I 25 film meno apprezzati del 2005

È di nuovo tempo di film sottovalutati e questa settimana approfondiamo l'anno 2005, una raccolta di mesi dominati da artisti del calibro di Star Wars: Episodio III, un altro Harry Potter, di Steven Spielberg Guerra dei mondi, di Peter Jackson King Kong, e film per famiglie in CG Madagascar.

Fu anche l'anno in cui Pierce Brosnan si ritirò formalmente dal suo ruolo di James Bond e il ruolo di Martin Scorsese L'aviatore è stato pubblicizzato per vincere il regista il suo primo Oscar, ma non lo ha fatto. Tuttavia, il contenuto di questa lista non ha ricevuto nulla come il plauso di L'aviatore, né i guadagni finanziari di a Guerre stellari o Harry Potter. Come sempre, ci siamo concentrati su 25 film che pensiamo meritino un po' più di amore.

Quindi, con scuse a quelli come Joss Whedon's Serenità (che siamo giunti alla conclusione che era semplicemente troppo preferito dai fan per qualificarsi, anche se ci piace davvero - il nostro sguardo al film è Qui ) ecco la nostra selezione di film sottovalutati del 2005, a partire da un dramma poco visto dello stesso Withnail, Richard E Grant…



25. Wow Wow

Richard E Grant ha messo insieme un bel pacchetto con il suo debutto alla regia, Wow-Wow. Non solo ha prodotto un divertente dramma basato sulla sua infanzia, ma il libro di accompagnamento - I diari di Wah Wah – è un avvincente resoconto del tentativo di realizzare un film a basso budget.

Ambientato durante gli ultimi giorni dell'Impero britannico nell'Africa degli anni '60, il film è stato girato nello Swaziland e vanta un cast eccellente, tra cui Gabriel Byrne, Emily Watson e Julie Walters. È un film molto umano questo, poiché una famiglia lotta lentamente contro lo sfondo del cambiamento politico. E c'è la sensazione che Grant ci abbia messo davvero tutto.

24. Occhi rossi

Wes Craven è uscito dal genere horror per questo thriller hitchcockiano, con Rachel McAdams nei panni di una giovane donna orientata alla carriera che è terrorizzata dal bel psicopatico di Cillian Murphy durante un volo notturno per Miami. Le ragioni delle minacce del cattivo stanno venendo alla luce con lentezza allettante, e Murphy è perfettamente freddo e minaccioso nel ruolo.

McAdams è altrettanto brava, e la sua astuzia e risolutezza (per non parlare della buona scrittura da parte di Carl Ellsworth) trasforma quello che avrebbe potuto essere un personaggio da donna in pericolo. Sebbene Occhi rossi prende davvero il ritmo nell'atto finale, è qui che il film diventa meno interessante, poiché la tensione latente lascia il posto all'azione. Ma Craven dirige con mano sicura e porta anche una leggerezza al tocco: cerca Jayma Mays in un grande ruolo di supporto come un impiegato d'albergo timido ma inesorabilmente ottimista.

23. Scatenato

Tre anni dopo aver realizzato il fragoroso veicolo Statham Il trasportatore, il regista Louis Leterrier ha diretto questo film di arti marziali Jet Li, sempre sotto la bandiera della società di produzione di Luc Besson, EuropaCorp. Il tanto mancato Bob Hoskins interpreta un cattivo che tiene incatenato l'orfano dagli occhi tristi di Jet Li come suo cane da attacco personale. Sebbene feroce in battaglia, il Danny the Dog di Li è in realtà un'anima gentile sotto la macchia di pugni e piedi.

Sfuggendo alle grinfie del suo padrone, Danny trova rifugio presso l'accordatore di pianoforte cieco di Morgan Freeman e la sua figliastra, interpretata da Kerry Condon. Il resto del film vede Danny entrare nel tipo di combattimenti che ti aspetteresti in un film di Jet Li, scoprendo anche le sue oscure origini. Il risultato è un film d'azione con un tocco di calore umano e più che un po' di recitazione grazie a Hoskins e Freeman.

Nonostante le buone recensioni (Roger Ebert ha guardato favorevolmente) scatenato ha fatto solo un po' di più di quanto è costato per la sua corsa cinematografica. Rintraccia una copia e troverai un film di genere sottovalutato che soddisfa in termini di dramma e azione ad alto impatto.

22. Caramelle dure

Un film molto, molto difficile da apprezzare davvero, ma non senza un impatto reale. Ha segnato la performance rivoluzionaria per Ellen Page, interpretando una quattordicenne che incrocia la strada con il sospetto pedofilo di Patrick Wilson.

Meno sai del film, meglio è in verità, perché questo è l'horror psicologico che funziona meglio a freddo. La performance di Page è piuttosto brillante e l'ha contrassegnata presto come un talento da guardare, ed è probabilmente il miglior film del regista David Slade fino ad oggi. Sono 104 minuti di freddo cinema con un bel pugno.

21. Guida galattica per autostoppisti

Un adattamento dal budget relativamente alto della quintessenza britannica di Douglas Adams Guida galattica per autostoppisti non sarebbe mai piaciuto a tutti, ma tutto sommato, non possiamo fare a meno di pensare che il film risultante sia stato un successo. Non è senza i suoi momenti imbarazzanti, scontato, ma per ogni urto e scelta narrativa sconcertante c'è probabilmente un momento comico scintillante o un pezzo ispirato di casting.

Martin Freeman è perfetto per il ruolo dell'affabile Arthur Dent, che intraprende un'avventura intergalattica dopo che i Vogon decidono di far saltare in aria il pianeta Terra. Poi c'è Bill Nighy come Slartibartfast, la voce sonora di Stephen Fry come The Guide e Alan Rickman che fornisce un'oscurità perfettamente modulata come Marvin l'Androide Paranoico. Nonostante tutti i suoi difetti, questo è stato un tributo appropriato e, diremmo, sottovalutato ad Adams, che ha co-scritto e purtroppo è morto poco prima della produzione. È semplicemente un peccato che più libri dell'autore non abbiano ricevuto lo stesso trattamento.

20. Scarpe stravaganti

Una commedia drammatica sull'industria calzaturiera del Northamptonshire potrebbe non sembrare l'intrattenimento di una serata, ma nella storia del regista Julian Jarrold c'è molto di più di quanto suggerisca la premessa. Joel Edgerton, che adotta un accento britannico sorprendentemente buono, che interpreta l'erede di una fabbrica di scarpe in difficoltà che sta lottando per impedire che la sua azienda di famiglia vada in rovina. Durante un viaggio a Londra, il proprietario della fabbrica incontra Lola (Chiwetel Ejiofor), che gli dà l'idea di creare scarpe per il mercato dell'abbigliamento fetish.

Critiche che Scarpe stravaganti si attacca troppo pedissequamente al formato rom-com non è troppo lontano dal segno, ma ciò che rende il film degno di essere visto è la qualità della sua recitazione. Edgerton è un solido protagonista, ma Ejiofor è magnifico come Lola, ed emerge rapidamente come il centro drammatico simpatico ed estremamente divertente del film. Se il lavoro recente dell'attore in 12 anni schiavo ti ha lasciato a caccia dei suoi film precedenti, potresti fare molto peggio che dare un'occhiata a questo Britcom trascurato.

19. Il lato positivo della rabbia

Kevin Costner potrebbe essersi lasciato alle spalle i suoi giorni da star del cinema quando ha affrontato quelli di Mike Binder Il lato positivo della rabbia, ma il suo ruolo qui è proprio il tipo di personaggio in cui eccelle. È in coppia con la sempre eccellente Joan Allen, ma mentre il film è stato ampiamente classificato come una commedia romantica, ha più una sfumatura di dramma per adulti.

È anche molto buono. È forse comprensibile, dato il suo approccio relativamente tranquillo, che non abbia infiammato il botteghino, ma c'è un bel dramma divertente che aspetta di essere scoperto per coloro che cercano Il lato positivo della rabbia su. È la prova continua che anche quando è sfuggito al radar di molte persone, l'occhio laser di Costner per una buona sceneggiatura rimane inalterato.

18. Nelle sue scarpe

La copertina del DVD per Nelle sue scarpe fa sembrare questa solo un'altra commedia romantica usa e getta. Ma guarda più da vicino: questo è diretto da Curtis Hanson – of L.A. Riservato e Ragazzi delle meraviglie fama - e questo dovrebbe dirti immediatamente che c'è molto di più da fare qui.

È basato sul romanzo di Jennifer Weinger e vede Cameron Diaz e Toni Collette come sorelle, con Shirley MacLaine come loro nonna. Apprezzando il fatto che timbricamente vacilla un po ', senza mai decidere quanto scuro vuole andare, c'è ancora molto da apprezzare, ammirare e scaldare quando si tratta di Nelle sue scarpe. Il trio di interpreti principali è forte, ed è un raro film di alto profilo preoccuparsi di approfondire il rapporto tra sorelle molto diverse. Vale la pena dare un'occhiata.

17. Mattone

L'uscita limitata al cinema per questo thriller indipendente è stata tale che, sebbene mattone più che recuperare i suoi soldi, ha comunque guadagnato 3,9 milioni di dollari al botteghino degli Stati Uniti. Ricollocando abilmente le trappole di un tipico romanzo poliziesco hardboiled in un liceo californiano, mattone vede Joseph Gordon-Levitt nei panni di uno studente che tenta di scoprire chi ha ucciso la sua ex ragazza.

Lo sceneggiatore e regista Rian Johnson cattura perfettamente i dialoghi concisi della narrativa noir e Gordon-Levitt è idealmente scelto come protagonista, ma anche il resto del cast è fantastico: c'è Nora Zehetner come femme fatale e Lukas Haas come un improbabile barone della droga. Brick è un thriller unico nel suo genere e un debutto eccezionale per Rian Johnson, che fonde sapientemente i punti cardine del film liceale americano con la narrativa poliziesca.

16. La chiave dello scheletro

Un thriller di gran lunga migliore, con un atto finale molto più interessante di quello che potresti aspettarti qui. È del regista Iain Softley, of Hacker, K-PAX e Controbattito vintage, e sulla carta è solo un'altra storia di una vecchia casa che ha qualcosa di passato. In realtà, più che sulla carta: è così che si sente da tempo.

Il cast di Softley gli rende un buon servizio qui, con Kate Hudson, John Hurt e Peter Sarsgaard. E senza la sua fine La chiave dello scheletro ha ancora molto da consigliare. Ma con esso? Si eleva nel tipo di film che non ti deluderà all'ultimo, proverbiale ostacolo.

15. La famigerata pagina di Bettie

Alcuni dei migliori film biografici funzionano in parte perché ti portano in un mondo di cui sai molto poco. Altri funzionano perché la performance centrale è così forte. In caso di La famigerata pagina di Bettie, entrambi gli ingredienti sono attivi, anche se il film stesso è un po' accidentato.

Bettie Page era una modella erotica pin-up degli anni '50 e la notorietà che ne derivava avrebbe in gran parte definito la sua carriera. Gretchen Mol la porta molto in vita sullo schermo, ed è anche una vita dura. Mary Harron, che in precedenza era al timone Psicologo americano, mescola in uno sguardo cupo anche l'impatto della pornografia (con più successo del recente Lovelace). Ma è Mol che rimane la ragione principale per vedere il film. Non è mai stata meglio.

14. Grazie per aver fumato

È spaventoso pensare a quanto sarà buono il cofanetto del lavoro di Jason Reitman una volta giunto alla fine della sua carriera da regista. Giunone è il film per il quale è più noto, ma guardate Giovani adulti, festa del lavoro e In aria per una dimostrazione di portata e talento.

Inoltre, dai un'occhiata al film che probabilmente lo ha messo sulla mappa. Grazie per aver fumato è il primo lungometraggio di Reitman, e ha un vantaggio che in qualche modo ha definito il suo cinema da allora. Mescolando satira e dramma, Aaron Eckhardt interpreta un lobbista per le compagnie del tabacco in un film pieno di arguzia, e un po' deluso da quanto lavoro sta cercando di fare. Non è il miglior film di Reitman, certamente, ma Grazie per aver fumato è ancora molto buono, è anche intelligente e interpretato con forza dal suo cast impressionante. E: nessuno ci fuma una sigaretta, mai. Questo è il tipo di curiosità che vince i quiz da bar, gli amici...

13. La giacca

Questo dramma di fantascienza non è privo di difetti, ma vorremmo sostenere che i critici sono stati un po' duri con La giacca quando è apparso poco meno di un decennio fa. Suonando vagamente come un mix low-key di Dodici Scimmie e i matti di Ken Russell Stati alterati, la giacca parla del veterano della Guerra del Golfo Jack (Adrien Brody) che scopre che, mentre è protetto in una camicia di forza in un istituto psichiatrico, può proiettare la sua coscienza in avanti nel tempo.

In futuro, l'ex soldato incontra una donna di nome Jackie (Keira Knightley) il cui destino è legato a un triste evento nel passato del primo. Il film del regista John Maybury si snoda tra gli anni 1993 (dove Jack è nell'istituto) e l'anno 2007, dove Jack cambia gradualmente la vita di Jackie in meglio.

La storia è semplice e non porta esattamente a una conclusione sconvolgente, ma fino ad allora, La giacca si impegna con il suo dramma commovente, la qualità della recitazione e alcune immagini straordinariamente fredde. Il risultato non è il miglior film sui viaggi nel tempo mai realizzato, ma è comunque fortemente raccomandato.

12. Una storia di gallo e toro

Un film nel film su un tentativo fallito di adattare il romanzo Tristram Shandy per lo schermo, Una storia di gallo e toro stelle Steve Coogan e Rob Brydon, che interpretano le stesse versioni intensificate di se stessi che vedremmo in TV Il viaggio qualche anno dopo (diretto anche dal prolifico Michael Winterbottom). Coogan e Brydon si beccano l'un l'altro sui loro ruoli nel film, sul loro lavoro precedente (l'Alan Patridge di Coogan è un punto di riferimento comune, comprensibilmente) e sui loro attributi fisici.

Con un cast di supporto notevole, tra cui Keeley Hawes, Gillian Anderson, Stephen Fry e la futura Miss Moneypenny, Naomie Harris, è sicuramente il film britannico più famoso del 2005, e forse anche il più divertente. Sebbene le recensioni per Una storia di gallo e toro sono stati estremamente positivi, è stato in qualche modo superato dalle grandi uscite dell'anno (negli Stati Uniti, secondo Box Office Mojo, ha quasi racimolato $ 1,2 milioni) – quindi se non l'hai mai visto prima, Una storia di gallo e toro vale la pena riscoprire.

11. Il calamaro e la balena

Lo scrittore e regista Noah Baumbach porta umorismo e leggerezza a un dramma potenzialmente malinconico sul divorzio di una coppia e i suoi effetti sui loro due figli. Jeff Daniels e Laura Linney sono eccezionali come coppia fratturata, ma Jesse Eisenberg e Owen Kline sono ancora meglio come loro figli la cui ansia per l'imminente rottura si manifesta in modi diversi. Walt, l'adolescente sensibile di Eisenberg, inganna genitori e insegnanti facendogli credere di aver scritto una canzone dei Pink Floyd, mentre l'adolescente Frank di Kline si dedica all'alcol e ad atti di frenetico autoinquinamento nella biblioteca della scuola.

Non mancano i drammi della classe media newyorkesi ambientati a New York, ma Il calamaro e la balena è uno dei migliori. Scritto con onestà e intelligenza e recitato in modo brillante, rimane uno dei migliori film di Baumbach.

10. Zathura

Abbiamo parlato dell'eccellente di Jon Favreau Zathura: un'avventura spaziale alcune volte prima a Den Of Geek, e sospetto che ne parleremo ancora un paio di volte. Perché è un film che dimostra che puoi allungare un budget relativamente modesto molto, molto lontano. E come sequel spirituale di Jumanji (entrambi sono basati sui libri dello stesso autore, Chris Van Allsburg), fa esplodere quel film dal cielo.

È facile da classificare Zathura come Jumanji nello spazio, e c'è sicuramente un elemento forte in questo. Ma tutto gel molto meglio. Il giovane cast, tra cui Josh Hutcherson, Jonah Bobo e Kristen Stewart, è uniformemente forte, e c'è anche un piccolo ruolo importante e gradito per Tim Robbins. Favreau dimostra di poter gestire il lavoro sugli effetti con un budget limitato, ed è un cinema intelligente e divertente per un pubblico più giovane che offre. Naturalmente, quindi, il film ha bombardato. Sospiro.

9. Il Matador

Pierce Brosnan ha intrapreso alcuni progetti all'indomani della sua partenza dal ruolo di James Bond, ma nessuno di loro ha potuto superare la sua scelta di The Matador. È uno dei suoi ruoli migliori, interpretare un assassino non particolarmente entusiasta di nome Julian Noble. Incontra il commesso viaggiatore di Greg Kinnear e il regista e sceneggiatore Richard Shepard (che di recente ha realizzato Dom Hemingway, interpretato da Jude Law) crea una commedia oscura e interessante che ricompensa ampiamente la visione ripetuta. Aiuta anche se è disposto a correre qualche possibilità lungo la strada.

8. Junebug

Kevin Smith una volta ha scritto un pezzo su giugnobug , definendolo il film che 'mi ha ricordato perché mi sono appassionato al cinema in primo luogo'. Perché questo era, sicuramente nel 2005, il tipo di film che il cinema indipendente non stava realizzando così tanto. Da allora? I drammi familiari insoliti di questo genere sono diventati molto più diffusi.

Tuttavia, ci sono ancora molte ragioni da cercare giugnobug su. Quello di alto profilo è il ruolo decisivo che ha dato ad Amy Adams, nei panni di Ashley, inesorabilmente ottimista e incinta. Tuttavia, sarebbe sbagliato trascurare Embeth Davidtz, come gallerista che incontra i suoi nuovi suoceri.

Mai eccessivamente appariscente e con il regista Phil Morrison che mantiene la sua attenzione esattamente dove deve essere il film, giugnobug è un film delizioso, che non ha fretta e consente di sviluppare ed esplorare correttamente una serie di personaggi. Una vera delizia di un film.

7. La proposta

L'australiano John Hillcoat è specializzato nel suo marchio di film sobri e grintosi in cui puoi quasi assaporare la polvere nell'aria, che si tratti del film drammatico del 2012 senza legge o l'apocalittico adattamento di Cormac McCarthy La strada. Ma nessuno di questi film contiene tanta grinta e polvere come il western Outback del 2005 di Hillcoat, La proposizione.

La proposta del titolo è un accordo tra il Capitano Stanley di Ray Winstone e il famigerato fuorilegge Charlie Burns (Guy Pearce): il capitano libera Burns dal carcere a condizione che rintracci e uccida il suo sociopatico fratello minore, Arthur Burns (Danny Huston) . Se lo fa, allora il suo fratello minore mentalmente debole Mikey (Richard Wilson) sarà risparmiato da un viaggio al patibolo.

Quello che segue è un racconto cupo e violento di doppio gioco e punizione, mentre Charlie si dirige verso un Cuore di tenebra- come un viaggio nelle terre selvagge dell'Australia, dove anche i personaggi con il viso gentile di John Hurt non sono necessariamente affidabili. C'è un'amara vena di nichilismo nella sceneggiatura di Nick Cave, perfettamente abbinata alle concise interpretazioni di Winstone e Pearce, e la storia tocca il lato oscuro della storia australiana del 19° secolo.

6. Cielo in alto

Ecco un pensiero: ha avuto il brillante cielo alto stato fatto ora, sarebbe un grande successo? Perché quando è stato rilasciato nel 2005, ha avuto un certo impatto, ma non molto nello schema delle cose. E che peccato, perché questo è il riff migliore e più amorevole del genere dei supereroi da questa parte Gli incredibili.

È un film ambientato in un mondo in cui i supereroi sono ampiamente conosciuti e accettati dalla società, concentrandosi più specificamente su Sky High, una sorta di Hogwarts per eroi, tranne che ambientato tra le nuvole. Michael Angarano è il proverbiale ragazzo che però non si adatta, incerto se ha poteri propri, in una scuola in cui tutti intorno a lui chiaramente ce l'hanno.

È un bel nuovo approccio per esplorare un certo grado di solitudine, e non aiuta il personaggio di Angarano che suo padre – interpretato da Kurt Russell (che è, chiaramente, brillante) – sia The Commander.

Tutto ciò si aggiunge a uno strato di sostanza, che lascia quindi molto, molto spazio alla commedia e al divertimento. Perché, senza mezzi termini, cielo alto è uno spasso assoluto, un film di supereroi allegramente divertente e molto divertente che non ha mai trovato completamente il pubblico che meritava così chiaramente. Ha problemi, certamente, ma se non arrivi alla fine con un grande sorriso sul viso, allora saremmo davvero sorpresi.

5. Una storia di violenza

Questo thriller poliziesco di David Cronenberg ha vinto una miriade di premi e ha fatto affari ragionevoli nel 2005, quindi cosa lo rende sottovalutato? Per noi, è l'interpretazione di Viggo Mortensen nel ruolo principale del proprietario dell'orchestra Tom, proprietario di un ristorante di provincia, calmo e calmo. William Hurt è stato nominato per un Academy Award per il suo ruolo secondario come il boss del crimine Richie, eppure Mortensen non ha ricevuto nemmeno una menzione.

Quando due delinquenti criminali tentano di rapinare il ristorante di Tom, quest'ultimo entra in azione e uccide i suoi aggressori alla velocità della luce. Salutato come un eroe locale in televisione, Tom riceve la visita di un gruppo ancora più losco di criminali organizzati (tra cui un particolarmente minaccioso Ed Harris) che affermano che Tom non è realmente Tom, ma un gangster irlandese di Filadelfia. Mentre Ed Harris e i suoi scagnozzi continuano a gironzolare per il ristorante e la casa di famiglia di Tom, sua moglie Edie (Maria Bello) inizia a chiedersi se potrebbe esserci un fondo di verità nelle affermazioni dei cattivi.

La direzione di David Cronenberg della sceneggiatura di Josh Olsen (liberamente basata su un romanzo grafico con lo stesso nome) è economica e tanto più efficace a causa della sua luce e ombra. Il film si apre con una sequenza quasi silenziosa che coinvolge una coppia di criminali e un motel, che si trasforma in un sorprendente colpo di orrore. È un ritmo che continua per tutto il film, abbinandosi alla straordinaria svolta di Mortensen: sotto il suo comportamento costante si nasconde un serbatoio di aggressività accuratamente repressa.

Mortensen avrebbe poi guadagnato una nomination all'Oscar per la sua prossima collaborazione con Cronenberg, promesse orientali, in cui interpretava un gangster russo. Anche quella è stata una grande prestazione, ma per i nostri soldi, Una storia di violenza lo delimita per complessità e pura sottigliezza.

4. Fiori spezzati

Era il 2003 Perso nella traduzione che ha fatto guadagnare a Bill Murray molti consensi e una nomination all'Oscar. Diremmo che la sua superba svolta in Jim Jarmusch's fiori spezzati era altrettanto forte, e se non altro, il film intorno a lui è anche meglio.

Qui, Murray interpreta un uomo riservato e tranquillo, che riceve una mail anonima da una donna del suo passato. La suddetta posta lo informa che ha un figlio che potrebbe semplicemente cercarlo. Così, il personaggio di Murray inizia un viaggio mentre rintraccia i suoi ex partner per cercare di arrivare al fondo delle cose. Di conseguenza, deve affrontare gran parte del suo passato, e questo è quanto ti diremo.

fiori spezzati è un film meraviglioso. È anche uno dei film più accessibili che Jim Jarmusch abbia realizzato fino ad oggi, pazientemente, rivelando lentamente sempre di più. E anche Murray è abbastanza, abbastanza brillante, con la sua interpretazione di basso profilo che si adatta perfettamente e solleva il film.

3. Le tre sepolture di Melquiades Estrada

Considerando che il western è un genere spesso cancellato come relegato al passato del cinema, gli anni 2000 non sono stati a corto di alcuni decenti. Forse il migliore del decennio, in competizione con quello di Kevin Costner Campo aperto per l'onore, è Le tre sepolture di Melquiades Estrada, un superbo pezzo di cinema con un titolo che ti dà un profilo piuttosto letterale delle basi del film. Ma c'è una promessa per Melquaiades che deve essere mantenuto, per seppellirlo nella sua città natale, ma le circostanze continuano a impedire che ciò accada.

Il film è fino ad oggi l'unico sforzo registico per il grande schermo di Tommy Lee Jones (anche se ha diretto un paio di film per la TV e ha il casalingo in produzione per corrispondenza per il rilascio entro la fine dell'anno), e il suo stile, a quanto si dice, esigente paga i dividendi reali qui. È il tipo di film che tende a venire da un regista esordiente senza paura o da un regista esperto verso la fine della loro carriera. Con un amore per Sam Peckinpah apparentemente infilato in tutto, a volte è imprevedibile e assolutamente avvincente. Le tre sepolture di Melquiades Estrada viene molto, molto altamente raccomandato.

2. Bacio Bacio Bang Bang

Per Shane Black, che era stato fuori dal gioco di Hollywood dalla fine degli anni '90, Bacio Bacio Bang Bang alla fine avrebbe portato la sua ricompensa, poiché ha inavvertitamente portato alla sua nomina a direttore del grande successo dello scorso anno Uomo di ferro 3. Ma nel 2005, la commedia thriller è stata una specie di scommessa per Black, uno degli sceneggiatori più pagati degli anni '80 e '90. Eccentrico e occasionalmente violento, è una fusione dell'umorismo raffinato di Black, tutti i dialoghi litigiosi e le battute, e i romanzi polizieschi hardboiled che chiaramente ama.

Robert Downey Jr, che stava uscendo da un momento difficile della sua carriera, interpreta Harry Lockhart, un attore traballante che fa coppia con l'investigatore privato di Val Kilmer per ricercare un potenziale ruolo cinematografico. Insieme, sono coinvolti in un complesso e imprevedibile caso di omicidio che coinvolge Michelle Monahan, un dito mozzato e un cane affamato.

È un film sconclusionato, tagliente e molto divertente, pieno di digressioni e svolte sconcertanti di eventi, e la regia rilassata di Black e le esibizioni scintillanti lo rendono divertente dall'inizio alla fine. Un'uscita teatrale limitata significava che Bacio Bacio Bang Bang ha fatto a malapena i suoi soldi nel 2005, ma è un film che merita di essere ricordato come un classico di culto. Con un mi piace Uomo di ferro 3 sotto la sua cintura, speriamo che Black riesca a fare altri film come questo molto presto.

1. Signore della guerra

A parte i suoi ruoli più appariscenti e folli, Nic Cage è anche capace di esibizioni sobrie e intelligenti, e Signore della guerra ha fornito la vetrina perfetta per questo lato dei suoi talenti. Cage interpreta il commerciante di armi moralmente in bancarotta Yuri Orlov, che fa una fortuna vendendo munizioni ai paesi del terzo mondo. Bridget Moynahan interpreta sua moglie, che è beatamente ignara della fonte della ricchezza di suo marito, mentre Ethan Hawke interpreta un agente intenzionato a consegnarlo alla giustizia.

Impeccabilmente ricercato e brillantemente diretto da Andrew Niccol (che ha anche scritto la sceneggiatura) Signore della guerra è assolutamente avvincente dall'inizio alla fine, e la sua storia è tanto più preoccupante per la sua base nella realtà. Come dice Yuri all'inizio del film, “Ci sono oltre 550 milioni di armi da fuoco in circolazione in tutto il mondo. È un'arma da fuoco ogni dodici persone sul pianeta. L'unica domanda è: come armiamo gli altri 11?'

La narrazione di Cage è tagliente e divertente, in perfetto contrasto con la crescente ambivalenza del suo personaggio sulla linea di lavoro prescelta. È un film potente e stimolante, e anche se il suo soggetto non è esattamente accattivante end Signore della guerra a un pubblico di massa, merita di essere visto. Fornendo una rara visione di un settore problematico, Signore della guerra è, per noi, tra i film più potenti del 2005.

Guarda anche:

I 25 migliori film sottovalutati del 2000

I 25 film meno apprezzati del 2001

I 30 film meno apprezzati del 2002

I 25 film meno apprezzati del 2003

I 25 migliori film sottovalutati del 2004

I 250 film sottovalutati degli anni '90

Metti mi piace su Facebook e seguici su Twitter per tutti gli aggiornamenti di notizie relative al mondo dei geek. E Google+ , se questo è il tuo genere!