Vikings Stagione 5 Episodio 11 Recensione: La Rivelazione

Questo vichinghi la recensione contiene spoiler.

Vikings Stagione 5 Episodio 11

'Mi rifiuto di credere che questa sia la fine della mia storia'.

La saga della famiglia Lothbrok continua come vichinghi torna per iniziare la seconda metà della sua quinta stagione, e mentre il tempo della prima generazione si esaurisce, la domanda scottante è se Ivar the Boneless può portare la serie come suo padre e Lagertha hanno fatto fino a questo punto. Piuttosto che volare fuori dal cancello, 'The Revelation' adotta un approccio più cerebrale mentre il vescovo Heahmund convince Lagertha e Bjorn ad accompagnarlo in Inghilterra, mentre il nuovo re di Kattegat, Ivar, giura di vendicare la morte di sua madre. E probabilmente la più grande sorpresa dell'episodio, il re Alfredo appena incoronato e inaspettatamente capace sfida la chiesa e ordina i preparativi difensivi per prevenire un'altra invasione vichinga del Wessex. Per un episodio che contiene solo una breve scena di battaglia e un'ascia scagliata con rabbia, lo scrittore/creatore Michael Hirst ci attira gentilmente con uno sguardo più introspettivo sui protagonisti mentre ognuno valuta le sue opzioni in questo ambiente in rapida evoluzione.



Con il carismatico Ragnar Lothbrok ora solo un lontano ricordo nelle menti degli Uomini del Nord e in quelli della base di fan dello show, e Lagertha che sembra più vecchia e più logora di quanto l'abbiamo mai vista, qualcuno deve riempire il vuoto narrativo che hanno lasciarsi alle spalle. Fino a questo punto è stato difficile ignorare il potente ritratto di Alex Høgh del volubile Ivar il Senz'ossa, ma a differenza di suo padre, gli manca un lato umano con cui gli spettatori possono relazionarsi. L'amore di Ragnar per Lagertha e i suoi figli non si è mai allontanato troppo dalla sua parte, indipendentemente dal paese o dal villaggio che i suoi uomini stavano licenziando, mentre le motivazioni viziose di Ivar derivano da un innato sentimento di inadeguatezza che ha avuto origine alla sua nascita.

“La Rivelazione” ci porta nelle menti di chi è al potere, di chi la cerca e di chi l'ha persa, e la scena iniziale ci ricorda che la vittoria non arriva senza costi. Nonostante il fatto che Ivar e Harald abbiano preso Kattegat, è una vana vittoria per Harald che non solo piange la morte di suo fratello, ma anche per il fatto che è stato lui a colpirlo in battaglia. A differenza di Ubbe, che sceglie di lasciare in vita suo fratello, Harald, violentemente e con una certa soddisfazione immediata, mette fine alla vita di Halfdan. Con la moglie e il bambino non ancora nato morti, Harald non trova conforto nella vittoria, ma l'insensibile Ivar gli dice semplicemente di andare avanti. Se Harald può alla fine godersi il bottino di guerra è una cosa, cedere il potere a Ivar è un'altra. Harald ha messo da parte i suoi desideri di governare il Nord e si accontenterà di Ivar nella posizione di potere che un tempo considerava sua?

Tuttavia, prima che Ivar abbia molte possibilità di affermarsi come nuovo leader di Kattegat, la flotta di Rollo naviga maestosamente nel villaggio, e quando dice a suo nipote che è tornato 'perché mi manca il vecchio posto', è chiaro che c'è molto di più nel suo arrivo che rivivere il passato. È un peccato non vedere più il fratello maggiore di Ragnar, ma il suo aspetto qui è progettato per ricordare a Ivar che non è libero di fare ciò che vuole. Ivar probabilmente crede di non aver bisogno di preoccuparsi per suo zio da quando Rollo lo ha aiutato a sconfiggere Lagertha e Bjorn, ma quando Rollo espone le sue condizioni per un'alleanza, Ivar assume improvvisamente l'aspetto di un ragazzo che viene sgridato da un adulto . Rollo sta facendo fallire Ivar o sta semplicemente ricordando a suo nipote che c'è un ordine gerarchico in atto?

Abbiamo visto Rollo lottare per ritagliarsi un posto durante l'ascesa al potere del fratello minore nel nord, ma una volta che si trasferisce in Frankia e sposa Gisla, non ci vuole molto per capire che è un uomo intelligente, che per qualsiasi motivo, non è stato in grado di separarsi dal successo di Ragnar. Ora, tuttavia, le sue motivazioni per aiutare Ivar diventano ancora più nebulose. Cavalca per visitare Lagertha e Bjorn con una proposta e una rivelazione sorprendente. 'Ti ho sempre amato e Bjorn è mio figlio.' Aspettare! Che cosa? La sua offerta di un passaggio sicuro a Frankia ha molto senso nel contesto dello stato attuale delle cose, ma affermare di essere il padre di Bjorn viene semplicemente dal nulla.

Da un lato, è completamente credibile che sia stato innamorato di Lagertha. Diavolo, sono innamorato di Lagertha; è praticamente la donna perfetta. Ma da un punto di vista narrativo, il suo portare il figlio di Rollo sembra artificioso. Non ci sono precedenti indicazioni che questi due abbiano avuto alcun tipo di relazione seria, e non sono mai sembrati più che fratello e cognata. Devi amare la reazione di Bjorn a questa notizia. “A chi assomigli di più nello spirito e nei principi?” chiede retoricamente allo zio. Tuttavia, dopo aver perso la loro casa a causa di Ivar proprio perché Rollo viene in aiuto dei Senz'ossa, madre e figlio sono naturalmente scettici su tutto ciò che esce dalla bocca di Rollo.

Tuttavia, Rollo è pieno di sorprese e la sua conversazione con il vescovo Heahmund riporta alla mente il fascino di Ragnar per il cristianesimo e la sua fiorente relazione con Athelstan. Certo, è stato esposto al cristianesimo durante il suo periodo in Frankia, ma è interessante che chieda la benedizione di Heahmund prima di andare avanti. E dopo che Lagertha ha rifiutato la sua offerta, non è poi così sorprendente che Rollo torni a Ivar per continuare le loro trattative. Tuttavia, questo è un Rollo che non abbiamo mai visto prima, né Ivar, che è un po' sorpreso dalle richieste di suo zio e dalla forza con cui le fa. Le sue condizioni sono straordinarie, ma come dice a Ivar, 'Sono in grado di farlo'. Forse un po' di arroganza, ma non ha torto. Mentre Rollo si allontana, le sue motivazioni rimangono poco chiare e le sue parole a Lagertha non possono fare a meno di risuonare. “Non ci incontreremo mai più”. È questo per Rollo?

Ma per molti versi, 'The Revelation' è la storia di Lagertha, e dopo tutte le tempeste che ha dovuto affrontare nel corso della sua vita, è estremamente difficile vederla affrontare l'ultima tappa del suo viaggio. Lei e Bjorn non sono mai sembrati così indifesi come sembrano rintanati tra le rovine di un edificio, agonizzanti per le loro opzioni sempre più scarse. Sebbene il suggerimento di Heahmund di accompagnarlo in Inghilterra non piaccia a Bjorn, Lagertha la vede come la sua unica scelta ragionevole. “Sono stanco di combattere. Andiamo in Inghilterra'.

A complicare le cose però è la confessione di Heahmund di essere innamorato di Lagertha, un sentimento che lei non ha indicato è reciproco. Sebbene sia contenta di averlo come partner sessuale, la sua spiegazione che la loro relazione porterebbe con sé alcune restrizioni se lei lo seguisse in Inghilterra chiede a Lagertha di essere qualcosa che sicuramente non è: una donna contenta di nascondersi nell'ombra. Ma non ha molte opzioni, e mentre iniziano il viaggio in Inghilterra, non è ancora sicura delle vere intenzioni di Heahmund. “Perché dovrei tradirti? Ti amo', confessa. Il vescovo comprende l'atteggiamento prevalente nel suo paese d'origine e, sebbene sembri essere ipnotizzato da Lagertha, dobbiamo chiederci quale sarà la realtà della sua situazione una volta arrivati ​​in Inghilterra.

E poi ci viene presentata una delle immagini più inquietanti che abbiamo visto fuori dal campo di battaglia mentre Lagertha e gli altri membri della sua famiglia vengono portati in città, confinati come animali in gabbie di ferro. L'intento è inconfondibile e ora Lagertha deve mettere in discussione la sua decisione. Una volta che la polvere si sarà calmata, sarà interessante vedere se Heahmund riuscirà a vendere al re il valore di avere Lagertha, Bjorn e gli altri che combattono dalla sua parte. Per ora, le cose sembrano un po' cupe per la più famosa scudiero del nord.

Nel frattempo, l'utopia islandese di Floki continua a lottare per trovare il suo fondamento, e dopo che il tempio è stato raso al suolo, il capomastro costruttore di barche ne ha avuto abbastanza. È doloroso guardare Floki perché sappiamo che questa impresa è iniziata con le più pure intenzioni e quando offre la propria vita in sacrificio agli dei, ci si aspetta che anche i suoi detrattori si facciano avanti in sua difesa. Tuttavia, non è così. 'Floki merita di morire', proclama Eyvind, avviando un dibattito che finisce inaspettatamente.

Ma prima di raggiungere quel punto, la lotta per il potere che si sta preparando da un po' di tempo inizia a diventare brutta. E poi la generazione più giovane decide di intervenire. Con il voto in parità, il figlio di Eyvind ricorre al buon senso e vota che Floki vive perché è troppo importante per la sopravvivenza della comunità. Con una moglie e un figlio a cui badare, Helgi, a differenza di suo padre, capisce che le cose sono andate fuori controllo e se il gruppo vuole sopravvivere e costruirsi una vita qui, allora deve avvenire un cambiamento. In molti modi questo episodio fornisce un suggerimento su come la prossima generazione intende avviare il cambiamento.

Anche se occupa solo pochi minuti dell'episodio, la straordinaria trasformazione di King Alfred ha il potenziale per cambiare tutto. Sembra ieri che era un ragazzino incapace, intento a seguire ogni desiderio di sua madre. Ma Alfred è cresciuto apparentemente da un giorno all'altro e ora dirige la sua cerchia ristretta a puntellare le difese della città in previsione di un'altra invasione vichinga. Tuttavia, è il suo intervento religioso che fornisce il nostro primo assaggio del tipo di leader che è destinato a diventare. Ordina che l'educazione religiosa sia condotta in inglese in modo che l'uomo comune possa capire e, in definitiva, sentirsi più vicino a Dio. Non sorprende che la chiesa sollevi preoccupazioni, ma insieme a suo fratello Aethelred, sembra che Wessex stia andando avanti su basi solide.

La regina madre Judith ha sempre presentato un affascinante studio sulla moralità, e ora con gli uomini nella sua vita morti e fuori dai giochi, rivolge la sua attenzione a suo figlio, il re. C'è molto da criticare nel passato di Judith, ma non si sbaglia quando insiste che suo figlio trovi una sposa per ridurre la sua vulnerabilità come re. Saggiamente, non è disposta a lasciare questo importante compito ad Alfred e gli dice che inizierà subito la ricerca. Ha imparato molto come moglie di Aethelwulf e amante di re Ecbert, e ora, forse più che mai, la saggezza che ha acquisito avrà il suo maggiore impatto attraverso il figlio che ha partorito da Athelstan.

Dopo una lunga attesa di dieci mesi, 'The Revelation' immerge senza soluzione di continuità gli spettatori nel panorama in rapida evoluzione in Europa e Scandinavia, ma sono le transizioni di potere a creare la tensione più grande e le storie più avvincenti. Per ora, aspettiamo con impazienza l'accoglienza di Lagertha in Inghilterra e quella di Ivar a Kattegat. Lunga vita alla Regina.

Resta al passo con tutti i nostri vichinghi Notizie e recensioni sulla quinta stagione proprio qui.

Dave Vitagliano scrive e fa podcast sulla televisione di fantascienza dal 2012. Puoi leggere più del suo lavoro qui. Attualmente ospita Podcast di fantascienza fedele e Podcast La tana dei geek .