Recensione di Vikings Stagione 5 Episodio 10: Momenti di visione

'Abbiamo deluso gli dei'.

Che tu veda 'Moments of Vision' come un finale di stagione o un finale di metà stagione non ha molta importanza. Quello che importa è che vichinghi è, ancora una volta, sul punto di reinventarsi dopo uno degli episodi più emotivamente devastanti della serie. Dopo la morte di Ragnar Lothbrok, ci sono stati numerosi cambiamenti di potere e ora è finalmente arrivato il momento per la vecchia guardia di far posto alla nuova.

La decisione di Michael Hirst di fondere visivamente le scene di battaglia con flashback e visioni potrebbe richiedere un po' di tempo per abituarsi, ma questa strategia narrativa porta abilmente a casa l'angoscia che ciascuno dei personaggi prova e l'accettazione che oggi potrebbe essere l'ultimo. Mentre il segmento di apertura presenta certamente un senso di calma prima della tempesta, pone le basi per le esperienze fuori dal corpo intervallate tra le sequenze d'azione. Harald e Halfdan che cantano una lamentosa canzone norrena dai loro rispettivi campi ci ricordano che questa è una guerra civile e che non ci saranno vincitori oggi. E mentre la colonia di Floki è pronta ad implodere, il suo avvertimento che il 'ciclo di uccisioni' deve finire trascende le tragedie che si verificano sull'isola.



Uno per uno, gli individui si trovano faccia a faccia con 'pensieri e ricordi' alla vigilia della battaglia, e Ivar e Hvitserk fanno i conti con la loro relazione. Quando Lagertha, che potrebbe avere molto da perdere oggi, appare in completo abbigliamento da battaglia, abbiamo l'impressione che la battaglia sia pronta per iniziare. Insieme a Ragnar, Lagertha ha costruito Kattegat nella fiorente comunità che è diventata, e la consapevolezza che tutto potrebbe essere perso in un batter d'occhio diventa dolorosamente chiara. Che lei scelga di connettersi con il vescovo Heahmund non è più un mistero, e quando la scena si interrompe senza dipingere il viso della battaglia, il loro discorso sull'aldilà rafforza le somiglianze che questi due possiedono. Chiede un ultimo bacio come se sapesse che oggi morirà e sembra in pace dopo che lei e il vescovo si godono quello che accettano possa essere il loro ultimo momento insieme.

L'uso efficace del rallentatore durante la battaglia offre uno sguardo al tumulto interiore che questi guerrieri provano. Lagertha vede Torvi e suo figlio impegnati in un combattimento, e quando Hvitserk lo apre e poi gli dà un colpo fatale, la visione della regina si sposta improvvisamente sulla sua infanzia e su suo padre che le regala una collana con una piccola replica del martello di Thor. 'Questo si prenderà sempre cura di te', le dice, ma chiaramente, a questo punto, lei ha i suoi dubbi e fa appello a un caro ricordo per vederla attraverso il dolore della perdita. La tanto attesa riunione tra Astrid e Lagertha segue il ricordo di suo padre e quanto sia appropriato che sia presentato con i due soli in un campo mentre la nebbia si avvicina. Astrid chiarisce che non è contenta della sua gravidanza, e mentre abbiamo immaginato questo scenari in molte forme diverse, nessuno avrebbe potuto prevedere cosa accadrà.

Non sapremo mai davvero perché Astrid scelga la morte piuttosto che lasciare Harald e ricongiungersi a Lagertha, ma quando dice al suo amante che 'non posso avere questo figlio', le sue opzioni diventano improvvisamente limitate. Certo, possiamo chiedere perché Lagertha acconsente alla richiesta di Astrid di uccidere lei e il nascituro, ma non dobbiamo davvero andare oltre la loro convinzione che come guerrieri, saranno tutti insieme nel Valhalla. È una scena toccante resa ancora di più se vista isolata dalla battaglia che infuria sullo sfondo. Il regista Daniel Grou, per la maggior parte, sceglie di evitare di mostrare queste due regine nel contesto della realtà in cui si trovano, ma rimuoverle visivamente dal caos consente loro un corretto addio.

Una volta che le forze di Rollo entrano nella mischia, diventa sempre più chiaro che questa è una battaglia che Lagertha e Bjorn non possono vincere. Sbirciando sul campo di battaglia, Ivar vede solo Lagertha combattere uno scheletro in mezzo a un campo pieno di scheletri in lotta. A differenza di Bjorn che ordina la ritirata dopo aver realizzato che si tratta di una lotta senza speranza, la visione di Ivar mette a nudo l'umanità dei soldati. Bjorn sceglie di salvare quante più vite possibile; A Ivar importa solo di non aver ancora vendicato la morte di sua madre. “Ah, Lagertha. Non essere un codardo. Vieni e combatti contro di me'. Presa alla lettera, questa è un'affermazione piuttosto ipocrita poiché non la combatterà uno contro uno, e senza le truppe di suo zio, ha buone possibilità di perdere questa battaglia. Sembra dubbio che lei abbia in sé la capacità di continuare la lotta per preservare il suo dominio nel Kattegat. Tornato al villaggio, Bjorn ordina agli altri di prendere e mettere in valigia ciò che possono in previsione di abbandonare il villaggio prima che Ivar entri per godersi il suo trionfo. Tuttavia, è come se le sue visioni durante la battaglia preparassero il terreno per la fine del suo viaggio, e lei si siede, stordita e sembra molto più vecchia di quanto abbiamo mai visto. Scapperà con Bjorn e gli altri, o aspetterà indietro per affrontare Ivar un'ultima volta?

Entrando nella battaglia, Rollo chiarisce a Ivar che Bjorn non deve essere ucciso, ma alla fine il fratello dovrà affrontare il fratello. Hvitserk non ha mai spiegato esplicitamente perché ha scelto Ivar su Ubbe, e poiché oggi sembra essere un giorno per riflettere su speranze, sogni e rimpianti, Ivar sfida la decisione di suo fratello maggiore. Ivar non può seriamente credere che Hvitserk si schieri con lui per amore, e quando a Hvitserk viene inflitto quello che si rivela essere un colpo non fatale, si vede letteralmente saltare la nave per stare con Ivar.

Con tutto questo che gira nella sua testa, Hvitserk si trova faccia a faccia con Ubbe che fa immediatamente oscillare la sua lama verso il collo di suo fratello anche se si ferma appena prima del contatto. Quando Ubbe fa un secondo colpo, Hvitserk non reagisce come se sperasse che suo fratello lo uccida. Hvitserk rimane con Ivar per paura, ma Ubbe risparmia la vita di suo fratello per amore. Di tutti i figli di Ragnar Lothbrok, Hvitserk deve affrontare la decisione più difficile. Capisce che combatte per un pazzo e ha fatto la scelta moralmente sbagliata nel sostenere suo fratello minore, ma potrebbe non tornare indietro per lui una volta che Ivar avanzerà su Kattegat.

È anche facile dimenticare che a un certo punto, Ivar e Harald sembrano destinati a scontrarsi poiché ciascuno desidera più o meno la stessa cosa. Abbiamo visto Halfdan in numerose occasioni riconoscere il debito che ha con Bjorn e le esperienze che hanno condiviso hanno un profondo significato per lui. C'è la sensazione che, come molti guerrieri qui, Halfdan accetti che questa sia la sua ultima battaglia, sia che viva sia che muoia. Bjorn gli ha insegnato che c'è di più nella vita che razziare e perpetuare il ciclo di uccisioni, e vedersi da solo nel mezzo di un deserto sembra essere un'ammissione che capisce che le circostanze gli impediscono di raggiungere la realizzazione personale. A differenza dei figli di Ragnar, Harald uccide suo fratello senza un attimo di esitazione e il suo messaggio 'Ci vediamo nel Valhalla' suona vuoto. Sebbene non sappia ancora della morte di Astrid, gli eventi di oggi potrebbero mettere in ginocchio Harald.

Bjorn ora si ritrova l'uomo strano. Sa che suo zio Rollo non può proteggerlo per sempre dall'ira di Ivar, e anche se non ha avuto nulla a che fare con la morte di Aslaug, l'associazione con Lagertha ha troppo peso. Sebbene la sua attrazione per Snaefrid occupi la sua attenzione prima della battaglia, la sua morte lo libera di andare dove vuole e fare ciò che vuole, e sembra difficile credere che a questo punto vorrà restare e continuare a combattere Ivar. Ma che dire di Torvi? Suo figlio di Jarl Borg muore nella rissa e lei e Ubbe hanno avviato un triangolo il cui esito fa presagire il disastro per tutte le persone coinvolte. E nel grande schema delle cose, dobbiamo chiederci se questa è una lotta all'ultimo sangue, o Ivar possiede i mezzi per mediare una pace nel Kattegat?

Sembra che ci sia sempre un jolly nel mix e, con sorpresa di nessuno, Margethe ricopre quel ruolo qui. Apprendiamo presto che le visioni non si limitano al campo di battaglia, e mentre l'ex schiava è sempre stata un po' fuori, sembra aver iniziato una discesa che promette di seminare il caos tra i figli di Ragnar. Sebbene Margrethe in precedenza non avesse mostrato alcuna intuizione soprannaturale, la sua visione di un cadavere che galleggia nel fiume e la reazione che 'presto saranno tutti morti', implica una premonizione del progresso della battaglia. Tuttavia, il suo pubblico con The Seer ci costringe a vedere il suo impatto sul fronte politico da una prospettiva diversa.

Per la maggior parte vichinghi è rimasto lontano dall'impiegare il soprannaturale come strumento narrativo, e sebbene gli dei occupino un ruolo fondamentale nella vita dei personaggi, è l'abilità del Veggente di entrare e uscire dalla storia che rende alcuni dei momenti più inquietanti dello show . La fame di potere di Margrethe non è stata un segreto, ma quando chiede a bruciapelo a The Seer se Ubbe governerà Kattegat, la sua risposta delude. Imperterrita, chiede se sarà regina e le viene nuovamente detto di no, non lo farà. Ma The Seer offre quindi una delle sue previsioni criptiche che implicano che Ubbe potrebbe essere un re, ma non di Kattegat, il che la confonde ancora di più. Quando le dice che sa che è pazza, ma 'forse i pazzi erediteranno la Terra', il senso di presentimento che segue si allinea perfettamente con la sua persona attuale. Il senso di terrore che abbiamo provato mentre Margrethe veglia sui figli di Torvi raggiunge il suo apice quando la loro madre viene ansiosamente per loro, ovviamente spaventata da ciò che la moglie di Ubbe potrebbe aver fatto. A questo punto c'è poco da discutere sul fatto che Margrethe stia precipitando nella follia.

E sebbene ci sia stato movimento in Islanda, non è certamente per il meglio. Un personaggio avvincente come Floki è stato ovunque vichinghi Nelle prime cinque stagioni, il suo arco nella terra degli dei si è sentito un po' di secondo piano, fino a stasera. Preso nel mezzo di una lotta per il potere, Floki cerca di placare Eyvind nominandolo legislatore, ma anche questo non è apparentemente sufficiente per prevenire ulteriori spargimenti di sangue. Infine, avendo raggiunto un punto in cui sa 'fin troppo bene cosa succede dopo', Floki si offre in sacrificio agli dei nella speranza di salvare la sua versione norrena dell'Eden dal crollo su se stessa.

Tutto ciò ci porta al Kattegat e all'Islanda. Floki afferma esplicitamente che è disposto a sacrificare la sua vita in modo che la comunità possa prosperare e la violenza cessi, ma mentre osserviamo una Lagertha distrutta e stordita sedersi da sola mentre Bjorn si prepara a fuggire dal villaggio che ha aiutato a costruire, potrebbe pensare la stessa cosa . In sostanza, questa è una guerra basata sulla vendetta, il che significa che è possibile che la sete di sangue di Ivar possa essere placata con la morte di Lagertha anche se non arriva in battaglia. Indipendentemente da ciò, non sembra esserci molta speranza per Lagertha ora che le forze franche di Rollo supportano Ivar. Non è stato chiarito il motivo per cui Rollo decide di entrare in questo conflitto, ma con Ivar, Harald e Ubbe in attesa dietro le quinte, questa guerra potrebbe essere solo all'inizio.

Non si può negare il carisma che Travis Fimmel e Katheryn Winnick portano sul piccolo schermo, e mentre vichinghi ha superato con successo la tempesta di perdere il guerriero dinamico e visionario di Ragnar Lothbrok, Lagertha presenta un dilemma unico. Mentre la serie ha caratterizzato un certo numero di donne forti sia politicamente che sul campo di battaglia, nessuna sale alla ribalta di Lagertha. Sebbene se le fosse permesso di parafrasare Mark Twain, Lagertha potrebbe affermare che le voci sulla sua morte sono state molto esagerate. Il tempo lo dirà. Tuttavia, sembra che potremmo aver raggiunto la fine di un'era.

I 'Moments of Vision' meravigliosamente realizzati delineano il futuro e sembra che i tempi possano diventare bui per le brave persone di Kattegat prima che migliorino. Tuttavia, la prima metà della quinta stagione termina con un inizio, e ora che i restanti protagonisti affrontano situazioni molto diverse rispetto a quando è iniziato questo capitolo della storia, la pausa offre ampio tempo per speculazioni e riflessioni. Ora, se solo potessimo trattenerci dal decifrare quei dannati testi di storia.