The Walking Dead Stagione 9 Episodio 9 Recensione: Adattamento

Questo Il morto che cammina la recensione contiene spoiler.

The Walking Dead Stagione 9 Episodio 9

Zombie su Il morto che cammina sono solo una minaccia per i nostri sopravvissuti quando sono in grandi gruppi. Qualsiasi cosa più piccola di una mandria tende ad essere facile, più o meno, se uno dei personaggi principali non è solo o viene colto alla sprovvista a causa della perdita dell'udito legata alle sparatorie. Sono stati fatti vari tentativi per rendere gli zombi più una minaccia, dall'enorme pozzo zombi nella stagione 2 al torso zombi attaccato a un altro zombi visto in questo episodio, ma di solito non funzionano come una vera minaccia.

I Whisperers lo hanno cambiato . Dal primo momento in cui uno zombi ha estratto una lama e ha attaccato Gesù, gli zombi sono di nuovo pericolosi e durante 'Adattamento' quella minaccia secondaria incombe in ogni scena che coinvolge un deambulatore. Che sia collegato o meno all'attacco di Whisperer, ogni volta che un ghoul in putrefazione appare sullo schermo, c'è l'aspettativa che si rivelerà un essere umano segreto, in grado di reagire contro un avversario che lo sta prendendo meno che sul serio .



Questo rende la breve incursione di Negan nella libertà qualcosa che sembra minacciosa in ogni momento. Ogni volta che un deambulatore appare sullo schermo durante 'Adaptation', lo spettatore non è mai abbastanza sicuro di come si senta. Sarà questo il tipo di vagante facile di cui Negan ha ucciso centinaia, o sarà un Sussurratore? Ciò aggiunge un ulteriore livello di terrore ad ogni interazione dei camminatori durante l'episodio, e quei gruppi disordinati non sono più solo fastidio, ma potenzialmente letali in un modo in cui non sono stati dalla prima stagione.

Saggiamente, Greg Nicotero lo riproduce in ogni momento possibile. È difficile distinguere tra un normale camminatore e una persona che si nasconde dietro la maschera di uno, e questo è deliberatamente confuso dagli attori. Nicotero riproduce la stranezza dei movimenti degli zombi, il modo in cui si nascondono in bella vista diventando parte dello sfondo - una presenza distante e barcollante - e i Sussurratori mimano gli zombi che camminano così perfettamente da essere indistinguibili dalla realtà fino a quando non c'è tempo per reagire a loro. In diversi punti, sono solo movimenti di fondo, fino a quando non è troppo tardi e i personaggi sono circondati o costretti ad affrontare un attacco da avversari logici e pensanti.

Ulteriori letture: Il morto che cammina Stagione 9 – Chi vive e chi muore

Parte dello stress della situazione deriva dalla drammatica ironia. Sappiamo che non tutti questi vaganti sono veri zombi, ma i personaggi (a parte quelli in fuga dai Sussurratori) non lo sanno. Negan, Luke, Alden e simili stanno uscendo pensando che sia una normale missione di ricerca e salvataggio, con nemici normali. Saranno persone o zombi, entrambi con schemi di attacco stabiliti.

Conoscendo in prima persona la minaccia, Daryl in fuga trova abilmente un modo per determinare lo zombi da umano tramite una freccia al ginocchio. Gli altri personaggi in queste situazioni non hanno questo vantaggio, quindi quando Luke e Alden vedono gli zombi comportarsi in modo strano, non vedono una minaccia tanto quanto un'opportunità per studiare il loro nemico in decomposizione, e questo li attira nei guai.

Questo è rinforzato nella sceneggiatura di Corey Reed. Luke e Alden sono quasi sprezzanti riguardo agli zombi. Ci sono stato, l'ho fatto. Negan anche. Luke e Alden sono persino abbastanza a loro agio da chiacchierare tra loro mentre uccidono i vaganti, e Negan si ferma per avere un po' di relazione con uno trovato nel Santuario, che in precedenza era qualcuno di nome Big Richie.

Le conversazioni illuminano molto sui personaggi; Luke è più un sopravvissuto di quanto si possa pensare, e ha buone capacità interpersonali che lo rendono una specie di pacificatore naturale. Negan ha dei momenti con il personaggio piuttosto interessanti, in particolare con Judith (Cailey Fleming sta crescendo su di me) mentre esce e torna ad Alexandria; sta chiaramente assumendo il ruolo che Carl ha avuto una volta nella sua vita, e le scene sono divertenti. Negan le parla al suo livello, ma non le parla mai male, perché la rispetta e si prende cura di lei, e sa che gli sparerà se necessario.

Senza cooperazione nelle comunità, e senza la facilità di viaggio fornita dalle automobili, la notizia dei Sussurratori si diffonderà lentamente, ma man mano che più persone entreranno in contatto con loro e ne saranno catturate, la voce si spargerà e senza dubbio porterà il le persone di nuovo insieme (o almeno più vicine di quanto non siano state).

Alden e Luke, riuniti semplicemente perché Luke si offre volontario per guadagnarsi da vivere, hanno una divertente amicizia in erba che rafforza la simpatia di Luke. Dan Fogler ha un fascino facile e quando i tentativi di Luke di fare amicizia sembrano un po' tesi, non sembra innaturale. Sembra solo uno di quei ragazzi, ed è bravo a giocare con Callan McAuliffe. Norman Reedus è altrettanto bravo, sia nelle sue interazioni con Matt Lintz che con la catturata Whisperer Lydia (Cassady McClincy), mostrando più carisma e portata che il personaggio aveva prima della trasformazione di Daryl in un solitario grugnito e PTSD.

Il tempo di Angela Kang come showrunner è stato tumultuoso. Perdere il personaggio principale in qualsiasi serie crea problemi e la perdita di un importante personaggio secondario allo stesso tempo non aiuta. Ancora, Il morto che cammina ha una vasta gamma di personaggi che conosciamo e con cui abbiamo familiarità, e con una maggiore attenzione alle relazioni tra i personaggi e alla qualità della scrittura, quella sarà la più grande forza dello show in futuro.

Come ho detto in il mio articolo recente per chi pensa a un ritorno a Il morto che cammina , non è uno spettacolo nuovo, ma c'è una rinnovata attenzione alla costruzione e al miglioramento di personaggi familiari trascurati, portando nuovi personaggi, sia protagonisti che antagonisti, per rinfrescare l'universo. Quindi, Alden e Luke, Negan e Judith, Daryl e Henry e Lydia: volti noti e volti nuovi, sia davanti alla telecamera che dietro le quinte, che possono prendere ciò che ancora funziona dello spettacolo e andare avanti con forza, piuttosto che cercando di girare Il morto che cammina in qualcosa che non è.