Josh Trank e Tom Hardy's Capone: recensione

Tom Hardy è a due passi dal brillante Capone , chiunque lo abbia visto sarebbe d'accordo. Tuttavia, non sono solo Tom e Josh a fare il film, anche se la loro interpretazione e la direzione sì. Ma è più di questo. Quello che possiamo dire è che non sono contento del film perché non è all'altezza di una storia tangibile degli ultimi giorni di Capone. Il cast di supporto include Linda Cardellini, Matt Dillon, Kyle MacLachlan, Kathrine Narducci, Jack Lowden, Noel Fisher e Tilda Del Toro.

Finora siamo riusciti a dissuaderti dal film. Ma per gettare l'intera cosa in tilt, ci sono parti e parti più ridicole nella storia che ti fanno strappare gli occhi. Perché sprecare tutti quei soldi in tempi come questi.

Capone Venne da molto tempo, in quanto arrivò dopo che era passato molto tempo. Il film è stato annunciato per la prima volta dal regista Josh Trank stesso nel 2016. Non avrebbe dovuto esserlo Capone ma Fronzo . Per qualche motivo, il film è stato ribattezzato Capone. E infine, il progetto è iniziato lo scorso anno. L'ultimo progetto di Josh è stato Fantastici Quattro, che non è andata bene da nessuna parte, né la critica né il botteghino. Ma non è il Josh che abbiamo sempre saputo, perché il suo ultimo grande progetto è stato il dramma poliziesco indipendente, Cronaca. Ha funzionato molto bene per Josh poiché era un progetto indipendente. Con zero interferenze in studio, come si vede in Fantastici Quattro , Chronicle è stato un grande successo. Stiamo dicendo che Capone è cattivo come il progetto precedente di Josh, ma è a corto di un apice. Si basa su tutte queste aspettative del pubblico, che non riesce a soddisfare.



Il fantastico trailer, la presenza (e il trucco) di Tom Hardys non compensano il progetto logicamente crivellato. Il punto è documentare gli ultimi giorni di Tom Hardy come spaventoso uomo della mafia. Il gangster ha sofferto di demenza nei suoi ultimi giorni, dopo aver fatto del tempo. Mentre la sua vita va in pezzi, pezzo per pezzo, fatica a ricordare i 10 milioni di dollari che ha nascosto da qualche parte. Capone soffre di vecchiaia e demenza, inoltre, la sua villa in Florida è sotto sorveglianza. Sua moglie Mae (Linda Cardellini) e suo figlio Junior (Noel Fisher) sono i suoi assistenti. Uno ad uno, perde il controllo dei suoi sensi motori, ha un violento confronto fisico con sua moglie.

Nel frattempo, tutto ciò che fa è demistificare i 10 milioni di dollari che ha nascosto da qualche parte. Ogni giorno perde il controllo sulla realtà e sull'ubicazione dei soldi. Il punto è quello Capone non si tratta di crimine, ma degli ultimi giorni di un uomo che ha commesso questo crimine. In quanto tale, il focus del film dovrebbe essere sulla scrittura, cosa che non è. L'attenzione invece è su tre cose: l'aspetto di Hardy, il suo sigaro e i suoi giorni di gloria. Ecco un pensiero Josh, che mi dici degli ultimi giorni di Hardy? Perché questo è il soggetto del tuo film, dopotutto.

Capone: Josh Trank e Tom Hardy hanno mancato il bersaglio.

Hardy non manca davvero il bersaglio in termini di recitazione, ma quando la sceneggiatura è scritta in modo illogico, è la sua interpretazione che ne risente di più. È l'aspetto di Hardy che rende il film un orologio avvincente, più dei dialoghi che offre. La troupe ha fatto del suo meglio per rimediare all'incoerenza. È come se sapessero! Molti di noi pensavano che il Capone sarebbe stato un film fantastico e un concorrente agli Academy Awards, ma è un po 'impossibile. La sceneggiatura non rende giustizia al personaggio di Tom. Ma non è solo lui che soffre di più, ma è anche il film che è triste e monotono. Non farci nemmeno iniziare il ritmo! A volte tutto ciò che desideri è far avanzare velocemente il film e arrivare alla fine. Dopo di che, vuoi dimenticare che è mai stato suonato.

La parte successiva del film è altrettanto triste. Il cast è stato trattato male. Soffrono della stessa malattia di cui soffre Tom Hardy, che è la mancanza di una sceneggiatura decente. Anche l'amico di Mae e Capone, Johnny (Matt Dillon), non hanno molto da offrire. Completamente ispirato dall'irlandese e dalla sua fama, Capone cerca di replicare quello. Come lungometraggio, non riesce terribilmente a mantenere il pubblico agganciato, ma come film d'arte, può riuscire a mantenere agganciati quegli aspiranti artistici. E questo perché ci sono alcune persone là fuori che hanno apprezzato un bel film lungo senza alcun risultato che fine! Scherzando, non ce ne sono. Ma sì, se hai venerato Tom Hardy per tutta la vita e venerato i drammi polizieschi, potresti venire per questo. Non abbiamo molto altro da dire. Una sceneggiatura e un po 'più di attenzione per Hardy, il cast di supporto avrebbero potuto fare molto.

Tom Hardy interpreta il gangster Al Capone nell'ultimo film di Josh Trank.

Ci sono elementi che vedi nei drammi criminali, come la violenza, il sangue e il sesso. Tutti e tre questi sono presenti anche qui. Per riassumere, Hardy fa facce spaventose ed è un paziente di neurosifilide e demenza. Il cast di supporto imita lo stesso. E il film si conclude. È un tratto e nient'altro. Ecco i nostri due centesimi: non fare drammi polizieschi se non riesci a mettere le mani su uno sceneggiatore decente. Che tu ci creda o no, il film ha bisogno di una sceneggiatura decente più che di una discreta troupe. Potresti mettere Capone per la categoria Miglior trucco e acconciatura, niente di più.

Guarda anche

Programmi televisivi e middot; 13 maggio 2020 e middot; 5 minuti di lettura

Programmi TV Marvel in diretta classificati: dal migliore al peggiore

Alla fine, Capone muore di una morte tragica, con un marciume mentale e un rimpianto. Alla fine dei giorni, è consumato dalle vite che ha preso e dalle persone a cui ha fatto torto. I 10 milioni di dollari non vengono mai recuperati e la sua famiglia si allontana da lui e cambia nome.

Capone rilasciato da Vertical Entertainment e puoi vederlo su VOD. Ha un clock di 103 minuti ed è classificato R. Il film era programmato per l'uscita nelle sale, ma a causa di COVID-19, è stato rilasciato su Video on Demand, iTunes e Fandango.