Recensione dell'episodio 4 della stagione 3 di 100: Watch The Thrones

Questa recensione contiene spoiler.

3.4 Guarda I Troni

È già stato paragonato a Perduto e Battlestar Galactica ma, finora, la terza stagione di il 100 assomiglia molto a una versione CW di Game of Thrones . Tradimento e doppio gioco? Dai un'occhiata. Sedie dall'aspetto elaborato per cui tutti sembrano litigare? Dai un'occhiata. Combattimenti sanguinosi fino alla morte? Dai un'occhiata.



Nonostante il Popolo del Cielo sia stato accolto dai terrestri come il tredicesimo clan la scorsa settimana, sembra che questo sia vincolante solo finché Lexa è al potere. Il suo pregiudizio nei confronti di Clarke è ben noto tra la sua gente e molto probabilmente la fonte di molti pettegolezzi salaci, quindi ha senso che qualsiasi accordo concluso tra i due sia un po' tenue. Se Lexa viene rovesciata, Clarke e la sua gente sarebbero più in pericolo che mai.

Nia sfida Lexa, che si rifiuta di scegliere un guerriero per combattere al suo posto. Questo ovviamente preoccupa molto Clarke, avendo visto cosa può fare Roan con una spada, e trascorre gran parte dell'episodio cercando di manipolare le persone per fermare il combattimento prima che possa accadere.

Alla fine, Lexa è quella che salva sia la sua vita che la sua posizione di comandante, facendola sentire più come un personaggio principale a sé stante di qualsiasi cosa lo show abbia fatto prima. Di fronte all'uccisione di Roan e al consolidamento della sua posizione, quindi, Lexa tira una Katniss Everdeen e decide invece di lanciare la sua lancia verso l'alto contro Nia. La regina è morta, viva il re.

Al campo, la leadership non è più facile da definire, con un'elezione che pone Pike come cancelliere anziché Kane o Abby. Inoltre, Bellamy ha cambiato fazione in seguito alla perdita della sua ragazza a Mount Weather e, se c'è qualcuno che potrebbe far pendere la bilancia a favore di una tribù o di un'altra, è lui.

Lincoln ottiene il peso della loro rabbia a causa del fatto che si trova in un territorio sempre più ostile, ma presto si estenderà al resto dei terrestri quando il piano di Pike di eliminarli con i fucili automatici si concretizzerà. Non riesco a immaginare lo spettacolo che ha permesso a Bellamy di diventare un assassino di massa (anche se l'avrei sicuramente detto di Finn solo una stagione fa), ma sarà Clarke a convincerlo del contrario?

Detto questo, potrebbe essere semplicemente l'arroganza a far pensare a Pike che i terrestri possano essere eliminati dalle armi moderne, quando sono sopravvissuti sulla Terra molto più a lungo di lui.

Questa settimana riceviamo alcuni chiarimenti sulla leadership: non sono sempre donne, si dà il caso che attualmente Lex, Clarke e Nia siano le persone migliori per il lavoro. Ora, però, Roan prenderà il controllo della nazione del ghiaccio e Pike è il nuovo Cancelliere. Questo cambia la dinamica della guerra imminente e mi chiedo cosa ne farà lo spettacolo.

Una delle vittime della battaglia è la lealtà che il gruppo ha nei confronti di Clarke come leader, personificata dalla continua spirale discendente di Jasper. La vede come un'assassina, insieme a tutti quelli che l'hanno aiutata a far fuori Mount Weather l'anno scorso, e la sua posizione in questa stagione è ancora in palio. La prospettiva di perdere l'amicizia di Monty lo porterà a perdonare la sua gente per le loro azioni, o si unirà a chiunque si opponga a loro?

Il gruppo è più fratturato che mai, e questo sarà solo aggravato dagli eventi in Guarda I Troni . Stiamo imparando di più sul mondo in cui vivono questi personaggi quest'anno, il che ha permesso agli scrittori di approfondire la politica dello spettacolo senza perdere i suoi personaggi e le loro relazioni.

È certamente diverso dalla seconda stagione e molto lontano dalla prima stagione, ma sta diventando più denso e interessante ogni settimana che passa.

Leggi Caroline recensione dell'episodio precedente, Ye Who Enter Here .