Il finale di Game Of Thrones era giusto attenersi ai libri?

Questo articolo contiene importanti spoiler per il programma TV e i libri: non leggerlo a meno che tu non abbia letto tutti i libri e non sia completamente aggiornato con il programma TV.

Game of Thrones la quarta stagione ha apportato più modifiche al materiale originale rispetto a qualsiasi altra stagione fino ad oggi, e queste modifiche sono continuate nel finale, I bambini . Dopo la morte dei personaggi minori Pyp e Grenn in Gli osservatori sul muro , Jojen Reed è diventato il personaggio più significativo che è ancora vivo nei libri per morire nello show televisivo, e uno dei combattimenti più impressionanti e viscerali della serie ha avuto luogo tra Brienne e il Mastino, due personaggi che non si sono mai incontrati nei libri .

Tuttavia, si potrebbe dire che questi siano cambiamenti abbastanza cosmetici. Pyp, Grenn e Jojen Reed potrebbero aver premorto le loro controparti del libro, ma i loro personaggi, archi e motivazioni sono rimasti più o meno gli stessi, solo più brevi. Brienne ha incontrato Arya e ha una conoscenza migliore delle ragazze che sta cercando rispetto alla sua controparte del libro, ma sarà in grado di scivolare facilmente nel resto di lei Una festa per i corvi/Una danza con i draghi trama mentre Arya ha lasciato il Mastino nello stesso modo in cui ha fatto nei libri dopo un combattimento diverso. I cambiamenti più drastici al materiale originale nel finale della quarta stagione non sono state le morti premature, ma gli archi e le motivazioni dei personaggi che circondano due dei suoi personaggi più popolari: Jaime e Tyrion, i ragazzi Lannister.



Le modifiche apportate agli eventi climatici che circondano Jaime e Tyrion alla fine di questa stagione hanno le loro radici molto più indietro, nei cambiamenti fatti all'inizio di questa stagione e risalenti alla seconda stagione, ed entrambe derivano dall'approccio della serie al loro rapporti con le donne. Tralasciando per il momento la controversia su dove lo show ha portato Jaime e la sua relazione con Cersei in questa stagione, diamo un'occhiata più da vicino a come e perché gli scontri finali di Tyrion con suo fratello, padre e amante sono stati cambiati.

Nel Una tempesta di spade , quando Jaime rilascia Tyrion dalla sua cella, non si parlano da mesi e Jaime era sinceramente incerto se Tyrion fosse colpevole o meno dell'omicidio di suo figlio. Lo ha rilasciato, non perché sapeva di essere innocente (anche se lo sperava) ma per espiare un incidente nella loro giovinezza. Contrariamente a quanto credeva Tyrion, la sua prima moglie Tysha non era, in effetti, una prostituta ma una giovane donna innocente che amava sinceramente Tyrion, che è stata stuprata da metà delle guardie Lannister incluso lo stesso Tyrion e mandata via quando Tywin ha scoperto di lei . Scosso da questa rivelazione, Tyrion si scaglia dicendo mentendo a Jaime che ha ucciso Joffrey prima di cercare suo padre.

Lo show televisivo non ha completamente scritto Tysha – è stata menzionata un paio di volte e la storia originale come Tyrion ha capito che è stata raccontata nella prima stagione – ma nessuna di queste rivelazioni è venuta alla luce nel finale della quarta stagione. Si tratta di un'alterazione comprensibile, soprattutto perché è improbabile che i telespettatori ricordino i dettagli di una storia raccontata quattro anni fa. Inoltre, nei libri, mentre siamo nella testa di Tyrion, sentiamo chiaramente il suo dolore, ma come spettatori di uno show televisivo, è più difficile preoccuparsi così profondamente di un personaggio che non abbiamo mai visto (soprattutto data la scelta deliberata dello show di evitare flashback). L'omissione di qualsiasi riferimento a Tysha dà anche a Jaime e Tyrion un toccante addio piuttosto che distruggere l'unica buona relazione rimasta di Tyrion. (C'era un'eco della sua rabbiosa affermazione che 'Ho ucciso il tuo vile figlio' nel suo processo in Le leggi degli dei e degli uomini , quando ha detto a Cersei ha avuto un grande sollievo nel vedere 'il tuo vizioso bastardo morire', ma diretto al fratello odiato, non alla persona amata, e senza confessare).

Quindi, ci sono ragioni sensate per omettere qualsiasi riferimento a Tysha, per quanto potrebbe far arrabbiare i fan dei libri. Ma mentre l'omissione semplifica l'addio di Jaime e Tyrion, crea alcuni problemi nel suo confronto finale con suo padre, poiché nei libri, mentre Tyrion era abbastanza arrabbiato per se stesso, era per Tysha che voleva davvero vendicarsi, non lui stesso.

C'era una soluzione a quel problema disponibile, una che molti spettatori pensavano che lo spettacolo potesse andare bene, ma alla fine non l'hanno fatto perché si sarebbe allontanato troppo dai libri. Benioff e Weiss avrebbero dovuto allontanarsi ancora di più dai libri, e Tywin avrebbe dovuto uccidere Shae come aveva minacciato così spesso di fare, lasciando Tyrion a vendicare Shae invece di ucciderla?

L'uccisione di Shae da parte di Tyrion è una scena difficile per una serie di ragioni. Per quanto riguarda i libri, molti lettori potrebbero pensare che Tyrion fosse giustificato nell'uccidere Shae perché lei lo aveva tradito e aveva aiutato suo padre e sua sorella a condannarlo a morte. Anche così, la scena in cui uccide una donna nuda e indifesa subito dopo che lei gli ha detto (che sia sinceramente o no, non abbiamo mai la possibilità di scoprirlo) che ha fatto solo ciò che la regina le ha ordinato, che suo padre la spaventa e lei gli chiede se è venuto a portarla via rende la lettura scomoda. Per alcuni di noi, non abbiamo particolarmente apprezzato i capitoli di Tyrion o non siamo stati in grado di fare il tifo per lui da allora, il che è un peccato considerando che un tempo era un personaggio preferito (questo non è vero per tutti i lettori, ovviamente – come sempre quando si tratta di fiction , il tuo chilometraggio può variare). Vedere questa scena svolgersi come nel libro sullo schermo, senza che il lettore fosse nella testa di Tyrion e senza alcun riferimento a Tysha o quanto fosse scosso dalle rivelazioni che la circondavano, sarebbe stato anche peggio.

Naturalmente, un personaggio non deve essere simpatico affinché il pubblico voglia guardarlo (a qualcun altro manca Joffrey, solo un po'?). Si potrebbe obiettare che non è necessario che Tyrion sia interessato a guardare la sua storia. Ma il ruolo di Tyrion nei libri e nello show è sempre stato quello di uno dei personaggi che ci piacciono, nelle prime stagioni l'unico Lannister per cui era così. La maggior parte di noi ha bisogno di qualcuno per cui tifare e qualcuno a cui piaccia in mezzo a tutto l'orrore. Aggiungete a ciò la controversa scena tra Jaime e Cersei nel settembre del Rompi Catene che ha reso l'altro semi-simpatico Lannister impossibile da apprezzare per molti spettatori, e raffigurare il preferito del pubblico Tyrion come un uomo che uccide il suo ex amante, per quanto lo abbia trattato male, non sembra una buona idea.

La soluzione di Benioff e Weiss era quella di chiedere a Shae di prendere un coltello e attaccare prima Tyrion, rendendo l'uccisione di lei più un atto di autodifesa che un omicidio. Questo probabilmente ha salvaguardato Tyrion dal contraccolpo del pubblico, anche se la sua morte sembra ancora profondamente spiacevole per alcuni (di nuovo, il tuo chilometraggio può variare - le reazioni personali a scene di questa natura varieranno sempre tra gli spettatori e la reazione individuale di nessuno è più 'giusta' o 'sbagliato' di chiunque altro). Nel libro, Tyrion la uccide semplicemente mentre, nuda, lei cerca di riconquistarlo con le parole. Nello spettacolo, Shae (vestita per una volta) si lancia su Tyrion con un coltello e lui si difende, poiché anche se le fa cadere il coltello dalle mani, lei continua ad attaccarlo fisicamente. Successivamente, si scusa con il suo corpo.

Il problema con questa soluzione è che la versione televisiva del personaggio di Shae si è allontanata così tanto dalla sua controparte del libro nelle stagioni due e tre che questo brutale confronto finale non sembra del tutto giusto. Per Shae essere così intensamente arrabbiata con Tyrion per averla scaricata da volerlo uccidere sembra eccessivo, anche dopo averlo consapevolmente condannato a morte con le sue prove. Tuttavia, era necessario preservare Tyrion come personaggio per il quale il pubblico può fare il tifo in un mondo in cui questi sono pochi e lontani tra loro.

Questi cambiamenti alla fuga di Tyrion hanno un ulteriore impatto sulla sua scena finale con suo padre. Nel Una tempesta di spade , quando Tyrion affronta suo padre, Tywin chiama Tysha una 'puttana' troppe volte ed è questo che alla fine spinge Tyrion a sparargli. Tyrion ha appena scoperto che chiamare Tysha una puttana è di fatto scorretto e maleducato e la parola gli ricorda proprio che cosa terribile ha fatto suo padre. Mentre il suo omicidio di Shae può essere problematico per alcuni lettori, quasi nessuno ha problemi con l'omicidio dell'uomo che ha violentato in gruppo e mandato via la sua prima moglie, padre o no.

Nella versione televisiva, tuttavia, è Shae a cui Tywin si riferisce come una 'puttana' e Tyrion si oppone alla svalutazione della donna - il che sarebbe carino se non l'avesse appena uccisa lui stesso (e si riferisce all'atto come 'omicidio' nonostante l'elemento di autodifesa coinvolto). Dopo la prima freccia, Tyrion e Tywin hanno un altro confronto sulla loro terribile relazione padre/figlio prima che Tyrion la ponga fine per sempre. Laddove Book Tyrion è stato spinto ad uccidere suo padre sia dal suo stesso trattamento, ma ancora di più dal suo desiderio di vendetta per Tysha, TV Tyrion lo uccide quasi interamente per se stesso. Anche la sua affermazione di amare Shae sembra più una lamentela per il fatto che suo padre l'ha portata via che una dichiarazione sulla sua vita o sul suo valore - allo stesso tempo mentre afferma il suo diritto a non essere definita una 'puttana', Tyrion riduce Shae a un giocattolo che suo padre gli ha portato via.

Questo è il motivo per cui c'è un argomento da sostenere che avere Tywin che uccide Shae piuttosto che Tyrion sarebbe stato quasi più fedele allo spirito del libro, mentre più lontano in termini di specifiche della trama. Tyrion avrebbe ucciso suo padre in gran parte per il dolore per il trattamento da parte del padre nei confronti del suo amante, oltre che per proprio conto. Con la vera storia di Tysha scritta fuori dalla sequenza, usare un personaggio che il pubblico ha imparato a conoscere e amare - la versione televisiva di Shae - al suo posto sembrerebbe avere senso.

La cosa principale che sarebbe andata persa se Tywin avesse ucciso Shae invece di Tyrion è che la sua ipocrisia finale potrebbe non essere stata rivelata. Dopo anni passati a criticare suo figlio per aver dormito con le prostitute, Tyrion scopre che Tywin ha sempre fatto esattamente la stessa cosa. Il tradimento di Shae sarebbe stato anche meno profondo se non fosse andata volentieri da Tywin, anche se dal momento che né il libro né lo show televisivo chiariscono esattamente cosa le è successo o se è stata minacciata da Cersei o Tywin ('tuo padre mi spaventa' potrebbe implicare che era stata nel libro), che rimarrà per sempre una zona grigia. Ciò influenzerebbe anche la motivazione e lo stato d'animo di Tyrion mentre fugge a Essos, ma rimuovere la rivelazione su Tysha probabilmente ha un effetto maggiore su quella storia poiché TV Tyrion non la cercherà e uccidere suo padre sembrerebbe piuttosto traumatico abbastanza per dare al personaggio di Tyrion il vantaggio che ha in Una danza con i draghi .

Forse, però, quella soluzione non poteva funzionare nel contesto della quarta stagione, a causa delle azioni di Shae durante il processo a Tyrion. In sostanza, dopo averla scritta come una donna molto diversa nelle stagioni due e tre, Benioff e Weiss hanno trascorso la quarta stagione costringendo Shae a tornare nel suo ruolo di libro. A differenza della sua controparte del libro, è diventata gelosa, possessiva e incapace di accettare la realtà, quindi è stata mandata via e ferita 'per il suo bene'. Dopodiché, torna a un comportamento simile alla sua controparte del libro, quasi come se fosse stata deviata su un binario del treno che aveva lasciato per un po', tradendo Tyrion al suo processo e passando da suo padre. Nel libro, Shae era una prostituta che diceva ai suoi amanti tutto ciò che volevano - e la pagava - per sentire. Nella serie, tuttavia, era apparsa sinceramente amorevole e premurosa – in effetti, il suo tradimento di Sansa al processo era quasi più scioccante del suo tradimento di Tyrion, e in precedenza era apparsa così affezionata alla ragazza.

Forse la cosa più difficile di Shae sia nei libri che nella serie TV è che, dal momento che la vediamo solo dal punto di vista di Tyrion (e occasionalmente Sansa e Varys nella serie), non sappiamo mai veramente cosa le sta succedendo o cosa lei le motivazioni sono. In questa stagione, l'abbiamo vista presentarsi al processo di Tyrion e tradirlo, ma non abbiamo visto nulla di quello che le è successo nel mezzo o di come fosse la sua vita senza di lui (avendo perso sia il suo unico cliente come prostituta che il suo lavoro come cameriera di una signora ). L'abbiamo sentita ricordargli come l'ha trattata orribilmente quando l'ha mandata via durante il processo (e non poteva avere modo di sapere che l'ha fatto con le migliori intenzioni). Poi finalmente la vediamo a letto, essendo passata a un nuovo cliente perché quello è il suo lavoro (anche se la scelta del cliente e del “mio leone” doveva far male). Se avessimo avuto accesso ai pensieri e ai sentimenti di Shae, o avessimo saputo se Cersei e Tywin la minacciavano, ci sentiremmo più simpatici nei suoi confronti?

Alla fine, non c'è semplicemente un buon modo per ritrarre il tuo protagonista e il personaggio più simpatico che uccide il suo ex amante nel suo letto, non importa quali cose terribili abbia fatto. Forse la soluzione di Benioff e Weiss era l'unica possibile disponibile: attenersi alla trama di base dei libri, ma aggiungere Shae che si lancia per quel coltello e implica che si tratta di autodifesa. Ma, avendo cambiato così tanto la storia di Shae all'inizio della serie e scrivendosi in una sorta di angolo, alcuni di noi non possono fare a meno di chiedersi se avrebbero fatto meglio a fare cambiamenti più drammatici, piuttosto che forzare personaggi che erano cresciuti e sviluppato in direzioni diverse in un percorso predeterminato.

Leggi la nostra recensione piena di spoiler del finale della quarta stagione, The Children, Qui .

Segui il nostro Feed di Twitter per notizie più veloci e brutti scherzi proprio qui . e sii nostro amico di Facebook qui .

Autore

Rick Morton Patel è un attivista locale di 34 anni a cui piace guardare i cofanetti, le passeggiate e il teatro. È intelligente e brillante, ma può anche essere molto instabile e un po' impaziente.

Lui è francese. È laureato in filosofia, politica ed economia.

Fisicamente, Rick è in buona forma.