La vera storia di Al Capone

Nuovo film Capone è ambientato negli anni del crepuscolo del mafioso più famigerato d'America. I tagli sulla guancia che gli hanno dato il soprannome di 'Scarface' sono ancora lì, ma il film si occupa più di ferite più profonde. Nonostante la pistola Tommy e le scene del Cotton Club from Hell, il film biografico di Al Capone di Josh Trank è un film strappalacrime, non un film di gangster. Capone ha 47 anni e la sua mente sta marcendo per la demenza causata da anni di sifilide non curata. Ma poi c'erano persone del settore che non avrebbero mai pensato che l'uomo che era il volto della folla avesse molto da dire sotto il suo cranio duro. I termini di prescrizione della sua condanna per evasione fiscale erano di fatto scaduti. Se avesse assunto un avvocato tributarista invece di un avvocato penalista, avrebbe potuto cavarsela.

Tuttavia, la mitologia intorno a lui crebbe. Tanto che quando scriveva Mario Puzo Il Padrino nel 1969, fece dire a Don Vito Corleone fittizio di 'tenere in scarsa considerazione i Capone come stupidi, evidenti tagliagole' che perdevano qualsiasi influenza politica potessero aver accumulato nella loro violenta ascesa alla ribalta 'ostentando la sua ricchezza criminale'. Ma il romanzo sbaglia alcune cose. Per uno, afferma che Capone era un socio di Salvatore Maranzano. In realtà, Capone si schierò con il suo rivale Joe Masseria nella guerra Castellammarese di New York, che fu il punto di infiammabilità per l'inizio del crimine organizzato e della mafia americana.

Solo Capone non era mafioso e non era siciliano. Era napoletano e, come gli stereotipi napoletani, voleva essere più appariscente e duro. Come con John Gotti dopo di lui, Capone ha organizzato feste di quartiere che hanno ottenuto la stampa nazionale. Capone ha vissuto alla grande e si è divertito alla grande. Ha restituito alla comunità in grande stile e lo ha fatto sapere a tutti. Questo è ciò che lo ha reso probabilmente il nome più riconoscibile nella storia dei gangster, mafia o no.



I primi anni di vita di Al Capone

Il vero uomo, tuttavia, è nato Alphonse Gabriel Capone a Brooklyn il 17 gennaio 1899. Suo padre, Gabriele Capone, era un barbiere di Castellammare di Stabia, a circa 16 miglia a sud di Napoli, in Italia. Sua madre Teresina Raiola era una sarta salernitana. I Capone avevano nove figli. Oltre ad Al, c'erano James 'Richard Two-Gun Hart' Capone, Raffaele Ralph 'Bottles' Capone, Salvatore 'Frank' Capone, John Capone, Albert Capone, Matthew Capone, Rose Capone e Mafalda Capone. I Capone hanno vissuto al 95 di Navy Street fino all'età di nove anni e poi si sono trasferiti al 38 di Garfield Place a Park Slope.

Capone è andato alla scuola cattolica fino a quando ha colpito in faccia un'insegnante donna quando aveva 14 anni. È stato espulso e ha trovato lavoro in una pista da bowling e in un negozio di caramelle. Ha anche iniziato a frequentare le gang. Al faceva parte dei Junior Forty Thieves, dei Bowery Boys e dei Brooklyn Ripper prima di essere chiamato al grande momento.

Johnny 'The Fox' Torrio, che è diventato l'architetto per il National Syndicate, era il sottoboss della Five Points Gang nel Lower East Side. Ha messo Capone in una troupe che includeva Danny 'Big Wang' Glaister e Jimmy 'The Shiv' DeStefano e Frankie Yale, noto anche come il 'Beau Brummell di Brooklyn'. Un tipo divertente a detta di tutti, Frankie ha preso i guadagni che ha guadagnato rilevando il commercio di camion per la consegna del ghiaccio e ha comprato un club chiamato Harvard Inn solo così la gente poteva dire 'Yale possedeva l'Harvard'.

Capone ha preso il soprannome in quel club. Stava lavorando alla porta e ha insultato una donna. Anche se potrebbe essere stato solo un piccolo dramma di corda di velluto, suo fratello, Frank Gallucio, ha tagliato la faccia di Capone in risposta. Yale ha chiesto a Capone di scusarsi con l'uomo che lo ha sfigurato. Capone non si è solo scusato; ha assunto il ragazzo che ha superato le sue difese come sua guardia del corpo personale. Anche se potrebbe aver pensato che fosse più facile pagarlo che evitarlo. Prima del taglio, Capone era chiamato 'Snorky'. Nel film Capone , si chiama 'Fonz', abbreviazione di Alphonse.

All'inizio di dicembre 1918, Capone e la sua ragazza irlandese, Mae Josephine Coughlin, ebbero un figlio. Lo chiamarono Albert Francis Capone, soprannominato Sonny. Capone e Coughlin si sono sposati il ​​30 dicembre. Capone aveva meno di 21 anni, quindi i suoi genitori hanno dovuto firmare per lui.

Il diciottesimo emendamento, che proibiva la produzione, la vendita e il trasporto di liquori, fu approvato nel 1919, l'anno in cui Capone dovette fuggire da Brooklyn per evitare un'accusa di omicidio. Meyer Lansky ha nascosto Capone mentre Yale ha raggiunto Torrio, che in quel momento stava rompendo i pollici di un ricattatore della Mano Nera che stava stringendo il cugino di sua moglie a Chicago. Torrio ha dato un'occhiata a tutti gli affari che il Chicago Outfit aveva fatto e ha deciso di prendere in consegna le loro racchette. Il più grande racket della città era 'Big Jim' (o 'Diamond Jim') Colosimo, che nominò Torrio il secondo in comando.

Torrio ha ristrutturato la serie di locande di Colosimo, ripulendo i granchi dai presepi e trasformandoli in luoghi di classe. La maggior parte dei resoconti afferma che il primo lavoro di Capone a Chicago è stato come manager del club di Torrio, The Four Deuces, e buttafuori e cordaio in uno dei bordelli di Colosimo, dove ha contratto la sifilide. Ma l'unico figlio di Capone ha sviluppato un grave problema di udito, che è stato anche attribuito alla malattia sociale.

L'ascesa al potere di Al Capone a Chicago

Il Volstead Act e il divieto che ne derivarono furono approvati il ​​17 gennaio 1920, il 21° compleanno di Capone. A Chicago la mafia era rappresentata dai fratelli Aiello. Torrio ha chiesto il permesso alla famiglia Aiello di portare Yale da Brooklyn per fare il colpo su Colosimo. Si dice che Yale abbia messo una .38 dietro l'orecchio di Colosimo nel suo caffè l'11 maggio 1920. L'omicidio non è mai stato risolto. Mentre i registri della prigione mostrano che Capone è arrivato a Chicago nel 1921, è uno dei sospettati, così come su altri due pensionamenti anticipati.

Capone, che ha anche collaborato con The Purple Gang di Detroit, ha cercato di impadronirsi di tutta Chicago, inimicandosi le gang irlandesi e siciliane. Yale ha colpito Capone per un sequestro di alcolici. Capone ha cercato di giustiziare Yale quattro volte. Gli uomini di Capone tesero un'imboscata a Yale mentre si recava a un banchetto il 6 febbraio 1921, uccidendo la sua guardia del corpo. Hanno sparato alla sua auto il 15 luglio 1921, ma hanno colpito il fratello di Yale, Angelo. L'autista di Yale, Frank Forte, fu ucciso il 9 luglio 1923 perché l'uomo armato pensava di essere Frankie Yale. Il quarto tentativo fu quando uno degli uomini di Capone cercò di sparare a Yale il 1 luglio 1927 dopo che Yale scoprì che Capone stava dirottando il whisky di Yale mentre si dirigeva a Chicago.

La moglie e la famiglia di Capone si unirono a Capone nel 1923 e lui acquistò una casa nel South Side di Chicago al 7244 di South Prairie Avenue. Il sindaco di Chicago era l'incorruttibile William E. Dever, quindi il primo di aprile del 1924, Capone e suo fratello consegnarono la sezione di Cicerone al sindaco repubblicano Joseph Z. Klenha. Un paio di settimane dopo, Klenha annunciò che stava gestendo Capone fuori città. Capone ha personalmente schiaffeggiato Klenha proprio sui gradini del municipio. Capone aveva motivo di essere sconvolto; i poliziotti hanno ucciso suo fratello Frank durante le elezioni, secondo il libro Dopo Capone: la vita e il mondo di Chicago Il boss mafioso Frank 'the Enforcer' Nitti di Mars Eghigian e Frank Nitti. La polizia ha detto che Frank Capone ha sparato per primo. I testimoni hanno detto che Frank non ha mai nemmeno tirato fuori la pistola. Capone è stato devastato dalla morte di suo fratello. Ha pianto apertamente al funerale e ha ordinato di chiudere tutti gli speakeasy di Cicerone per un giorno in segno di rispetto.

Uptown Chicago era chiamata la Gold Coast ed era controllata da Dion O'Banion e dalla sua North Side Gang. La famiglia criminale Genna, sei fratelli di Marsala, in Sicilia, controllava Little Italy e rappresentava Cosa Nostra a Chicago. Torrio ha negoziato un accordo dividendo i territori. Quando i Genna vendevano alcolici nel quartiere di O'Banion, O'Banion si rivolse a Torrio, che era del napoletano e rappresentava la camorra per aiutarlo con la mafia. Ha convinto i Genna a ritirarsi. Ma dopo che O'Banion ha rubato il whisky dei Genna e servito Torrio ai federali vendendogli la birreria Sieben, che è stata perquisita, Torrio e i Genna hanno chiamato Yale. Ha portato John Scalise e Albert Anselmi per consegnare a O'Banion dei fiori. Lo uccisero nel suo negozio di fiori il 10 novembre 1924. Mike Genna li accompagnò a casa.

Il successo di O'Banion ha iniziato una guerra totale. Sabato 24 gennaio 1925, Hymie Weiss, Vincent Drucci e Bugs Moran della North Side Gang inseguirono Torrio mentre tornava a casa dallo shopping con sua moglie Anna. Weiss e Moran hanno sparato a Torrio e al suo autista con un'automatica .45 e un fucile calibro .12, e stavano per eliminare Torrio ma hanno esaurito i proiettili. Hanno lasciato Torrio morto davanti al suo appartamento, ma il saggio è sopravvissuto, andando a fare un anno di prigione per la puntura del birrificio dopo essere uscito dall'ospedale. Quando è uscito di prigione, Torrio ha deciso che l'Italia gli mancava. Si è dimesso come capo di The Outfit, ha detto a Capone 'È tutto tuo Al' ed è partito per l'Europa.

Il primo anno di lavoro come capo del Chicago Outfit, la leadership di Capone ha guadagnato oltre $ 108 milioni. Ha anche fatto entrare il prodigio del pianoforte jazz Fats Waller, sotto tiro, direttamente dalla sua residenza alla Sherman House per suonare una festa per Capone. La festa è durata tre giorni. 'Puoi andare molto più lontano con una parola gentile e una pistola che con una parola gentile da sola', ha detto una volta Capone.

Ma la vita non era solo speakeasy e balli per i contrabbandieri dei ruggenti anni '20. Capone ha dovuto fare i conti con la sua macchina che veniva mitragliata e le sue cene anche interrotte dal suono della musica dei Chicago Piano Gun. La sua vita è stata salvata dalla sua guardia del corpo Frankie Rio, che si è gettato sopra Capone quando il suo hotel è stato spruzzato da proiettili di mitragliatrice. Capone ha pagato le spese mediche per tutti gli altri feriti nell'attacco, inclusi un bambino e sua madre che sarebbero diventati entrambi ciechi a causa del vetro volante. Dopodiché iniziò a frequentare Couderay, nel Wisconsin, e a casa di Owney 'The Killer' Madden a Hot Springs, il luogo in cui Lucky Luciano fu arrestato. Capone si è anche procurato un posto a Miami Beach.

A questo punto 'Bugs' Moran gestiva la Northside Gang. Lo ereditò da Hymie Weiss che fu eliminato nell'ottobre 1926. Moran e Capone non andavano d'accordo. Moran chiamava Capone 'La Bestia'. Capone e Yale fecero ammenda alla lotta Dempsey-Tunney nel 1927. Ma il 1 luglio 1928, Yale fu la prima vittima della guerra Castellammarese a New York. Capone ha sostenuto Masseria e ha fatto il lavoro su Joe Aiello durante quel caos. Eppure mentre Yale era un uomo fatto. Capone non ha mai avuto il suo bottone. L'omicidio di Yale è stata la prima volta che una pistola Tommy è stata utilizzata in una battaglia tra bande. Yale indossava un regalo che Capone gli ha fatto, una fibbia per cintura con le sue iniziali scritte con 75 schegge di diamante. Yale è stata colpita dagli stessi ragazzi che hanno fatto il massacro di San Valentino.

Moran e la famiglia Aiello uccisero Pasqualino Lo Lordo, uno degli uomini di Capone, all'inizio del 1929. Il North Side dirottò i camion di Capone e assassinò due presidenti dell'Unione Siciliana, facendo arrabbiare la mafia. Capone e i suoi uomini hanno affittato un appartamento di fronte al quartier generale di Moran.

Verso le 10:30, il giorno di San Valentino del 1929, quattro uomini, due dei quali in uniforme della polizia, scesero dallo stesso tipo di poliziotti Cadillac neri usati, fino alla sirena, al 2122 di North Clark Street. Moran e uno dei suoi uomini, Ted Newberry, hanno visto arrivare le macchine della polizia, hanno pensato che fosse uno shakedown e hanno deciso di prendere un caffè. Gli uomini hanno fatto irruzione nel garage della SMC Cartage Company e hanno annunciato che si trattava di un raid. Hanno messo in fila sette degli uomini che lavoravano lì contro un muro e li hanno falciati con le mitragliatrici. La voce per strada è che i tiratori erano Albert Anselmi, John Scalise e 'Machine Gun' Jack McGurn. I giornali lo chiamavano 'Il massacro di San Valentino' e incolpavano Capone. Capone aveva un alibi. Era in vacanza a casa sua a Palm Island, in Florida. Capone ha trascorso un periodo in una prigione della Pennsylvania per possesso di armi per superare le indagini.

La caduta e l'arresto di Al Capone

Il direttore dell'FBI J. Edgar Hoover ha ribaltato leggi e regolamenti per porre fine alle carriere e alle vite di criminali come John Dillinger e Baby Face Nelson, ma aveva davvero una sete disperata di Capone. Hoover lo odiava così tanto che nel 1929 uccise Elliot Ness. Ness era un incorruttibile agente del Tesoro degli Stati Uniti. Ebbene, la folla non poteva corromperlo. Ha fatto la sua parte di aggirare la legge per mettere via le persone, ma l'intoccabile non ha potuto intentare una causa contro Capone.

Tuttavia, Capone non ha mai presentato una dichiarazione dei redditi federale. Era troppo astuto per farsi beccare per qualcosa di illegale, e gli affari illegali non erano entrate tassabili. Tutto è cambiato dopo che Mabel Walker Willebrandt, la prima assistente procuratore generale d'America, ha perseguito Manly Sullivan. Non poteva intentare una causa contro di lui per le sue attività criminali, quindi lo ha inchiodato per non aver pagato le tasse sul suo reddito. Il 16 maggio 1927, la Corte Suprema degli Stati Uniti stabilì che i guadagni 'da traffico illecito di liquori sono soggetti all'imposta sul reddito'. L'agente del Tesoro Frank J. Wilson ha controllato le dichiarazioni dei redditi di Capone. Nel 1931, Capone fu incriminato per 22 capi di evasione dell'imposta federale sul reddito, anche se lo statuto delle limitazioni alla richiesta dell'IRS era già scaduto.

Dopo essere stato convinto che i pubblici ministeri del Dipartimento del Tesoro si sarebbero accontentati di una sentenza clemente, Capone si è dichiarato colpevole al giudice James Herbert Wilkerson. Quando gli avvocati di Capone hanno appreso che Wilkerson non avrebbe ascoltato le raccomandazioni sulla condanna, Capone ha ritirato la dichiarazione di colpevolezza e ha cercato di corrompere gli agenti di Ness. I poliziotti federali erano così contrari alla corruzione che venivano chiamati 'Gli intoccabili'. Quindi Capone ha corrotto i membri della giuria del processo. Quindi il giudice ha spostato il pool su un altro caso. Capone è stato condannato il 17 ottobre e condannato a 11 anni, la pena più lunga per evasione fiscale mai pronunciata in quel momento. Anche lui è stato multato e la sua proprietà è stata sequestrata. I federali hanno persino preso la sua limousine antiproiettile, che il presidente Franklin Roosevelt ha usato dopo l'attacco a Pearl Harbor.

Capone, che soffriva di estrema astinenza da cocaina, si è disintossicato prima di entrare a far parte della popolazione carceraria. Fu inviato per la prima volta al penitenziario degli Stati Uniti di Atlanta nel maggio 1932, dove godette di privilegi speciali. L'11 agosto 1934 fu trasferito ad Alcatraz, dove non lo fece. Non poteva godere di niente. Nemmeno un taglio di capelli. Il barbiere stava scontando 30 anni per rapina in banca e non gli piaceva sporcarsi le forbici. Capone ha dovuto pagare tutto ad Alcatraz. Nel suo libro Zio Al Capone: la storia non raccontata dall'interno della sua famiglia , Deirdre Marie Capone scrive che suo zio ha ricevuto denaro mentre era in prigione da una scorta nascosta. Presumibilmente ha anche finanziato 'l'unica fuga riuscita da Alcatraz', di Roy Gardener.

Mentre Capone non si è unito all'evasione, seguendo la strada del buon comportamento, si è unito all'orchestra della prigione al banjo. Anche se i detenuti lo evitavano e lui faceva solo assoli, a quanto pare. Gli altri detenuti hanno detto che gli è stato ancora riservato un trattamento speciale perché non veniva picchiato di routine. Il 23 giugno 1936, James 'Tex' Lucas, che stava scontando 30 anni per rapina in banca e furto d'auto, colpì Capone nella doccia della prigione con un paio di forbici. Capone è sopravvissuto ma ha riportato ferite al petto e alle mani.

La morte e l'eredità di Al Capone

A Capone fu formalmente diagnosticata la sifilide cerebrale nel febbraio 1938. Nel 1909, il medico tedesco Paul Ehrlich scoprì il primo trattamento medicinale efficace per la malattia, interpretato da Edward G. Robinson nel film biografico del 1940. Magic Bullet del Dr. Ehrlich . Robinson è diventato famoso interpretando un personaggio basato su Capone nel film del 1931, Piccolo Cesare . L'approccio della pallottola magica è stato modificato dalla scoperta della penicillina da parte di Alexander Fleming nel 1928. Capone è stato il primo americano mai trattato per la sifilide con la penicillina, ma la malattia era progredita troppo per essere efficace.

Capone si recò al Federal Correctional Institution di Terminal Island in California prima di essere mandato in un ospedale psichiatrico nel 1939, per scontare il resto della sua pena. Fu rilasciato sulla parola il 16 novembre 1939. Quando Capone uscì, andò nella sua casa di Miami Beach a Palm Island e si infuriò contro la macchina. Si infuriò anche contro Bugs Moran. Ci sono state segnalazioni che Capone è stato perseguitato da una delle vittime, James Clark, a partire da quando Capone era in prigione. I testimoni dicono che il cognato di Moran ha tormentato Capone per anni. Capone non era l'unica persona a vedere il fantasma. Anche il suo autista lo ha fatto.

La salute fisica e mentale di Capone ha continuato a deteriorarsi dopo il carcere. Il suo medico ha detto che aveva le capacità mentali di un dodicenne. Ci sono voci persistenti che Capone abbia trascorso i suoi ultimi anni cercando di ricordare dove ha nascosto tutti i soldi che aveva guadagnato. 'L'ho messo in un mucchio di banche diverse e avevo le chiavi della cassetta di sicurezza e i nomi che usavo in una cassaforte', si dice che Capone abbia detto a sua nipote e figlioccia nelle sue memorie. “Ho seppellito la scatola, ma quando sono andato a dissotterrarla dopo essere uscito, non sono riuscita a trovarla. Poi ho pensato di averlo seppellito in un altro posto, ma quando ho guardato non c'era neanche lì'.

Geraldo Rivera ha cercato di scovare il tesoro nascosto di Capone nel suo speciale televisivo del 1986, Il mistero delle cripte di Al Capone . Dopo molto trambusto, ha aperto la volta segreta di Capone nel Lexington Hotel in diretta TV per rivelare nient'altro che detriti. Deirdre sapeva che era tutto quello che avrebbe trovato. Nel suo libro, scrive che ha cercato di aiutare suo zio a ricordare dov'erano i soldi, assumendo persino un ipnotizzatore e facendo scavare alla gente le sue proprietà in Florida.

Al Capone ha avuto un ictus il 21 gennaio 1947. Ha avuto un attacco di cuore il giorno successivo. Morì nella sua casa tre giorni dopo, il 25 gennaio 1947. È sepolto nel cimitero di Mount Carmel a Hillside, nell'Illinois.

Capone è ora disponibile su VOD, per gentile concessione di Vertical Entertainment.