Kong: Spiegazione del finale di Skull Island

Attenzione: qui ci sono mostri... oltre a tanti, tantissimi spoiler di Kong: Skull Island!

Bene, questo è aumentato rapidamente, non è vero? Una semplice missione di indagine del dopoguerra nel 1973 si trasformò in Samuel L. Jackson come un incrocio tra il colonnello Kurtz di Marlon Brando e una variazione kaiju sul capitano Achab che insegue la sua balena bianca. E poi c'erano i mostri, mostri gloriosi e gloriosi che combattevano per la supremazia su una sponda del fiume come l'immaginazione distorta di ogni bambino di otto anni di come dovrebbe essere il darwinismo.

Da un lato c'è King Kong, Lord of Skull Island e una scimmia dal buon cuore a tutto tondo con un'affinità speciale per le bionde in difficoltà, e dall'altro hai avuto il paterfamilias Skullcrawler, o come dice Hank Marlow di John C. Reilly in modo così succinto: Quello grande. Combattono, il rettile viene sconfitto, il Mason Weaver di Brie Larson viene salvato (e senza urlare una volta nel colpo di scena per il franchise di Kong), e il ragazzone va per la sua strada mentre i sopravvissuti fanno le valigie e caricano. Tutto sommato, questo è un finale piuttosto semplice fino a questo punto che ha bisogno di una spiegazione tanto quanto la gioia sul viso di Reilly mentre infila un hot dog durante una partita dei Cubbies.



Tuttavia, quello non era il vero finale. Non proprio. Perché nell'era del moderno cinema di successo, anche King Kong, che probabilmente ha dato origine al primo blockbuster per il grande schermo, ora ha bisogno di un pungiglione post-credits e questo è un dozzino per coloro che non sono stati informati sui programmi di uscita di Warner Bros./Legendary : nel profondo delle viscere di qualche struttura governativa anonima, Weaver di Larson e James Conrad di Tom Hiddleston (grande cenno a Cuore di tenebra , tra l'altro) languono davanti a uno specchio a doppio senso dove nessuno osa nemmeno parlare con loro. Conrad lancia matite contro il bicchiere mentre le persone dall'altra parte siedono al buio.

Le cose sembrano terribili per i due protagonisti del film poiché il bisogno di segretezza del governo era così estremo che a James e Mason non è stata nemmeno data la possibilità di cambiarsi i vestiti delle action figure prima del lungo interrogatorio. Sembrerebbe che i Powers-at-Be non desiderino parlare né alla stampa né a nessun altro delle orribili meraviglie a cui hanno assistito sull'Isola del Teschio. Questo di per sé è un po' confuso poiché viene rivelato pochi istanti dopo che sono detenuti dal Project Monarch, di cui Bill Randa di John Goodman era un membro devoto. Dal momento che il compianto Randa voleva andare a Skull Island per scoprire le prove dell'esistenza dei mostri, è un po' strano che ora vogliano mettere il kibosh su di esso andando oltre. È anche confuso da quando Randa è stato trattato come un pazzo dal governo, ma noi (ri)scopriamo che il governo degli Stati Uniti di questo universo conosce da tempo i mostri.

Infatti, Houston Brooks di Corey Hawkins e San di Tian Jing entrano nella stanza rinfrescati e allegri, pronti ad accogliere Conrad e Weaver a Monarch. Come si suol dire, Kong e le creature di Skull Island non sono l'inizio... ci sono molti mostri in questo mondo e ha prove fotografiche che suggeriscono fortemente che si stanno preparando per un epico battle royale in Godzilla: il re dei mostri !

Per chi non ha visto il 2014 Godzilla (o forse comprensibilmente non lo ricordo), anche il precedente film di mostri giganti di WB/Legendary presentava pesantemente Project Monarch. L'organizzazione è stata istituita tra i governi globali per monitorare la minaccia rappresentata da qualsiasi MUTO (Massive Unidentified Terrestrial Organism). Erano stati fondati nel 1954 dopo che la creatura conosciuta come Godzilla fu scoperta per la prima volta. Godzilla è stato ambientato in tempi moderni e Monarch ha monitorato il ragazzo più grosso per 60 anni a quel punto.

Ciò viene riconfermato quando Houston inizia a passare fotografie all'acquiescente combo James/Mason (divertente non-sequitur: l'attore James Mason ha combattuto mostri giganti negli anni '60 Viaggio al centro della terra film). La prima immagine che vede il duo è quella che sembra essere una bella foto di profilo di Godzilla in una grotta. Questa è in realtà un'immagine della bestia dal mare migliore di qualsiasi cosa Monarch abbia mostrato nel film del 2014, abbastanza stranamente.

Tuttavia, ciò che dovrebbe entusiasmare kaiju e il pubblico sono gli altri tre mostri. Tutte queste creature provenivano da pitture rupestri scoperte da Monarch. Come spiega Houston, 'ce ne sono altri' e ovviamente combatteranno. Se non riuscivi a capire cosa fossero quelle sagome, rappresentavano schizzi primitivi e antichi di:

Rodano. Questa grande creatura dovrebbe essere vagamente una variazione di Pteranodon, anche se più grande e più eretta. Rodan è apparso per la prima volta nel 1956 Rodan , un film di Toho su una bestia volante che può respirare gas velenoso dalla sua bocca e che dorme sotto le miniere della terra da centinaia di milioni di anni fino a quando un'esplosione nucleare non lo sveglia. Vola, morde ed è tutt'intorno a un cliente difficile.

La seconda creatura di cui abbiamo visto un profilo inciso è Mothra, che è anche probabilmente il mostro Toho più popolare dopo lo stesso Godzilla. Mothra è generalmente descritta come una forza positiva nei film giapponesi, apparendo per la prima volta negli anni '61 Mothra . Proviene da una magica isola giapponese dove è adorata dalle sacerdotesse ed è spesso accompagnata da due fate, giovani donne gemelle, che parlano a nome di Mothra. È anche una falena gigante con segni di pavone. Ma quella parte è abbastanza ovvia...

La terza creatura si chiama King Ghidorah. Questo tizio è apparso per la prima volta negli anni '64 Ghidorah, il mostro a tre teste . La creatura ha avuto origini multiple, incluso l'essere un alieno e un mostro genetico del futuro, ma in entrambi i casi è un drago a tre teste e fa sul serio. La sua storia con Godzilla e Mothra è troppo lunga e sanguinosa per essere raccontata qui. Basti dire che non sono amici.

Il disegno finale suggerisce uno sguardo al passato e forse una profezia per il futuro. Queste creature esistono e combatteranno. In particolare nel 2019 Godzilla: il re dei mostri per essere precisi.

Ovviamente sentiamo anche il ruggito di Godzilla alla fine. Ma questo è anche importante perché è una promessa che anche più avanti vedremo la grande scimmia e la grande lucertola combattere anche nel già previsto per il 2020 Godzilla contro Kong . Godzilla ha le dimensioni, ma Kong ha i migliori film americani (finora). Chi vincerà? Fan dell'epica distruzione in computer grafica, immaginiamo.