Payback: Recensione Blu-ray di Director's Cut

Hollywood è un luogo dove i sogni possono essere creati e distrutti. Dove la creatività di un regista può essere soffocata e alla fine schiacciata e sostituita da una tariffa più adatta allo studio per portare i soldi al botteghino. E ci sono pochi esempi migliori di questo rispetto a quelli del 1999 Restituire, che ora fa il suo debutto in Blu-ray.

Basato sul romanzo Il cacciatore (che di per sé è stato prodotto come 1967's Di punto in bianco ), Restituire è la storia di Porter (Mel Gibson) un rapinatore professionista che è stato doppiogiocato dalla moglie (Deborah Kara Unger) e dal presunto amico Val (Gregg Henry). Sparato e dato per morto, Porter si riprende e fa della sua missione nella vita recuperare i $ 70.000 che ha perso.

Con l'aiuto della sua amante Rosie (Maria Bello), si fa strada nel ventre di Chicago, occupandosi di truffatori, poliziotti sporchi e facendosi strada fino a The Syndicate (Kris Kristofferson, James Coburn e William Devane) e tirandosi indietro da qualsiasi significa necessario ciò che è suo.



Con due versioni del film su questo disco, teatrale e director's cut, c'è un forte contrasto qui per tenerti incuriosito.

La versione teatrale mantiene la sensazione grintosa degli anni '70 e per questo il trasferimento su 1080p non è così impressionante come ci si aspetterebbe. Questo, tuttavia, è più che compensato dall'atmosfera del film stesso e dal fatto che è un po' un omaggio ironico al romanzo su cui è basato.

I personaggi principali, anche se spezzati in un modo o nell'altro, sono simpatici e fai il tifo per loro, e i cattivi sono un delizioso mix di potente e malvagio e tutte le punizioni sono ampiamente meritate.

Il taglio del regista, tuttavia, è un paio di maniche completamente diverso con il tono e i personaggi molto più oscuri e una nuova colonna sonora che indica che questo non sarà un viaggio così piacevole. Il ritmo del film è molto più lento con il personaggio principale di Porter che diventa meno simpatico e quindi disimpegna il pubblico che dovrebbe essere dietro di lui. È uno sguardo più intenso alle lunghezze che le persone si spingeranno per il principio di ciò che è loro.

Un altro cambiamento all'interno dei due film è l'uso di quella che definirei eccessiva violenza nel taglio del regista rispetto all'uscita nelle sale, in particolare la scena in cui Porter fa a pugni con sua moglie. È una scena inutile che aliena metà del pubblico nei primi trenta minuti del film.

il disco

Ciò che il taglio del regista offre, tuttavia, è un trasferimento migliore sul formato con il blues grintoso modificato in un pallet più naturale, che appare così più chiaro e scattante sullo schermo.

Dal punto di vista del suono, il film è presentato in Dolby Digital 5.1 ed è di gran lunga superiore nel taglio teatrale rispetto a quello del regista, ma non toglie molto all'esperienza visiva.

Gli extra sono in abbondanza su questo disco, prima hai un documentario dietro le quinte chiamato I rimborsi sono una stronza che è diviso in due sezioni Sul posto a Chicago e Sul set a Los Angeles . Entrambi sono uno sguardo interessante su come è nato il film e sullo stile che il regista voleva trasmettere. A volte diventa un po' troppo autogonfio e l'amicizia del regista con Richard Donner viene fuori offensiva troppe volte e inizia a irritare. Ci sono, tuttavia, alcune belle interviste incluse con il cast e la troupe e alcuni errori che faranno ridere.

Inoltre, c'è una funzione chiamata Stessa storia – Film diverso: creazione di Payback the Director's Cut che è, francamente, uno sguardo sorprendentemente onesto sulla storia del film, su come il regista alla fine ha lasciato il progetto, cosa è andato storto e come è stato aggiustato per adattarsi allo studio. È anche molto interessante vedere come hanno rivisitato il progetto anni dopo.

C'è anche un'interessante intervista all'autore del libro originale Il cacciatore – Una conversazione con l'autore Donald E. Westlake , il che spiega ulteriormente di cosa tratta veramente il personaggio principale.

Il disco è poi completato da clip di interviste con Mel Gibson, Maria Bello, Lucy Liu e James Coburn che sono davvero solo il tuo solito gommone promozionale.

Sebbene personalmente preferisca la versione teatrale di questo film, è bello vedere che il disco ti dà la possibilità di scegliere come goderti uno dei film più sottovalutati di Mel Gibson. E anche gli extra sono davvero molto buoni.

La pellicola:

4 stelle
Il disco:
4 stelle

Restituire è fuori ora su Blu-ray.