Stephen Amell parla del lavoro con Dolph Lundgren su Arrow

Nella prima per quella che sembra un'eternità, Freccia ha attirato la nostra attenzione con la sua trama di flashback in 'Così comincia.' Non è un gran salto dare gran parte di quel credito a Dolph Lundgren, il Rocky IV leggenda che ha fatto la sua Freccia debutto stasera come Konstantin Kovar, l'uomo forte russo che Oliver ha cacciato.

L'aggiunta di Lundgren alla trama dei flashback è iniziata con una storia inquietante sul lavoro di squadra e le rape, con uno schiocco del collo, e si è conclusa con un'introduzione a Oliver Queen che sembrava più una minaccia. Così comincia, appunto.

Den of Geek era tra un gruppo di giornalisti che hanno avuto la possibilità di visitare il Freccia impostare la scorsa settimana e parlare con il cast. Ecco cosa ha detto Stephen Amell sull'aggiunta di Kovar alla trama:



Penso che sarebbe stata un'occasione persa nell'ultimo anno di questi flashback non avere un avversario davvero degno, e l'abbiamo scoperto in Dolph, motivo per cui sarà in giro per un po'. È stato un vero spasso lavorare con lui. È stato fantastico.

Amell ha anche parlato con affetto in modo specifico della presenza dietro le quinte di Lundgren, dicendo ai giornalisti:

Sì, è [una leggenda]. È interessante guardare qualcuno che ha in qualche modo tagliato il suo film camminare su uno show televisivo di 23 episodi all'anno con 14 ore al giorno. Perché si muove al suo ritmo. E non è indulgente. Quando è arrivato sul set, sapeva il fatto suo, non che mi aspettassi qualcosa di meno.

Era molto rispettoso. Ha fatto molte domande. Aveva chiaramente fatto i compiti. Ma, sai, è come se Dolph si muovesse nel modo in cui si muove ed è molto premuroso e contempla le sue battute ed è stato fantastico finora. Ma è un vero cambio di passo.

Se lo stile di recitazione contemplativo di Lundgren continua a portare a spettacoli come il suo Freccia debutto, sono d'accordo.