Come Pikachu è diventato la mascotte dei Pokémon

Se un personaggio Nintendo potesse mai sostituire Mario come mascotte di Nintendo, dovrebbe essere Pikachu. Per oltre 25 anni, Pikachu ha servito come il volto del Pokemon franchising in un modo che rende facile immaginare qualcuno che identifica istantaneamente la creatura elettrica anche se non ha mai giocato a played Pokemon gioco.

In effetti, lo status di Pikachu come una delle più grandi mascotte del gioco si è radicato così profondamente nella nostra coscienza collettiva della cultura pop nel corso degli anni che molti di noi probabilmente non si sono mai fermati e hanno pensato quanto sia strano che Pikachu abbia guadagnato quello status in primo luogo. Dopotutto, non era sulle copertine originali dei giochi, non era uno dei Pokémon iniziali offerti all'inizio dei primi giochi, e detto tra me e te, la versione originale di Pikachu non era nemmeno particolarmente potente. Quindi, come è diventato uno dei personaggi dei videogiochi più popolari di sempre?

La risposta a questa domanda può essere trovata in questa affascinante storia che dimostra che il mondo a volte è governato da una serie di coincidenze e che i Pokémon avrebbero potuto facilmente ritrovarsi con una mascotte diversa se le cose fossero andate diversamente.



Copertine Pokemon Rosso, Blu e Verde

Charizard, Venusaur e Blastoise: le stelle di copertina di Pokémon

In un certo senso, la cosa più strana dell'eventuale status di Pikachu come Pokemon la mascotte è il fatto che Pokemon lanciato con tre diverse star di copertina che non hanno guadagnato automaticamente quel titolo: Charizard, Venusaur e Blastoise.

Essendo le evoluzioni finali di Charmander, Bulbasaur e Squirtle, ha senso che quei tre Pokémon abbiano abbellito le copertine di Pokémon Rosso, Verde , e Blu , rispettivamente. Si potrebbe obiettare che gli starter effettivi erano le scelte più logiche per le copertine dei giochi, ma le evoluzioni finali di quelle creature non solo hanno un aspetto migliore; hanno contribuito a trasmettere l'idea che i primi Pokémon che vedi nel gioco si evolveranno man mano che avanzi.

Tuttavia, il fatto che queste tre siano scelte così logiche da cover star rende solo molto più confuso il fatto che nessuno di questi Pokemon sono stati scelti come l'eventuale 'mascotte' della serie.

C'è sicuramente un caso forte da sostenere per ciascuno di quei Pokémon che diventano l'eventuale mascotte del franchise. Bulbasaur, per esempio, non è solo il primo Pokémon elencato nel Pokedex, ma Pokemon il compositore Junichi Masuda dice che Bulbasaur è il suo Pokémon iniziale preferito perché il suo aspetto unico lo rende un 'Pokémon molto simile a un Pokémon' che esemplifica lo stile unico del franchise.

Squirtle/Blastoise sarebbe stata una scelta interessante se non altro per l'impatto di Pokémon Blu . Non solo era Pokémon Blu l'aggiornato ( probabilmente definitivo ) versione di Pokemon Netto e verde in Giappone, ma il 'blu' è stato scelto come uno dei colori per le versioni statunitensi del franchise a causa in parte della convinzione che il blu e il rosso potessero ricorda ai giocatori americani dei colori della bandiera degli Stati Uniti. In un certo senso, quindi, si potrebbe sostenere che si ritenesse che Squirtle avesse un fascino internazionale.

Per quanto riguarda i Pokémon iniziali, tuttavia, Charmander/Charizard potrebbe avere il miglior curriculum per il futuro status di mascotte. Il suo potente design lo ha reso a lungo uno dei preferiti da alcuni fan, ed è l'unico dei Pokémon iniziali ad apparire sulle copertine delle versioni giapponesi e internazionali dei giochi. Incarna anche il look da “dinosauro” Pokemon team stava originariamente cercando durante le prime fasi di progettazione delle creature. Del resto, Rhydon avrebbe potuto essere la mascotte come lo era he primo Pokémon progettato per il gioco , e le sue statue appaiono persino nei titoli originali.

Alla fine, nessuno di quei Pokémon è stato scelto per essere la mascotte del gioco e non è ancora del tutto chiaro il motivo. Tuttavia, la spiegazione più semplice è che il Pokemon il team non stava pensando di avere una 'mascotte' durante i primi giorni della serie e non ha scelto i Pokémon iniziali o le stelle di copertina sulla base della loro fattibilità come eventuali icone. In poche parole, non stavano pensando a Pokemon come questo franchise potenzialmente globale che avrebbe avuto un impatto sull'industria per i prossimi 25 anni quando stavano ancora solo cercando di finire e modificare i giochi.

Inoltre, una volta che è diventato chiaro che Pokemon si stava evolvendo in un franchise globale, sembra che alcuni membri di spicco del team abbiano iniziato a considerare la possibilità di scegliere e promuovere una mascotte. Tuttavia, quella mascotte non era uno dei Pokémon iniziali, e certamente non era Pikachu. Era invece un Pokémon che in qualche modo si è perso nel tempo nonostante il fatto che i designer e gli sviluppatori del franchise avessero chiaramente grandi piani per loro.

Pokemon Clefairy

Clefairy: L'originale Pokemon mascotte

Con tutto il rispetto per Clefairy, ma essendo un Pokémon di tipo normale che non vanta abilità particolarmente degne di nota e sembra persino simile a un paio di altri Pokémon (in particolare Jigglypuff), è difficile credere che ci sia stato un tempo in cui la creatura è stato il favorito per diventare la mascotte della serie.

Tuttavia, lo status di Clefairy come 'originale' Pokemon mascotte non è mai stata veramente contestata. Quello che sembra essere un po' più discutibile sono i dettagli di quella decisione che alla fine li ha portati a perdere quell'alto titolo.

Non c'è davvero una risposta chiara alla domanda: 'Perché è stato il? Pokemon squadra così in alto su Clefairy?' È un Pokémon innegabilmente carino che assomiglia in qualche modo a un'altra icona Nintendo (Kirby), ma non è che il gioco originale facesse male alle creature carine. Il creatore di Pokémon Satoshi Tajiri una volta ha detto che Pikachu sarebbe diventato la mascotte non è stata una sua idea , ma non è chiaro se loro o altri membri di alto rango della squadra fossero campioni di Clefairy all'inizio.

Quello che sappiamo è che Clefairy è stato scelto per essere il Pokémon iniziale di Red nella serie manga del gioco : uno dei primi grandi pezzi di Pokemon “merce” rilasciata dopo i giochi. In realtà, l'aspetto di Clefairy in quelle prime storie è notevolmente simile a come Pikachu è stato infine utilizzato nella serie anime. Sono i primi Pokémon del personaggio principale (pur non essendo uno dei Pokémon iniziali presenti nei giochi), hanno una personalità più definita rispetto agli altri Pokémon e sembrano persino essere ritratti come in qualche modo più intelligenti e indipendenti delle altre creature .

In effetti, la versione popolare di questa storia suggerisce che Clefairy avrebbe dovuto interpretare il ruolo che alla fine è andato a Pikachu nell'anime. Perché un cambiamento così drammatico è stato fatto al proverbiale last minute? Ci sono diversi motivi segnalati che potrebbero aiutare a spiegare come Clefairy abbia perso il suo status di mascotte così rapidamente.

Una versione un po' meno popolare della storia di Clefairy suggerisce che il casting della mascotte di Clefairy sia stato compromesso dalla natura sorprendentemente volgare dei primi Pokemon manga. Questo sembra quasi certamente essere il motivo per cui quelle storie non sono state inizialmente rilasciate in America, e si dice che a qualcuno in Nintendo non sia piaciuta l'associazione.

Rapporti molto più popolari suggeriscono che il 'problema' con Clefairy da un punto di vista del marketing era l'idea che il design di Clefairy avrebbe attratto in gran parte le giocatrici. A confronto, Tajiri dice che all'epoca c'era la sensazione che il design di Pikachu potesse potenzialmente piacere sia a 'ragazzi che a ragazze'. Tuttavia, è stato anche suggerito nel corso degli anni che c'erano numeri interni in circolazione in quel momento che rivelavano che il design di Pikachu stava effettivamente prendendo piede più con le giocatrici rispetto a quello di Clefairy. Sulla stessa falsariga, ci sono voci secondo cui Charmander e Rhydon non sono stati selezionati come mascotte perché i loro disegni potrebbero piacere più ai ragazzi che alle ragazze. Tuttavia, quest'ultimo pezzo sembra essere più un'implicazione basata su ciò che è successo alla fine piuttosto che un fatto tratto da una citazione o una dichiarazione specifica.

In generale, però, sembra che Nintendo e il Pokemon il team ha pensato che il design di Pikachu aiutasse la creatura a risaltare di più. Oltre a essere più attraente per una fascia demografica più ampia, sembrava esserci la convinzione che Pikachu assomigliasse più a un 'animale domestico' rispetto ad altri Pokémon e che le persone sarebbero state più propense ad acquistare prodotti che lo caratterizzano a causa del desiderio di averlo nei loro casa. Ciò è particolarmente interessante considerando che una storia suggerisce che Nintendo sentiva che Pikachu doveva essere 'ingrossato' per l'uscita internazionale del gioco, ma alla fine il personaggio è stato 'rifilato' rispetto al suo design originale (noto anche come 'Pikachu grasso' che è stato progettato per assomigliare a uno scoiattolo).

In una serie con titoli basati sui colori, è anche interessante notare che la combinazione di colori di Pikachu era gran parte del motivo per cui alla fine è diventato la mascotte della serie su Clefairy. Non solo alcuni alla Nintendo pensavano che Pikachu fosse più riconoscibile da lontano, ma poiché c'erano meno personaggi importanti nella cultura pop che utilizzavano uno schema di colori simile (oltre a Winnie the Pooh), la loro speranza era che Pikachu avrebbe avuto meno 'competizione' da altre mascotte.

Alla fine, però, la decisione che ha cambiato tutto è venuta dal Pokemon squadra dell'anime. Gli artisti e gli scrittori dello show volevano concentrarsi su un Pokémon specifico come parte della trama della serie e alla fine hanno suggerito a Nintendo di ritenere che Pikachu sarebbe stato il Pokémon perfetto per essere il protagonista dello spettacolo a causa della crescente popolarità del personaggio in quel momento. I progettisti del gioco erano titubanti, ma i primi filmati di prova che ha enfatizzato la voce di Pikachu e li ha aiutati a conquistarli. Quell'anime è stato rilasciato con Pikachu come protagonista, è diventato una sensazione internazionale e ha praticamente consolidato lo status di Pikachu come Pokemon la mascotte.

Ma aspetta, perché Pikachu era così popolare tra i fan prima di diventare il Pokémon più visibile al mondo? Stranamente, parte della popolarità di Pikachu può essere attribuita al fatto che all'inizio non era così visibile...

Ne abbiamo già parlato in modo più dettagliato, ma non puoi sottovalutarlo quanto leggende metropolitane e miti hanno contribuito a rendere popolare il Pokemon franchising . Il semplice accenno di Pokémon nascosti nel gioco è stata una pietra angolare del blitz di marketing che ha trasformato i Pokémon da un potenziale concetto di nicchia in uno dei più grandi franchise al mondo.

È appropriato, quindi, che Pikachu sia diventato la mascotte di Pokémon dato che ha anche beneficiato direttamente di un elemento di mistero che ha lasciato alcuni fan a ipotizzare che il suo aspetto potesse essere stato un mito o una sorta di fenomeno raro.

Quanto è raro Pikachu nell'originale Pokemon Giochi? I numeri non sono mai stati confermati oltre ogni dubbio, ma la maggior parte delle informazioni suggerisce che hai buone possibilità di trovarne uno vicino alla centrale elettrica (dove Pikachu potrebbe avere un tasso di apparizione del 50%). Tuttavia, quell'area non viene scoperta fino a molto più avanti nel gioco e molti giocatori potrebbero non aver nemmeno bisogno di un Pokémon elettrico a quel punto.

È possibile trovare un Pikachu nella foresta di Viridian, ma secondo quanto riferito le probabilità di imbattersi in uno in quella zona sono del 5%. A quel tempo, un Pokémon elettrico era molto più utile a molti giocatori di Pokémon, soprattutto se sceglievano Bulbasaur come antipasto.

È interessante notare che il basso tasso di apparizione di Pikachu non è stato solo un felice incidente che alla fine ha contribuito alla sua eredità. Secondo Masuda , uno di Pokemon i progettisti stavano esaminando alcuni dei nuovi progetti di creature quando hanno individuato Pikachu. Sono rimasti così colpiti dall'aspetto del personaggio che hanno immediatamente detto che la creatura era troppo bella per essere comune. Masuda sospetta che volessero solo essere l'unico con un Pikachu e non volevano che troppi altri giocatori ne scoprissero uno naturalmente prima di loro. In una delle più adorabili interferenze esecutive mai segnalate, gli sviluppatori hanno accettato di mantenere basso il suo tasso di comparsa.

È qui che la popolarità di Pikachu e l'eventuale status di mascotte sono diventati davvero una questione di slancio. Pikachu era un Pokémon raro con un design unico. O l'hai incontrato nel gioco e probabilmente hai pensato 'Wow, sembra molto più bello dei bruchi e degli uccelli che ho catturato', o hai visto che qualcun altro lo aveva catturato e hai subito voluto sapere come e dove. In ogni caso, nel momento in cui l'anime è uscito, Pikachu era questo Pokémon chiaramente popolare con una base di fan incorporata, un ottimo design e il supporto degli artisti e dei produttori dello show. Era davvero solo una scelta naturale su tutta la linea.

Ovviamente, se credi ad alcune voci, sembra che qualcuno in Nintendo potrebbe non aver rinunciato all'idea che Clefairy o qualche altra creatura diventasse uno dei Pokemon le figure più importanti.

Anime Pokémon Jigglypuff

Il mistero della mascotte di Pokemon Rosa

Lo status di mascotte di Pikachu è stato consolidato dal Pokemon la popolarità dell'anime, ma è stata probabilmente sigillata dall'uscita di Pokemon Giallo : uno spin-off molto popolare che permetteva ai giocatori di scegliere Pikachu come Pokémon iniziale proprio come fece Ash in quello show. Il rilascio di Giallo metti Pikachu sotto i riflettori in un modo che il principale Pokemon giochi non lo aveva mai presentato in precedenza.

Tuttavia, un'affascinante leggenda suggerisce che Pokemon Giallo non era l'unico Pokemon spin-off che Nintendo aveva pianificato di rilasciare in quel momento e che si sarebbe in gran parte concentrato su una creatura da copertina.

Documenti trapelati acquisita durante una massiccia violazione della sicurezza di Nintendo ha rivelato che Pokemon Giallo il codice sorgente è pieno di riferimenti al colore 'rosa' e, in alcuni casi, anche alle parole 'Pokémon rosa'. Sebbene il significato di quel codice non sia mai stato confermato da Nintendo, una teoria popolare suggerisce che la società potrebbe aver pensato di rilasciare un altro gioco insieme Pokemon Giallo chiamato... beh... Pokemon Rosa .

Chi avrebbe recitato in quel presunto gioco che ovviamente non è mai stato pubblicato? I due candidati più probabili sono Jigglypuff (che era anche diventato piuttosto popolare grazie alla serie anime) e l'originale Pokemon mascotte, Clefairy. Sì, sembra che dopo tutto quel tempo, qualcuno in Nintendo potrebbe aver ancora fatto una campagna per far diventare Clefairy Pokemon la mascotte.

Non sarei scioccato nell'apprendere che la storia è vera se non altro per il fatto che negli ultimi anni hanno visto sempre più fan adottare la propria 'mascotte' basata sul loro amore per un particolare Pokémon. Mentre Eevee è diventata una delle scelte di mascotte più popolari nel corso degli anni, il fatto è che molti fan possono argomentare sul perché il loro Pokémon preferito dovrebbe essere il volto di questo franchise. In quanto tale, non è difficile immaginare un dirigente entusiasta che cerca di spingere Clefairy dietro le quinte.

Allo stato attuale, però, Pikachu rimane la mascotte (in gran parte) indiscussa del Pokemon franchising. Potrebbe non essere il tuo preferito, ma è difficile negare che molti di noi pensano ai nostri ricordi preferiti della serie nel momento in cui vediamo Pikachu.