Resident Evil 4: La versione perduta che quasi esisteva

Cattivo ospite ha celebrato il suo ventesimo anniversario nel 2016 e, come ogni serie di lunga data, ha avuto la sua parte di alti e bassi. I primi tre giochi sono classici del genere survival horror della vecchia scuola, ma la formula di cui è stato pioniere era stata completamente esaurita quando ha raggiunto Resident Evil Zero nel 2002. La serie era diventata stantia e prevedibile e aveva bisogno di un drammatico lifting.

Poi ha cambiato pelle e si è gloriosamente reinventato con Resident Evil 4 , che ha sconvolto i puristi concentrandosi più sull'azione che sull'horror, ma ci sono pochi che non sarebbero d'accordo sul fatto che sia un punto culminante della serie. Da quel momento in poi è stato un miscuglio, con cose tipo Resident Evil 6 e Operazione Raccoon City incrocio con gemme come Rivelazioni , Le cronache del lato oscuro , Resident Evil 7 , e il Resident Evil 2 remake.

Nel corso degli anni, lo sviluppatore Capcom si è guadagnato la reputazione di cancellare titoli che non soddisfano i suoi standard per la serie. Devil May Cry notoriamente nato come la versione originale di Resident Evil 4 prima di essere rielaborato, e ci sono siti web dedicati a Resident Evil 1.5 , che era la build originale del secondo gioco che è stata scartata quando era completa per circa il 70%. Questo è il gioco abbandonato Resi i fan ancora bramano, e ci sono persino mod online in cui hanno tentato di ricostruirlo usando il codice rimasto.



Resident Evil 4 ha avuto anche una nascita notoriamente difficile e ha subito non meno di tre revisioni prima che fosse finalmente rilasciato. Oltre a quanto sopra Devil May Cry versione, c'erano anche iterazioni in cui Leon combatteva contro gli zombi standard, e ancora un altro con il personaggio che veniva inseguito in un castello gotico da un mostro della nebbia mentre dava la caccia al fondatore dell'Umbrella Oswell E. Spencer.

Queste versioni sono state respinte perché troppo familiari o troppo lontane dal gameplay di base di Cattivo ospite . L'idea che racchiudeva il maggior potenziale di tutti loro - e avrebbe potuto essere un titolo rivoluzionario nel franchise - è la versione in cui Leon è infettato da un virus che provoca allucinazioni violente.

Leggi di più: Silent Hill, Resident Evil e l'arte di creare giochi spaventosi

Il concetto è venuto dallo sceneggiatore di Capcom Yasuhisa Kawamura, che ha anche lavorato su Dino crisi e Resident Evil 3: Nemesis . Kawamura voleva affrontare quello che riteneva fosse un problema ricorrente con la formula della serie: nella sua mente, nel momento in cui i giocatori raggiungevano il punto intermedio in uno qualsiasi dei giochi, erano ben attrezzati e sapevano qual era la minaccia, e generalmente potevano affrontare con qualsiasi problema riscontrato.

Stava cercando di sperimentare una meccanica che tenesse i giocatori sulle spine e ha introdotto l'idea di Leon che combatte le allucinazioni oltre alle altre creature nel gioco. Ciò ha portato a quella che è stata soprannominata la versione 'Hook Man' del gioco, in cui Leon sta indagando su una villa inquietante ed è costantemente sotto attacco da un uomo spettrale che brandisce un grosso gancio.

Kawamura ha avuto l'idea di aggiungere questo tocco soprannaturale dal refrigeratore superiore di Adrian Lyne La scala di Giacobbe , dove Tim Robbins interpreta un veterano di guerra afflitto da terrificanti visioni di demoni che possono essere reali o meno. Questo film ha avuto una grande influenza anche sulle serie rivali Silent Hill , che ha aperto la strada all'horror psicologico nei videogiochi e, ironia della sorte, avrebbe anche aiutato a ispirare l'intero concetto di 'Hook Man'.

Sorprendentemente, l'ultima fonte di ispirazione è venuta dal veicolo Winona Ryder da tempo dimenticato Anime perse . Questo sforzo horror del 2000 è stato diretto dal direttore della fotografia di Steven Spielberg, Janusz Kamiński, e mentre il film ha ricevuto alcuni elogi per le sue immagini, molti critici e pubblico hanno trovato la storia carente, ed è stato un fallimento al botteghino. Tuttavia, contiene una sequenza inquietante con il personaggio di Ryder che ha una vivida allucinazione in un bagno, dove viene attaccata da un assassino. Kawamura ha mostrato questa sequenza al suo team di Capcom per dare loro un'idea del tono che sperava di ottenere.

Utilizzando le risorse di una build precedente, il team ha rapidamente assemblato un prototipo giocabile. Non c'era una trama solida in atto per il concetto di 'Hook Man', e quello che hanno fatto è stato solo un esperimento per vedere se poteva funzionare. Il filmato ha sicuramente un aspetto atmosferico e, sebbene assomigli al gioco finale, vale a dire con il sistema di mira sopra la spalla, le armature d'attacco e l'uso di un'arma secondaria, sembra molto diverso.

Leon che viene sciamato da inquietanti bambole assassine è sicuramente qualcosa di nuovo per a Cattivo ospite gioco, e mentre l'idea di un nemico inarrestabile era già stata fatta nella serie - pensa a Nemesis o Mr. X - l'Uomo Uncino ha una sua presenza unica. Ci sono sfumature di Alan Wake in questo nemico poiché ha quello che sembra essere uno scudo protettivo di oscurità che lo circonda, che può essere rotto solo con la torcia di Leon o i fulmini che si verificano durante questa sequenza.

Leggi di più: Resident Evil Games in classifica

Capcom si sentiva ovviamente abbastanza sicuro di questa ripresa sin dal trailer di Resident Evil 4 è stato presentato per la prima volta durante l'E3 2003 ed è stato abbinato a un video introduttivo con Shinji Mikami, che ha detto agli raduni di non 'farsi pipì nei pantaloni'. Ascolta il suo consiglio e guarda tu stesso il trailer.

Nonostante il promettente concetto di presa Resi in una nuova direzione, la squadra ha presto sbattuto contro un muro. Per eseguirlo correttamente, dovrebbero essere progettate due possibili versioni di ogni fase: una per il mondo reale e una per le allucinazioni di Leon. Oltre a questo approccio dal costo proibitivo, un gioco così grande era semplicemente troppo da gestire per il povero Nintendo GameCube e sarebbe stato impossibile aggiungere più nemici, un po' un problema per un titolo survival horror.

L'approccio radicale di avere un solo nemico per l'intero gioco è stato brevemente discusso, prima che l'intera faccenda fosse rottamata e Shinji Mikami dovesse entrare e rielaborare tutto. Ha iniziato da zero e ha continuato a creare uno dei giochi d'azione più duraturi dell'ultimo decennio. Ci sono sfumature dell'Uomo Uncino rimaste con il nemico Chainsaw, ma a parte questo, ben poco del concetto è sopravvissuto alla transizione.

È difficile guardare indietro all'iterazione 'Hook Man' del gioco e non pensare alle possibilità che conteneva. Avrebbe spostato la serie in una direzione più soprannaturale e introdotto un angolo psicologico completamente nuovo. È difficile dire con certezza se avrebbe funzionato, ma l'idea era ricca di potenziale.

Dal momento che la serie ha colpito qualcosa di un muro creativo con il confuso Resident Evil 6 nel 2012, che ha cercato e non è riuscito a soddisfare tutti, forse è tempo per Capcom di rivisitare l'idea. La tecnologia è ora in atto per far funzionare il concetto di Hook Man, consentendo allo sviluppatore di aggiungere una nuova meccanica a una serie che è bloccata in un solco. Il franchise è sopravvissuto a zone di siccità creativa in passato, ma sembra che Capcom abbia davvero bisogno di tirare fuori qualcosa di speciale per il prossimo Resident Evil 7 se questo franchise deve sopravvivere un'altra notte.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato il 7 giugno 2016.