qualcos'altro. “Divento un po' nervoso dopo un po', e non sono più un ragazzino, e ho alcune cose che volevo fare. E sono solo fortunato che abbia funzionato'.

Dillahunt ha anche rotto le ultime parole di John nello show, e probabilmente ti torcerà il coltello nello stomaco se stai piangendo il personaggio oggi. Secondo l'attore, l'ultima battuta di John ha lo scopo di mostrare che ha deciso che vuole davvero vivere. Ma il suo tempo è scaduto.

'Abbiamo riarrangiato un po' quelle ultime battute prima che mi sparassero in modo che l'ultima cosa che dico fosse, 'Non è quello che voglio'. Volevo che fosse l'ultima cosa che dice prima che gli sparino. È un po' crudele, ma è anche, drammaticamente, davvero interessante', ha detto Dillahunt. “La tragedia di questo, di tipo ‘voglio morire, voglio morire. Sai cosa? Non voglio morire.' E poi vieni ucciso da un altro metodo. È quasi come Romeo e Giulietta quando uno prende il veleno, e poi l'altro si sveglia, e tu dici, 'Oh aspetta, aspetta, aspetta, aspetta.'”

Temete i morti che camminano va in onda la domenica alle 21:00 ET su AMC.

Autore

Rick Morton Patel è un attivista locale di 34 anni a cui piace guardare i cofanetti, le passeggiate e il teatro. È intelligente e brillante, ma può anche essere molto instabile e un po' impaziente.

Lui è francese. È laureato in filosofia, politica ed economia.

Fisicamente, Rick è in buona forma.