Recensione di Ferdinando

Il classico libro per bambini La storia di Ferdinando è stato stampato continuamente da quando è stato pubblicato per la prima volta nel 1936. All'epoca era accusato di promuovere il fascismo, il pacifismo e l'anarchismo, come alcuni vedevano il personaggio del titolo: un enorme toro che preferiva sedersi e annusare i fiori piuttosto che entrare in una cruenta battaglia nell'arena - come simbolo per i lavoratori in sciopero. Al giorno d'oggi Ferdinand sarebbe considerato un fiocco di neve o un gradito sollievo da tutta la belligeranza e il rancore del mondo, ma ci piacerebbe pensare che il suo racconto gentile riguardi solo l'essere fedeli a se stessi.

Ferdinando , il nuovo adattamento della storia dal negozio di animazione Blue Sky Studios di Fox, conserva un fascino gentile e dolce anche se espande la storia di 32 pagine di Munro Leaf per caratterizzare la lunghezza e approfondisce un materiale sorprendentemente oscuro. Quando incontriamo Ferdinand da piccolo, vive in una tenuta con suo padre e altri tori da combattimento spagnoli, anche se lui stesso non ha alcun interesse a salire sul ring. Quando la tragedia colpisce, tuttavia, Ferdinand fugge dal complesso e alla fine si ritrova una nuova casa bucolica con una giovane ragazza di nome Nina (doppiata da Lily Day), suo padre Juan (Juanes) e un vecchio cane burbero di nome Paco (Jerrod Carmichael).

Acquista ora La storia di Ferdinando su Amazon

Cresciuto soddisfatto e amato, l'ormai a grandezza naturale Ferdinand (doppiato da John Cena) commette un terribile errore un giorno - tenta di visitare un festival dei fiori nel villaggio locale con Nina e suo padre, solo per causare inavvertitamente una catastrofe - e trova incatenato e rimandato nella stessa tenuta da cui è fuggito anni fa, dove i proprietari sono determinati a farlo addestrare e farlo salire sul ring con l'aiuto di una vecchia 'capra calmante' (doppiato da Kate McKinnon) - se vuole combattere o no.



Una cosa Ferdinando il film non fa altro che assecondare: la morte è una parte sempre presente della vita che i tori conducono e il film non rifugge da quel fatto freddo e duro. Il film si apre con il dolore e la perdita e continua ad esplorare entrambi, anche se in un modo non troppo intenso per i bambini più piccoli. Il destino dei tori che non possono combattere, per infortunio o per altri motivi, è forse ancora più orribile, anche se è una realtà semplice ma dura, ed è dovuto a una scena terrificante che si svolge come un parco di divertimenti ad alta tecnologia casa stregata impazzita.

Cena è una scelta intelligente per dare voce a Ferdinand, facendo emergere una sottile vulnerabilità sotto la naturale rudezza della sua voce. Anche il resto del cast è efficace, anche se Kate McKinnon sembra un po' troppo simile a Ellen DeGeneres che interpreta Dory nei panni della capra. Il resto dei tori della tenuta sono molto diversi, doppiati da David Tennant, Bobby Cannavale, Anthony Anderson e, uh, Peyton Manning, mentre i personaggi più divertenti sono un trio di cavalli da spettacolo altezzosi che finiscono in un ballo con Ferdinando, gli altri tori e tre simpatici ricci.

Il ballo e molte altre sequenze - inclusa una scena piuttosto divertente e letterale di 'toro in un negozio di porcellane' - sono più che sufficienti per divertire i più piccoli mentre fanno appello anche agli adulti. Il film inizia a sembrare un po' lungo verso la fine poiché ci vogliono alcuni colpi di scena in più fino a quando Ferdinand non trova il suo inevitabile modo per affrontare la sua più grande paura, ma finisce con una nota commovente e sentita. Diretto da Carlos Saldanha (conosciuto principalmente per aver lavorato al Era glaciale e fiume franchising), Ferdinand è di prim'ordine a livello tecnico e bello da vedere.

Nel frattempo, il suo messaggio di fondo di credere in se stessi e nella propria natura - e ottenere il rispetto degli altri nel processo - è eloquentemente affermato. È un peccato che molte persone probabilmente non lo vedranno; dopo tutto, il film si aprirà questo fine settimana contro una piccola immagine chiamata Star Wars: Gli ultimi Jedi . È un combattimento che anche un grosso vecchio toro come Ferdinand è destinato a perdere.

Ferdinando uscirà nelle sale venerdì 15 dicembre.