Riverdale: chi è il cappuccio nero?

Questo Riverdale l'articolo contiene spoiler.

Il personaggio di Archie Andrews ha fatto il suo debutto quando è apparso come una storia di supporto in Fumetti di Pep #22 nel dicembre del 1942. All'epoca, Pep è stata probabilmente la pubblicazione di maggior successo di MLJ Comics. Con la prima apparizione di Archie, l'interesse per tutto ciò che Riverdale è diventato l'obiettivo principale dell'azienda e non passò molto tempo prima che cambiassero il loro nome in quello della loro stella emergente dai capelli rossi.

Ma ciò che spesso viene ignorato è quanti altri personaggi MLJ/Archie avevano già nella loro stalla. In particolare c'era The Shield, un supereroe patriottico che ha preceduto Capitan America, così come altri eroi come The Hangman, The Crusader e The Black Hood.



1 Commento

Esatto, l'origine dello stesso personaggio che sta attualmente seminando il caos su Riverdale risale al 1940, quando The Black Hood si presentò per la prima volta nel nono numero di T Fumetti op-Notch . O almeno è un po' lo stesso personaggio, dato che la storia di Hood si complica abbastanza velocemente.

Creato da Harry Shorten e Al Camy, The Black Hood è l'alter ego anticrimine dell'agente di polizia Matthew 'Kip' Burland. Indossando il mistico copricapo da cui ha preso il nome, Burland sarebbe uscito e avrebbe combattuto i cattivi senza il tipo di confusione, confusione o burocrazia che ha rovinato il suo lavoro quotidiano. Il suo stile fuori dalle righe di consegnare i colpevoli alla giustizia ha colpito i lettori ossessionati dal noir dell'epoca e la popolarità di Hood presto gli è valsa un programma radiofonico che è andato in onda per un anno e 120 episodi. Sfortunatamente l'archiviazione negli anni '40 non è esattamente quello che è ora, e la serie è stata in gran parte persa nel corso dei secoli.

Di seguito è riportato quello che è considerato l'unico episodio sopravvissuto dello spettacolo. È comunque un ascolto piuttosto divertente, anche se ovviamente datato.

Con Archie che occupava la maggior parte dell'attenzione e delle risorse di MLJ, non passò molto tempo prima che The Black Hood andasse in pensione. Ma il personaggio aveva ancora molta vita in lui. Quando Archie formò il loro equivalente di The Avengers, The Mighty Crusaders, negli anni '60, The Black Hood era in primo piano. Dopo che l'interesse per quel titolo è diminuito, Hood ha vissuto un breve periodo di dormienza prima che una nuova incarnazione del personaggio - Thomas 'Kip' Burland, che era il nipote dell'originale Hood - debuttasse nel 1979.

'Nessun male può sfuggire alla spietata vendetta di The Black Hood', dice il nostro eroe sulla copertina del suo ritorno, con i vetri che si frantumano tutt'intorno mentre balza verso i lettori per attirare la loro attenzione. Questo risveglio è venuto per gentile concessione di cosa da uomo co-creatore/ispiratore di fumetti a tutto tondo Gray Morrow e il famoso creatore DC Neal Adams. La fine degli anni '70 fu un periodo affascinante per Archie Comics. Con i suoi vari titoli e riassunti di commedie divorati dai fan ogni mese, la compagnia ha deciso di tornare alle sue radici e riportare i suoi eroi attraverso la loro impronta Red Circle.

Alla fine, queste storie sono state compilate per (purtroppo) di breve durata Rivista Superhero Digest che mirava a fare per gli eroi della MLJ ciò che i normali digest di Archie hanno fatto per i loro personaggi... vale a dire agire come un acquisto d'impulso per genitori e bambini nei supermercati e nelle farmacie in tutto il paese, servendo come introduzione al meraviglioso mondo dei fumetti lungo la strada . Rapidamente, la mancanza di domanda e/o le scarse vendite posero fine al riassunto incentrato sull'eroe, anche se le storie con i personaggi MLJ sarebbero apparse nella linea principale dei riassunti di Archie negli anni '80.

L'era Reagan ha visto anche una rinnovata spinta per la linea Red Circle, con Il cappuccio nero ottenendo un altro breve periodo e il personaggio appare anche in un revival di I potenti crociati . Forse a causa del fatto che questi eroi erano oscuri da un punto di vista mainstream rispetto a, diciamo, Spider-Man o Batman, o forse perché i lettori credevano erroneamente che la stessa società che ha pubblicato titoli come La TV di Archie Laugh Out La non poteva assolutamente raccontare storie avvincenti e grintose in questo genere, questi libri sono stati in gran parte ignorati e relegati nella sezione dei negozi da tre per un dollaro (che è dove questo scrittore ha scoperto per la prima volta le meraviglie che possiedono). E poi, sembrava che sarebbero stati slegati da Archie per sempre quando la DC ottenne la licenza per i personaggi dei primi anni '90 (incluse diverse pugnalate pubblicate da Impact) ma anche questo fallì.

Poi è successo l'imprevisto. Archie è diventata una delle aziende più rischiose del settore. Anni luce lontano dai tempi bui in cui Al Hartley aveva concesso in licenza i personaggi per Spire Christian Comics, Archie stava rilasciando titoli da prima pagina come Vita con Archie: La vita da sposati e Aldilà con Archie . Poi, nel 2015, guidato da Alex Segura di Archie – lui stesso un brillante scrittore di noir / gialli – è nata l'impronta del Dark Circle.

Pre-datato da Mark Waid e Dean Haspiel's short run on La volpe e un test delle acque tramite esclusive digitali con le graffette MLJ, Dark Circle ha riportato i personaggi di The Black Hood, The Shield e The Hangman e li ha radicati in un mondo realistico e spesso cupo. Sebbene uniformemente eccellente, il migliore del lotto è stato il run di Duane Swierczynski Il cappuccio nero . Questa volta, la storia sposta la sua attenzione su Greg Hettinger, un poliziotto di Philadelphia che viene sfigurato quando si prende una pallottola in faccia mentre cerca di sedare una rissa tra bande fuori da una scuola pubblica. Durante questa mischia, uccide il precedente Black Hood, Kip Burland. Il suo cervello confuso da una crescente dipendenza da antidolorifici, inizia a lavorare come desiderio di morte vigilante in stile, una mossa che viene intensificata solo dopo che Hettinger è stato incastrato per il suo coinvolgimento con la droga.

L'arco narrativo iniziale di 'The Bullet's Kiss' includeva immagini avvincenti di Michael Gaydos, pieno di punti di riferimento di Philly in abbondanza che si aggiungono all'impegno del libro per la realtà. Fa anche alcune sottili affermazioni sull'epidemia di oppiacei che si traducono in una storia avvincente e tempestiva. Una nuova trama della 'Stagione 2' ha tre numeri, ma l'attuale corsa del of cappuccio è attualmente in pausa. (Che si presenti o meno nel prossimo, e apparentemente più leggero, I potenti crociati resta da vedere).

Questo enorme infodump ci riporta a Riverdale . Chi è esattamente The Black Hood in questa serie? Quella domanda si preannuncia essere il mistero centrale della seconda stagione. Dal terzo episodio possiamo carpire alcune cose. Innanzitutto, vede Riverdale come una città in crisi morale. Nella sua lettera ad Alice Cooper nota che coloro che ha attaccato fino ad oggi considera peccatori che deve purificare. “Io sono il lupo, tu sei il gregge, questo è il salasso”, scrive.

Poi c'è il fatto che tutti finora hanno qualche legame con Archie, che potrebbe essere un'aringa rossa che esiste per riparare il problema della prima stagione di avere il personaggio principale dello show regolarmente messo da parte dall'azione. Ma in effetti sembra che sia preso di mira. O almeno lo era all'inizio. (Moose, Midge e persino potenzialmente Ethel non sono davvero nell'orbita di Archie in questa serie).

Allora chi e perché? La prima e più ovvia risposta sembra essere qualcuno assunto da Mr. Lodge per fregare Archie. Non sappiamo nulla della storia di Hiram con Fred Andrews, ma sappiamo che sembra essere un tipo fumoso e di zolfo, il che è assolutamente in linea con la rabbia da Vecchio Testamento di Hood. Per quanto ne sappiamo, Fred e Hermione potrebbero aver avuto una cosa al liceo per cui Hiram è ancora incazzato, quindi quando ha saputo che la coppia ha riacceso la loro storia d'amore, anche per breve tempo, potrebbe essere andato fuori di testa.

Chi altro? Forse lo sceriffo Keller. Il fatto che sia un truffatore spiega le sue abilità di lotta al crimine assolutamente incapaci. Vuole che Riverdale sia nel caos.

Onestamente, però, è molto probabile che sia qualcuno che non conosciamo ancora, ma che diventerà importante in seguito.

In passato, anche quando The Black Hood è stato visto come un vigilante, aveva comunque buone intenzioni. La sua controparte televisiva sembra decisamente malvagia. Allora qual è l'affare? Da un punto di vista pratico, Archie aveva già l'IP e Hood sembra fantastico, quindi potevano usarlo senza aggro nella creazione di un nuovo personaggio. Questa interpretazione del personaggio, chiunque sia l'identità segreta, è chiaramente diversa da tutto ciò che è successo prima. Puoi aspettarti di vedere elementi di Hoods precedenti incorporati in lui, ma mi piace Riverdale di per sé, questo ragazzo è una nuova audace interpretazione di qualcosa che è in corso da decenni. E non è questa la parte più eccitante di tutto questo?

Leggi tutto Den of Geek Rivista in edizione speciale NYCC proprio qui!