Hamilton: classifica ogni canzone della colonna sonora

Immagina l'esperienza di essere uno dei primi individui a vedere l'ormai classico di Lin-Manuel Miranda Hamilton: un musical americano vivere.

La prima cosa che si nota è il palcoscenico spartano, in gran parte vuoto. Poi, mentre Leslie Odom Jr. sale sul palco nei panni di Aaron Burr seguito da Hamilton di Miranda, ti rendi conto che questa produzione sui padri fondatori dell'America è composta quasi esclusivamente da People of Color. È molto da prendere in considerazione dall'inizio. Ad un certo punto, tuttavia, ti renderai conto che lo spettacolo è di circa 40 minuti e The. Musica. Ha. Non. Fermato.

Oltre alle sue numerose stranezze e ganci ingegnosi, Hamilton è veramente un musicale musicale. Il libro e i testi di Miranda su uno dei fondatori più colorati e impressionanti del paese hanno molto da fare. E lo fa in uno sprint musicale con quasi nessuna perdita di tempo espositiva nel mezzo.



In quanto tale, il Hamilton la colonna sonora è un pezzo straordinariamente impressionante della cultura recente. Con 46 tracce distribuite su quasi due ore e mezza, questo album replica fedelmente l'esperienza di uno spettacolo che la maggior parte dei non potrebbe mai avere un biglietto per vivere. Un appassionato, fiorente Hamilton Il fandom è sorto da quella colonna sonora e continua fino ad oggi.

Ora, con Hamilton sta per essere più accessibile che mai unendoti Disney + , abbiamo deciso di classificare tutte le 46 di queste tracce.

46. ​​Uragano

L'uragano che ha devastato l'isola caraibica di St. Croix di Alexander Hamilton è stato una parte cruciale della sua vita e lo ha portato ad assicurarsi il passaggio per gli Stati Uniti. Ma la canzone 'Hurricane' usa la tempesta alla fine della commedia come una metafora torturata per la sua turbolenta vita pubblica. È senza dubbio la canzone completa meno energica e più debole del Hamilton colonna sonora.

45. Contadino confutato

'Farmer Refuted' fa bene a catturare la brillantezza retorica di un giovane Hamilton all'inizio della commedia, ma non regge bene contro altri brani più completamente realizzati. Hercules Mulligan borbottando 'fai a pezzi questo tizio' è sicuramente un punto culminante della colonna sonora.

44. La storia di stasera (ripresa)

Cosa sarebbe una colonna sonora di un musical di Broadway senza una o due riprese? “The Story of Tonight (Reprise)” è sicuramente divertente. Ma, alla fine, i racconti sulla leggendaria arrapata di Hamilton sarebbero stati più adatti con una canzone completa.

43. Schuyler sconfitto

Quasi ogni riga di dialogo in Hamilton viene cantato... inclusi momenti fortemente espositivi come Burr che sconfigge il suocero di Hamilton in un'elezione locale. L'argomento e la mancanza di vero gusto musicale rendono 'Schuyler Defeated' uno dei brani meno essenziali dello spettacolo.

42. Sappiamo

È una testimonianza di quanto sia forte il Hamilton colonna sonora è che una canzone come 'We Know' potrebbe apparire così in basso nella lista. Questo resoconto di Jefferson e compagnia che informa Hamilton di ciò che sanno è abbastanza buono; impallidisce rispetto alla canzone in cui scoprono i misfatti di Hamilton.

41. È tranquillo Uptown

Questo sarà sicuramente un punto controverso nella lista di questa ballata molto amata. 'It's Quiet Uptown' è davvero composto in modo abbastanza bello. Presenta anche testi che sembrano essere quasi impazienti in natura, come se la canzone stesse cercando di affrettare gli Hamilton attraverso il processo di lutto per tornare allo spettacolo.

40. Prenditi una pausa

Parte del miracolo di Hamilton è così che la colonna sonora è in grado di trasformare concetti ed eventi piuttosto banali nella vita di Hamilton in numeri musicali travolgenti e più grandi della vita. 'Take a Break' ha il compito di drammatizzare l'idea che Hamilton lavori semplicemente troppo con una melodia dolcemente malinconica. Fa un buon lavoro in questo senso, ma naturalmente non può competere con alcune delle canzoni più roboanti della lista.

39. Resta in vita

Ambientato nella brutale draga della guerra rivoluzionaria, 'Stay Alive' è una canzone sulla disperazione. E tra il suo ritmo di pianoforte urgente e la voce in preda al panico di Miranda, fa un ottimo lavoro nel catturare l'atmosfera appropriata. Sembra anche un lungo mezzo senza introduzione o conclusione convincenti.

38. Il meglio delle mogli e il meglio delle donne

Parla di 'la calma prima della tempesta'. 'Best of Wives and Best of Women' cattura un ultimo momento di tranquillità tra Alexander ed Eliza prima che Aaron Burr canonizzi il suo amico di una volta con la banconota da $ 10. È breve, adorabile ed efficace.

37. L'amministrazione Adams

Hamilton ipotizza saggiamente che il modo migliore per introdurre il pubblico a nuove epoche della storia della vita del protagonista sia attraverso la narrazione dell'uomo che lo ha ucciso in Aaron Burr (Leslie Odom Jr.). Il vero talento di Odom Jr. per lo spettacolo trasforma quelle che potrebbero essere introduzioni usa e getta in materiale davvero eccellente. Presenta anche un esilarante cenno al film di Sherman Edwards 1776 musicale quando Hamilton dice 'Siediti, John' e poi aggiunge un colorato, 'tu grasso figlio di puttana!'

36. Un ballo d'inverno

Ancora: i monologhi di Burr sono sempre una presenza gradita in queste tracce. E in 'A Winter's Ball', fa alcuni dei suoi lavori migliori mettendo a punto l'abilità di Burr e Hamilton ... 'con le signoresssss!'

35. Incontrami dentro

Nonostante un breve tempo di esecuzione, 'Meet Me Inside' è in grado di stabilire in egual misura la buona fede generale di George Washington e i problemi del papà di Hamilton.

34. Il tuo servo obbediente

'Il tuo servo obbediente' è Hamilton l'amorevole inno all'aggressività passiva. In soli due minuti e trenta secondi, crederai che due uomini adulti potrebbero in qualche modo negarsi a un duello scrivendo lettere.

33. L'opuscolo di Reynolds

Hai presente quel vecchio adagio di 'potrebbe leggere da un elenco telefonico e sarebbe interessante?' Bene Hamilton fondamentalmente lo fa con 'The Reynolds Pamphlet'. La musica inquietante inietta una vera importanza nel semplice atto di scrittura che sconvolgerebbe le vite della famiglia Hamilton.

32. Sarebbe abbastanza

Il ritornello di Eliza di 'guardati intorno, guardati intorno a quanto siamo fortunati ad essere vivi in ​​questo momento' ricorre all'inizio di 'That would be Enough' in un modo davvero toccante. Questa canzone è un vero colpo di frusta tonale dalle battaglie e dai duelli rivoluzionari che la precedono, ma alla fine è abbastanza forte da riportare l'attenzione su Alexander ed Eliza e non solo sul mondo frenetico in cui vivono.

31. La storia di stasera

'The Story of Tonight' è sia un'intelligente canzone da bere tra fratelli che una sottile impostazione per il tema più ampio dello spettacolo della propria storia che viene raccontata dopo che se ne sono andati. La canzone è allo stesso tempo commovente ed efficace, solo un po' troppo corta per distinguersi e fare grandi onde nella nostra lista.

Iscrizione a Disney+

30. Soffiaci via tutti

“Blow Us All Away” è una canzoncina divertente e sbarazzina di Philip Hamilton di Anthony Ramos. Incorpora piuttosto ingegnosamente il motivo musicale del giovane Filippo prima di finire in tragedia.

29. Resta vivo (ripresa)

È difficile per qualsiasi canzone affrontare emotivamente la morte di un bambino in meno di due minuti, ma 'Stay Alive (Reprise)' fa un lavoro incredibilmente buono. C'è un vero senso di urgenza nella musica prima che il povero Philip dica le sue ultime parole.

28. Brucia

Musicalmente, 'Burn' non è una delle migliori ballate in Hamilton . Dal punto di vista lirico, tuttavia, il suo potere è difficile da negare. Phillipa Soo fa un lavoro straordinario nel comunicare il dolore di Eliza per il tradimento del marito. Più impressionante è il modo in cui comunica l'unico modo per superare quel dolore, che è bruciare tutte le sue corrispondenze e scritti personali per lei.

Hamilton è il raro musical in cui un personaggio può cantare 'possiamo tornare alla politica per favore?' e la risposta del pubblico è 'Hell yeah!'. Lo spettacolo è straordinariamente bravo a drammatizzare processi politici noiosi e 'The Election of 1800' non fa eccezione. La canzone si basa su una pseudo-ripresa di 'Washington on Your Side' in un modo incredibilmente efficace e catartico.

26. La storia ha gli occhi su di te

'La storia ha gli occhi su di te' è una potente frase ricorrente in tutta la Hamilton . Ogni volta che il concetto emerge in una canzone, si distingue davvero. Stranamente, però, la canzone che porta il suo nome è solo nel mezzo del pacchetto in termini di numeri dello spettacolo. Forse è perché si verifica verso la metà del primo atto, prima che possiamo apprezzare adeguatamente i suoi temi inebrianti?

25. Aaron Burr, signore

Uno di Hamilton I tratti più affascinanti di 's è la prontezza con cui riconosce quale fastidioso rompicoglioni può essere a volte il suo personaggio principale. 'Aaron Burr, Sir' è letteralmente la seconda canzone dell'intero musical e aiuta a stabilire il suo tono giocoso tanto quanto il numero di apertura roboante ne stabilisce uno mortalmente serio.

24. Pistole e navi Ship

Le ballate sono belle. Le canzoni 'Voglio' sono belle. I motivi ricorrenti sono belli. Ma a volte hai bisogno di una canzone che vada e basta difficile . Grazie al 'francese combattente preferito d'America', questo è ciò che 'Guns and Ships' offre. L'attore di Lafayette Daveed Diggs affronta un'enorme sfida nel primo atto, completando la crescita del personaggio in piccoli pezzi. 'Guns and Ships' è la ricompensa, dove un Lafayette completamente scatenato (e fluente in inglese) rende molto chiaro che inferno ha in serbo per l'esercito britannico.

23. Washington dalla tua parte

Thomas Jefferson è una tale dinamo di presenza in Hamilton che uno potrebbe essere perdonato per aver dimenticato quanto di rado si presenta. Jefferson (e Daveed Diggs) sta operando a una capacità assurdamente alta in 'Washington on Your Side'. Nel frattempo la musica ha una palla al passo con gli intrighi sempre più accaniti dietro le quinte di Jefferson e dei suoi 'fottuti repubblicani democratici del sud!'

22. Mano destra

Trentaduemila soldati nel porto di New York. Questo è uh... è molto. Mentre il secondo atto di Hamilton deve lavorare un po' di più per catturare il dramma dei meccanismi interni di un governo alle prime armi, il primo atto è assolutamente in grado di svolazzare attraverso alcune canzoni davvero epiche ed emozionanti che coprono la guerra rivoluzionaria. 'Right Hand Man' è una di queste canzoncine che cattura davvero l'urgenza frenetica di un gruppo di aspiranti filosofi che cercano di rovesciare l'impero più potente del mondo.

21. Le sorelle Schuyler

Onestamente, 'Le sorelle Schuyler' meritano di meglio del suo posizionamento in questa lista. È solo che tutto ciò che viene dopo è un tale successo, che è difficile giustificare il passaggio all'introduzione dinamica di Angelicaaaa, Elizzzaaaaa... e Peggy.

20. Dieci comandamenti del duello

Immagina quanto sembreresti folle nel 1998 circa spiegando che un giorno ci sarebbe stato un musical sui padri fondatori che utilizza la struttura dei 'Dieci comandamenti' di Notorious B.I.G. per descrivere il duello tra Aaron Burr e Alexander Hamilton. Quindi immagina quanto sembreresti pazzo quando spieghi che è stato fantastico. 'Dieci comandamenti di duello' non copre il 'grande' duello di Hamilton . È un teaser per quello che verrà. Per fortuna è un inferno di un buon teaser.

19. Battaglia di Gabinetto #2

Hamilton le due battaglie del gabinetto corrono il rischio di essere la parte più cruda dello spettacolo. Ogni concetto ha il suo limite stilistico, e una battaglia rap tra Alexander Hamilton e Thomas Jefferson dovrebbe assolutamente superare quel limite. In qualche modo, tuttavia, la novità funziona e la creatività della scrittura di Miranda traspare.

18. Battaglia di gabinetto n. 1

Le due battaglie del gabinetto sono piuttosto intercambiabili nell'elenco. #1 ottiene il cenno del capo perché 'sappiamo chi sta davvero facendo la semina'.

17. Cosa viene dopo?

La trilogia delle canzoni di Re Giorgio III è uno dei testi più puramente gioiosi del mondo Hamilton colonna sonora. Possiamo tuffarci nello specifico di ciò che funziona veramente delle canzoni in una voce successiva. Per ora, sappi che 'What Comes Next' cade il più basso nella nostra lista a causa di un solo round di 'da-da-da'.

16. Lo conosco

'I Know Him' ​​presenta anche una sola raffica di 'da-da-da'. Ma ottiene ancora il cenno del capo su 'What Comes Next' per Re Giorgio III che chiama John Adams 'quel piccoletto che mi ha parlato'.

15. Cara Teodosia

Forse più di qualsiasi altro personaggio in Hamilton , Aaron Burr funziona meglio da solo. Il personaggio (e l'uomo su cui si basava) interpreta cose simili al giubbotto per design. È solo attraverso i suoi soliloqui musicali che abbiamo un vero senso del ragazzo. Questo è ciò che rende 'Dear Theodosia' così potente in particolare. Burr vuole per sua figlia la stessa cosa che Hamilton vuole per suo figlio: 'Un giorno ci farai esplodere tutti'.

14. Un'ultima volta

George Washington possedeva schiavi. Sì sì, puoi girare intorno al solito 'ma li ha rilasciati tutti più tardi nella vita' quanto vuoi. Alla fine della giornata, è un fatto inevitabile per il paese da affrontare. È una cosa difficile per H amilton , tuttavia, uno spettacolo realistico sui difetti dell'America ma ancora riverente alla sua storia fondante, da affrontare. Hamilton presenta per la maggior parte il George Washington dei miti americani e colpisce una figura innegabilmente imponente e imponente. A tal fine, 'One Last Time' è una delle canzoni più inaspettatamente commoventi dello spettacolo. Washington sta commettendo uno degli atti più importanti e disinteressati della storia americana facendosi da parte. Eppure c'è un vero senso di tristezza mentre il cast canta 'George Washington sta facendo hooo-ooo-ooome'.

13. Non-Stop

“Non-Stop” è una scelta estremamente atipica per un Act-ender. Hamilton avrebbe potuto scegliere altrettanto facilmente di concludere il primo atto con la vittoria dei ribelli sulla Gran Bretagna. Invece ci vuole un momento per elaborare che poi imposta abilmente il resto della sua storia con 'Non-Stop', che è semplicemente una canzone sulla folle etica del lavoro di Hamilton. La chiave del successo della traccia è quanto sia implacabile, come se stesse cercando di tenere il passo e imitare il ritmo del personaggio del titolo. Poi ci sono tutte le solite emozionanti rappresaglie di fine atto e motivi ricorrenti per l'avvio.

12. Dì di no a questo

Proprio come nella vita di Hamilton, Maria Reynolds ha solo un breve ruolo nello spettacolo, ma la sua influenza getta un'ombra piuttosto lunga. 'Say No To This' è una vera vetrina sia per Miranda che per Maria, l'attrice Jasmine Cephas Jones. Questo è un numero jazz devastante e orecchiabile sull'infedeltà coniugale... come dovrebbero essere tutte le canzoni sull'infedeltà coniugale.

11. Alexander Hamilton

'Come fa un bastardo, un orfano, figlio di una puttana / e uno scozzese, caduto nel mezzo di un luogo dimenticato / nei Caraibi impoveriti dalla provvidenza / nello squallore, a diventare un eroe e uno studioso?' chiede il nostro narratore Aaron Burr in Hamilton il superbo numero di apertura. Un'opera teatrale con così tante parti in movimento e un concept così alto ha bisogno di una traccia di apertura indelebile per convincere il pubblico che vale la pena aspettare la follia che sta per seguire. 'Alexander Hamilton' è più che all'altezza del compito. Questo è un antipasto esilarante che introduce il suo pubblico a tutti i personaggi, i temi e i suoni importanti dello spettacolo. Ha anche il suo personaggio principale che scrive il suo nome completo in un rap, che in qualche modo finisce per essere fantastico e accattivante piuttosto che banale.

Iscrizione a Disney+

10. Aspettalo

Proprio come il resto di noi, Burr è il personaggio principale della sua storia. E lo spettacolo gli permette di raccontare quella storia in canzoni come 'Wait For It'. “Wait For It” è un brano di songwriting emozionante e decisamente esplosivo. È proprio la canzone 'Voglio' per Burr che 'My Shot' è per Hamilton. E proprio come Burr e Hamilton sono due facce della stessa medaglia, lo sono anche queste due canzoni. Burr è di nuovo solo in questo potente numero. E usa quella privacy come una scusa per esclamare ad alta voce... FORTEMENTE il suo modus operandi. Viene da un background simile a quello di Hamilton e vuole per lo più le stesse cose di Hamilton. La differenza tra loro due è che Burr è disposto ad aspettare tutto.

9. La stanza dove accade

Benedici questo musical per avere una canzone brillante come 'The Room Where it Happens' solo appena essere in grado di entrare nella top 10. Ci sono centinaia di musical in cui 'The Room Where it Happens' sarebbe di gran lunga il numero di spicco. Per Hamilton , è nono. 'The Room Where It Happens' è un altro esempio dello spettacolo che prende un argomento apparentemente blando (fare affari dietro le quinte) e lo trasforma in qualcosa di trascendentemente divertente per il suo pubblico e qualcosa di trascendentemente illustrativo per i suoi personaggi. Questa è la canzone in cui i confini tra Aaron Burr: Narrator e Aaron Burr: Vengeance-Seeker scendono. Burr inizia come osservatore paziente di che tipo di nefaste trattative occorrono nella costruzione di un paese prima che la sua frustrazione si trasformi lentamente nel riconoscimento che lui deve essere nella stanza in cui accade.

8. Chi vive, chi muore, chi racconta la tua storia

Davvero non c'è un finale più appropriato per Hamilton di 'Chi vive, chi muore, chi racconta la tua storia'. Fondamentalmente, questo è un gioco non solo sull'eredità, ma sulla natura fungibile dell'eredità. Alexander Hamilton non c'è più e sappiamo che la sua storia continua a vivere. Ma chi racconterà quella storia? Come ogni buon numero di chiusura, 'Who Lives, Who Dies, Who Tells Your Story' conosce l'importanza di riportare molti dei concetti e dei personaggi principali del gioco. E nessuno di questi è più importante dell'affermazione di Eliza di essere pronta a 'riscrivere se stessa nella narrazione'. Alla fine, non sono le rivoluzioni o i pamphlet, ma l'amore. Ed è così che ci si ritrova nella posizione assurda di piangere per il ragazzo sulla banconota da $ 10.

7. Cosa mi sono perso?

Lin-Manuel Miranda ha descritto Thomas Jefferson come il Bugs Bunny dello show. In nessun luogo è più evidente che nella traccia ridicolmente sbarazzina che si apre Hamilton il secondo atto. Potrebbero non esserci tre minuti più gioiosi o decisamente esilaranti in nessuna delle 46 canzoni della colonna sonora. Dopo diversi anni trascorsi a vivere in Francia, TJ di Daveed Diggs torna negli Stati Uniti. Il resto dei suoi compagni rivoluzionari è passato all'R&B e al rap, ma Jefferson è ancora completamente bloccato sulla modalità jazz. 'What'd I Miss' serve come introduzione perfetta a un personaggio cruciale e ai temi della seconda metà dello show.

6. Il mondo era abbastanza vasto

Se 'Who Lives, Who Dies, Who Tells Your Story' è progettato per far piangere il pubblico, allora 'The World Was Enough' esiste per farlo sussultare. Questa penultima canzone è un'opera davvero sbalorditiva. Questa è una performance tentacolare che riporta 'I 10 comandamenti del duello' in modo previsto ma ancora emozionante. Poi, nel momento culminante della commedia, taglia completamente la musica per fare spazio al monologo interno di Hamilton, il suo ultimo giro attraverso tutte le pagine che non scriverà. Infine copre le tristi conseguenze del duello di Burr e Hamilton mentre il sopravvissuto è alle prese con ciò che ha fatto. C'è molto in questi cinque minuti di canzone e ogni momento è più avvincente del precedente.

5. Tornerai

Se assolutamente nient'altro in Hamilton ha funzionato - se le caratterizzazioni fossero state sbagliate, se i costumi fossero stati troppo semplici, se il concetto di 'Rapping dei padri fondatori' non potesse essere eseguito - le due ore e mezza di spettacolo sarebbero comunque valse la pena per questa canzone tremendamente sciocca . Re Giorgio III (interpretato da Jonathan Groff nella produzione originale di Broadway) appare tre volte durante lo spettacolo per fornire piccoli promemoria ai coloni americani su quanto fossero bravi ad averlo. La prima volta è di gran lunga la migliore, in gran parte perché è così affascinante e inaspettata. Quando King George III arriva alla sezione 'da-da-da' della sua canzone di rottura con l'America, è difficile immaginare che qualcuno resista alla canzone... o al fascino dello spettacolo.

4. Il mio colpo

Anche se 'You'll Be Back' potrebbe essere considerata la canzone per karaoke più duratura di Hamilton , 'My Shot' è quasi certamente la melodia più riconoscibile e iconica dell'opera. Ogni musical ha bisogno di una canzone 'I want' in cui il suo protagonista articola ciò che vuole da tutta questa impresa. Raramente quelle 'voglio' sono appassionate ed elettrizzanti come 'My Shot'. Secondo quanto riferito, questa è stata la canzone che Miranda ha impiegato più tempo a scrivere ed è ora chiaro perché. Non solo 'My Shot' è liricamente e musicalmente intricato, ma fa la maggior parte del lavoro pesante nello stabilire Hamilton come personaggio. Quasi tutto ciò che dobbiamo sapere su Alexander Hamilton e su ciò che lo spinge è introdotto qui. E il lavoro messo in 'My Shot' fa sì che tutti i suoi temi e concetti ricorrenti colpiscano molto più duramente nelle canzoni a venire.

3. Yorktown (Il mondo alla rovescia)

In molti modi, 'Yorktown' beneficia del precedente stabilito da canzoni precedenti come 'My Shot'. Questa è una canzone che mette a frutto le interpretazioni energiche di versi precedenti come 'Non sto buttando via il mio colpo' e 'Immagino la morte così tanto che sembra un ricordo'. Ma per quanto 'Yorktown' invoca abilmente Hamilton passato, ciò che rende questa canzone davvero speciale è quanto sia focalizzata esclusivamente sul presente. Per dirla semplicemente: 'Yorktown' va duro. È veloce, duro, caotico ed emozionante. Questa è la canzone che cattura il momento in cui le truppe americane hanno sconfitto l'impero britannico e 'il mondo si è capovolto'. È merito immenso della canzone che la musica e i testi catturino l'enormità del momento. Inoltre, c'è 'rubare lo spettacolo' e poi c'è quello che fa Hercules Mulligan (Okieriete Onaodowan) qui in 'Yorktown'. Siamo nella merda ora, ed Hercules lo è amorevole esso.

2. Indifeso

'Helpless' potrebbe essere sterlina per sterlina il miglior momento musicale di tutti Hamilton . È una canzone d'amore semplice e apparentemente senza sforzo che, anche rimossa dal contesto dello spettacolo, suonerebbe meravigliosamente fuori dall'autoradio di chiunque in una bella giornata estiva. Nel contesto dello spettacolo, è ancora meglio. Agisce come un raro momento di celebrazione per tutti i personaggi coinvolti prima che la guerra rivoluzionaria diventi davvero agitata e prima che una giovane America abbia bisogno di giovani americani capaci per guidarla. Ciò che rende 'Helpless' davvero grande, tuttavia, è la canzone che lo segue...

1. Soddisfatto

Aspetta, aspetta... perché Angelica sta dicendo 'riavvolgi?' Perché abbiamo bisogno di riavvolgere? Abbiamo trascorso una notte così bella! La transizione tra 'Helpless' e 'Soddisfatto' è Hamilton il più grande trucco di magia. Il primo presenta una notte di amore e di festa inequivocabili. Poi arriva quest'ultimo per insegnarci che non esiste una cosa come 'non ambigua' in Hamilton . In una performance davvero notevole, Angelica Schuyler (Renée Elise Goldsberry) ci insegna cosa è realmente accaduto la notte in cui Hamilton ha incontrato le sorelle Schuyler. Angelica non sarà mai soddisfatta, ed è perché è 'una ragazza in un mondo in cui (il suo) unico lavoro è sposare ricchi'. Hamilton e la storia di Eliza è una storia d'amore. Ma è anche la storia della perdita di Angelica. 'Soddisfatto' infonde al musical un senso di sottile malinconia che non riesce mai a scuotere del tutto fino alla fine. 'Soddisfatto' è il fulcro emotivo di Hamilton , e come tale anche la sua canzone migliore.