Jeff Bridges riflette su Iron Man, definendolo 'un film studentesco da 200 milioni di dollari'

Prima del 2008 Uomo di ferro , i film a fumetti erano ancora eventi isolati. Tuttavia, l'allora discutibile film Marvel è arrivato senza un supereroe di alto livello e mostrando una stella danneggiata in Robert Downey Jr. Naturalmente, non solo il suo successo avrebbe portato al ritorno definitivo di RDJ, ma ha anche piantato i semi per la tentacolare continuità multimediale impero che ora conosciamo come Marvel Cinematic Universe. Ironia della sorte, il co-protagonista Jeff Bridges rivela che il Uomo di ferro la produzione che ha lanciato l'MCU super organizzato faceva le ali ogni giorno sul set!

Apparendo su Varietà e PBS ' Attori su Attori , intervistato dal collega Matthew McConaughey, l'attore premio Oscar Jeff Bridges ripercorre la sua esperienza sul set del film originale del regista Jon Favreau Uomo di ferro . Mentre Bridges, un attore veterano e professionista consumato, afferma di essere arrivato sul set del film emergente nel 2007 preparato e conoscendo tutte le sue battute, è rimasto scioccato nello scoprire che la produzione era in uno stato di caos, soprattutto per quanto riguarda dette battute con riscritture quasi quotidiane della sceneggiatura. Come rivela Bridges:

“Si è scoperto che molte volte – 10, 12, 15 volte – ci saremmo presentati per i giorni di lavoro, senza sapere cosa avremmo girato. – Tutti i ragazzi in studio che battono il piede, guardano l'orologio, e siamo seduti nella mia roulotte cercando di capire le mie battute, amico. - Nel giorno!'



Bridges ha interpretato Obadiah Stane, un dirigente chiave delle Stark Industries che, inizialmente pubblicizzato come mentore di Tony Stark di Downey, si è rivelato responsabile delle macchinazioni che lo hanno lasciato in una grotta afghana con una scheggia nel cuore. Catturato dai terroristi, Tony è stato costretto a improvvisare segretamente la creazione dell'armatura di Iron Man Mark I per fuggire. Stane è stato un personaggio cruciale per il film, alla fine ha indossato la sua imponente armatura sovrappeso come versione del MCU del classico cattivo comico Iron Monger. Tuttavia, a causa della natura frenetica della sceneggiatura, Bridges implica che sia lui che Downey abbiano trovato le loro parti intercambiabili, confessando:

'Downey sta dicendo: 'Tu prova la mia parte, io proverò la tua parte', Favreau chiamando gli amici scrittori [dicendo], 'Ora ecco questa scena, cosa ne pensi?' E mi sta facendo impazzire! Io sono incazzato!'

Tuttavia, per timore che qualcuno pensi che Bridges stia guardando indietro al suo Uomo di ferro esperienza attraverso una lente amara, alla fine spiega che, in un modo quasi simile al suo iconico personaggio The Dude from Il grande Lewbowski – ha trovato un modo molto Zen per restare il caos del set. Come spiega affettuosamente Bridges:

“Ho fatto un piccolo aggiustamento nella mia testa. Quell'adattamento era: 'Jeff, rilassati,sei in un film studentesco da 200 milioni di dollari, divertiti, rilassati.'”

Infatti, l'originale Uomo di ferro – in realtà un budget di $ 140 milioni – è diventato un successo globale di $ 585 milioni e un evento pionieristico non solo per il genere dei film a fumetti, ma per l'intera industria cinematografica e la riverenza con cui vengono conferite proprietà di genere simili. Avendo tollerato l'atmosfera da bolide dietro le quinte, Bridges è in grado di vantarsi di aver interpretato il cattivo inaugurale del MCU, che attualmente si manifesta in 14 film e 5 programmi televisivi con molti altri in coperta.

Autore

Rick Morton Patel è un attivista locale di 34 anni a cui piace guardare i cofanetti, le passeggiate e il teatro. È intelligente e brillante, ma può anche essere molto instabile e un po' impaziente.

Lui è francese. È laureato in filosofia, politica ed economia.

Fisicamente, Rick è in buona forma.