Cosa è andato storto con i sequel di Matrix?

Questo articolo viene da Den of Geek UK .

Questo articolo contiene spoiler per La matrice trilogia.

Ad alcuni dei nostri lettori più giovani sembra passato molto tempo, ma chi c'era ricorderà che il 2003 è stato bollato come 'l'anno della La matrice ” di Warner Bros. Quattro anni dopo che il primo film ha messo fuori combattimento tutti, Lilly e Lana Wachowski hanno realizzato due sequel, un'antologia animata, un videogioco e numerosi altri tie-in per espandere un mondo che è stato solo accennato nel originale.



La matrice ricaricata è diventato il film R-Rated con il maggior incasso di tutti i tempi quando è stato rilasciato a maggio e ha mantenuto quel record fino alla Pasqua successiva La passione di Cristo . Un'accoglienza critica al vetriolo e un cattivo passaparola minano ogni possibilità che l'ultima rata, Le rivoluzioni di Matrix , ha avuto in termini di superamento del suo predecessore quando è stato rilasciato nel novembre dello stesso anno.

La cosa davvero straordinaria di quei film è come sembrano essere stati completamente dimenticati. Il Guerre stellari i prequel sono probabilmente molto più vuoti e dimenticabili di entrambi Ricaricato o Rivoluzioni , ma stiamo ancora parlando dei film di George Lucas. Dicendo “il Matrice sequel' è diventata una battuta finale, o un sinonimo di merda deludente che a volte viene espettorata su Internet come un particolare deludente loogy.

Per come la vediamo noi, il problema è che quando tutti i loro media spin-off alla fine si sono rivelati, Ricaricato e Rivoluzioni non sembrano la seconda e la terza parte della trilogia: sembrano la parte finale, divisa in due. Si è tentati di fare più di un articolo sul Matrice trilogia, ma cadrebbe quasi nella stessa trappola.

'No, no, no, è meglio se hai visto i media spin-off' non è davvero la migliore difesa di qualsiasi film, motivo per cui questo non è l'unico punto che stiamo facendo. Ma la maggior parte dei problemi con i sequel si riduce al modo in cui è suddiviso e alla consegna di un intero pezzo di informazioni vitali al di fuori della stessa trilogia live-action.

Fine della prima parte – la scena finale di Matrix

La scena finale di Matrix

“Non sono venuto qui per dirti come andrà a finire. Sono venuto qui per dirti come inizierà'. – Neo

Tenendo presente che abbiamo molto da superare, non tratterò questo argomento in modo troppo dettagliato. Non è del tutto incredibile pensare che i Wachowski avessero tutta questa trilogia abbozzata in testa quando hanno iniziato il primo film, ma non siamo qui per cavillare su questo.

Ci sono tutti i tipi di fattori per spiegare perché i sequel non sono così uniti come il primo, che si erge ancora come un equilibrio più o meno perfetto tra azione, filosofia e fantascienza. Joss Whedon una volta lo definì uno dei suoi film preferiti di tutti i tempi e quello che ha detto a Pomodori marci praticamente riassume:

“Contiene ogni aspetto della vita moderna, della religione e della filosofia e lo sa, e stanno facendo qualcosa che è deliberatamente molto inebriante. Ma allo stesso tempo, quando gli è stato chiesto di cosa parla questo film, la loro risposta è stata 'Riguarda il kung fu contro i robot'. Se fosse solo questo, sarebbe in questa lista. Ma è questo e tutto il resto'.

Ma se avevano pianificato un'intera trilogia, alla fine della prima parte non hanno davvero reso le cose facili. Neo non solo migliora nel kung fu e nello schivare i proiettili, e batte i cattivi: resuscita se stesso e poi, in uno dei più grandi finali 'Fuck yeah' nella storia del cinema, vola via. È un finale fantastico per il film, ma ti lascia immediatamente chiedendoti dove altro possa andare.

leggi di più: Matrix, Cypher e la maledizione della pillola rossa

Il caso per la difesa dei sequel sarebbe che a questo punto, capisce solo il mondo che i suoi nemici hanno creato e può gettare il suo peso illuminato intorno a quel mondo. Da qui, tutto ciò che segue riguarda in realtà la comprensione delle macchine.

“Parte 2”: L'Animatrice

L

“Ci sia misericordia per l'uomo e la macchina per i loro peccati”. – B1-66ER

Quindi se Ricaricato e Rivoluzioni racconta una storia culminante, quindi l'unica cosa che sta davvero nel mezzo per farne una trilogia sarebbe L'Animatrice . L'antologia animata è stata pubblicata direttamente in video e DVD poche settimane dopo Ricaricato è uscito nelle sale ed è composto da nove cortometraggi ambientati prima La matrice e nei sei mesi tra il primo film e i sequel.

Per la maggior parte, i film esplorano il mondo e i personaggi di Matrix, al di fuori del terreno trattato nella trilogia live-action, ponendo domande sulla coscienza all'interno di Matrix da varie prospettive diverse.

'World Record' esplora come persone straordinarie, in questo caso un atleta, potrebbero vedere attraverso Matrix senza, ad esempio, avere amici hacker online o essere altrimenti cacciati dalle teste della Resistenza, e 'Matriculated' riguarda la percezione della realtà da parte delle macchine , data la loro mancanza di coscienza. Un altro punto culminante, 'Programma', prevede un programma di formazione in cui due membri dell'equipaggio scollegati si contendono la qualità della vita nel mondo reale.

Un paio di altri cortometraggi si collegano direttamente alla trilogia. 'Kid's Story' è un film davvero interessante a cui si fa brevemente riferimento in Ricaricato , in cui l'adolescente titolare riesce a credere così fortemente che il suo mondo sia un'illusione, libera la propria mente da Matrix senza l'aiuto della resistenza. Il personaggio è qui è più promettente della performance live-action di Clayton Watson nei panni di Kid, come una delle cose più notoriamente irritanti dei sequel: è Jar Jar della trilogia.

'Final Flight Of The Osiris', che è andato in onda nei cinema prima della Warner Bros. Cacciatore di sogni nei mesi prima Ricaricato è stato rilasciato, conduce anche direttamente agli eventi del secondo film, con un equipaggio che fa un ultimo disperato sforzo per fornire informazioni sull'attacco di Sentinel a Zion.

leggi di più: Megazone 23 – L'anime di fantascienza che ha predetto Matrix

Ma è “Il Secondo Rinascimento” che davvero contestualizza l'intera trilogia, perché elabora la storia della guerra, e di Matrix, dalla prospettiva altrimenti inesplorata delle macchine.

Lo scrittore e regista Mahiro Maeda ha adattato il film in due parti dalle note dei Wachowski sulla mitologia, per presentare un file di storia dagli archivi di Sion. Descrive in dettaglio il periodo dall'invenzione delle macchine come servili droni umanoidi, all'annerimento del cielo come descritto da Morfeo in La matrice .

Tutto inizia quando un robot chiamato B1-66ER viene processato per aver ucciso il suo padrone umano, che aveva pianificato di disattivarlo e sostituirlo con un modello più recente. Il pregiudizio anti-robot è suscitato dal processo, che si svolge nel contesto dell'autodifesa e allude persino a dibattiti sui diritti civili della vita reale. Tuttavia B1-66ER perde la prova e viene distrutto. Ma i robot, essendo stati progettati dagli umani, hanno lo stesso desiderio di vivere, che presto spaventa a morte i loro creatori.

Questi film sono incredibilmente violenti e cruenti, ma la scena più inquietante coinvolge un gruppo di uomini che si posano su un robot femmina e la aggrediscono mentre lei urla e va nel panico, girata a tutti gli effetti come una scena di stupro. Le sue ultime parole ossessionanti prima di essere inabile con un colpo di fucile? 'Sono reale!'

Il compromesso che salva alcuni robot dalla distruzione di massa che segue è che stabiliscono la loro nazione macchina, chiamata 01. Quando l'economia e l'industria di 01 iniziano a superare le nazioni dell'umanità, viene dichiarata la guerra.

Le macchine prendono rapidamente il sopravvento utilizzando il tipo di guerra biologica e chimica che gli umani hanno da tempo proibito e alla quale le macchine sono ovviamente immuni. Nel corso della loro sperimentazione, determinano che l'energia prodotta dagli umani potrebbe essere un utile alimentatore e iniziano a mettere gli umani in capsule, le loro menti collegate a una grande vecchia simulazione al computer per mantenere attiva la loro coscienza collettiva.

Poco dopo, i disperati sopravvissuti tentano di stabilire una tregua con le macchine. Le macchine accettano, ma in seguito fanno esplodere una bomba nucleare a New York, nel tentativo di porre fine in modo definitivo alla guerra. Il fatto che le macchine possano sopravvivere in condizioni peggiori di quelle umane diventa un fattore chiave nel conflitto in corso in Ricaricato e Rivoluzioni .

“Il Secondo Rinascimento” fa L'Animatrice vale la pena guardare da soli - una rappresentazione visiva essenziale del retroscena che avrebbe potuto sembrare laboriosa o accessoria se consegnata come esposizione in uno dei film live-action, ma che presta anche contesto agli eventi di Ricaricato e Rivoluzioni .

Parte 3A: Ricaricato

La matrice ricaricata

“È stato un trionfo eguagliato solo dal suo monumentale fallimento”. - L'architetto

Cosa succede effettivamente per far avanzare la trama in La matrice ricaricata ? Sei mesi dopo l'autocertificazione di Neo, le macchine stanno inviando un quarto di milione di Sentinelle per distruggere Sion entro 72 ore, accelerando la missione dell'Uno per tornare alla Sorgente della macchina.

Questa missione alla fine porta Neo dall'Architetto, che gli dà una scelta tra ricaricare Matrix e ricominciare il ciclo, o salvare Trinity da morte certa prima di tornare a Sion per morire. Neo sceglie quest'ultimo e manifesta poteri simili all'Uno nel mondo reale.

Non è una trama completa, è un primo atto. Certo, non è il primo atto di un film in cui ti imbarcheresti immediatamente dopo La matrice , ma questo si aggiunge al caso che hanno saltato la seconda parte e sono andati direttamente alla fine del gioco con questo film.

Col senno di poi, è scioccante quanto poco di Ricaricato conta davvero nel grande schema delle cose. Anche se non c'è grasso nel primo film, le sequenze d'azione e i set in Ricaricato tutti servono a svegliare il pubblico casuale tra le conversazioni sulla scelta e il destino.

Arriveremo alle schermaglie con l'agente Smith, ma confrontiamo qualsiasi altra scena d'azione nel film con un singolo combattimento del primo film, che usava costantemente l'azione per sviluppare il personaggio di Neo e la comprensione delle sue abilità dopo che la sua mente era stata liberata dalla macchina controllo.

Ci sono vasti passaggi del film che non fanno assolutamente nulla per portare avanti le cose, il più eclatante dei quali è la prima visita a Zion, inclusa la tanto diffamata scena del rave, interrotta dalla scena di sesso imbarazzante di Neo e Trinity. Certo, vediamo come vivono gli umani, ma qualcuno di noi si è sentito più in sintonia con loro dopo quelle scene?

C'è anche un eccesso di nuovi personaggi. Alcuni dei quali sono stati inseriti nel gioco complementare Entra in Matrix , che conteneva scene live-action con Niobe e la sua troupe che non erano nei film e impostavano direttamente i loro personaggi per Rivoluzioni . A parte questo, chi si ricorda davvero cosa c'entrassero il comandante Lock, il consigliere Hamann e Zee?

Al contrario, alcune rivelazioni nel mezzo del film sembrano un po' sballate, specialmente con la consapevolezza che l'Oracolo è un programma proprio come gli Agenti, che dovrebbe essere enorme a livello personale, ma viene casualmente dispensato nel mezzo di una conversazione e poi immediatamente seguito da una grande schermaglia in CGI con Smith(s).

Con l'Oracolo e la reintroduzione in massa dell'agente Smith, ci viene detto che alcuni programmi possono diventare canaglia invece di tornare alla Sorgente e che questa è la spiegazione canonica per i fenomeni soprannaturali all'interno di Matrix. Il prossimo personaggio che incontriamo, il merovingio, impiega un sacco di questi programmi come delinquenti.

Quindi, quando dico che c'è una scena di cinque minuti in cui Neo combatte contro vampiri, lupi mannari e fantasmi, intendo dire che è Neo che combatte altre persone in abbigliamento cyber-goth e occhiali da sole. Dov'è l'immaginazione in questo? I gemelli, che hanno abilità spettrali, possono sembrare eleganti da un punto di vista visivo, ma sono avversari di livello B così tanto nel mix generale che non si registrano mai veramente.

leggi di più: I migliori film di fantascienza su Amazon Prime

Anche il set più clamoroso del film, lo straordinario inseguimento in autostrada è una scusa per fare jogging sul posto per 20 minuti. L'intera sequenza è ancora in piedi, e da allora non abbiamo più visto un inseguimento combinato auto/moto/camion migliore, ma è puro e insignificante piacere per gli occhi, spostando il McGuffin Keymaker ambulante da un lato all'altro della trama.

Di conseguenza, la scena più diffamata del film, in cui Neo affronta l'architetto alla maniera del colonnello Sanders, è probabilmente la più interessante dal punto di vista della storia. Per dirla nel modo più semplice possibile, il difetto critico di questa scena sulla sua superficie è che usa troppe parole grosse.

Lo sceneggiatore John August ha diagnosticato che il problema con il Matrice sequel era che stavano 'interpretando l'oscurità per la profondità', cioè offuscando la logica interna delle scelte dei personaggi al fine di rendere il pubblico timoroso di respingerlo, nel caso in cui gli mancasse qualcosa che semplicemente non hanno ottenuto. La scena dell'Architetto ne è l'esempio perfetto.

Tutto ciò che l'Architetto dice a Neo ha perfettamente senso se ti piacciono i bit di conversazione contorti come 'vis a vis', 'concordantly' e 'anomalia sistemica'. Guarda questa scena e poi pensa a quanta merda fa il primo film a Morpheus semplicemente dicendo semplicemente che noi stiamo alle macchine come una batteria AA è per noi - un'analogia facile che serve come una perfetta comprensione operativa per un concetto che è esplorato in più approfondito in seguito, eppure è stato retrospettivamente pignolo a morte perché Ricaricato non ci mostrerà quando dircelo per dieci minuti lo farà.

È un po' esasperante perché la scena è un punto di svolta (non importa quanto male sia scritta) e serve per impostare il finale della serie: l'idea che ci siano state sei versioni di Matrix fino ad oggi, passando attraverso lo stesso moti del destino e l'Uno, torna più e più volte intorno a quella nozione di futilità della guerra che era meglio espressa in L'Animatrice .

Certamente mostra quanto sia stato sciocco seguire una profezia sul messia quando altrimenti sei così preoccupato del libero arbitrio e dell'autocontrollo. Anche all'interno del film stesso, rende retroattivamente migliore quella scena lunga e inutile di Neo che combatte una tonnellata di Agenti Smiths: non ottiene nulla o fa avanzare la trama perché non ha senso che combattano. Entrambi i combattimenti tra di loro in questo hanno Neo e Smith che guadagnano ripetutamente il sopravvento, prima che Neo fugga piuttosto che continuare a combattere all'infinito.

D'altra parte, un thread che non viene davvero ripreso in Rivoluzioni è l'inferenza che la prima versione di Matrix fosse un mondo perfetto che gli umani hanno completamente rifiutato, perché era troppo bello per essere vero. Insieme alla rivelazione finale del potere di Neo nel 'mondo reale' e alla capacità di Smith di possedere gli umani quando non sono collegati a Matrix, tutto ciò potrebbe significare che Zion è solo un'altra simulazione al computer per gli umani 'liberati' ?

L'Architetto capovolge l'intera storia, perché tutto il potere di Neo è semplicemente il risultato di un problema tecnico del sistema, al quale la resistenza umana ha costantemente conferito un significato. Sono al loro sesto giro adesso, ed è la prima volta che l'Uno prova una strada diversa.

La matrice ricaricata è sciatto e senza dubbio il più debole della trilogia, ma è lontano da un disastro prequel di Star Wars. Ha tutte le immagini sgargianti e la complessa coreografia di combattimento che ha così impressionato il pubblico la prima volta, ma per un lungo tratto nel mezzo, nulla ha davvero alcun peso in termini di storia, e non c'è un pay-off tematico alla fine.

A proposito, visto quello che succede in Rivoluzioni , la morte di Trinity alla fine di questo è l'equivalente della trilogia di distruggere la Morte Nera in entrambi Una nuova speranza e Il ritorno dello Jedi , tranne che questo ritmo sembra un plateau in Ricaricato e un anti-climax in Rivoluzioni . Come suggerisce l'Architetto, la definizione di follia è fare la stessa cosa più e più volte aspettandosi un risultato diverso.

Ma anche i ritmi della storia più rilevanti sono solo una parte dello scopo più ampio di spostare i pezzi in tempo per il terzo film. Subito prima dei titoli di coda, va per un for L'impero colpisce ancora finale in stile cliffhanger, ma poi non c'è nessun altro posto dove andare, tranne il trailer del teaser per il finale nei titoli di coda.

Parte 3B: Rivoluzioni

Le rivoluzioni di Matrix

“Tutto ciò che ha un inizio ha una fine.” - L'oracolo

Le rivoluzioni di Matrix è attesa da tempo per una nuova valutazione. Ecco, l'ho detto.

Ho visto i sequel quando ero un po' troppo giovane per vedere film vietati ai minori al cinema e molte delle cose di cui sto parlando ora mi sono andate dritte per la testa. In quei sei mesi tra un film e l'altro, sarebbe un enorme eufemismo dire che le aspettative sono state sminuite dal pre- Ricaricato clamore.

Con una certa distanza e senno di poi, Rivoluzioni è un film di gran lunga migliore perché se i Wachowski hanno davvero inventato questi sequel dopo che il primo è diventato così popolare, allora l'endgame è stata probabilmente la prima cosa che hanno inventato. In così tante aree dove Ricaricato non è riuscito a espandere i temi centrali della serie o a portare avanti la trama, Rivoluzioni riesce con le campane accese.

Questo non vuol dire che sia un grande film. Allo stesso modo di Ricaricato , si presenta come un po' flaccido all'inizio. Il cliffhanger del film precedente è stato parzialmente risolto tramite l'incantesimo di Neo nella stazione della metropolitana simile a un limbo, che sembra più un tentativo a metà di mantenere in gioco il merovingio e gli altri programmi canaglia, che una situazione con una posta in gioco drammatica.

Ma una volta tolto di mezzo, è tutto finito – come dice a Neo la nuova Mary Alice-d Oracle (l'attrice originale Gloria Foster è morta durante la produzione), Smith si sta espandendo aggressivamente in Matrix con l'obiettivo di abbattere l'intera dannata cosa. Nel frattempo, il suo tradimento nel mondo reale ha lasciato a Zion la mancanza di un certo numero di navi prima del massiccio assalto delle Sentinelle che si dirigeva verso di loro.

Con l'Architetto che si è tolto i paraocchi su come Neo intendeva usare i suoi poteri, lui e Trinity partono da soli su una nave per dirigersi verso Machine City. Se hai visto Il Secondo Rinascimento , potresti riconoscerlo come 01, ma è comprensibile che sembri uscire dal nulla nel film se non lo hai fatto.

Lungo la strada, sono assaliti da Bane, l'avatar di Smith nel mondo reale, mentre lui e Neo hanno una rissa che è più brutale e meno elegante di qualsiasi altro combattimento nella trilogia. Coerentemente con i loro showdown in Ricaricato , nessuno dei due vince o perde a titolo definitivo: Smith acceca il suo nemico nel rottame, ma gli fa togliere la testa umana da Neo per il suo disturbo.

leggi di più: Perché un rilancio di Matrix è una buona idea

Nel frattempo, Zion sta subendo un duro colpo dall'attacco iniziale delle Sentinelle, mentre i militari affrontano i calamari con tute da mech e soldati di fanteria. Questa è un'altra sequenza che resiste ancora oltre un decennio dopo. Il comandante Mifune potrebbe avere la migliore morte di tutti i film, scendendo dondolando, sparando, urlando e imprecando contro le Sentinelle mentre gli sciamano addosso e lo lacerano a morte.

Quando sarà finita, entrambe le parti hanno subito enormi perdite, grazie a un'esplosione EMP dei capitani sopravvissuti in arrivo e dei loro equipaggi. Ma con ogni difesa spazzata via, le macchine decidono di inviare ogni Sentinella rimasta che hanno lasciato: vincendo la battaglia, Zion potrebbe aver perso la guerra.

E quindi l'altro tema principale qui, se hai visto 'Il secondo Rinascimento', è quanto sia davvero inutile la guerra tra umani e macchine. Il ciclo si ripete all'infinito perché le macchine ora sono superiori agli umani in ogni singolo modo, tranne per il fatto che gli umani sono più intraprendenti quando si tratta di guerra.

Se c'è bisogno di dire altro chiaramente, allora l'Oracolo lo fa davvero: l'agente Smith è diventato uguale e opposto a Neo essendo una creazione della macchina che ha la stessa sete di conquista e guerra degli umani, proprio come l'odiato Mr. Anderson è un essere umano che può fare ciò che i programmi possono fare.

È difficile pensare a qualcosa di più simile a una macchina delle scelte binarie che Neo e gli altri umani hanno dovuto fare durante la trilogia. Pillola rossa o pillola blu? Salvare Trinity o salvare Sion? Vincere o perdere? Quando Neo raggiunge 01 e chiama una tregua con un personaggio che è letteralmente chiamato 'Deus Ex Machina', (sì, davvero) è sulla buona strada per capire che la scelta tra due assoluti porterà solo alla storia che si ripete.

Se gli umani continuano a combattere, non potranno mai vincere, perché l'Architetto ci ha già detto che ci sono livelli di sopravvivenza che le macchine sono pronte ad accettare senza l'umanità intorno. Smith non è più pronto a prendere il suo posto nella truppa dei programmi all'interno di Matrix, proprio quando Neo finalmente si rende conto che non c'è alcun ruolo per l'Uno, un problema tecnico nel sistema, oltre a quello che sceglie di fare.

Questo non vuol dire che la lotta finale tra Neo e Smith sia apposta anticlimatica, se l'hai trovata in questo modo: i Wachowski hanno affrontato maliziosamente quel pensiero nell'adattamento del gioco della trilogia, percorso di neo , con un livello di boss finale che rompe la quarta parete che ha avuto la fine della super rissa con Smith che si manifesta come un gigante fatto di macerie e metallo, seguito da una versione banale e rimontata del finale del film ambientato su 'We Are The Champions' dei Queen, come a dire 'Oh, scusa, è questo che volevi?'

Ovviamente il pubblico si aspettava che Neo si sollevasse e sconfiggesse le macchine e conducesse gli umani alla libertà - se la storia fosse finita con Neo che minacciava le macchine al telefono e poi volava via, quella avrebbe potuto essere la versione nelle nostre teste.

Promette un mondo senza confini, ma nel corso della costruzione della mitologia in Ricaricato e Rivoluzioni , viene dedicato molto tempo alla costruzione di muri e successivamente alla spiegazione eccessiva di quei confini. Con l'espansione dei sequel, non c'è vittoria da trovare facendo la guerra, ma solo facendo la pace.

Forse i Wachowski non sapevano davvero che stavano facendo una trilogia quando hanno iniziato, ma sapevano cosa stavano facendo con questa espansione e conclusione della storia, una volta iniziata la produzione back-to-back di questi due film. Il tono inconsapevole dell'originale lo confermerebbe, ma i sequel appesantiscono la trilogia più verso lo spirituale che il filosofico.

Conclusione

La matrice

Finalmente c'è stata la conferma che un quarto film di Matrix è in lavorazione . Francamente, se i Wachowski sentono di avere qualcos'altro da dire, allora sono d'accordo.

L'Animatrice ha dimostrato che ci sono più storie da raccontare in questo mondo, al di fuori del viaggio dell'Uno visto nella trilogia originale, ma inoltre è interessante che stiano effettivamente tornando alla regia.

Qualunque difetto possa essersi verificato naturalmente dalla divisione della storia di Ricaricato e Rivoluzioni in due sequel irregolari, questa è assolutamente la visione dei Wachowski e quasi l'unica estensione della storia di Neo che avrebbe potuto seguire logicamente. Nessuno dei sequel può reggere il confronto con il superbo film del 1999, ma formano una prospettiva interessante e personale sull'inutilità della guerra che non è così anticlimatica come suggerirebbe il consenso.

Leggi e scarica il Den of Geek SDCC 2019 Special Edition Magazine giusto qui!