HD DVD: il formato che ha quasi battuto il Blu-ray

L'anno prossimo arriva l'ultimo tentativo di farci aggiornare i nostri lettori di dischi ottici sotto forma di Blu-ray Ultra HD . Il formato promette quattro volte la risoluzione visiva dei Blu-ray esistenti e anche un suono migliorato. La linea di fondo è che Ultra HD Blu-ray offrirà molta più capacità per disco, e quindi più dati possono stare su di esso.

È una semplice successione di formati, ma che arriva mentre i ricordi dell'ultima guerra dei dischi non sono ancora completamente sbiaditi. Dopotutto, sono passati quasi dieci anni dalla sanguinosa guerra dei formati ad alta definizione che alla fine ha visto il Blu-ray emergere come successore del DVD. E questo anche se molte persone sono rimaste attaccate al DVD e ne rimangono abbastanza contente.

Ma ancora: c'è la domanda dei consumatori e l'entusiasmo per la raccolta di film, e mentre i televisori 4K diminuiscono di prezzo, le aziende di elettronica di consumo cercheranno di attirarci ad acquistare un altro nuovo formato (questo sarà retrocompatibile con i dischi Blu-ray esistenti, per fortuna).



Intendiamoci, accettando che sempre più persone si stiano allontanando dai formati di disco fisici e verso il download e lo streaming (e il declino del disco sta accelerando), il formato ad alta definizione dell'ultimo decennio è stato visto come la battaglia per l'ultimo standard del disco ottico. In un certo senso, è dimostrato, dato che Ultra HD Blu-ray è un'estensione di ciò che alla fine ha vinto.

Eppure, per molto tempo, Blu-ray non è stato l'erede apparente. Anzi, tutto il contrario.

HD DVD

Quando i televisori ad alta definizione hanno iniziato a diventare accessibili, i soldi di Hollywood avevano fermamente gli occhi aperti su quali possibilità offrissero. Il DVD era stato un'iniezione inaspettata di un sacco di soldi per le compagnie cinematografiche (e questo è un eufemismo), ed era una bolla che non volevano scoppiare.

L'idea di avere un'ulteriore tecnologia per convincere le persone a 'aggiornarsi', spingendole così a comprare Il duro ancora su un altro formato, ha tenuto ricorso.

Il problema era che questa non sarebbe stata una transizione graduale, come lo era stata la migrazione da VHS a DVD. Mentre c'erano Super VHS e Laserdisc, il DVD era un unico standard che univa rapidamente gli amanti del cinema e gli appassionati di film occasionali (ad eccezione di uno standard DivX solo negli Stati Uniti, che da allora ha dato il nome a un formato di file di film digitale). La gente, dopotutto, si era da tempo abituata ai CD per la musica. I DVD avevano lo stesso aspetto e sono diventati rapidamente l'equivalente dei film. Un disco d'argento con una pellicola era molto facile da vendere.

Il denaro ha parlato, però, e si è cercato un ulteriore formato. Toshiba, per esempio, ha continuato a realizzare notevoli ricavi dalla licenza del formato DVD, e altre aziende di elettronica di consumo volevano una fetta di quella torta. L'inevitabile risultato finale sono stati formati in competizione, con un potenziale premio enorme alla fine.

Questi formati sono stati discussi nei primi anni 2000, arrivando finalmente nei negozi nel 2006. Ma per coloro che volevano passare a un formato disco ad alta definizione, era emerso il risultato finale peggiore. C'erano due formati tra cui scegliere sugli scaffali dei negozi e molti titoli esclusivi per ciascuno.

Dal lato HD DVD del proverbiale recinto, Toshiba, Microsoft e Pioneer stavano guidando il formato. Il Blu-ray, nel frattempo, era guidato da Sony e da un sindacato di produttori.

Che la battaglia abbia inizio

Diverse società e, soprattutto, studi cinematografici si sono allineati su lati diversi del divario. Mentre alcuni studi cinematografici erano indipendenti dal formato e avrebbero rilasciato titoli su entrambi i formati (Paramount nei primi giorni, Warner Bros fino alla fine), altri avrebbero supportato esclusivamente uno degli altri (Blu-ray avrebbe avuto Fox, Sony e Disney, mentre HD DVD avrebbe Universal).

Nessuno dei due formati aveva un titolo esclusivo simile a La matrice , a cui è stato attribuito il merito di aver aiutato il DVD a sfondare. E mentre ogni lato aveva esclusive avvincenti ( Casinò reale su Blu-ray, L'ultimatum Bourne su HD DVD, per esempio), l'impasse continuò e sarebbe continuata per un paio d'anni. Entreresti in un negozio e entrambi i lettori HD DVD e Blu-ray sarebbero fianco a fianco.

Questo periodo è ampiamente ritenuto responsabile dell'interruzione della ripresa dei dischi ottici ad alta definizione. Nessuno, dopotutto, ricorda con affetto la battaglia del formato Betamax vs VHS (in quel caso, il formato tecnicamente superiore ha perso, ovviamente) - l'ultimo equivalente di un simile - e i consumatori erano reticenti a scegliere una parte fino a quando non fosse stato dichiarato un vincitore.

L'HD DVD ha preso un vantaggio iniziale, ma in verità entrambi i formati richiedevano investimenti pesanti e pesanti da parte dei rispettivi finanziatori e non davano a nessuno alcun segno di profitto. Toshiba alla fine avrebbe guadagnato 1 miliardo di dollari di tasca almeno una volta che avesse preso tempo per il progetto. Anche le casse di Sony sarebbero state saccheggiate.

Ma aveva una carta importante da giocare. Insomma, era disposta a scommettere il futuro di PlayStation sul successo del Blu-ray. Si sarebbe rivelato un'impresa fondamentale, ma costosa.

Guerre per console

Data la battaglia in corso tra i formati PlayStation, Xbox e, in misura minore, Nintendo, a volte è facile dimenticare quanto sia stata unilaterale la battaglia della console per qualche tempo.

La PlayStation 2 si è scontrata con la prima Xbox e il Nintendo GameCube, battendo comodamente la concorrenza. È stato il round più unilaterale della battaglia della console da quando, beh, la PlayStation ha superato in astuzia il Nintendo 64. Era il gioco da perdere di Sony.

Tuttavia, questa volta Microsoft era più pronta alla battaglia. Ha deciso di entrare presto sul mercato con la sua macchina Xbox 360, vendendo la macchina a un prezzo vantaggioso per cercare di evitare di essere sbattuta in modo convincente dalla PlayStation 3.

Ci si aspettava che la PlayStation 3 fosse ancora un comodo vincitore della battaglia sulla carta, ma si sarebbe rivelato essere il round di Microsoft (solo). E le difficoltà di Sony con il Blu-ray nei primi giorni sarebbero state una delle ragioni principali.

Notando che l'inclusione di un lettore DVD nella PlayStation 2 è stato un momento importante nella generazione dell'adozione del DVD, Sony voleva che la PlayStation 3 portasse a bordo un lettore Blu-ray, per provare a ripetere il trucco. Il problema era duplice, però. La fornitura delle parti necessarie non era abbastanza elevata e il prezzo della tecnologia era costoso, una spesa che avrebbe dovuto essere trasferita ai consumatori.

Questo significava due cose. In primo luogo, Sony aveva una quantità limitata di PlayStation 3 al momento del lancio, che sarebbe arrivata nei negozi del Regno Unito 18 mesi dopo la Xbox 360. E in secondo luogo, la PlayStation 3 era molto più costosa sia della PlayStation 2 che della Xbox 360.

Considerando che Microsoft aveva subito un colpo finanziario per ottenere il prezzo al dettaglio di Xbox 360 al di sotto di £ 300 (e sarebbe stato colpito ulteriormente quando le macchine, precipitate sul mercato, hanno iniziato a generare errori di anello rosso della morte, richiedendo un programma di sostituzione estremamente costoso - Microsoft ha pagato il proprio prezzo per la sua fretta), il prezzo del primo giorno di Sony in Gran Bretagna era di £ 425.

Giorno uno

I giorni di lancio della console dovevano riguardare le code di persone fuori dai negozi e le storie di macchine esaurite. Ma il giorno del lancio di PlayStation 3 nel Regno Unito è stato notoriamente lento. Molti rivenditori erano pieni di scorte enormi e non si vendevano velocemente. La gente, nei primi giorni, comprava invece macchine Xbox 360.

Sony, per essere chiari, farebbe girare la PlayStation 3. Ma probabilmente ha perso il suo dominio sul mercato in cambio della vittoria della guerra del formato ad alta definizione (e il valore di vincere quella guerra, dato il calo delle vendite di dischi, è discutibile). Anche oggi, PlayStation 4 e Xbox One sono uno scontro più equilibrato. I giorni in cui una squadra vinceva in modo così drammatico sarebbero probabilmente finiti comunque. Ma Sony ha accelerato.

Uno a parte, ecco. Microsoft era un appassionato sostenitore del formato HD DVD, con l'allora capo Bill Gates che sosteneva che funzionava meglio con i PC (sebbene le unità Blu-ray e HD DVD non siano mai decollate nei computer, e ancora non l'hanno fatto).

Ma non cederebbe all'inclusione di un lettore DVD HD nella Xbox 360, che potrebbe aver trasformato la battaglia. Invece, ha rilasciato un spiacevole compromesso: un'unità aggiuntiva esterna che si è allontanata rumorosamente dalla riproduzione di dischi HD DVD (è stata fornita con una copia gratuita di Peter Jackson King Kong pure).

Punto di rottura

Con la depressione delle vendite di lettori ad alta definizione e dischi, tuttavia, alla fine qualcosa doveva dare. Il Blu-ray stava prendendo il sopravvento nelle classifiche di vendita e artisti del calibro di Blockbuster - ai tempi in cui Blockbuster era un'influenza - hanno scelto di vendere solo Blu-ray.

Quando le vendite del Natale 2007 non sono riuscite a decretare un netto vincitore, altri fattori hanno preso piede.

È stato all'annuale Consumer Electronics Show del 2008 che è arrivata la svolta fondamentale. Dall'avvento della guerra dei formati, erano in corso discussioni e trattative per cercare di risolvere le cose. Eppure è stato il fallimento di entrambi i formati a decollare davvero che ha portato a molti incontri dietro le quinte che si sono svolti a Las Vegas nel gennaio 2008.

A un certo punto, secondo quanto riferito, la 20th Century Fox era sul punto di passare al supporto per HD DVD, che – supponendo che altri lo avrebbero seguito – potrebbe aver inferto un colpo fatale al Blu-ray. Dopotutto, anche la Warner Bros. era disposta a dichiarare la sua fedeltà esclusiva all'HD DVD, ma voleva che il formato avesse un altro partner in studio prima di farlo. Fox sarebbe stato così, e la lotta sarebbe stata improvvisamente bilanciata a favore di HD DVD.

Eppure la 20th Century Fox ha cambiato idea all'ultimo minuto.

Come Gizmodo Secondo quanto riferito, Sony avrebbe dato a Fox a nord di $ 100 milioni per rimanere dalla parte del Blu-ray. La Warner Bros. era irremovibile nel volersi concentrare su un formato, e quindi non aveva altra scelta che seguire la via del Blu-ray (nonostante la sua preferenza dichiarata per l'HD DVD). Un assegno di Sony per 500 milioni di dollari ha aiutato ad addolcire le cose. Questi importi non sono mai stati confermati a verbale, dovremmo notare.

In conclusione: la Warner Bros. ha dichiarato il suo supporto esclusivo per il Blu-ray il 4 gennaio 2008. A tutti gli effetti, la guerra dei formati è stata fatta proprio lì.

L'Epilogo

Toshiba avrebbe inseguito l'HD DVD per qualche altra settimana (e aveva fortemente promosso una promozione di dischi gratuiti per Natale, sperando di corteggiare di più il formato). Eppure i rivenditori hanno seguito l'esempio della Warner Bros. e hanno smesso di rifornire entrambi i formati. Gli annunci sono arrivati ​​fitti e veloci.

Così, dopo aver venduto quasi un milione di lettori e con quasi 500 titoli pubblicati, Toshiba ha staccato la spina dal formato a febbraio, settimane dopo che la Warner Bros aveva dichiarato la sua esclusività Blu-ray.

Anche dopo, ci è voluto del tempo prima che il Blu-ray prendesse piede, e sta dicendo che il DVD vende ancora più del formato fino ad oggi. Inoltre, il gigantesco investimento di Sony – e il danno subito alle vendite di PlayStation – richiederebbe molto, molto tempo per essere recuperato. Secondo quanto riferito, solo per vincere la battaglia di guerra del formato aveva richiesto pagamenti di oltre $ 600 milioni a due studi cinematografici, e questo si aggiunge ai pesanti e pesanti costi di sviluppo. Ci vorrebbe del tempo prima che il foglio di calcolo Excel di Blu-ray smetta di sembrare così rosso.

Ne valeva la pena? Bene, a lungo termine, Sony ottiene un canone per ogni Blu-ray venduto e chiedi a Philips come ha tratto vantaggio dalla creazione del formato CD. Non era certamente una battaglia che nessuna delle due parti potesse davvero permettersi di perdere.

E le lezioni sono state chiaramente apprese. Convincere i consumatori a passare di nuovo al formato Blu-ray Ultra HD sarà una vendita molto più difficile e avere formati di duello in questa fase semplicemente non era un'opzione. Quando il formato arriverà il prossimo anno, sarà prendere o lasciare. Tutti coloro che investono in esso sperano sinceramente che il primo...

Segui il nostro Feed di Twitter per notizie più veloci e brutti scherzi proprio qui . e sii nostro amico di Facebook qui .