Perché Charlie Hunnam non è in Pacific Rim 2?

Non capita spesso che un attore si allontani da un ruolo in un importante franchise, non necessariamente perché non vuole tornare, ma semplicemente perché è contrattualmente obbligato a farlo. Nel caso di Charlie Hunnam, che ha interpretato il personaggio principale nell'epopea di mostri contro robot di Guillermo del Toro del 2013 margine Pacifico , è riuscito a uscire da un secondo film, ma non a causa di brutti sentimenti riguardo al ritorno per una seconda puntata.

Invece, è stata la devozione di Hunnam a una nuova versione di papillon – la storia del fuggitivo francese Henri “Papillion” Charriere che è stato trasformato in un classico film del 1973 con Steve McQueen – che lo ha costretto a fare una scelta. 'C'è stato un enorme conflitto di programmazione', ha rivelato quando abbiamo parlato con lui alla giornata della stampa per il suo nuovo film La città perduta di Z . “Ero già davvero, davvero investito nel fare papillon . '

Ha continuato, 'Quello che è successo è stato Legendary (Entertainment, la società di produzione dietro margine Pacifico ) è stata venduta a Wanda, che è la grande società cinese, e margine Pacifico , sebbene abbia avuto prestazioni inferiori in altri territori del mondo, è stato un enorme successo in Cina. All'improvviso, è diventato il loro obiettivo principale fare questo e volevano farlo molto, molto rapidamente... Penso che il loro programma in seguito sia cambiato, e potrei essere stato in grado di fare entrambe le cose, ma a quel tempo stavano scrivendo il sceneggiatura e avevano bisogno di sapere, ero dentro o ero fuori?'



Unisciti ad Amazon Prime: guarda migliaia di film e programmi TV in qualsiasi momento: inizia subito la prova gratuita

Hunnam dice che ha dovuto ritirarsi con riluttanza, ma c'era un problema: aveva un contratto per apparire in quello che ora viene chiamato Pacific Rim: Rivolta . 'Ho ottimi rapporti con tutti alla Legendary, e sono stati incredibilmente generosi con me e mi hanno lasciato rescindere dal contratto', afferma Hunnam. “Ho dovuto fare il film, che mi piacesse o no. Quando ho parlato con (ex presidente di Legendary) Thomas Tull, che è un mio caro amico, ho detto: 'Ascolta, amico. Non è che il mio cuore non sia in questo. Sono investito creativamente in questo, ma il mio cuore si spezzerà perché stavo già per fare quest'altro film.'

'Era tipo, 'Amico, stavi per fare quell'altro film ed è lì che si trova il tuo cuore. Non voglio che tu sia sul set se non sarai felice, quindi vai a fare l'altro film', che è stato ridicolmente generoso da parte sua. Ma questo è proprio il tipo di uomo che è'.

Non sapremo come Pacific Rim: Rivolta potrebbe essere uscito con Hunnam ai controlli di Jaeger, ma il film - in uscita il prossimo febbraio e diretto dall'ex temerario lo showrunner Steven S. DeKnight – presenta ancora un cast solido, inclusi i nuovi membri John Boyega, Jing Tian e Scott Eastwood insieme alle star di ritorno Burn Gorman, Charlie Day e Rinko Kikuchi. Per quanto riguarda Hunnam, la sua amata papillon è in post-produzione (ne parleremo più avanti) e La città perduta di Z apre venerdì (14 aprile) a New York e Los Angeles prima di andare a livello nazionale il 21 aprile.

Cerca di più dal nostro colloquio con Charlie Hunnam la prossima settimana!