Mortal Kombat: perché il film ha creato il nuovo personaggio principale Cole Young

Per diventare una delle principali star del cinema di arti marziali, devi lottare per raggiungere la vetta. E Combattimento mortale la star Lewis Tan ha pagato i suoi debiti. È un artista marziale di seconda generazione di Hollywood, con suo padre Philip Tan che è un campione britannico di Taekwondo che recita e lavora in acrobazie dagli anni '80, diventando infine un distinto regista d'azione a sé stante. Ha dato a Lewis un inizio anticipato.

Aveva solo tre anni quando è apparso nel suo primo film, China Cry: una storia vera . È cresciuto in azienda. Anche suo padre lo mise sulla via marziale, insegnandogli a combattere in tenera età. Al di fuori della recitazione, Tan ha gareggiato come combattente dilettante nella Muay Thai e si è allenato in Kung Fu, Jiu-Jitsu e spada giapponese. A causa della sua dedizione per tutta la vita alle arti marziali, insiste nel fare i suoi combattimenti e acrobazie, proprio come faceva Jackie Chan quando era più giovane.

Le abilità di combattimento di Tan hanno anche attirato l'attenzione del fandom di arti marziali in di Netflix Pugno di ferro . La serie Netflix è stata rimproverata per la sua coreografia di combattimento poco brillante, soprattutto perché il personaggio titolare doveva essere un esperto di arti marziali. Tuttavia, l'apparizione come ospite di Tan è stata eccezionale. Tan ha interpretato Zhou Cheng, un maestro di Kung Fu ubriaco, e la sua scena di combattimento è stata l'unica dell'intera serie che vale la pena guardare. Tan lo seguì con un'altra apparizione in un progetto Marvel con Deadpool 2 dove ha interpretato il personaggio di breve durata di Shatterstar.



Ben presto però Tan ha iniziato a mostrare le sue cose in due programmi TV guidati dalle arti marziali. Nelle Badlands ha portato coreografie di combattimento di prim'ordine con un approccio di Hong Kong con talenti marziali veterani, tra cui Daniel Wu, Stephen Fung, Huen Chiu Ku (alias Master Dee Dee) e Andy Cheng. In Netflix Wu Assassini , Tan ha ottenuto il ruolo principale di Lu Xin Lee. Il cast di quella serie era anche pieno di attori di arti marziali, tra cui Iko Uwais, Celia Au, Mark Dacascos, Juju Chan Szeto, Katheryn Winnick e altri. Un lungometraggio seguito dal titolo Pugno di vendetta è in anteprima entro la fine dell'anno.

Nel Combattimento mortale , Tan assume il ruolo di Cole Young, una nuova aggiunta alla massiccia serie di giochi di combattimento.

'Pensavamo che fosse giusto avere un nuovo personaggio in un gioco che fa emergere sempre nuovi personaggi', spiega il regista Simon McQuoid. Il personaggio funge da dispositivo per presentare il mondo a un nuovo pubblico. Secondo McQuoid, il ruolo di Young è 'quindi chiunque non sia uno studioso di Mortal Kombat o non abbia un dottorato di ricerca in Mortal Kombat come fanno molte persone, sarà anche in grado di goderselo'.

Questo grava molto su Tan. Non solo Tan deve svolgere il ruolo centrale in modo drammatico, ma deve anche recitare nelle scene di combattimento. Dopotutto, Combattimento mortale è prima di tutto un gioco di combattimento. In effetti, è uno dei più grandi franchise di giochi di combattimento di tutti i tempi. McQuoid ha insistito sul fatto che i combattimenti fossero il più autentici possibile. “Fin dall'inizio, ho detto a Kyle [Gardiner], il coordinatore degli stunt, e Chan [Griffin], il coreografo dei combattimenti, voglio che questi sembrino reali e voglio essere lì con loro. Non diventare troppo volgare o fruttato o pazzo, e non voglio un sacco di slow-motion. Dobbiamo usare lo slow-motion con molta attenzione. Vediamo solo che succede.'

Den of Geek ha incontrato Tan per parlare del suo ruolo come i nostri occhi e le nostre orecchie nel mondo di Combattimento mortale .

Den of Geek: Questo è un ruolo da sogno per te, vero?

Lewis Tan: Sì, è un ruolo da sogno per tanti motivi diversi e su tanti livelli diversi. Per me, personalmente come attore, è un ruolo da sogno perché lavoro da 20 anni per arrivare in un posto dove posso mostrare le mie capacità di attore e di artista marziale allo stesso tempo con un progetto che mi piace , e con una storia che mi piace, e con un personaggio che ha un arco chiaro e che è di valore. Avere questo come il mio primo grande ruolo da protagonista è davvero incredibile.

E poi c'è un livello di orgoglio come artista marziale che posso mostrare ed eseguire tutti i miei combattimenti su larga scala con un grande budget e un grande studio dietro. Non veniva fatto da molti anni. Non riesco nemmeno a pensare all'ultima volta che è stato fatto. Poi, ovviamente, come attore asiatico, arrivare a condurre un film come questo e vedere non solo me stesso, ma molti volti asiatici e molti compagni di cast diversi essere visti come eroi, questo mi rende molto orgoglioso. Penso che stia aiutando a spingere i confini e rompere gli stereotipi, ed è molto tempestivo considerando quello che sta succedendo.

L'abbiamo visto Combattimento mortale cartellone pubblicitario sul lato di un edificio che hai pubblicato sui tuoi social media. Come ti fa sentire vedere la tua faccia alta come un grattacielo?

È stato bello vedere. Ma nello stesso momento in cui lo stavo scorrendo, e stavo guardando quel poster, stavo anche guardando le notizie sulle persone che prendono di mira gli asiatici e la violenza verso la comunità asiatica. Il contrasto di ciò è stato molto emozionante per me. È stata un'esperienza molto emozionante guardarlo e sentire l'energia del tempo e come posso farne parte. Non voglio dire il destino o qualcosa del genere, ma è proprio come se fosse perfettamente in linea con qualcosa a cui tengo così tanto. E non so cosa sia, se sia destino o destino o altro, ma è importante e sono felice di essere qui e ne sono grato.

Hai giocato al gioco, vero? Chi hai giocato?

Ho giocato al gioco quando ero un bambino, ho giocato con i miei fratelli, ho giocato con tutti i miei amici. Ci giocavo da quando avevo 12 anni. Ho giocato con ogni personaggio diverso, ma ho giocato molto con Kung Lao, molto con Smoke. Ho giocato molto con i robot, Cyrax. Ho giocato molto con Raiden, Kitana. Ho giocato con tutti davvero, ma il mio personaggio preferito sarebbe Kung Lao e Smoke, oltre agli ovvi due preferiti con cui tutti giocano. Ero uno di quei ragazzi che diceva: 'Troverò un personaggio diverso. Tutti continuano a giocare con Scorpion.” Quindi, sì, amico. Ho adorato il videogioco. Fa parte della mia infanzia. Ora fa parte della mia carriera.

Cole Young è l'unico personaggio che non era predefinito. Come è stato per te trovare quel personaggio?

Non è stato difficile trovare il personaggio. È stato difficile rendere il personaggio degno di essere in questo mondo e farlo risaltare perché tutti questi altri personaggi hanno retroscena così chiari e approfonditi e hanno già una grande base di fan. Quindi sto andando controcorrente qui, combattendo contro le onde. Ma non è una novità per me. Mi piace questo tipo di sfida.

Quindi sono stato rispettoso di come i fan si sarebbero sentiti nell'avere un nuovo personaggio nel film, ma allo stesso tempo, ci sono stati molti nuovi personaggi in Combattimento mortale da quando è uscito il gioco. Ora siamo a circa 80 personaggi diversi, e mi sentivo come se avessi guadagnato il mio posto, allora ne sarei molto orgoglioso. Quindi spero di aver reso giustizia a sufficienza per guadagnare il posto di Cole nel mondo di Mortal Kombat.

Com'è stato lavorare con tutti quegli effetti speciali?

È stato fantastico, amico. Non c'erano troppi effetti visivi. C'erano alcune cose con Goro ovviamente, e c'erano alcune cose con diversi set, ma per un film di questo calibro e dove si trova, e come si svolge e il mondo fantastico dietro di esso, c'era molto poco green screen, molto poco VFX. Molto è stato fatto praticamente. Molti effetti di luce, molte delle diverse mosse speciali che accadono. Molte luci e tutto sta accadendo sul set fatto dal nostro geniale fotografo, Germain McMicking, e ovviamente dal nostro regista Simon McQuoid. Quindi sì, è stato bello da vedere.

Mi piaceva l'idea di fare le cose in modo un po' diverso da quello che hanno fatto questi grandi successi d'azione. Hanno deciso di renderlo più autentico, più radicato, più violento, più realistico, e penso che abbiano fatto davvero un ottimo lavoro. Quindi gli effetti visivi che abbiamo sono davvero incredibili e potrebbero creare o distruggere un progetto.

Sono sempre nervoso per questo perché non so come sarà. Sai cosa voglio dire? Quindi, per vederlo finalmente sul grande schermo, quando ho visto Goro balzare in piedi, ho pensato: 'Oh mio Signore'. Ero così felice. Sembra feroce e il nostro team VFX ha fatto un lavoro incredibile. Quindi sì, sono davvero contento del lavoro che hanno fatto. Sto lavorando con persone di grande talento e questo mi ha reso sicuro di accettare il ruolo.

Hai avuto il lusso o il privilegio di lavorare con diverse grandi squadre di artisti marziali prima. E qui in questo film, sei davvero salito di livello. Puoi parlarci un po'?

Amico, sono stato così fortunato a lavorare con leggende pazze di Andy Cheng e Master Dee Dee, e Daniel Wu su Nelle Badlands , a Iko Uwais da L'incursione . Quando stavo crescendo, mi allenavo con ragazzi come Chad Stahelski, che [ora] sta dirigendo John Wick , e mio padre che è un campione nazionale, e molte, molte, molte persone diverse, persino campioni di combattenti UFC. Tutti i tipi di persone diverse, con cui mi sono allenato nella mia vita. Sono stato così fortunato. Per poi iniziare a lavorare su questo set con qualcuno come Joe Taslim o Hiroyuki Sanada, che non sono solo artisti e attori incredibili, ma anche artisti marziali incredibili.

Sento che molte persone confondono questa cosa in cui è come, 'Oh, beh, è ​​un artista marziale. Non è un vero attore'. No, no, è un vero attore. E lui può prenderti a calci in culo. È entrambe le cose. E se non altro, è ancora più una testimonianza di quanto siano talentuosi questi ragazzi perché si esibiscono con ogni parte del loro essere.

Quando guardi Joe Taslim giocare a Sub-Zero, vedi la sua performance. Se lo metti in muto, vedrai la sua emozione nel personaggio, e questo è l'obiettivo. Questo è ciò che sono le arti marziali. È un'espressione. È una veridicità. Quindi è stato un onore lavorare con loro, e il mio allenatore Nino Pilla, che è uno studente di Dan Inosanto, che è stato uno studente del grande Bruce Lee, e tutte queste leggende mi hanno insegnato e hanno un pezzo di quella performance. Parte di quella performance è dedicata a loro.

Mortal Kombat debutterà nei cinema e su HBO Max il 23 aprile 2021.