Halo 5: Recensione dei Guardiani

Data di rilascio: 27 ottobre 2015 Piattaforma: XBO Sviluppatore: 343 industrie Editore: Microsoft Studios Genere: Sparatutto in prima persona

Nota dell'editore: Non sentivamo di aver trascorso abbastanza tempo con Halo 5 's componente multiplayer per giudicarlo equamente per questa recensione, quindi questa recensione si basa esclusivamente sulla parte della campagna del gioco. Una volta trascorso un po' più di tempo con il multiplayer, aggiorneremo questa recensione.

Ho passato il fine settimana a dirlo a tutti i miei amici Halo 5: Guardiani è esattamente il gioco di cui ho bisogno in questo momento. Dopo innumerevoli ore trascorse a giocare a giochi open world con obiettivi di checklist e storie leggere, Halo 5 è una rivelazione della narrazione tradizionale e del level design. Sebbene ci siano molte novità in questo gioco, sia in termini di personaggi che di meccaniche di gioco, l'ultima offerta di 343 sembra di tornare a casa.



Una delle cose che mi toglierò di mezzo dall'inizio è che Halo 5: Guardiani potrebbe essere il gioco per rivaleggiare finalmente con le grandi storie di Ciao: CE e Halo 2 . Una narrazione compatta ed efficiente ci regala avventure epiche e racconti intimi. Sì, Fireteam Osiris, che viene introdotto in questo gioco, è molto divertente con cui sparare alle cose, anche se non sono esattamente completamente completate entro la fine. E in termini di cose da sparare, ci sono molti nemici Prometeici e Covenant per soddisfare quel bisogno.

Acquista qui gli ultimi giochi, libri, fumetti e altro di Halo!

Acquista qui il nuovo Halo 5: Guardians Xbox One 1TB Limited Edition Bundle!

Non rovinerò nessuna parte della storia per te che non sia già stata stabilita nei trailer. Quindi: l'agente Locke è il leader del Fireteam Osiris, una nuova squadra di Spartan-IV inviati dall'UNSC per trovare Master Chief e riportarlo a casa. Il capo e il suo Blue Team, i suoi compagni spartani del passato, sono misteriosamente scomparsi durante una missione in una struttura ONI. Mentre siamo colpiti dal motivo della partenza di Chief abbastanza presto nel gioco, la vera natura di esso non si rivela così rapidamente. Ma quando la storia si apre completamente alla sua scala epica, è una meraviglia della narrazione fantascientifica, mescolando Guerre stellari space opera con la fiction politica di John Scalzi. Ci sono colpi di stato, governi oppressivi, macchine della morte che distruggono la galassia (come previsto in questa serie) e molti momenti strazianti consegnati da un solido cast di personaggi.

Prendiamo anche questo in anticipo: l'agente Jameson Locke, interpretato da Mike Colter, è il personaggio principale del gioco, non Master Chief. Qui sta la più grande forza e debolezza del gioco. Trascorrerai la maggior parte del gioco con Fireteam Osiris, seguendo le tracce del Blue Team durante la campagna, sempre alle loro calcagna, e questa è una buona cosa. Ho trovato le chiacchiere della squadra molto divertenti, portate in gran parte da Buck di Nathan Fillion. Aggiunge un sacco di sollievo comico a un affare molto serio che ti dà a malapena il tempo di respirare tra i livelli. È davvero lo spartano eccezionale, l'unico che ha una vera personalità. Per la maggior parte, ho trovato difficile differenziare davvero uno Spartan dall'altro, e penso che verrà naturale solo per i fan che hanno attraversato l'intero universo espanso di romanzi, fumetti e film.

Ma aspetta, stavo parlando di Locke. Bene, Locke in realtà non è molto diverso da Master Chief, il soldato stoico determinato a portare a termine il lavoro. Mentre ci sono alcuni momenti per stabilire che Chief è più potente di Locke, quando sei effettivamente dietro i controlli, non c'è differenza nel gameplay o nella sensazione generale. Locke è silenzioso per la maggior parte, tranne che per urlare ordini ai suoi compagni di squadra. La sua grazia salvifica è che ha Buck con cui parlare, mentre Chief ha un gruppo di compagni di squadra altrettanto stoici. Ma senza alcun tipo di vero obiettivo, se non quello di completare la missione, Locke si sente come un'occasione mancata. Invece di convinzioni contrastanti con Master Chief o qualsiasi vantaggio competitivo ... o qualsiasi opinione reale sugli eventi che si svolgono ... Locke fa semplicemente quello che gli ordinano di fare. E quando la missione è finalmente completata dopo una campagna di circa 8 ore, viene rapidamente spinto fuori dal palco. Non abbiamo mai i suoi pensieri su nulla, perché ... beh, non è poi così importante per la storia a lungo termine, tranne come testimone di quello che sta succedendo con Chief.

Non che la rappresentazione di Chief in questo gioco sia molto migliore. È sempre il 'protagonista' silenzioso, che annuisce ai suoi compagni di squadra durante i filmati o semplicemente sta lì come un duro. Ma non sentiamo mai i suoi pensieri su una trama che dovrebbe riguardarlo in modo univoco. Ecco perché Locke e il resto delle prospettive di Osiride sono così importanti per la trama. Guardare Capo dall'esterno, come l'Arbitro che guarda 'il Demone' dentro Halo 2 , gli conferisce uno status mitico.

Nonostante alcuni mancati sviluppi del personaggio, scene di apertura confuse e la mancanza di partecipazione da parte dell'eroe principale della serie, Halo 5: Guardiani colpisce una volta che il suo centro emotivo viene rivelato. Non appena apprendiamo la verità dietro gli eventi del gioco, è una corsa spettacolare e divertente degna del Ciao canone. E con un cliffhanger che porterà senza dubbio in Halo 6 , non sono sicuro di essere mai stato più entusiasta del franchise.

È importante sottolineare che in questo gioco trascorri anche molto tempo a giocare a detective. Quando non spari ai cattivi, stai cercando indizi in tutto il campo di battaglia e nelle strutture dei Precursori. Nuove aggiunte come l'Artemis Tracking System, un sistema di scansione non dissimile dalla visione investigativa nel Batman Arkham giochi, consente un intrigante tracciamento quando viene utilizzato a tal fine, ma la maggior parte delle volte è un cheat sheet per dove dovresti andare. Lo stesso vale per le piccole sezioni hub che ti consentono di interagire con gli NPC per ottenere indizi. Quelle sezioni non sono completamente realizzate, tuttavia, più un suggerimento che un gameplay reale, e principalmente lì per spezzare l'azione solo un po'. Sembrava quasi che 343 si stesse immergendo nel gameplay dei giochi di ruolo, ma solo per un secondo.

Le nuove abilità dei propulsori sono divertenti, ma un po' inutili. Puoi scattare e schivare con il pulsante B e scattare verso un nemico per eseguire un devastante attacco in mischia che fa volare i grugniti sul campo di battaglia sono tutti trucchi accurati, ma a malapena avrai bisogno di usarli. Pistole, granate e mischia sono ancora il re. C'è anche un'interessante abilità di sterlina a terra che potrei aver usato tutta una volta. Sento che forse queste abilità torneranno molto più utili quando sarà il momento di giocare in multiplayer, ma quando combatti Covenant e Promethean, probabilmente vorrai attenerti ai tuoi vecchi trucchi.

L'IA dei nemici è migliorata, soprattutto quando si tratta di Promethean. Mentre i soldati Covenant sono ancora praticamente spugne di proiettili, i Promethean sono avversari veloci e teletrasportati su cui è molto più difficile avvicinarsi di soppiatto, lanciare granate o prendere a pugni in faccia. Soprattutto i cavalieri prometeici, che possono essere abbattuti solo sparando in determinati punti della loro armatura per rivelare il loro punto debole. Abbatterli è molto gratificante. Al contrario, l'IA amichevole ha bisogno di un po' di lavoro. Mentre gli Spartan sia in Blue Team che in Fireteam Osiris sono molto più reattivi e intelligenti di quei famigerati space marine (noti anche come futuri cadaveri) dei giochi passati, a volte sono ancora frustrato con loro, poiché sono rimasti bloccati dietro le rocce mentre cercavano di completare comandi o mi ha spinto contro i pilastri o il fuoco nemico mentre ero nelle sezioni dei veicoli. Davvero, è molto meglio guidare quel Warthog piuttosto che lasciare che Vale ti faccia uccidere.

Non aiuta il fatto che i comandi dei pulsanti manchino di complessità. Con solo il D-Pad in alto come pulsante di comando, è facile per la tua squadra sbagliare 'Raccogli quest'arma' o 'Prendi questo veicolo' o 'Concentrati su questo bersaglio' o 'Vai qui'. Anche se non devi essere esattamente preciso quando indichi qualcosa alla tua squadra, guardare la tua squadra incontrarsi da qualche parte invece di sparare a un bersaglio specifico può essere frustrante, soprattutto se li fa uccidere tutti. Mi sarebbe piaciuto vedere molti più comandi di squadra, soprattutto se ciò significava l'uso degli altri pulsanti D-Pad. Forse alcuni comandi 'Vai forte' e 'Rimani basso' avrebbero aiutato o qualche tipo di comando di accompagnamento. Forse un attacco di squadra con una granata. Si sarebbe potuto fare qualcosa di più per implementare completamente questo sistema. Nel complesso, sono comunque felice che questo gioco abbia finalmente aggiunto i comandi di squadra alla serie.

Il mio problema più grande con la beta multiplayer di gennaio è stata la sparatoria, che mi sembrava insolita Ciao , poiché le riprese hanno avuto un aspetto più realistico Call of Duty approccio. Non ero un fan di mirare verso il basso con mirini di ferro con l'amato fucile da battaglia (o un fucile da battaglia senza mirino, se è per questo) con il grilletto sinistro e lanciare granate con il paraurti sinistro. E non mi piacevano davvero le abilità del propulsore, che sembravano più una distrazione che una necessità (mi sento ancora così adesso). Ma alcuni miglioramenti, tra cui una più facile gestione di tutte le mire delle armi, hanno reintrodotto lo stile sparatutto arcade del classico Ciao sparatoria. E non voglio assolutamente che questo cambi. Se volessi riprese più realistiche, giocherei Call of Duty , che sta iniziando a prendere il Ciao avvicinati ora comunque. Un cambiamento che è sopravvissuto da Halo 4 è lo sprint, ed è fantastico. direi che Halo 5: Guardiani ' il gameplay, meno i ridicoli colpi di terra e simili, è il migliore fino ad oggi per questa serie. Sono davvero entusiasta di girare più cose nelle prossime settimane.

Lo dirò di nuovo nel caso ve lo foste perso la prima volta: se siete stanchi dei giochi open world e sentite che non c'è più abbastanza da fare per il gameplay lineare, allora Halo 5: Guardiani è il gioco che fa per te. Passare dal punto A al punto B, mentre falciare ondate di nemici, non è mai stato così bello. Ed è bello tornare a un gioco in cui la narrazione è al primo posto e il gameplay al secondo. Viviamo in un'epoca in cui il gameplay della lista di controllo è di gran moda. Uscite recenti come Mad Max e Metal Gear Solid V , e fino a Destino , si sono concentrati sul completamento delle attività invece di raccontare storie incredibili. Ma Halo 5: Guardiani è qui per mantenere viva la tradizione della narrazione, e ragazzo, sono felice che lo sia.

Puoi ascoltare la meravigliosa musica di Halo 5: Guardiani gratuitamente in questo momento qui sotto:

John Saavedra è un editore associato presso Den of Geek US. Trova altri suoi lavori su il suo sito web . o semplicemente seguilo su Twitter .