What We Do in the Shadows Stagione 2 Episodio 8 Recensione: Collaborazione

Cosa facciamo nell'ombra Stagione 2 Episodio 8

Questo è ciò che accade quando lasci i tuoi diritti d'autore in ritardo. Cosa facciamo nell'ombra stagione 2, episodio 8, 'Collaboration', affonda i denti nel pubblico dominio. Nel caso di Laszlo (Matt Berry), che abbiamo imparato solo la scorsa settimana a suonare la chitarra, sono le sue vecchie canzoni che sono nella hit parade. Per Nandor (Kayvan Novak), è il suo famiglio, che entra nel pubblico dominio dell'offerta più bassa, alimentando il vampiro le petit nouveau mort.

L'episodio si apre durante l'ora del pasto. Laszlo decide di cenare all'aperto nel parco. Quando il signor Fresco non ce la fa, Laszlo piomba sotto forma di pipistrello sul primo jogger che passa. Se ciò non accadesse in una commedia, la scena potrebbe effettivamente essere piuttosto spaventosa, considerando le implicazioni che nessuno è al sicuro dopo il tramonto. Ma il vero orrore emerge da lontano. 'Dai Eileen', di Dexy e i suoi Midnight Runners, arriva a tutto volume da un'autoradio. Giustamente, allontana Laszlo dal suo cibo, ma per le ragioni sbagliate. Vuole davvero prendersene il merito. I vampiri sono davvero i dannati.

Sì, nel 1850 praticamente nessuno cantava 'Chum on Irene', la canzone che Laszlo scrisse per onorare la moglie di un pescivendolo locale. Ma i Midnight Runners, il cui nome potrebbe essere considerato fuorviantemente figo per i vampiri, lo hanno resuscitato dal bin tagliato a 78 giri per ottenere una forte rotazione su MTV, che è stato anche fuorviato sul loro quoziente cool. A quanto pare Laszlo ha scritto un sacco di melodie molto orecchiabili che hanno continuato ad attirare testi migliori.



Nadja (Natasia Demetriou), sua moglie e compagna spirituale di lunga data, di solito scriveva i testi per il duo Nadja & Laszlo. Questo era probabilmente un miglioramento rispetto al verso di Laszlo, che a volte faceva rima con le parole stesse. Data la propensione di Nadja per l'espressione sessuale sincera, non sorprende che la maggior parte dei loro brani siano osceni. I brani sono tutti molto familiari, 'Row, Row, Row Your Boat' e 'For He's a Jolly Good Fellow', uno dei quali è stato addomesticato da un'ode masturbatoria e l'altro un inno narcisistico, ma comunque una buona melodia è un buona melodia. Gli spettatori possono vederli come Rodgers e Hammerstein o Bacharach e David della loro generazione, ma si sbagliano. Nadja & Laszlo sono più vicini a Marty e Bobbi Culp, gli insegnanti di musica della scuola media Ana Gasteyer e Will Ferrell hanno suonato Sabato sera in diretta .

Laszlo suona anche una serie impressionante di strumenti musicali. Anche se non sorprende che qualcuno possa padroneggiarne così tanti in una sola vita, tanto meno nei 300 anni in cui Laszlo ha lavorato, è straordinario come li chiami costantemente in modo errato, come chiamare una fisarmonica il pianoforte a fiato di un macinino di scimpanzé. Alcune delle loro canzoni non sono invecchiate così bene, come un pezzo olimpico dell'era nazista che si rivolge allo stesso Hitler. A un certo punto Nadja canta il testo 'Documentary crew, I want to eat you oh così bad'. Lo esegue direttamente alla troupe del documentario, che ha visto la sua parte di pericoli. Cosa facciamo nell'ombra continua a frugare tra le sue stesse croste per ridere.

L'offerta di Colin Robinson (Mark Proksch) di ottenere concerti per Nadja e Laszlo può essere vista come un commento molto sottile sull'industria musicale. Tutti i manager e gli agenti personali hanno un po' di vampiro in loro. La scorsa settimana, è stato rivelato che Elvis Presley è stato tenuto in vita come vampiro. Ma era il suo manager il vampiro. Il colonnello Parker ha succhiato la linfa vitale al suo cliente e lo ha reso il suo famiglio.

Benji, che ha passato del tempo come famiglio di Nandor fino a quando non è diventato troppo esplicito nel voler essere trasformato in un vampiro, è un vecchio piuttosto simpatico. Non è molto brillante, anche se potrebbe essere perché tutti i suoi ricordi sono stati bruciati fino a quando non è stato riacceso da un'app di gioco del cervello. Le foto vintage degli anni settanta sono molto divertenti, se credi che l'immagine di un vampiro possa essere catturata su pellicola. Vediamo Nandor e Benji che approvano un biglietto Nixon/Agnew, lampeggiano segni di pace e sfoggiano teste Conehead, tutte cose che associamo ai vampiri degli anni '70. Guillermo (Harvey Guillén) ha però una meravigliosa parte, interrompendo per guardare la troupe televisiva quando Benji dice che era fatto di droghe e 'parlava ragtime' quando la donna che è diventata sua moglie lo ha trovato e lo ha salvato.

Dopo che i suoi ricordi sono tornati, Benji vuole che Nandor mantenga la sua promessa. Vuole essere un vampiro. È ancora molto nostalgico dell'armadio in cui dormiva e del cuscino in cui si è masturbato, e Guillermo lo porta a un Familiars Mixer per ritrovare i vecchi amici. Benji ricorda Colin Robinson come 'quel ragazzo dall'aspetto Dilbert'. Al mixer, Celeste (Greta Lee), ex-familiare e appena diventata vampira, ricorda Guillermo come 'Elmo'. Questo è un passo avanti rispetto a Gizmo, il nome dei Muppet che Laszlo chiama il familiare di Nandor, ma solo perché Celeste è un passo avanti verso la realizzazione del sogno di Guillermo. Vuole anche essere un vampiro e ucciderebbe per un tiro al vaporizzatore di sangue di Celeste.

L'ex padrone di Celeste è un vampiro dodicenne da oltre cento anni, e il succhiasangue appena trasformato entra nell'oscurità come un vero idealista. Celeste crea un paradiso per i vampiri con le arti succhiasangue eseguite come danza interpretativa, rese come origami e persino matematica dei vampiri. I familiari non devono chiamare i loro padroni 'padroni' e lei promette un ritorno più veloce, a circa otto mesi. Guillermo viene venduto immediatamente. Potrebbe aver classificato il Familiar Mixer come un luogo per tristi incontri, che vediamo in una delle clip gag brevettate dello show, ma non è in grado di resistere al richiamo di un felice infinito.

Guillermo indossa apertamente la sua disperazione. Lo vediamo guardare Benji, che aspetta di essere trasformato in un vampiro da oltre 40 anni e continua a nutrire speranza, e calcola le sue possibilità per un soggiorno prolungato. Harvey Guillén è un maestro nel telegrafare le cose che il suo personaggio sceglie di nascondere. Quando è deluso, non ha una faccia coraggiosa. Nandor è più aperto sul suo sotterfugio. Lo esprime chiaramente. Quando non vuole sentire Guillermo aprirsi sui suoi problemi, gli dice 'se è difficile da dire...' sperando che possa impedire al familiare di diventare troppo familiare. Non può. Loro fanno. Nonostante la minacciosa maledizione del vampiro Nandor infligge all'omino: “Da Panera Bread sei venuto. A Panera Pane ritornerai”.

Questo episodio vede anche il ritorno di Sam, un brillante famiglio nell'improbabile corpo di un gatto. Accettiamo i suoi successi perché sono troppo ridicoli per non essere veri. Ovviamente il gatto-famiglio può organizzare un'intera festa di coming out, tranne per l'ordinazione da Shake Shack. La vita di un familiare è in definitiva un'esistenza triste, poiché vediamo Benjie faticare nonostante i problemi alla schiena, o cercare di ottenere l'apprezzamento di Nandor mostrandogli infiniti selfie con il pollice.

Il concerto di Nadja e Laszlo, in una serata open mic locale, è giustamente degno di rabbrividire. Per gli artisti stagionati, ci vuole un'eternità per leggere un pubblico. Questo è, ovviamente, meraviglioso per il loro agente di prenotazione Colin. Ma proprio quando sembra che dovranno eseguire un'ipnosi di massa o un massacro di massa, trovano la loro magia. Si presenta sotto forma di una canzone marinara del 18° secolo che hanno scritto e che, fortunatamente, i Beach Boys hanno rubato per un singolo di successo riconoscibile. I brividi salgono a livelli quasi intollerabili quando il pubblico si unisce.

'Collaboration' è, in definitiva, un episodio molto dolce, e non solo perché Nadja e Laszlo finiscono la loro esibizione con una follia omicida, che si verifica fuori dalla telecamera. Si consolida anche il rapporto tra Guillermo e Nandor, che impara con riluttanza ad apprezzare e persino a premiare il suo famiglio. Sembra che Nandor abbia dimenticato tutto del recente passo falso di Guillermo sull'uccisione di vampiri. Non sappiamo per quanto tempo Nandor ricorderà la sua promessa ai suoi possibili futuri parenti di sangue. Non è noto per la sua conservazione delle informazioni. Ma, dopo la meritata frenesia alimentare, l'incontro di Celeste è diventato, è bello sapere che sia Guillermo che Sam sono sopravvissuti.

Tieni il passo con Cosa facciamo nell'ombra notizie e recensioni sulla seconda stagione.