Come il 1974 è diventato l'anno del film catastrofico

A metà degli anni '70, i film catastrofici ad alto budget e carichi di effetti regnavano sovrani. Il 1974 ha visto tre giganti del genere scontrarsi testa a testa, ma non è stato tutto semplice, poiché ognuno ha corso per incassare il nuovo gusto per il terrore.

Molto indietro negli anni '70, molto prima di artisti del calibro di Geotempesta , San Andreas , e 2012 , i film catastrofici stavano godendo di un'età d'oro. Anche se questi film potrebbero non avere la scala globale del moderno film catastrofico, a loro modo hanno creato scenari più immediati, intimi e forse più inquietanti a cui il pubblico potrebbe relazionarsi: il motore dell'aereo che esplode, la nave da crociera che sbuca pesantemente, il scala a torre piena di fumo e fuoco.

Naturalmente, questi non dovevano essere film grintosi e realistici. Le stelle sono sempre sopravvissute, ma tu lo faresti? Queste erano situazioni in cui chiunque poteva trovarsi, e questo dà ai film un aspetto preoccupante al di là delle battute hokey, dell'esposizione goffa e degli atti di eroismo (di solito) inutile.



Nel loro periodo di massimo splendore, ogni studio voleva una fetta della torta del disastro: centinaia di milioni di dollari sono stati spesi per far esplodere, bruciare e distruggere oggetti di grandi dimensioni, normalmente indistruttibili.

E così avvenne che il pubblico fortunato (o intrepido) poteva aspettarsi non uno, non due ma tre blockbuster catastrofici negli ultimi mesi del 1974: Aeroporto 1975 , Terremoto , e L'Inferno Torreggiante .

Ognuno aveva grandi budget, star più grandi ed effetti speciali all'avanguardia, ma quale avrebbe vinto la battaglia del botteghino?

L'aeroporto decolla

Anche se i film catastrofici di successo sono vecchi quanto la stessa Hollywood, San Francisco , la storia del terremoto del 1906 con Clark Gable, Jeanette McDonald e Spencer Tracy è stato il film campione di incassi del 1936 - è stato solo con Aeroporto nel 1970 che iniziarono a battere record.

C'erano stati altri film di successo sui disastri aerei prima, in particolare Nessuna autostrada nel cielo (1951), L'alto e il potente (1954, con John Wayne), e Ora zero! nel 1957, ma non è stato fino a quando Aeroporto combinazione di sontuosi valori di produzione e grandi nomi (in questo caso Burt Lancaster, Dean Martin, George Kennedy e 'un cast di stelle lungo quanto una pista di jet', secondo Varietà ) che il suo studio, la Universal, aveva tra le mani un successo in buona fede.

Indipendentemente dal fatto che i critici fossero in gran parte non impressionati - anche lo stesso Lancaster ha descritto il film come 'il più grande pezzo di spazzatura mai realizzato' - Aeroporto è stato sfacciato, sicuro di sé e di enorme successo: un budget di $ 10 milioni ha guadagnato $ 100 milioni al botteghino. Ha anche ottenuto un numero impressionante di nomination agli Oscar: 10 in tutto, tra cui fotografia, sceneggiatura adattata, colonna sonora, costume e due cenni di attrice non protagonista.

All'inizio del nuovo decennio, Aeroporto Il successo ha mostrato che questi grandi film potrebbero essere un grande business. Ogni studio di Hollywood si stava rendendo conto del potenziale del disastro per raccogliere ricche ricompense e stava cercando il prossimo scenario in cui il disastro potesse colpire.

Quello grande?

La mattina di martedì 9 febbraio 1971, i californiani si stavano svegliando con una normale giornata di lavoro come tante.

Con l'alba ancora a un'ora di distanza, molti stavano ancora dormendo quando, alle 06:00 precise, un terremoto di magnitudo 6,6 ha colpito la San Fernando Valley nel nord di Los Angeles. Sebbene in precedenza si fossero verificati terremoti più grandi, questo ha causato una distruzione senza precedenti nelle aree urbane e suburbane di Los Angeles: centinaia di edifici sono stati distrutti, i marciapiedi sono stati sollevati di diversi metri in aria, i cavalcavia delle autostrade sono crollati e, cosa più devastante di tutte, due grandi ospedali hanno sofferto quasi del tutto. disintegrazione e molte vittime. L'enorme diga di Van Norman fu gravemente danneggiata e si avvicinò al cedimento totale; fortunatamente ha resistito: più di 100.000 persone vivevano a valle.

Per milioni di abitanti di Angeleno traumatizzati, quest'ultimo terremoto era troppo vicino per essere confortato. Ma per Jennings Lang è stata una manna dal cielo.

Lang era un produttore noto e rispettato che lavorava per la Universal, lo studio dietro Aeroporto . Come molti a Hollywood, Lang aveva scalato i ranghi dal basso verso l'alto, iniziando nel casting dopo essersi lasciata alle spalle una carriera da avvocato nella New York degli anni '30. Nel giro di pochi anni ha gestito la sua agenzia di talenti prima di trasferirsi di nuovo, questa volta nella produzione. La sua carriera non era stata però priva di colore: a un certo punto negli anni Cinquanta gli avevano sparato a una gamba da un collega produttore convinto che Lang avesse una relazione con la moglie attrice.

Qualcosa di un personaggio più grande della vita, e sempre l'uomo di spettacolo, nel 1971 Lang aveva l'ambizione di replicare Aeroporto successo con un film tutto suo, solo che questa volta più grande e migliore. Cercando ispirazione, l'ha trovata nel disastro di San Fernando.

Il film è entrato in fase di sviluppo, chiamato semplicemente Terremoto . Come produttore esecutivo, il primo compito di Lang è stato quello di mettere insieme il suo talento. Ingaggiare il leggendario regista Mark Robson per produrre e dirigere è stata una scelta eccellente: nella sua lunga e variegata carriera Robson ha lavorato con artisti del calibro di Orson Welles e Val Lewton montando e dirigendo più di 40 film; le sue erano mani sicure e fidate. Tutto ciò di cui Lang aveva bisogno era uno scrittore decente da portare Terremoto alla vita – e rapidamente, prima che altri avessero la stessa idea.

La sua fortuna è arrivata. All'inizio del 1972 si è assicurato i servizi di scrittura di Mario Puzo, fresco di successo come autore sia del romanzo che della sceneggiatura di Il Padrino . Pubblicato nel marzo 1972, Il Padrino stava attualmente raccogliendo il plauso che la maggior parte dei film poteva solo sognare e sarebbe diventato uno dei film più amati e apprezzati di tutti i tempi. Per Lang e il suo progetto preferito è stato un inizio molto promettente.

A fine estate Puzo aveva scritto una prima bozza di Terremoto . Anche in questa fase iniziale era pieno di personaggi complessi e completi e scene d'azione ambientate in tutta Los Angeles. Mentre lo leggeva, Lang si rese conto che la sceneggiatura di Puzo, così come era stata scritta, avrebbe avuto bisogno di un budget molto più grande di quello che la Universal aveva concordato di $ 7 milioni per il film. Si trovava di fronte a una scelta poco invidiabile: convincere la Universal ad aumentare il budget o persuadere Puzo a ridurre la sceneggiatura a dimensioni più gestibili.

Era un dilemma risolto dallo stesso Puzo. Sulla Melrose Avenue, la Paramount era ansiosa di iniziare a lavorare sul sequel di Il Padrino , anch'esso in uscita nel 1974. Puzo, obbligato contrattualmente a consegnare una sceneggiatura, sentiva di non potersi impegnare in due produzioni ugualmente massicce e prese la decisione di abbandonare Terremoto .

(Ora, come me, una parte di te probabilmente sta immaginando come scrive un Puzo Terremoto potrebbe aver avuto successo, ed è vero che è una prospettiva intrigante. Ma se fosse rimasto a scriverlo, ci saremmo persi il miglior sequel mai realizzato, quindi non dobbiamo lamentarci.)

Con riluttanza – e con grande frustrazione di Lang – senza uno sceneggiatore a bordo per manovrare la sceneggiatura in una posizione più gestibile, la Universal prese la decisione alla fine del 1972 di chiudere la produzione su Terremoto .

Poseidone governa le onde

Come Jennings Lang, Irwin Allen era una figura colorata nel mondo della produzione cinematografica. Dopo aver lasciato New York per Los Angeles dopo la Grande Depressione, proprio come ha fatto Lang, Allen si è fatto strada nel cinema attraverso il giornalismo e la radio. Aveva passato gli anni '50 a produrre film in gran parte dimenticabili per la 20th Century Fox, ma quando la Fox si è bruciata le dita con il sontuoso (ma rovinosamente costoso) Cleopatra , le ambizioni di Allen sono state ridimensionate al mondo più conveniente della televisione.

Meno rischiose e meno costose, le sue produzioni hanno comunque avuto un impatto enorme sulla psiche culturale: ha creato la serie TV originale di classici di fantascienza Perso nello spazio , Il tunnel del tempo , Viaggio in fondo al mare , e Terra dei Giganti .

Allen potrebbe essere rimasto fedele a questo genere di fantascienza se non si fosse imbattuto in un romanzo del 1969 su una nave da crociera che si capovolge dopo essere stata colpita da uno tsunami, intrappolando i suoi passeggeri nello scafo capovolto. Con lo stesso istinto astuto che aveva sostenuto la sua fondamentale carriera televisiva, Allen sapeva di essere su qualcosa di spettacolare e ha immediatamente acquistato i diritti cinematografici.

All'inizio la Fox ha accettato di pagare il budget di quasi 5 milioni di dollari per il film proposto da Allen, ma proprio mentre le riprese stavano per iniziare, hanno ritirato i soldi. La loro paura era che il pubblico si rivolgesse a piatti più sfumati, cinici e realistici: dopotutto, così come Il Padrino , i primi anni settanta vedrebbero Easy Rider , La laurea , Bullitt , Liberazione , La connessione francese , Sporco Harry , e Cani di paglia inaugurare un'altra era dei classici film americani.

Instancabile, Irwin ha rifiutato di rinunciare alla sua visione di uno spettacolo d'azione all-star ad alto budget. Durante il pranzo nel suo country club, e con il suo fascino caratteristico, è riuscito a raccogliere metà dei soldi necessari da un paio di amici (molto ricchi). La Fox ha riacquistato l'altra metà e le riprese continuano L'avventura di Poseidone iniziato.

Con un cast di ensemble esperto che include Gene Hackman, fresco di successo all'Oscar con La connessione francese – Ernest Borgnine, Jack Albertson e Shelley Winters, una colonna sonora di John Williams e una sceneggiatura del premio Oscar Stirling Silliphant (sicuramente il miglior nome di chiunque a Hollywood, mai), L'avventura di Poseidone resta un film spiazzante anche se la maggior parte dei suoi personaggi non va oltre le due dimensioni. Crea uno scenario convincente e da incubo in cui il mondo dei passeggeri è letteralmente capovolto e dove c'è un alto costo da pagare per la più piccola delle decisioni sbagliate.

Raccogliendo nove nomination agli Oscar, tra cui Shelley Winters per la migliore attrice non protagonista, fotografia, montaggio, suono, canzone (che ha vinto) e colonna sonora di Williams, il film è stato un altro successo senza riserve, alla fine ha incassato 123 milioni di dollari al botteghino (solo Il Padrino guadagnato di più quell'anno). Significativamente, gli Oscar speciali sono stati assegnati anche per gli effetti visivi innovativi del film, creati da LB Abbott e AD Flowers.

La visione di Irwin Allen di un film evento spettacolare aveva dato i suoi frutti. Cavalcando gli incassi record del suo film, ha deciso di lasciarsi alle spalle i suoi giorni di fantascienza e di impegnarsi a fare solo film catastrofici. Come Lang prima di lui, anche lui iniziò a cercare nuove idee.

Ambizioni ambiziose

Nel 1973, Allen si imbatté nel romanzo di Richard Martin Stern La Torre , ispirato al completamento in quell'anno delle torri gemelle di 110 piani del World Trade Center a New York, le più alte del mondo all'epoca.

L'immaginario World Tower Building di Stern viene fatalmente compromesso quando gli appaltatori tagliano gli angoli durante la sua costruzione. Un operaio scontento della lamiera decide di far esplodere una bomba nel seminterrato e, nell'incendio che ne segue, la sopravvivenza degli occupanti della Torre dipende (tra le altre cose) da una linea di vita lanciata verso il vicino World Trade Center.

Qualcosa di una pentola - ma molto popolare - sembrava ad Allen il materiale ideale per essere adattato in un film. Ma non è stato l'unico a riconoscerne il potenziale: con suo disappunto i diritti non sono stati acquisiti dalla Fox, ma dalla Warner Brothers per ben 400.000 dollari.

Non sorprende che Allen non fosse tipo da arrendersi così facilmente. All'inizio del 1974 fu pubblicato un altro romanzo sull'incendio di un grattacielo, L'inferno di vetro di Thomas Scortia e Frank Robinson. In una trama simile a quella di La Torre , l'edificio omonimo è costruito nel rispetto dei minimi requisiti di sicurezza; questa volta gli occupanti vengono salvati da morte certa solo dalla rottura dei giganteschi serbatoi di stoccaggio dell'acqua sul tetto. La seconda volta, Fox ha avuto successo nell'assicurarsi i diritti.

Sembrava che il 1974 fosse destinato a vedere due blockbuster con premesse e trame quasi identiche in produzione contemporaneamente. Sebbene non sia stata la prima o l'ultima volta che i film in competizione siano stati programmati insieme, sia Fox che Warner Brothers si sono resi conto che la situazione avrebbe quasi inevitabilmente diluito l'impatto di entrambi i film.

In una prima volta a Hollywood, gli studios rivali hanno deciso di unire le risorse e lavorare insieme in una coproduzione. Entrambi hanno impegnato metà dell'enorme budget di 14 milioni di dollari, una decisione astuta che consentirebbe al film il lusso di un investimento degno di due film ordinari con cui giocare. In cambio, il botteghino americano andrebbe alla Fox e gli incassi del mercato estero alla Warner Brothers.

Alla fine intitolato L'Inferno Torreggiante , e con Poseidone di Stirling Silliphant che racchiudeva i migliori elementi di ogni romanzo in una sceneggiatura funzionante, entrambi gli studios speravano che questa scommessa senza precedenti avrebbe portato a un film in grado di rivaleggiare con entrambi Aeroporto e Poseidone .

Il terremoto è risorto

Alla Universal, Poseidone l'invidiabile performance al botteghino ha anche riacceso il Terremoto produzione, che aveva languito da quando Puzo aveva lasciato il progetto.

Era chiaro che il genere disastro aveva ancora molte miglia da percorrere e Lang credeva che un rinvigorito Terremoto potrebbe rivelarsi un serio rivale dei Fox/Warner Brothers Inferno , anche con meno della metà del loro budget. Meglio ancora, se riuscisse a portare il film nelle sale cinematografiche prima Inferno , potrebbe rubare un po' del loro tuono. La produzione è subito passata a una marcia alta. Uno scrittore sostitutivo è stato iscritto al progetto, sebbene come copywriter di riviste, George Fox non avesse esperienza di sceneggiature. Ma il regista veterano Mark Robson era a disposizione per aiutarlo a condensare la prima bozza tentacolare di Puzo in una sceneggiatura più stretta e snella.

Dopo altre 11 bozze, le riprese principali iniziarono nel febbraio 1974, con Charlton Heston, Ava Gardner, George Kennedy, Fred Astaire e tutta una serie di altre star davanti alle telecamere.

Terremoto non è stato l'unico film catastrofico della Universal che Charlton Heston, George Kennedy – e Jennings Lang – sono stati coinvolti in quell'estate. Per non essere da meno degli altri studios e desideroso di incassare un successo strepitoso, un sequel di Aeroporto è stato anche sviluppato insieme Terremoto .

Determinato a fare cose più grandi e migliori dell'originale, Aeroporto 1975 è ambientato a bordo dell'iconico jumbo jet Boeing 747, l'aereo passeggeri più grande e più nuovo dell'epoca.

Il personaggio di George Kennedy da Aeroporto , Joe Patroni, ritorna, ora vicepresidente delle operazioni per la fittizia Columbia Airlines – non una cattiva promozione da meccanico umile nel primo film di qualche anno prima. Charlton Heston è il capitano Al Murdock, capo istruttore di volo della Columbia, incaricato di abbattere in sicurezza il volo 409 dopo una collisione a mezz'aria con un aereo leggero. Ai comandi del volo colpito c'è l'assistente di volo senior Nancy Pryor (Karen Black), la ragazza di Murdock. Con il capitano del volo privo di sensi e l'aereo incapace di virare in modalità pilota automatico, Murdock deve parlare con Pryor della navigazione sulle vette delle montagne Wasatch tramite la radio dell'aereo.

A parte la trama utile, sono i passeggeri la cosa più memorabile del film: Gloria Swanson nel suo ultimo ruolo da attrice, interpretando se stessa come una star del cinema in dissolvenza e fornendo i suoi dialoghi (sia Greta Garbo che Joan Crawford erano stati offerti, e rifiutato, il ruolo); Helen Reddy nel ruolo della suora Sister Ruth, che tira fuori la sua chitarra per eseguire la canzone di Reddy Migliore amico dal suo album di debutto (un po' come l'irruzione di Harry Styles in Segno dei tempi metà- Dunkerque ); Linda Blair – che il pubblico aveva visto in un ruolo molto diverso in L'esorcista solo pochi mesi prima – come Janice Abbott, una bambina malata in viaggio per sottoporsi a un trapianto di organi. Altri includono Myrna Loy come alcolista, Sid Caesar come attore cinematografico ed Erik Estrada come ingegnere di volo.

Inizialmente Heston era stato riluttante ad iscriversi al film, avendo solo di recente interpretato il capitano di un aereo passeggeri in un altro thriller, Skyjacked , nel 1972. Ma alla fine fu convinto e, tanta era la fretta di concludere il film in tempo per competere al botteghino di quell'anno, Heston aveva solo 15 ore tra la fine del lavoro su Terremoto e girando le sue prime scene per Aeroporto 1975 .

La competizione si scalda

Nel maggio 1974, as Aeroporto 1975 stava girando, L'Inferno Torreggiante , ora con Steve McQueen, Paul Newman, William Holden e Faye Dunaway nei ruoli principali, hanno iniziato le riprese.

L'iscrizione a due dei più grandi nomi di Hollywood potrebbe aver fatto venire l'acquolina in bocca a Fox e Warner Brothers - Steve McQueen era l'attore più pagato al mondo all'epoca - ma la famigerata rivalità tra McQueen e Paul Newman ha causato attrito fin dall'inizio.

McQueen aveva rifiutato un ruolo negli anni '69 Butch Cassidy e The Sundance Kid a causa di disaccordi sulla fatturazione con Newman, e lo stesso conflitto è emerso Inferno pure.

Nessuno dei due attori avrebbe accettato di essere il secondo classificato, quindi gli studios hanno trovato una soluzione innovativa: i loro due nomi sono stati scritti in diagonale sullo schermo e sui poster, in modo che entrambi gli attori apparissero per primi, a seconda che tu leggessi dall'alto verso il basso o a sinistra a destra.

Per evitare ulteriori litigi, a entrambe le star è stata offerta la stessa paga – 1 milione di dollari e il 7,5% del botteghino – e lo stesso numero di battute. McQueen, desideroso di eclissare Newman, ha insistito per interpretare il capo dei vigili del fuoco Mike O'Halloran, che non appare nel film per ben 40 minuti, assicurandosi che quando era sullo schermo al fianco di Newman, quest'ultimo aveva già consumato la maggior parte delle sue linee, e non avrebbe dominato le loro scene. A suo merito, Newman (interpretando l'architetto Doug Roberts), era molto più rilassato riguardo all'intera faccenda, a differenza del suo co-protagonista, che ha insistito affinché non venisse disturbato da visitatori indesiderati e dalla troupe sul set.

Né è stato facile con gli altri membri del cast. Faye Dunaway era noto per essere in ritardo sul set, alcuni giorni non si presentava affatto - con l'esasperazione degli attori più esperti, in particolare William Holden (già addolorato che non gli fosse stato dato il punteggio più alto, gli è stato detto che non era il pareggio al botteghino era stato una volta). A un certo punto Holden era così infuriato per il persistente ritardo di Dunaway che l'ha bloccata con rabbia al muro. Non sorprende che fosse puntuale per il resto delle riprese.

Effetti innovativi

Tutti e due Aeroporto e Poseidone aveva dimostrato che un ingrediente era vitale se un film catastrofico doveva essere realizzato: effetti speciali di prim'ordine.

Per Inferno , questa è stata una sfida tecnica enorme. L'azione è incentrata su un colosso di vetro e oro di 138 piani di un grattacielo che deve prima bruciare e poi essere inzuppato da un diluvio d'acqua. Ovviamente, niente di tutto questo potrebbe essere filmato su un edificio reale, quindi le riprese comporterebbe inevitabilmente delle miniature, ma il fuoco e l'acqua sono notoriamente difficili da 'miniaturizzare': se si sbagliano, la loro velocità e il loro comportamento tradiscono immediatamente la reale scala del set .

Si è deciso di riportare in vita il duo che aveva vinto l'Oscar degli effetti visivi per Poseidone , LB Abbott e AD Flowers. Dopo molte sperimentazioni, finalmente iniziò la costruzione su un modello in scala della torre, anche se a 70 piedi di altezza non c'era niente di piccolo (che è circa l'altezza di un edificio di 5 piani).

Per le fiamme stesse, qualsiasi tipo di combustibile liquido sarebbe stato troppo pericoloso con cui lavorare, quindi è stata utilizzata una miscela di gas personalizzata. Il butano brucia con una fiamma blu e poco fumo, mentre l'acetilene emette una fiamma arancione e molto fumo nero: mescolando diverse quantità di ciascun gas, i pirotecnici sono stati in grado di creare esattamente l'aspetto giusto per ogni scatto. Insieme a questi gas infiammabili, è stata pompata aria compressa per agitare le fiamme, con un accenditore per accendere il tutto.

Nonostante i migliori sforzi per garantire la sicurezza della troupe, le riprese sono state piene di pericoli. In un'occasione, c'è stato un ritardo di 10 secondi nell'accensione dell'accenditore, che ha consentito la formazione di un'enorme quantità di gas prima dell'accensione; l'esplosione che ne seguì fu così massiccia che fece volare detriti e vetri ovunque, e la ripresa fu così spettacolare che fu usata nel film.

Sono stati costruiti anche cinque piani della torre in scala reale, compreso il ponte Promenade al 135° piano, dove un gran numero di persone rimane intrappolato mentre le fiamme si propagano. Intorno c'era un ciclorama di 340 piedi dello skyline di San Francisco, dipinto con dettagli così minuziosi che persino il luccichio della luna sul mare lontano è stato simulato tagliando fessure curve nel fondale, strisce luminose di seta appese dietro di esso e svolazzanti li con un ventilatore per farli luccicare. Questo set da solo è costato $ 300.000 per essere costruito - ed è stato poi completamente distrutto da migliaia di litri d'acqua per il climax del film.

In tutto, 57 set sono stati costruiti sul backlot Fox per Inferno , il numero più alto per un film a quella data, con un record di 4 troupe televisive che coprivano l'azione. Irwin Allen ha diretto lui stesso le sequenze d'azione e ha fatto un lavoro molto dignitoso. Non c'è da stupirsi che stesse iniziando a guadagnarsi il soprannome di 'Master of Disaster'.

Per non essere da meno, la Universal era impegnata a mettere tutto negli effetti per Terremoto , anche se il budget del film era la metà di quello di Inferno. Glen Robinson (che aveva iniziato la sua carriera cinematografica nel reparto oggetti di scena di Il mago di Oz ) era l'uomo incaricato di costruire il vasto numero di edifici e paesaggi che sarebbero stati distrutti dal catastrofico evento sismico.

I set a grandezza naturale sono stati creati su sistemi a rulli che si muovevano e si inclinavano in base all'azione richiesta, tutti filmati da telecamere con 'supporti shaker' appositamente progettati sotto di loro. In modo più spettacolare, è stato costruito e poi distrutto un modello di una diga di 50 piedi. Terremoto ha stabilito il record per il maggior numero di stuntman impiegati in una produzione: 141 in totale. Inevitabilmente, ci sono stati incidenti; diversi stuntman sono rimasti feriti durante le riprese della scena dell'incidente dell'ascensore e uno sfortunato ha subito una commozione cerebrale quando i detriti sono caduti su di lui durante la sequenza dell'alluvione, ancora una volta, risultando in filmati troppo belli per non essere inclusi nel film finale.

Per aumentare l'azione dal vivo, i dipinti opachi sono stati creati dall'artista Albert Whitlock, giustamente considerato uno dei più grandi pittori opachi della vecchia scuola di Hollywood. Ha prodotto 22 panorami da utilizzare in 40 scene utilizzando la sua speciale tecnica 'impressionista': da vicino i dipinti sembrano meno reali di una fotografia, ma quando girati su pellicola appaiono più convincenti alla vista di una rappresentazione iperreale.

Ma Terremoto La più grande innovazione tecnologica è stata l'uso del suono. Per rendere questo film evento davvero spettacolare, Jennings Lang voleva che la terra si muovesse per lo spettatore, letteralmente. E se il pubblico potesse sentire, oltre a vedere e sentire, i tremori sullo schermo?

L'idea iniziale di far cadere detriti di polistirolo sul pubblico nei momenti appropriati è stata rapidamente (e non sorprende) abbandonata per qualcosa di molto più realistico: Sensurround, un sistema di vibrazioni sub-udibili trasmesse attraverso altoparlanti appositamente installati. Gli spunti sulla colonna sonora hanno attivato questi infrasuoni, onde sonore che, a meno di 20 hz, non possono essere ascoltate dall'orecchio umano ma possono essere percepite nel corpo come vibrazioni. Vissuti dal pubblico come rimbombi subsonici, sembrava che dei veri tremori scuotessero l'auditorium sotto i loro piedi.

È stata un'impresa enorme. Non solo doveva essere inventata la tecnologia, inclusi l'ormai onnipresente altoparlante subwoofer e amplificatori ad altissima capacità, ma i set degli enormi altoparlanti dovevano seguire le stampe del film in tutto il mondo nelle settimane prima dell'apertura. Per il singolo teatro, il costo della proiezione del film è stato notevole: $ 2.000 per l'installazione degli altoparlanti, più $ 500 a settimana di noleggio per la durata della corsa.

Non sorprende che la Universal abbia interpretato Sensurround per tutto quello che valeva, forse per convincere i gestori del teatro tanto quanto chiunque altro tra il pubblico. La letteratura promozionale non si assumeva “nessuna responsabilità per le reazioni fisiche o emotive del singolo spettatore”; per una prima all'iconico Grauman's Chinese Theatre sull'Hollywood Boulevard, un'enorme rete è stata posizionata sotto il soffitto in gesso decorato nel caso in cui le vibrazioni lo facessero disintegrare. Proprio come aveva sperato Lang, questi espedienti hanno avuto un enorme successo nel creare un ronzio intorno al film prima della sua uscita.

La post produzione vacilla

Alla fine dell'autunno, la produzione di tutti e tre i film era in fase di completamento. Con le date di uscita fissate per gli ultimi tre mesi del 1974, nessuno poteva permettersi di perdere tempo in termini di pianificazione. Ma Terremoto aveva un ultimo ostacolo da superare.

Dopo una reazione tutt'altro che impressionante alle proiezioni di prova in tutta l'America a ottobre, è stata presa la decisione di tagliare 30 minuti di filmati dal film, con implicazioni abbastanza importanti per la narrativa della storia. La maggior parte dei tagli aveva lo scopo di snellire l'assetto del personaggio gonfio - in particolare, un retroscena che coinvolgeva l'aborto e il tentativo di suicidio che aveva spiegato il conflitto nel matrimonio di Heston e Gardner. Altre parti del film, ritenute troppo esplicite per un rating PG, sono state attenuate. La più grande vittima di questo tweaking è stata una scena in cui la perdita di potenza fa precipitare drammaticamente a terra un ascensore pieno di persone. Solo per assicurarsi che le raccapriccianti implicazioni fossero sufficientemente sorvolate, del sangue (letteralmente) dei cartoni animati è stato spruzzato sulla telecamera al momento dell'impatto.

Con modifiche a Terremoto finalmente nella borsa, tutti e tre i film erano pronti per l'uscita. Entrando in dirittura d'arrivo, tutti e tre speravano di dominare alla fine dell'anno.

E il vincitore è…

Il primo a uscire dai cancelli è stato Aeroporto 1975 , il 18 ottobre. La maggior parte dei critici sono rimasti delusi, respingendolo (come il New York Times ha fatto) come un 'sequel sciocco' con una 'totale mancanza di consapevolezza di quanto sia comico quando si cerca di essere più serio'. Alcuni lo pensavano migliore dell'originale, in particolare Roger Ebert, che ha scelto i plausibili effetti speciali per elogiarlo, anche se si è chiesto se una hostess senior altamente qualificata si sarebbe davvero dimostrata così incapace in un'emergenza. Che è un buon punto.

Incassando ben 47 milioni di dollari al botteghino, è arrivato al settimo posto nella lista dei film più performanti dell'anno. Molto al di sotto dei rendimenti a nove cifre di Aeroporto , è stato comunque sufficiente per assicurarsi altri due sequel nei prossimi anni: Aeroporto '77 e Il Concorde… Aeroporto '79 .

Terremoto aperto a metà novembre e le recensioni non erano molto migliori. Pur descrivendolo come un 'trito epico disastro', Pauline Kael potrebbe trovare un po' di spazio per la generosità: 'Il film è broda, ma non è un imbroglio; è una divertente maratona di effetti distruttivi di grado A.” E nonostante tutta la sua stupidità e le sue trame poco plausibili, Terremoto ha ottenuto un più che rispettabile $ 80 milioni di incassi al botteghino, un ritorno estremamente dignitoso con un budget originale di $ 7 milioni e uno che ha visto il film prendere il quinto posto nella classifica dei migliori film dell'anno.

L'ultimo dei tre film in uscita, Inferno , è stato davvero l'unico ad esibirsi come sperato, sia in termini di box office che di opinione critica. Secondo Roger Ebert era 'il migliore dei film catastrofici della metà degli anni '70'. È stato l'unico dei tre a superare la soglia dei 100 milioni di dollari, portandolo al primo posto nel 1974 con un totale complessivo di 116 milioni di dollari di entrate nazionali. L'improbabile scommessa sulla coproduzione intrapresa dai fratelli Fox e Warner aveva dato buoni frutti.

E i premi? Bene, con la stagione dei premi del 1975 dominata dai colossi della new wave Il Padrino Parte II e Chinatown , forse non sorprende che Aeroporto 1975 , relativamente poco amato dal pubblico e dalla critica, è passato in gran parte inosservato. Ha ottenuto solo una nomination: per Helen Reddy, come esordiente più promettente dei Golden Globes.

D'altro canto, Terremoto e Inferno ha fatto molto bene, essendo nominato rispettivamente per 4 e 8 Oscar. Questi erano per lo più nelle categorie tecniche; entrambi i film sono stati nominati per il montaggio, la fotografia, il suono e la direzione artistica. E, in un anno in cui John Williams è stato molto impegnato (segnando entrambi Inferno e Terremoto , oltre a film per Steven Spielberg e Martin Ritt), Inferno è stato anche nominato per il miglior punteggio. Non proprio i 10 cenni dell'Academy di Aeroporto , ma non lontano.

Non sorprende, forse, Terremoto ha vinto l'Oscar per il suo design innovativo del suono e ha anche ottenuto degli Oscar speciali per i suoi due fornitori di effetti speciali, Glen Robinson e il pittore matte Albert Whitlock. Sensurround stesso era destinato a essere un fenomeno di breve durata. È stato utilizzato solo in altri tre film: un remake del 1976 di King Kong , a metà strada (1976), e Montagne russe (1977) – così come per l'uscita nelle sale del 1978 Battlestar Galactica pilota televisivo. Ma alla fine degli anni settanta i cinema stavano inevitabilmente cadendo nell'orbita del THX e del DolbyStereo di Lucasfilm, entrambi i quali si sarebbero rivelati molto più duraturi di Sensurround.

Inferno ha fatto del suo meglio nel convertire le nomination agli Oscar in vittorie. Ne ha vinti tre in totale, per montaggio, fotografia e miglior canzone. Gli oggetti di scena sono dovuti anche all'Accademia per aver nominato il settantenne Fred Astaire come miglior attore non protagonista per Inferno , in una categoria dominata da tre esibizioni da Il Padrino Parte II .

Forse la rivendicazione più soddisfacente per la collaborazione Fox/Warner Brothers (e una vittoria personale per Irwin Allen, il cui nome era sulla nomination) è stata Inferno la voce nella categoria delle migliori immagini. Ma in un anno in cui la sua competizione era Il Padrino Parte II , Chinatown , e La conversazione , non doveva essere. Come in tante altre categorie quella notte, Il Padrino Parte II spazzato tutto prima di esso.

Campana a morte per il disastro

Alla fine degli anni settanta, era chiaro che i grandi film catastrofici avevano avuto il loro momento di gloria. La precedente riluttanza della 20th Century Fox a finanziare film come L'avventura di Poseidone e L'Inferno Torreggiante sembrava sempre più preveggente con il passare degli anni, anche se già nel 1970 Aeroporto era stato descritto come 'un intrattenimento blando della vecchia scuola' da Pauline Kael e 'un marchio di cinema passato' da Varietà . Chinatown , Il Padrino Parte II , Apocalisse ora , Il cacciatore di cervi – alla fine del decennio, questi erano i nuovi standard aurei del cinema americano.

E anche se non stavi cercando una tariffa così intellettuale, l'esplosione di film che cambiano la cultura dei signori Lucas e Spielberg stavano, a quel tempo, cambiando per sempre il volto del cinema. Il maestro del disastro Irwin Allen, che aveva fatto così tanto per dare vita al genere, non riusciva a capire il fascino di questi film nuovi di zecca. Il loro successo lo sconcertò. Come potrebbe Guerre stellari essere così onnicomprensivo quando non presentava grandi nomi? Come potrebbe Incontri ravvicinati del terzo tipo o mascelle essere successi così massicci senza un'evidente storia d'amore allegata a loro?

Allen, impegnato come sempre nelle epiche all-star della vecchia scuola, avrebbe posto fine alla sua redditizia associazione con la Fox quando lo studio aveva deciso di cancellare un trio di film catastrofici programmati. Alla Warner Brothers, ironia della sorte, avrebbe tentato di ridare vita al genere con film fatti per la TV pieni di punti esclamativi, tra cui Alluvione! (1976), Fuoco! (1977) e Crolla! (1983). Ha anche prodotto e diretto offerte poco brillanti lo sciame (1978) e Oltre l'avventura di Poseidone (1979), prima di passare a una cucina più orientata alla famiglia fino al suo ritiro a metà degli anni ottanta.

A seguire Aeroporto 1975 , Jennings Lang avrebbe continuato a produrre entrambi i futuri Aeroporto sequel, così come Montagne russe (1977), ma negli anni '80 si sarebbe dedicato ai drammi comici. Come Allen, la sua carriera non raggiunse mai più le vette inebrianti del 1974: il suo sequel di Il pungiglione nel 1983 ha il non invidiabile riconoscimento di aver segnato lo 0% su Rotten Tomatoes.

Nonostante Aeroporto 1975 perso la battaglia del botteghino del 1974, dei tre film ha avuto forse la conseguenza più felice (anche se involontaria) per gli spettatori, e quella che avrebbe segnato la fine per il genere disastro: il film parodia.

Aereo! (1980) ha tolto il vento alle vele del genere catastrofico esagerato e troppo serioso più efficacemente di qualsiasi fallimento al botteghino - prendendolo in giro. Anche se in realtà è un riff del precedente Ora zero! , presenta molti elementi riconoscibili da Aeroporto 1975 : la suora, il bambino malato a cui si canta, la hostess ai comandi e così via. È difficile non essere dispiaciuti per Aeroporto franchising alla luce di Aereo! brillantezza e longevità, ma forse è un segno della presenza dell'originale che è stato ritenuto così degno di pastiche.

Il boom dei disastri degli anni settanta si è ufficialmente spento, quindi, nel 1980. Era l'anno in cui Steve McQueen, che si era preso una pausa di quattro anni dalla recitazione dopo il suo coinvolgimento con Inferno – ha rifiutato un ruolo in una proposta Inferno sequel, e morì non molto tempo dopo. È stato anche l'anno dell'ultimo sussulto del Aeroporto franchising, Il Concorde… Aeroporto 1979 , ha ottenuto recensioni ridicole e ignominiosamente non è riuscito a recuperare il suo budget.

Ma la cosa più memorabile, e forse più appropriata, è stata che il 1980 è stato l'anno in cui Leslie Nielsen, con un piccolo aiuto da un pilota automatico gonfiabile, ha riportato ufficialmente il genere con i piedi per terra.