Film e spettacoli Pixar su Disney Plus Streaming Guide

Verso l'infinito e oltre. Questo è ovviamente il modo di dire preferito di Buzz Lightyear, ma potrebbe anche descrivere la quantità di opzioni di visualizzazione che avrai ora che Disney+ è attivo. Con quasi tutti i film d'animazione classici sul servizio, così come la maggior parte della libreria live-action della Disney, c'è una cornucopia di opzioni per i fedeli Disney. Ma ciò che potrebbe rendere particolarmente felice una certa sottosezione della congregazione è l'accesso quasi completo a Studi di animazione Pixar ' Catalogare.

Trasmetti in streaming i tuoi preferiti Pixar con a PROVA GRATUITA di Disney+ , su di noi, proprio qui!

La casa di animazione responsabile del cambiamento del modo stesso in cui la sua forma d'arte viene realizzata e ampiamente consumata, ora in immagini tridimensionali generate al computer!, la Pixar non faceva originariamente parte della Disney, ma ha pubblicato ognuno dei suoi lungometraggi attraverso il Casa dei topi. La Disney ha acquistato la Pixar nel 2006, ma c'è una chiara distinzione tra un film Pixar e ciò che tutti gli altri stanno diffondendo nel mondo. Ora hai la possibilità di guardare quasi tutti i loro film quando vuoi su Disney+. Ecco la carrellata di quali sono disponibili.



Solo una nota: Den of Geek può ricevere una commissione dai link in questa pagina.

Film Pixar su Disney+

Buzz e Woody in Toy Story (1995)

Storia di un giocattolo (1995)

Storia di un giocattolo ha avuto un parto difficile. Ne valeva la pena. Un progetto che ha subito molte riscritture, inclusa una ricalibrazione alla fine della produzione dopo che le note esecutive della Disney lo hanno impostato su una strada apparentemente cupa, il film finale ha mantenuto l'ottimismo giovanile della sua premessa: e se i tuoi giocattoli prendessero vita dopo che te ne sei andato la stanza? E se un giocattolo si diverte a giocare con un bambino tanto quanto il bambino stesso? È un'idea semplice e bella che ha lanciato uno studio e probabilmente il franchise più costantemente fantastico di tutti i tempi.

L'originale Storia di un giocattolo rimane notevole anche di per sé. Durante la sua uscita, la sua mancanza di numeri musicali nella storia e l'enfasi sul mondo moderno sembravano insolite quanto la sua CGI. Oggi tutti imitano lo stile della Pixar, ma anche in questo primo sforzo, quell'attento dettaglio e la specificità che non subiscono impostori sono al loro posto. Così come i personaggi immediatamente adorabili come la sua strana coppia di eroi, il cowboy di feltro Woody (Tom Hanks) e l'astronauta di plastica Buzz Lightyear (Tim Allen). L'edizione Joss Whedon della sceneggiatura ha anche aggiunto sofisticate domande esistenziali sul proprio scopo nella vita, anche per un giocattolo, e un peso drammatico carnoso che continua a essere una pietra angolare dei migliori film della Pixar.

Un insetto

La vita di un insetto (1998)

Il secondo film della Pixar è stato sottoposto a critiche e critiche commerciali che lo hanno percepito come un 'crollo del secondo anno'. E mentre Vita da insetto non è certamente buono come il Storia di un giocattolo film in cui è inserito tra, pensiamo che ottenga una reputazione sleale. Meglio di un certo numero di altri film Pixar e una sana pletora di altri film d'animazione popolari che hanno copiato la formula della Pixar negli anni successivi, Vita da insetto è stato uno sforzo ambizioso per gli anni '90 che ha raccontato una storia di rivoluzione e regalità nel contesto di una colonia di formiche, e il tutto con un livello degli occhi che ha trasformato i fili d'erba in alberi di pino.

Il film ha un cast di personaggi accattivante e un bel lavoro vocale di supporto che segna Vita da insetto come degno di un secondo sguardo. Se non l'hai mai visto, o semplicemente non lo hai raggiunto in 20 anni, ti consigliamo un orologio.

Woody, Jessie e Bullseye in Toy Story 2 (1999)

Toy Story 2 (1999)

Informativa completa: pensiamo Toy Story 2 è probabilmente il migliore della sua serie. E sì, siamo disposti a sostenerlo. Mentre il primo film è un traguardo epocale e il terzo film ha un finale strappalacrime dolce, il secondo incapsula i temi della serie in modo più completo ed è anche una specie di miracolo dato che questo film non dovrebbe esistere ... e quasi non ce l'ha fatta 't diverse volte. Originariamente concepito dalla Disney come uno dei loro svogliati sequel direct-to-video, la Pixar ha insistito per realizzare questo prima per l'uscita a casa e poi per i cinema dopo aver realizzato che non potevano sminuire i loro personaggi. Quello che seguì fu una saga che includeva il suo regista originale che si dimetteva, il film veniva cancellato accidentalmente dai dischi rigidi della Pixar solo per essere salvato perché un animatore esperto lo aveva sul suo computer di casa, e poi due terzi del film ancora essere scartato all'undicesima ora... solo perché tutto finisca con un grande film.

Come è successo?! Bene, perché la Pixar si è radunata attorno ai registi John Lasseter e Lee Unkrich, e lo studio ha costruito un film molto più sofisticato sull'angoscia esistenziale. C'è persino lo spettro della morte per un giocattolo introdotto qui: il tuo bambino che cresce. Aggiungendo elementi di impermanenza e obsolescenza all'universo di Toy Story, Toy Story 2 prefigurava i temi pesanti del terzo film, ma li affrontava anche qui in un modo più originale che coinvolgeva satire di negozi di giocattoli corporativi, collezionisti di giocattoli per adulti e persino la televisione degli anni '50. Ha anche presentato Jessie (Joan Cusack) come uno straordinario terzo protagonista del franchise con il retroscena più straziante di tutta la Pixar. Basta guardare 'When She Loved Me' di Sarah McLachlan e Randy Newman e cercare di non piangere. Noi aspetteremo.

Mostri Inc. (2001)

Mostri, Inc. (2001)

Il film Pixar che ha rivelato che Billy Crystal e John Goodman hanno una chimica formidabile, Monsters Inc. è una simpatica commedia di amici che, soprattutto, ha dimostrato che Pete Docter sarebbe stato un regista di riferimento per la Pixar in seguito (avrebbe continuato a dirigere veri grandi come Su e Alla rovescia ). Questo non è proprio di quel campionato, ma ha dato alla Pixar il suo primo grande successo che era al di fuori del vantaggio di un giocattolo.

Nel film, Crystal e Goodman danno la voce a Mike Wazowski e Sulley Sullivan, due mostri rigidi che lavorano il cui compito è spaventare i bambini. L'unico problema è che non sono molto spaventosi con la loro diffidenza da colletti blu e atteggiamenti generali da scemo. La bambina di due anni Boo non la pensa così. In effetti, li trova deliziosi e li segue nel mondo dei mostri oltre il suo armadio. Seguono bei tempi.

Tartarughe marine in Alla ricerca di Nemo (2003)

Alla ricerca di Nemo (2003)

Il film che ha confermato per sempre alla Disney che la Pixar non era un caso e che avevano bisogno di trovare un modo per acquistare la società di animazione prima di perderli per sempre... Alla ricerca di Nemo prende la sua impostazione sotto il mare e si scatena. Molto più fotorealistico di La Sirenetta o altri film d'animazione sotto le onde, il film fa arte con meduse traslucide e gioia con le tartarughe marine che fanno surf.

Un altro classico Pixar costruito su una struggente ansia emotiva, Alla ricerca di Nemo riguarda un genitore che deve lasciare andare il proprio figlio. Anche se un po' troppo presto nel caso di Marlin (Albert Brooks). Suo figlio viene catturato da un subacqueo durante il suo primo giorno di scuola come pesce pagliaccio, quindi Marlin deve letteralmente nuotare dall'altra parte dell'Oceano Pacifico per riportarlo a casa, facendo amicizia con Dory (Ellen DeGeneres) lungo la strada. E se hai mai avuto un nonno che è diventato smemorato, hai appena incontrato il tuo nuovo personaggio preferito.

La famiglia degli incredibili

Gli incredibili (2004)

Sappiamo che l'hai sentito descrivere come il miglior film dei Fantastici Quattro mai realizzato... e sai una cosa? È vero. Lo sceneggiatore e regista Brad Bird adatta lo spirito di quella che una volta era la prima famiglia della Marvel Comics, ma in un modo che nemmeno i Marvel Studios moderni lo farebbero. Libero dai limiti dell'anatomia umana e della fisica, o da una rigida formula tonale, Bird crea un mondo immaginario che è una fusione tra la periferia del 21° secolo e il futurismo degli anni '60 che è selvaggio come l'arte più stravagante di Jack Kirby e il film di Ken Adams Bond scenografie.

Il film è anche, in fondo, una commedia di costume in una famiglia americana in crisi. I bambini stanno, o stanno per entrare, nella pubertà, il papà è di mezza età e si annoia al lavoro, e la mamma si sente sottovalutata e intrappolata nella casa di famiglia. Oh, e c'è un supercriminale che cerca di ucciderli, ma le priorità! La prima priorità qui però è creare un pezzo viscerale di intrattenimento sciocco.

Pixar

automobili (2006)

Quindi, sì, Automobili è un franchising della Pixar. E apparentemente popolare perché ce ne sono tre. Sì, non puoi portarglielo via. E il primo tipo di opere dovute all'abbraccio del Doc Hollywood formula con la sua auto da corsa di successo Saetta McQueen (Owen Wilson) che impara il valore della vita di una piccola città prendendo il via dalla Route 66. Quindi è bello. In teoria. Onestamente, salta questo e i sequel.

Ratto e formaggio a Ratatouille (2007)

Ratatouille (2007)

I critici a volte possono essere dei veri cattivi. Pensando che la loro parola sia la fine di tutto, sii pieno di apprezzamento nel loro determinato campo e persino provando un piacere palpabile nel distruggere la reputazione di coloro che considerano inferiori, ci sono certamente alcune mele marce a cui la maggior parte dei registi è felice di appoggiarsi mentre creano un stereotipo grottesco. Ma Brad Bird no. Mentre Anton Ego (Peter O'Toole) è sicuramente l'antagonista di Ratatouille , ed è compiaciuto con condiscendenza fino all'errore, può anche essere conquistato dal fascino culinario di un roditore. Così possiamo tutti, tuttavia, quando si tratta di un topo carismatico come Remy (Patton Oswalt).

Infatti, Ratatouille è stata una sorpresa per il pubblico sulle gioie della creazione in cui un topo si è rivelato essere il miglior chef di Parigi nonostante una famiglia disapprovante di, beh, topi... e il fatto che avesse bisogno di dirottare la carriera di soft- ha diretto Linguini (Lou Romano) per realizzarlo. È una dolce parabola sulla creazione che riconosce persino le virtù della critica, purché il critico sia abbastanza umile da concedere sorpresa e gioia. E questo è niente se non delizioso.

Wall-E ed Eve ballano nello spazio

WALL-E (2008)

Uno dei più grandi trionfi della Pixar, WALL-E dimostra che non hai bisogno di voci di celebrità, o anche di voci, punto. Fungendo da film muto per gran parte della sua durata, questa è una storia d'amore tra un robot tritarifiuti e un'elegante robot femminile in stile Apple del futuro... e come possono comunicare un segnale acustico, un bop e una danza a gravità zero a un tempo.

Probabilmente il miglior film del regista Andrew Stanton, WALL-E è un'opera spaziale di fantascienza in cui l'apocalisse non è altro che i preliminari per un incontro carino che porta a un nuovo giardino dell'Eden per un gruppo di sopravvissuti in sovrappeso. Ma va bene, troveranno la loro strada mentre i nostri Adamo ed Eva meccanici costruiscono il loro paradiso.

La casa dei palloncini in alto (2009)

Su (2009)

Stanchi di aspettare fino alla fine dei loro film per farti piangere, Pixar's Up ci fa stordire tutti gli occhi nei primi 10 minuti di Su . Aprendosi su una dolce storia d'amore che segue la storia d'amore tra i personaggi Carl ed Ellie dalla culla alla tomba, vediamo quando questi due furfanti si incontrano da bambini e vivono un'intera vita insieme come marito e moglie. Questo finché Ellie non si ammala e Carl (ora doppiato da Ed Asner) viene lasciato a soffrire.

Questo film è un pugno nello stomaco, ma è anche una celebrazione della vita che trasforma un viaggio in Old Man Carl e il piccolo Russell (Jordan Nagai) che esplorano il grande sconosciuto attraverso un mazzo di palloncini così forti da poter sollevare una casa dal suo fondamenta e portarlo ai confini del mondo. Il film ha anche la rappresentazione più realistica di un cane parlante che probabilmente vedrai.

Toy Story 3 e la morte

Toy Story 3 (2010)

Come potevamo sapere quando incontravamo Woody e Buzz nell'idilliaca camera da letto d'infanzia di Andy, e suonavamo con loro sulle delicate chiavi di Randy Newman, che ci stavamo preparando per una trilogia di crepacuore e dolore? Questa è la vita e questa è la storia di un giocattolo. Così Toy Story 3 fa bene al presagio promesso di “domani” in Toy Story 2 saltando in un futuro in cui Andy è cresciuto e sta per andare al college.

Proprio come il pubblico di destinazione del film del 1995 era al college o entrava nel mondo del lavoro a quel punto, le cose semplici dell'infanzia sono andate via per Andy... ma che dire di quelle cose che sono state messe via? E la felicità che rappresentavano? Vediamo il loro punto di vista con effetti a volte esilaranti e spesso commoventi qui, con il regista Lee Unrich che si appoggia pesantemente al suo amore per l'horror rendendo il terzo atto decisamente apocalittico. No, i giocattoli non muoiono (anche se a malapena), ma la sofferenza che sopportano lo rende per molti versi il film più potente della Pixar. È anche probabilmente la migliore trilogia più vicina di tutti i tempi.

Auto 2 (2011)

Auto 2 (2011)

Ma se entrambi Toy Story 2 e Toy Story 3 sono sequel perfetti, allora c'è Auto 2 all'altra estremità dello spettro. Sarebbe benefico definirlo un seguito ho hum in cui Larry the Cable Guy's Mater ottiene il suo film per dominare la narrativa ... ma, uh, eccoci qui. Divertiti a tuo rischio e pericolo.

Pixar

coraggioso (2012)

Coraggioso ha avuto una produzione notoriamente travagliata che ha visto la sceneggiatrice-regista Brenda Chapman sostituita da Mark Andrews dopo i disaccordi con John Lasseter. Dato quello che sappiamo ora, questa controversia è invecchiata ancora più male per lo studio di animazione. Ciò nonostante, Coraggioso è una favola dolce ea tratti commovente, lontana dalla tradizione della Walt Disney Animation. Prendendo spunto dalle tradizioni medievali e della prima età moderna, Chapman immagina una favola commovente su madri e figlie nella Scozia feudale e sulla necessità di dichiarare la propria indipendenza. Anche la colonna sonora intrisa di gaelico di Patrick Doyle è piuttosto inquietante. Un po' respinto a suo tempo, Coraggioso è abbastanza sottovalutato e vale la pena cercarlo ora su Disney+.

Università dei mostri (2013)

Università dei mostri (2013)

Hai mai voluto sapere com'era il college per Mike e Sulley? Bene, stai per entrare Università dei mostri ! Sebbene la premessa sia decisamente un po' sottile, questo prequel incassa su un IP popolare è in realtà piuttosto carino in un modo senza pretese. Fondamentalmente una Pixar-ificazione della formula del film confraternita, pensa casa degli animali o Vecchia scuola , Università dei mostri dà una lucentezza raccapricciante e strisciante agli hijinks dell'istruzione superiore. È un solido intrattenimento per la famiglia, se non molto altro.

Emozioni in Inside Out (2015)

Dentro e fuori (2015)

Il capolavoro di Pete Docter, Alla rovescia è una meditazione commovente e riflessiva sulla depressione e la necessità dell'ansia, il tutto raccontato in un filato a misura di bambino sulle emozioni colorate in un'avventura. Letteralmente, sono emozioni colorate, come definite soprattutto dalla solare Joy (Amy Poehler) e dall'azzurra Sadness (Phyllis Smith). Reimmaginare le emozioni di ogni individuo come personalità che gestiscono un centro di controllo simile a Star Trek, Alla rovescia dà un'atmosfera da cricca scolastica a tutti i nostri sentimenti, visualizzando il desiderio che ognuno di noi ha di ostracizzare e ignorare la nostra tristezza interiore.

Ma come il film descrive quando Gioia e Tristezza devono navigare nei contorni labirintici della mente della bambina Riley, entrambi sono vitali per un'infanzia sana e felice... o anche per l'età adulta. Il film è un'opera d'arte sofisticata pur essendo assolutamente divertente per tutte le età. Ma anche se l'hai già visto, tieni pronti dei fazzoletti quando Bing Bong si farà vivo di nuovo...

Il buon dinosauro (2015)

Il buon dinosauro (2015)

Il buon dinosauro è il film della Pixar che lo studio sembrava rilasciare come obbligo contrattuale dato quanto denaro era già stato investito nel progetto. Ritardato di un anno dopo il licenziamento del regista originale, il film è stato massicciamente riorganizzato in questa storia modesta e piuttosto banale su un cucciolo di apatosauro di nome Arlo che si perde nella natura selvaggia e deve trovare la strada di casa, il tutto mentre fa amicizia con uno dei i primi esseri umani mai lungo la strada. Farà comunque divertire i giovani, ma i loro genitori dovrebbero riconoscere che non sarebbe stato fuori luogo come uno dei film d'animazione medi che riempiono i multiplex negli anni '80. In effetti, si potrebbe persino definire il prodotto finito una resa tridimensionale animata, ma emotivamente più piatta, dell'opera di Don Bluth. La terra prima del tempo dal 1988.

Alla ricerca di Dory (2016)

Alla ricerca di Dory (2016)

Il prequel che non sapevi di volere Alla ricerca di Nemo , questo è davvero un film che non vorrai davvero ora su Disney+. Detto questo, c'è ancora un sacco di umorismo carino e Dory di Ellen DeGeneres rimane teneramente volubile. Alcune gag che coinvolgono le foche in un acquario della California settentrionale lo rendono anche un riempitivo di tempo leggermente piacevole.

Auto 3 2017

Auto 3 (2017)

Quindi hanno fatto un Auto 3 ? Che ne dici di quello. Andare avanti…

Film Pixar Coco

Cocco (2017)

Uno dei traguardi più sublimi nella storia della Pixar, Noce di cocco è stato un sincero tentativo di coniugare l'eredità e la tradizione centroamericana, vale a dire la celebrazione del Día de los Muertos (il giorno dei morti), con animata meraviglia. Il risultato è uno dei film visivamente più abbaglianti mai creati con pixel generati al computer.

L'essenza del film parla di un giovane ragazzo di nome Miguel che desidera disperatamente diventare un musicista e un mariachi come il suo idolo, il compianto grande divo del cinema messicano Ernesto de la Cruz. C'è solo un intoppo: la musica è bandita nella sua famiglia da quando la nonna Coco è stata abbandonata da bambina dal suo mariachi papà. Ma quando Miguel scopre che Ernesto potrebbe essere quel misterioso antenato, intraprende inavvertitamente una ricerca che lo porta faccia a faccia con suo nonno nella Terra dei Morti: una vivace metropoli colorata che è diventata solo più spettacolare con il tempo. Vieni per la storia commovente e resta per l'interpretazione straziante di 'Remember Me' alla fine.

Incredibili 2

Gli Incredibili 2 (2018)

Disponibile solo nel Regno Unito, debutta negli Stati Uniti a luglio

Il secondo Film incredibili potrebbe non essere creativo come il primo, ma è comunque un modo affascinante per rivisitare la famiglia Parr e godersi la follia dei loro poteri. In questo, i ruoli sono invertiti con Ellen di Holly Hunter che esce nel mondo e combatte il crimine come una nuova celebrità portavoce di supereroi mentre Bob (Craig T. Nelson) lotta con l'essere un papà casalingo. L'inversione dei ruoli potrebbe dipendere un po' troppo dalla formula 'Mr. scherzi in stile mamma', ma il fascino bonario e la nitidezza della sceneggiatura del regista e sceneggiatore Brad Bird fanno molto... specialmente per chiunque abbia mai provato a insegnare ai propri figli la matematica! Anche l'animazione dei superpoteri non è mai stata migliore.

Toy Story 4 Intervista a Tony Hale Forky

Toy Story 4 (2019)

Dopo il finale perfetto di Toy Story 3 , è comprensibile se pensi che non ci fosse bisogno di un sequel. Ma benedici la Pixar per aver dimostrato che puoi costruire la perfezione. Prendersi cura di trasformare anche un terzo sequel in un progetto appassionato quando si tratta del loro franchise gioiello della corona, Pixar Animation Studios ha reinventato Toy Story 4 in meno una storia su Woody e Buzz o anche su Woody e Andy. Invece, si tratta solo di Woody.

Immaginando che l'eroe del franchise stia vivendo qualcosa di simile a una crisi di mezza età dopo aver perso il suo proprietario fino all'età adulta, a Woody viene permesso di rivalutare il suo scopo e i suoi desideri nella vita quando incontra un amico perduto da tempo, Bo Peep (una mancata Annie Potts). La loro relazione sfumata, così come l'esilarante crisi esistenziale che ha colpito il nuovo personaggio di Forky, trasforma questo in un dolce e vero epilogo della sua serie. Se Tom Hanks ha davvero detto addio al ruolo, lo ha fatto magnificamente.

Avanti Pixar

In poi (2020)

(non ancora disponibile nel Regno Unito)

L'ultimo sforzo della Pixar è su Disney+ un po' in anticipo, almeno sei o sette mesi prima. Tecnicamente il film numero uno nel paese quando è passato per la prima volta a una breve finestra VOD prima della sua premiere Disney +, in avanti è una delle tante vittime cinematografiche dell'epidemia di coronavirus. Ma almeno le famiglie in autoisolamento possono godere di questo affabile (anche se minore) sforzo della Casa che Buzz e Woody hanno costruito.

Una storia facile su due fratelli che sono cresciuti senza conoscere il padre, in avanti prende una svolta fantastica quando scoprono che il loro padre era un mago che ha lasciato loro un incantesimo in modo che potessero riportarlo indietro per un giorno. Questo non dovrebbe sorprendere del tutto poiché sono loro stessi elfi che vivono in un mondo in cui la magia era la norma migliaia di anni fa. Ma ora, la loro terra fantastica assomiglia molto alla nostra: i sobborghi moderni. Tuttavia, se vogliono davvero rivedere papà, dovranno trovare una gemma magica per completare l'incantesimo che lo riporterà in vita. Ma la vera magia, ovviamente, riguarda due fratelli che si avvicinano mentre intraprendono una ricerca. Scoprono anche, come il film stesso, che un po' di quella magia della vecchia scuola (Pixar) può fare molto.

PROGRAMMI TV PIXAR SU DISNEY+

Mostri Pixar al lavoro

Mostri al lavoro

Oltre a portare agli abbonati la maggior parte dell'amata libreria di film d'animazione della Pixar, Disney+ è anche un'opportunità per gli spettatori grandi e piccini di abbracciare molti dei loro personaggi preferiti nei nuovissimi programmi TV sviluppati per lo streaming dalla casa di animazione. Il primo di tali sviluppi è Mostri al lavoro , una serie televisiva che funge da vero e proprio sequel di 2001's Monsters Inc.

La premessa ufficiale è che sei mesi dopo il film, la centrale elettrica di Mike e Sulley sta raccogliendo risate invece di spaventi per i viscidi cittadini di Monsteropolis. In questa ambientazione, il nuovo personaggio Tylor Tuskmon (Ben Feldman) viene introdotto come meccanico di talento nel Monsters, Inc. Facilities Team. Sogna di lavorare al Laugh Floor con Mike e Sulley. Immaginiamo che ci vorrà almeno una stagione per arrivarci...

(Solo noi)

Pixar Forky fa una domanda

Forky fa una domanda

Meno di una serie televisiva completa e più di una serie di cortometraggi, Forky fa una domanda è un'esclusiva Disney+ che trasformerà il nuovo personaggio preferito di tutti in Toy Story 4 la star della sua web-serie. Onestamente, la premessa suona molto più vicina a ciò che erano i cartoni animati della Warner Bros. negli anni '40 quando stavano costruendo la loro scuderia Looney Tunes, anche se Forky dovrebbe fornire molte altre domande esistenziali sulla vita, essendo lui l'equivalente di Toy Story di il mostro di Frankenstein. In effetti, ogni cortometraggio non è che un'altra occasione per diventare profondo ed esoterico con titoli come 'Cos'è l'amore?' e 'Cos'è il formaggio?'

Pixar Bo Peep nella vita della lampada

Durata della lampada

Questo è un cortometraggio della Pixar su ciò che esattamente Bo Peep ha combinato negli anni intermedi Toy Story 2 e Toy Story 4 . Speriamo che risponda anche quando ha iniziato a indossare il suo vestito come un mantello, e qual è il retroscena tra lei e Duke Caboom.

Pixar Sparkshorts

SparkShorts

Ancora meno di una serie televisiva tradizionale, SparkShorts è il nome di un'ampia raccolta di cortometraggi prodotti indipendentemente dagli animatori e dallo staff dei Pixar Animation Studios. L'essenza è che i dipendenti Pixar hanno sei mesi e un budget limitato per sviluppare idee originali che una volta erano destinate a YouTube. Ora su Disney+, i talenti emergenti avranno la possibilità di brillare e fare una dichiarazione per milioni di spettatori in tutto il mondo.

(Solo noi)

prendi un PROVA GRATUITA di Disney+ proprio qui e trasmetti in streaming i tuoi preferiti Pixar!

E chissà, uno di quegli animatori potrebbe un giorno dirigere il tuo nuovo lungometraggio Pixar preferito?