La controversia sulla registrazione della chat vocale su PlayStation 5 spiegata da Sony

L'aggiornamento del sistema PlayStation 4 8.00 di ieri non solo ha comportato numerosi problemi tecnici per gli utenti PS4 che improvvisamente non sono stati in grado di accedere a un varietà di funzioni della console (compresi gli inviti alle feste) ma in preda al panico potenziali utenti PS5 con l'insinuazione che Sony registrerà e memorizzerà le loro chat di gruppo.

Per coloro che non possono vedere il tweet sopra, l'avviso sull'aggiornamento 8.00 afferma: 'Vogliamo che PlayStation Network sia divertente per tutti, motivo per cui abbiamo un Codice di condotta della community. Tieni presente che le chat vocali nelle parti possono essere registrate e inviate a noi da altri utenti. Partecipando alle chat vocali, accetti che la tua voce venga registrata. Quando vengono segnalati comportamenti che violano il Codice di condotta della community, PlayStation Safety esaminerà le segnalazioni per verificare se si sono verificate violazioni autentiche. Queste registrazioni verranno utilizzate solo per motivi di sicurezza e moderazione da PlayStation Safety'.



La prima lettura di questa affermazione da parte degli utenti ha portato alla convinzione diffusa che Sony registrerà efficacemente tutte le conversazioni che si hanno quando si utilizzano i sistemi di chat di gruppo di PlayStation. Come potresti aver raccolto dal tweet sopra, ciò ha sollevato preoccupazioni sulla privacy delle persone e sulla possibilità o meno di vietare agli utenti anche le chat da persona a persona con gli amici. Inutile dire che molte persone erano... esplicite nella loro opposizione a quell'insinuazione.

Naturalmente, molti fan erano preoccupati che l'aggiornamento di Sony significasse che le loro chat vocali sarebbero state registrate (o forse anche moderate automaticamente) da Sony allo scopo di vietare i giocatori per violazioni delle politiche di condotta o forse solo per la raccolta di dati. Ne parleremo un po' di più tra un po', ma dovresti prima sapere che Sony rilasciato una dichiarazione che affronta le paure dei fan spiegando che questa funzione fa parte del prossimo programma di segnalazione degli utenti della PS5.

'A seguito di questo aggiornamento, gli utenti vedono una notifica su Party Safety e che le chat vocali nelle feste possono essere registrate', afferma Sony tramite il blog di PlayStation. 'La registrazione della chat vocale per la moderazione è una funzionalità che sarà disponibile su PS5 al momento del lancio e consentirà agli utenti di registrare le proprie chat vocali su PS5 e inviarle per la revisione della moderazione. Il pop-up che stai vedendo su PS4 in questo momento è per farti sapere che quando partecipi a una chat con un utente PS5 (post-lancio), possono inviare quelle registrazioni dalla loro console PS5 a SIE.

Fondamentalmente, sembra che la PS5 consentirà agli utenti di registrare facilmente un frammento di chat vocali che possono quindi inviare ai moderatori ogni volta che segnalano un altro utente per violazioni della condotta. Il team di PlayStation UK ha chiarito tramite un tweet successivo che ciò non significa che le conversazioni della tua festa verranno automaticamente registrate e archiviate da Sony.

Per coloro che sono preoccupati per la privacy, è bene sapere che non sembra che Sony intenda registrare automaticamente tutte le tue conversazioni (in particolare le chat private che non coinvolgono altri giocatori). Anche se siamo sicuri che ci saranno alcuni giocatori che non saranno felici di essere registrati e segnalati dopo aver detto qualcosa di offensivo, è difficile trovare il tempo per preoccuparsene.

Detto questo, siamo ancora curiosi di sapere come funzionerà questo processo di registrazione, come queste clip verranno inviate ai moderatori di Sony, in cosa consisterà il processo di revisione da lì e che tipo di punizioni verranno emesse a seguito di ciò che è stato ricevuto . Tuttavia, in base a ciò che sappiamo, questo sembra attualmente essere un'espansione dei sistemi di segnalazione esistenti piuttosto che un esempio particolarmente eclatante di raccolta automatizzata di dati personali.